-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

venerdì 30 agosto 2019

La chiave per un'economia sostenibile ha 5000 anni

La chiave per un'economia sostenibile ha 5000 anni


 Fonte: https://www.truthdig.com/articles/the-key-to-a-sustainable-economy-is-5000-years-old/

a cura di: Avv. Ellen Brown


Stiamo di nuovo raggiungendo il punto nel ciclo economico noto come "picco del debito", quando i debiti si sono aggravati al punto che il loro totale cumulativo non può essere pagato. Il debito degli studenti, il debito delle carte di credito, i prestiti auto, il debito delle imprese e il debito sovrano sono tutti più elevati di quanto non siano mai stati. Come scrive l'economista Michael Hudson nel suo provocatorio libro del 2018, "... e perdona loro i loro debiti", i debiti che non possono essere pagati non saranno pagati. La domanda, dice, è come non saranno pagati.

I modelli economici tradizionali lasciano questo problema alla "mano invisibile del mercato", supponendo che le tendenze si auto-correggeranno nel tempo. Ma mentre il mercato può davvero correggere, lo fa a spese dei debitori, che diventano progressivamente più poveri man mano che i ricchi diventano più ricchi. I mutuatari falliscono e le banche incassano la garanzia, espropriando i debitori delle loro case e dei loro mezzi di sussistenza. Le case vengono acquistate alle aste faòllimentari dai ricchi a prezzi stracciati e vengono affittate ai debitori a prezzi gonfiati, che sono poi costretti a pagare con un salario di mera sopravvivenza. 


Quando le banche stesse falliscono, il governo le salva. 

Pertanto, il mercato si corregge, ma non senza l'intervento del governo. Tale intervento giunge alla fine del ciclo per salvare i creditori, la cui capacità di acquistare politici dà loro il sopravvento. Secondo gli apologeti del libero mercato, questo è un ciclo naturale simile nel tempo, che risale alla nascita dell'economia moderna nell'antica Grecia e Roma.

Hudson ribatte che quelle società classiche in realtà non sono dove il nostro sistema finanziario è iniziato e che il capitalismo non si è evoluto dal baratto, come affermano i suoi ideologi. Piuttosto, passò da un sistema di credito egualitario più funzionale, sofisticato, che fu sostenuto per due millenni nell'antica Mesopotamia (ora parte dell'Iraq, della Turchia, del Kuwait e dell'Iran). 


La moneta, il settore bancario, la contabilità e la moderna impresa commerciale non hanno avuto origine nell'oro e nel commercio privato, ma nel settore pubblico dei palazzi e dei templi dei Sumeri nel terzo secolo a.C. Dato che si trattava di credito emesso dal governo locale piuttosto che di prestiti dei privati ​​in oro, i crediti inesigibili potevano essere periodicamente perdonati piuttosto che aggravarsi fino a quando non avrebbero demolito l'intero sistema, una caratteristica fondamentale che ha permesso la sua notevole longevità.

Le vere radici del denaro e dell'attività bancaria

Sumer è stata la prima civiltà della quale abbiamo trovato documenti scritti. Tra le sue notevoli scoperte, troviamo: la ruota, il calendario lunare, il nostro sistema numerico, i codici della legge, una gerarchia organizzata di re sacerdoti, strumenti e armi in rame, irrigazione, contabilità e denaro. La civiltà sumerica produsse anche la prima lingua scritta, che prese la forma di figure cuneiformi impresse sull'argilla. Queste tavolette erano in gran parte solo strumenti di contabilità, che registravano il flusso di cibo e materie prime nelle officine del tempio e del palazzo, così come le cambiali (principalmente verso queste grandi istituzioni pubbliche) che dovevano essere conservate per iscritto per essere poi saldate. Questo sistema di contabilità del tempio consentiva il flusso coordinato di credito agli agricoltori contadini dalla semina alla raccolta e gli anticipi ai commercianti per impegnarsi nel commercio estero.
In effetti, si pensa che la necessità di gestire i conti di una grande forza lavoro sotto il controllo burocratico, abbia portato allo sviluppo della scrittura. La gente accettò volentieri questo controllo burocratico perché considerava che fosse stato decretato dagli dèi. Secondo i loro scritti cuneiformi, gli esseri umani furono geneticamente ingegnerizzati per lavorare nei campi e nelle miniere dopo che alcuni dèi inferiori si erano ribellati a quel duro lavoro.
L'usura, o il ricarico di interessi sui prestiti, era una parte accettata del sistema creditizio mesopotamico. I tassi di interesse erano alti e sono rimasti invariati per due millenni. Ma gli studiosi mesopotamici erano ben consapevoli del problema dei "debiti che non possono essere pagati". A differenza del curriculum economico accademico di oggi, Hudson scrive:

