-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 16 gennaio 2012

SICILIA: MOVIMENTO FORCONI CONTESTA LOMBARDO


SICILIA: MOVIMENTO FORCONI CONTESTANO OPERATO LOMBARDO

Scritto da  com/ugi
Valuta questo articolo
(AGENPARL) - Palermo, 16 gen - Tutte le provincie della Sicilia sono state chiamate a partecipare alla protesta che durerà dalla mezzanotte di oggi fino alla mezzanotte del 20 gennaio. L' appello iniziale parte dal Movimento dei Forconi del leader, Mariano Ferro, ma anche dal presidente degli autotrasportatori, Richichi Giuseppe (AIAS), seguono le fila della protesta i pescatori, gli artigiani e i piccoli commercianti, i produttori di pomodori Pachino IGP, quelli dei limoni d'Avola IGP l'A.P.M.P, si uniranno in un unico coro tutte le provincie della Sicilia da Catania,  a Messina, Palermo, Siracusa, Agrigento, Ragusa, Caltanissetta.
La protesta si chiamerà "Bisonte Selvaggio o Le Cinque Giornate Siciliane", il senso non cambia, questa è un'azione storica, perchè tende ad unire in un'unica voce la rabbia di molteplici categorie social, che contestano l'operato scellerato dell'attuale governatore Lombardo, colpevole di non riuscire più a controllare la grave situazione in cui versa tutta la Regione, e del Governo italiano che non pone attenzione ai problemi gravissimi della sua gente, insensibile al grido di sofferenza che attanaglia il nostro Paese.
L'attuale protesta parte in modo ordinato e pacifico, ciò non toglie che saranno presidiati gli snodi e le maggiori arterie, cruciali per i trasporti in genere; si protesta contro l'aumentodei carburanti,il cui prezzo sale ogni giorno seguendo la scia della speculazione selvaggia! Si tratta di un'azione necessaria ed indifferibile, oramai è ormai insostenibile il livello di disagio che colpisce tutte le categorie, si contesta la mancanza della regolamentazione dei pagamenti delle committenze e le numerose conseguenze che ciò comporta per un'economia ormai decimata da una crisi, dovuta non all'inettitudine dei cittadini, ma alla corruzione alla speculazione! Così un comunicato stampa del Movimento dei Forconi.

Nessun commento:

Posta un commento