-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 2 novembre 2019

Gli effetti del terrorismo economico della Federal Reserve

La risposta di liquidità della Fed arriva troppo tardi, ma quello era da sempre il piano ...

Fonte: https://www.zerohedge.com/markets/feds-liquidity-response-too-little-too-late-was-always-plan

I globalisti e le élite bancarie hanno praticato la truffa "ordine dal caos" per molto tempo, da secoli in effetti. Una cosa che fanno, in pratica è far sembrare brillanti le persone di intelligenza altrimenti mediocre. Una cosa che fa, la cospirazione organizzata (NdT: "mafioneria"), è di far apparire onnipotente e intoccabile un gruppo di criminali altamente vulnerabili. In definitiva, si gioca tutto sul tempo. I globalisti hanno avuto molto tempo per sintonizzare e perfezionare i loro metodi per manipolare la psiche collettiva delle masse.


Spesso commettono errori, ma finché nessuno li confronta direttamente e li rimuove dall'equazione, semplicemente questi aprono un business altrove con un nome diverso usando maschere diverse e continuano il loro lavoro insidioso.

  Finché la società è ancora vittima dell'ignoranza e presuppone che tali cospirazioni siano "impossibili", le élite hanno la mano libera per vittimizzare ulteriormente la popolazione. Fintanto che gli idioti accademici fraintendono il rasoio di Occam e insistono sul fatto che l'evidenza della cospirazione non ha importanza perché non si adatta alla loro nozione ristretta della "spiegazione più semplice", essi sostengono il cartello bancario e gli permettono di prosperare.

Sul lato positivo, vedo un risveglio in atto in un sottogruppo della popolazione che è esperto dei giochi dei globalisti. Credo che questa sottile ondata di samurai analitici abbia preoccupato le élite; queste si rendono conto che il loro tempo, per una volta nella storia, sta per scadere. Un giorno, molto presto, potrebbero trovarsi ad essere gli obiettivi diretti di una rivoluzione e questa cosa non gli piace.

Quindi, i globalisti hanno bisogno di un piano, un gioco truccato di proporzioni epiche in cima a una delle più grandi bolle economiche della storia recente. Il piano si basa prima su una reale arma sperimentata delle élite: la cooptazione delle persone che si oppongono a loro. E come si fa a cooptare un movimento? Assumendo la loro leadership. In secondo luogo, per il cambiamento globale la cabala ha bisogno di una distrazione globale, o di una tempesta di numerose distrazioni per mantenere il pubblico affascinato e/o spaventato. In terzo luogo, devono distogliere la colpa da se stessi presentando al pubblico dei capri espiatori credibili.
 


Quando sarà tutto finito, vogliono che le persone siano stupite e sconvolte, chiedendosi come sia successo e cercando qualcuno su cui puntare un dito. La narrazione sarà che "è stata una tempesta perfetta di coincidenze", che è stato "il male della sinistra politica" o "il male della destra politica". Vogliono trasformare la confusione pubblica in una guerra civile, tutto questo mentre stanno dietro e godono il caos da una comoda sedia da spiaggia aspettando il momento buono in cui possono precipitarsi e agire come salvatori della patria che cercano di "porre fine alla follia".

Questo processo sta accadendo oggi e solo i più ciechi hanno problemi a rendersi conto che il mondo ha superato il limite di un brutto precipizio.

Gli agenti della disinformazione lo chiamano "rovina e oscurità", perché ciò dovrebbe dissuaderti dal prenderlo sul serio. Ma i fatti sono i fatti. Questo è il motivo per cui mi concentro gran parte del mio tempo sull'economia e, sebbene numeri e statistiche possano essere truccati, gli effetti di un incidente finanziario non possono essere nascosti. È innegabile che tutto ciò che i critici di queste informazioni possono fare è di cercare di indurre le persone a non guardare.

La realtà è questa: l'economia americana è in forte declino e questo è un evento programmato.

La Federal Reserve ha trascorso gran parte dell'ultimo decennio a gonfiare quella che oggi chiamiamo "La Bolla di Tutto", una bolla che si diffonde in quasi tutti gli aspetti dell'economia, dalle azioni agli alloggi, al PIL, all'occupazione, al debito delle imprese, al debito dei consumatori e al debito nazionale. Non credo che nessuno neghi l'esistenza di questa bolla, tranne le banche centrali e alcuni media mainstream.


Jerome Powell, ora presidente della Fed, aveva avvertito nel 2012 che i mercati erano diventati dipendenti dallo stimolo della Fed e che qualsiasi inasprimento della liquidità da parte della banca centrale, compreso il taglio del bilancio o l'innalzamento dei tassi di interesse, avrebbe causato una brusca inversione o un crollo. Non appena Powell è diventato presidente, ha ignorato i propri avvertimenti e ha continuamente aumentato la liquidità.