    Gli studenti scribi babilonesi erano già stati formati nel 2000 a.C. nella matematica dell'interesse composto. I loro esercizi scolastici richiedevano di calcolare quanto tempo ci voleva per raddoppiare un debito con un interesse di 1/60 al mese. La risposta è di 60 mesi: cinque anni. Quanto tempo per quadruplicare? 10 anni. Quanto tempo per moltiplicare 64 volte? 30 anni. Deve essere stato ovvio che nessuna economia può crescere in linea con questo incremento dell'interesse.

I re sumeri risolvevano il problema del "picco del debito" dichiarando periodicamente "tabula rasa", con cui i debiti agricoli venivano perdonati e i debitori venivano liberati dalla servitù per lavorare come inquilini sui propri appezzamenti di terra. La terra apparteneva agli dèi sotto la gestione del tempio e del palazzo e non poteva essere venduta, ma i contadini e le loro famiglie ne mantennero perpetuamente i beni di terzi fornendo una quota dei loro raccolti, servendo nell'esercito e lavorando nella costruzione di infrastrutture comunali . In questo modo, le loro case e i mezzi di sostentamento furono preservati, un accordo reciprocamente vantaggioso, poiché i re avevano bisogno del loro servizio.

Gli scribi ebrei, che trascorsero del tempo in cattività a Babilonia nel sesto secolo a.C., adattarono queste leggi con l'anno del giubileo, che secondo Hudson fu aggiunto al Levitico dopo la cattività babilonese. Secondo il Levitico 25: 8-13, un Anno Giubilare doveva essere dichiarato ogni 49 anni, durante i quali i debiti sarebbero stati perdonati, gli schiavi e i prigionieri liberati e le loro proprietà, pignorate, ripristinate.  


Come nell'antica Mesopotamia, la proprietà rimase con Yahweh e i suoi delegati terreni. La legge del Giubileo proibì di fatto la vendita definitiva dei terreni, che potevano essere affittati solo per un massimo di 50 anni (Levitico 25: 14-17). Il Giubileo levitano rappresentava un progresso rispetto alle "tabuke rase" della Mesopotamia, dice Hudson, in quanto codificato in legge piuttosto che basato sul capriccio del re. Ma i suoi proclamatori mancavano di potere politico e non è chiaro se la legge sia mai stata applicata. È servito più come una prescrizione morale piuttosto che come legge.

L'antica Grecia e Roma adottarono il sistema mesopotamico dei prestiti a interesse, ma senza la valvola di sicurezza delle periodiche "tabule rase", poiché i creditori non erano più il re o il tempio, ma i prestatori privati. L'usura senza restrizioni ha provocato la schiavitù del debito e la decadenza della proprietà, il consolidamento in grandi proprietà terriere, un cuneo crescente tra ricchi e poveri e la distruzione definitiva dell'Impero romano.

Per quanto riguarda il celebre sviluppo dei diritti di proprietà e della democrazia nell'antica Grecia e Roma, Hudson sostiene che non abbiano effettivamente servito i poveri. Hanno servito i ricchi, che controllavano le elezioni, proprio come fanno oggi i ricchi donatori coi politici. L'allontanamento del potere dai governi locali privatizzando le terre un tempo comuni consentiva ai creditori privati ​​di approvare leggi in base alle quali potevano confiscare legalmente le proprietà quando i loro debitori non potevano pagare. Il "libero mercato" significava la libertà di accumulare ingenti ricchezze a spese dei poveri e dello stato.


Hudson sostiene che quando Gesù Cristo predicava il "perdono dei debiti", parlava anche del debito economico, non solo delle trasgressioni morali. Quando Gesù ovesciò i tavoli dei cambiavalute, era perché avevano trasformato una casa di preghiera in "una tana di ladri". Ma i diritti dei creditori avevano ormai acquisito il dominio legale e ai teologi cristiani mancava il potere di scavalcarli. Piuttosto che essere una promessa di redenzione economica in questa vita, il perdono dei debiti divenne così una promessa di redenzione spirituale nella prossima.

