-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

venerdì 10 febbraio 2012

Atene, guerriglia davanti al Parlamento


LA CRISI DEL DEBITO

Atene, guerriglia davanti al Parlamento
Merkel: « Con default rischi incalcolabili»

Centinaia incappucciati attaccano la polizia con lancio di molotov e mattoni. Si dimettono i ministri dell'estrema destra

Il presidente della Commissione Europea, Josè Manuel BarrosoIl presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso
MILANO - Allarme black bloc e altissima tensione alla manifestazione di Atene contro le nuove misure di austerità, un corteo al quale prendono parte migliaia di cittadini greci . In piazza Syntagma, davanti alla sede del Parlamento, centinaia di dimostranti incapucciati o con il volto nascosto da caschi da motociclista, sono usciti dal corteo e hanno attaccato la polizia con molotov, pietre e mattoni.
Gli agenti in assetto anti-sommossa hanno reagito con un fitto lancio di lacrimogeni e diverse cariche. Almeno una persona è stata arrestata ed è stato segnalato un ferito. Poco più in là oltre 17 mila persone sfilavano pacificamente e senza incidenti.

PAESE ALLA PARALISI, CAOS NEL GOVERNO - I grandi sindacati greci hanno indetto uno sciopero generale di 48 ore che sta paralizzando il Paese, con treni e metro fermi, navi attraccate nei porti, scuole, ospedali, banche e tribunale chiusi. Mentre è caos anche nel governo sul tavolo del premier Lucas Papademos, all'indomani di un primo via libera dei leader politici ai tagli chiesti dalla Troika (Bce, Fmi, Ue) in cambio della nuova tranche di aiuti, arrivano le dimissioni dei ministri del partito di estrema destra Laos.
MERKEL, FALLIMENTO ATENE CI PORTEREBBE FUORI CONTROLLO - «Un fallimento della Grecia è un rischio che non si vuole affrontare, e che non si potrebbe controllare» avrebbe affermato Angela Merkel. Mentre il suo ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, ha confermato che i piani attuali non consentirebbero alla Grecia di raggiungere l'obiettivo di tagliare il debito al 120% del Pil entro il 2020. Il presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso, ha tentato nel frattempo di contenere il nervosismo: «Sono fiducioso sul raggiungimento di una soluzione la prossima settimana. Questa è estremamente importante prima per la Grecia e i suoi cittadini e poi per l'intera area euro».
GIU' TUTTE LE BORSE - La tensione ha contagiato i mercati dell' Eurozona che nel pomeriggio perdono quasi tutti terreno, compresa Wall Street che ha aperto in ribasso dell'1%

Nessun commento:

Posta un commento