Le persone confuse sul perché Powell abbia intrapreso un'azione del genere, sapendo benissimo che ciò avrebbe innescato un incidente, dovrebbero esaminare la storia della Banca dei regolamenti internazionali e come questa banca detta le decisioni politiche di tutte le banche che la compongono. La BRI è la "banca centrale delle banche centrali" ed è il gestore globale centrale di tutte le banche centrali nazionali. Powell e il consiglio della Fed non scrivono le politiche da soli, ma semplicemente eseguono le decisioni politiche prese dalla BRI.

Come ha accennato Powell nel 2012, la "bolla di tutto" è stata lanciata nel 2018 dalla Fed attraverso aumenti dei tassi e tagli al bilancio. Una volta che la valanga è stata innescata, non è possibile fermarla. La rottura dei fondamentali è in corso. Solo i mercati azionari e alcune statistiche truccate rimangono in beata levitazione.
Il crollo dei mercati azionari a dicembre è stato bloccato quando le stesse società sono intervenute con riacquisti di azioni e la Cina ha pompato miliardi di stimoli nel sistema globale. Tuttavia, le azioni non sono lunghe per questo mondo poiché i riacquisti rallenteranno e le misure di stimolo di varie banche centrali vedranno progressi limitati.
 


- La manifattura americana è scesa a livelli mai visti in 10 anni ed è entrata nel territorio della recessione.

- I nuovi alloggi negli Stati Uniti sono calati bruscamente a settembre e la costruzione di nuove case è diminuita. Questo indicatore di solito precede un calo delle vendite complessive di alloggi di alcuni mesi. Ciò significherebbe un ritorno al crollo delle vendite di abitazioni come visto l'ultima volta durante l'estate. In altre parole, il recente aumento delle vendite è una tantum, trainato da tassi ipotecari più bassi e destinato a terminare.

- Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti stanno seguendo un modello simile al mercato immobiliare, con un calo recessivo all'inizio di quest'anno, seguito da un rimbalzo a breve termine e ora un ritorno in territorio negativo mentre la tendenza si riafferma.

- I negozi al dettaglio stanno chiudendo a un ritmo record nel 2019. Oltre 8.500 negozi stanno già chiudendo quest'anno, con una previsione di 12.000 negozi in chiusura all'inizio del 2020. Questo è spesso attribuito allo "shopping online", ma i rivenditori online rappresentano solo circa 14 % del mercato al dettaglio totale. Questo non spiega perché i piccoli negozi stanno chiudendo a frotte. Non solo, ma i principali rivenditori online come Amazon stanno registrando profitti in calo, con profitti previsti, in occasione delle feste, destinati a ridursi ulteriormente.

- Gli utili aziendali sono crollati nel 2019 e le stime sulla crescita degli utili sono state drasticamente adeguate al ribasso. Solo alcune società, come Apple, sono uscite dalla mischia incontaminate finora, ma questo è comune durante gli eventi di crisi a livello di recessione e depressione: una manciata di società sopravvive e si consolida mentre il resto collassa.

- Il debito societario è sempre ai massimi, mentre i depositi in contanti della maggior parte delle società sono minimi; così tanto che queste società si rivolgono sempre più a prestiti overnight pronti contro termine della Fed per rimanere liquidi.
 


- Il debito dei consumatori è sempre ai massimi, con le famiglie americane indebitate per un totale di oltre 13 trilioni di dollari.

 - Sebbene si sia verificato un recente inasprimento della curva dei rendimenti da 3 mesi a 10 anni e della curva dei rendimenti da 2 a 10 anni, questo è in realtà un brutto segno. Un'inversione a lungo termine della curva dei rendimenti è un segnale sicuro di recessione economica. Quando la curva dei rendimenti si indebolisce, questo è il punto in cui storicamente si verifica un brusco crollo dei fondamentali e dei mercati.

In altre parole, il crollo sta avvenendo ora. Molti analisti hanno erroneamente ipotizzato che i recenti acquisti di attività della Fed indichino che stanno cercando di "dare un calcio al barattolo" durante l'incidente. È troppo tardi per quello. Se la Fed volesse bloccare lo schianto, avrebbero iniziato il QE4 a pieno ritmo circa 8-10 mesi fa, subito dopo il crollo di dicembre. Le banche internazionali e le banche centrali segnalano problemi di liquidità in dollari dalla metà del 2018. La Fed ha continuato a impuntarsi e non ha agito fino agli ultimi due mesi, per coincidenza, subito dopo che numerosi sondaggi hanno mostrato che la maggioranza degli americani si stava preoccupando per la recessione.