Come realizzare un moderno giubileo del debito

 
Tale è stato il destino dei debitori nelle moderne economie occidentali. Ma in alcune moderne economie non occidentali, rimangono tracce della soluzione di cancellazione del debito. In Cina, ad esempio, i prestiti in sofferenza sono spesso riportati nei libri delle banche di proprietà statale o cancellati anziché mettere in bancarotta i debitori insolventi e le banche. Come ha scritto Dinny McMahon a giugno in un articolo intitolato "I dati errati della Cina possono essere una buona cosa":

    In Cina, lo stato si trova dietro le banche del paese. Fintanto che le autorità assicurano che tali banche abbiano liquidità sufficiente per adempiere ai loro obblighi, possono trundling insieme a livelli di "sofferenze" più elevati di quelli che sarebbero considerati sicuri in un'economia di mercato.

Il sistema bancario cinese, come quello dell'antica Mesopotamia, è in gran parte nel settore pubblico, quindi lo stato può sostenere le sue banche con liquidità, se necessario. È interessante notare che lo stato cinese conserva anche l'antica pratica del Vicino Oriente di mantenere la proprietà della terra, che i cittadini possono affittare solo per un periodo di tempo.

Nelle economie occidentali, la maggior parte delle banche sono di proprietà privata e fortemente regolamentate, con elevati requisiti di riserva e capitale. I crediti in sofferenza significano che i debitori vengono preclusi, i posti di lavoro e le infrastrutture di capitale vengono persi e prevale l'austerità. L'amministrazione Trump sta ora perseguendo in modo aggressivo una guerra commerciale con la Cina nel tentativo di livellare il campo di gioco costringendoloi allo stesso regime di austerità, ma un approccio più produttivo e sostenibile potrebbe essere per gli Stati Uniti di impegnarsi in giubilei di debito periodici.

Il problema con questa soluzione oggi è che la maggior parte dei debiti nelle economie occidentali non sono dovuti al governo ma ai creditori privati, che insisteranno sui loro diritti contrattuali al pagamento. Dobbiamo trovare un modo per pagare i creditori mentre si alleggeriscono i debitori dal loro onere del debito.
Una possibilità è nazionalizzare le banche insolventi e vendere i loro crediti inesigibili alla banca centrale, che può acquistarli con il denaro creato sui suoi libri. I prestiti possono quindi essere svalutati o annullati. Precedenti per questa politica sono stati stabiliti con "QE1", il primo round di allentamento quantitativo della Fed, in cui ha acquistato titoli garantiti da ipoteca non negoziabili da banche con problemi di liquidità.

Un'altra possibilità sarebbe quella di utilizzare il denaro generato dalla banca centrale per salvare direttamente i debitori. Ciò potrebbe essere fatto in modo selettivo, comprando il debito degli studenti o il debito della carta di credito o i prestiti auto raggruppati come "titoli garantiti da attività", quindi prescrivendo i debiti, ad esempio. In alternativa, i debiti potrebbero essere alleviati collettivamente con un dividendo nazionale periodico o un reddito di base universale pagato a tutti, sempre prelevato dalla profonda tasca della banca centrale.
 


I critici obietteranno che ciò aumenterebbe pericolosamente l'offerta di moneta e i prezzi al consumo, ma non è necessario che sia così. Oggi, praticamente, tutto il denaro viene creato come debito bancario e si estingue quando il debito viene rimborsato. Ciò significa che i dividendi utilizzati per pagare questo debito verrebbero estinti, insieme al debito stesso, senza aumentare l'offerta di moneta. Per l'80% della popolazione degli Stati Uniti che ora detiene debiti, i rimborsi dei prestiti dai loro dividendi nazionali potrebbero essere resi obbligatori e automatici. Il restante 20% potrebbe risparmiare o investire i fondi, quindi anche questo denaro contribuirebbe poco all'inflazione dei prezzi al consumo; e nella misura in cui è entrato nel mercato dei consumatori, potrebbe contribuire a generare la domanda necessaria per stimolare la produttività e l'occupazione. (Per una spiegazione più completa, vedi Ellen Brown, "Banking on the People", 2019).

Nell'antica Mesopotamia, la cancellazione dei debiti ha funzionato brillantemente per due millenni. Come conclude Hudson:

    Insistere sul fatto che tutti i debiti debbano essere pagati ignora il contrasto tra le migliaia di anni di successo con le cancellazioni del debito del Vicino Oriente e la schiavitù del debito in cui affondò l'antichità [greco-romana]. ... Se questa politica in molti casi ha avuto più successo di quella di oggi, è perché hanno riconosciuto che insistere sul fatto che tutti i debiti devono essere pagati significava pignoramenti, polarizzazione economica e impoverimento dell'economia nel suo complesso.