-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 18 giugno 2016

Banche, Scilipoti Isgrò (Fi): la bramosia di pochi che riduce in schiavitù le masse





Banche, Scilipoti Isgrò (Fi): la bramosia di pochi che riduce in schiavitù le masse asservendole alla compulsione verso la ricchezza


(AGENPARL) – Roma, 10 giu 2016 – Il Senatore Domenico Scilipoti Isgrò parla della riforma in tema di banche in liquidazione, ma viene interrotto in quanto il suo intervento non è ritenuto pertinente all’argomento trattato.
Eppure la Parola di Dio descrive chiaramente la situazione economica che stiamo vivendo, con la bramosia di pochi che riduce in schiavitù le masse asservendole alla compulsione verso la ricchezza, e conseguentemente la dannazione.
Cosa risulta essere poco pertinente? Forse la Parola stessa nell’aula del Senato, anche se si dibatte di solidarietà sociale e giustizia egualitaria?
Seduta Pubblica N.640
“Sono costernato per il fatto che la Presidenza del Senato non ritenga “argomento di discussione” la Parola di Dio in tema di solidarietà”: questo il tweet di un amareggiato Domenico Scilipoti Isgrò. Il Senatore stava intervenendo in aula a proposito delle riforme in tema di banche in liquidazione, ed è stato interrotto dalla Vicepresidente Lanzillotta che lo ha ammonito di “tornare all’argomento in discussione”.
“Continuerò sempre a sostenere che la Parola di Dio e l’insegnamento evangelico costituiscano l’unico vero esempio di solidarietà da seguire, per cercare di risolvere i problemi che affliggono la nostra società” afferma il Senatore, “dal momento che si parlava di schiavitù dai creditori, cosa che nel nostro Paese è stata resa possibile con la sottrazione della sovranità monetaria attraverso la cessione di Banca d’Italia a soggetti privati, e tramite la mostruosa pratica del signoraggio bancario che, a mio avviso, rappresenta proprio il laccio della bramosia di cui parla San Paolo Apostolo”.
E conclude ricordando ai colleghi “che siamo chiamati ad amministrare il paese non solo con la diligenza del buon padre di famiglia, ma con vero e proprio spirito fraterno e cristiano, in quanto tutti gli uomini sono stati creati uguali dall’unico vero Padre che è il nostro Dio.
Di conseguenza, bisogna di fatto restituire la sovranità, attraverso la restituzione della Banca d’Italia stessa, al popolo italiano.”


L'integrazione è pubblicata qui a pag. 141:
http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/978623.pdf 

L'intervento completo è sul blog della Madonna dei Debitori:
http://madonnadeidebitori.blogspot.it/2016/06/intervento-al-senato-dellon-scilipoti.html

Nessun commento:

Posta un commento