Vale a dire, la Fed ha mantenuto le condizioni di liquidità il più rigorose possibile fino a quando il pubblico non è diventato finalmente consapevole della crisi. La verità è che nulla è cambiato per quanto riguarda la liquidità.


 La Fed ha lanciato acquisti di asset per far sembrare che sia interessata al tentativo di risolvere il problema. Tuttavia, gli stimoli del pronti contro termine della Fed e gli aumenti di bilancio non sono sufficienti per fare la differenza. Chiamare le azioni pronti contro termine della Fed "Not-QE" è un modo divertente per sottolineare che la Fed non è diretta nelle sue intenzioni, ma quando si confrontano i prestiti pronti contro termine correnti e gli acquisti di attività con un evento come il TARP nel 2008, che da solo ha iniettato oltre 16 trilioni di dollari di liquidità nel sistema finanziario (non è stato ancora intrapreso alcun audit sugli altri programmi di QE), lo stimolo attuale non è altro che una goccia nell'oceano.

La Fed NON è assolutamente onesta nelle sue intenzioni, ma non nel modo in cui molti analisti alternativi sembrano pensare. La Fed non sta cercando di nascondere le misure del QE4, la Fed sta continuando a fare il minimo necessario per apparire come se stessero agendo, mentre in realtà stanno realizzando pochissimo.

Chiaramente non hanno più intenzione di prendere tempo. La Fed ha voluto un incidente, e ora ce l'hanno. Il motivo è perfettamente logico: la banca centrale, sotto il controllo dei globalisti della BRI, ha bisogno del caos economico per fornire copertura a quello che chiamano il "reset economico globale". In sostanza, è la demolizione controllata del vecchio ordine mondiale per far posto al loro "nuovo ordine mondiale".

Come ho notato negli articoli precedenti, hanno già fatto tutto questo prima e hanno ammesso apertamente di aver causato incidenti in passato, inclusa la Grande Depressione. Dopo ciascuno di questi eventi di crisi finanziaria, sono state formate istituzioni globaliste e sono stati fatti passi avanti nella governance globale. L'implosione della "Bolla di Tutto" sembra essere l'ultimo evento di crisi economica previsto prima che venga raggiunta la centralizzazione totale.

Questo non vuol dire che avranno successo con la loro agenda; Mi capita di pensare che a lungo andare falliranno. Ma resta il fatto che l'attuale crollo recessivo, che presto diventerà molto più distruttivo di quanto non lo sia già, è stato causato dai banchieri centrali e lo hanno fatto consapevolmente. La narrazione della "Fed confusa" nel disperato tentativo di salvare se stessa o il sistema è delirante. Le prove semplicemente non supportano questa affermazione.

I funzionari della Fed hanno riconosciuto pubblicamente cosa sarebbe accaduto se fosse stata perseguita una stretta di liquidità. Lo hanno fatto comunque, e poi hanno detto al pubblico che tutto andava bene. Hanno mentito ad ogni passo, mantenendo il pubblico completamente al buio e impreparato alle conseguenze.


 Allo stesso tempo, abbiamo un presunto presidente "populista" che attacca regolarmente la Fed e allo stesso tempo si prende pienamente il merito della bolla dei mercati. Donald Trump si vanta quotidianamente della sua influenza sui mercati, sull'occupazione, sul PIL, ecc. Lo fa anche se ha definito la ripresa economica "una bolla" durante la sua campagna. Ora possiede la salute dell'economia e, per estensione, ha fatto un regalo perfetto ai banchieri centrali e al globalista: ha impostato se stesso e i suoi sostenitori come capri espiatori per l'incidente. La sua caduta serve a screditare i critici della banca centrale nelle generazioni a venire.

Se ti stavi chiedendo perché i globalisti hanno aspettato dieci anni a far schiantare il sistema, ora lo sai. Se avessero lanciato la crisi qualche anno fa, ne sarebbero stati incolpati loro. Oggi è difficile da dire. Il crescente contingente di attivisti per la libertà immuni alla truffa (e immuni al teatro Kabuki che coinvolge Donald Trump) potrebbe essere in grado di invertire la tendenza abbastanza da forzare la mano delle élite. Forse dovranno abbandonare alcuni dei loro sforzi di centralizzazione o trascinare la recessione economica più a lungo di quanto desiderassero. Sospetto che abbiano già dovuto farlo in diverse occasioni a causa degli analisti liberi.

Alla fine, l'incidente riguarda noi. Si tratta di influenzare i cambiamenti della psicologia collettiva, rendendoci più ricettivi all'estrema globalizzazione. Se a loro non importa cosa pensiamo, allora perché spendere trilioni di dollari, ore infinite e forza lavoro cercando di influenzare la nostra percezione? Hanno bisogno della stragrande maggioranza di noi per acconsentire al "nuovo ordine mondiale", altrimenti avranno fallito.