-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 30 maggio 2020

Generale Pappalardo a Milano: DISCORSO STORICO

venerdì 29 maggio 2020

Economisti venduti ai banchieri e politici sani di mente

La pandemia degli economistici

Riflessioni sulla pandemia

Di Peter Radford

Fonte: https://www.worldeconomicsassociation.org/newsletterarticles/pandemic-musings/


   Ultimamente ho scavato un po' in giro cercando di capire il ruolo dell'economia nella portata della disuguaglianza messa a nudo dalla pandemia - di questo parleremo più avanti.  Lungo la strada sono spuntate alcune interessanti pepite degne di una rapida nota.

   Thomas Phillipon apre così il capitolo uno del suo recente libro:

    "I grandi dibattiti in economia riguardano la crescita e la disuguaglianza.  Come economisti, cerchiamo di capire come e perché i paesi crescono e come dividono il reddito tra i loro cittadini.  In altre parole, ci occupiamo di due questioni fondamentali.  La prima è come rendere la torta il più grande possibile.  La seconda è come dividere la torta".

   Presumibilmente il suo approccio ignora il brutto licenziamento della disuguaglianza da parte di gente come Lucas, che ha detto che non era di alcun interesse duraturo.  O parole in questo senso.  La distribuzione è una cosa.  La disuguaglianza è un'altra.  Scivolando avanti e indietro tra le due parole si elide il centro morale della discussione: quale livello di disuguaglianza è accettabile?  L'economia, una volta adottato il metodo marginale, ha evitato tale discussione e si è invece nascosta dietro l'argomento "è così che funziona il mondo".  In altre parole, ha assunto una posizione ideologica con il pretesto della scoperta scientifica.  Ancora oggi è facile trovare economisti che sostengono allegramente che le persone vengono pagate in misura equivalente al loro contributo.  Come se il calcolo di tale contributo fosse così semplice.  Come se questo fosse l'unico fattore per determinare la retribuzione.  Come se... beh, ci capiamo.

  Gli economisti amano fare scherzi di questo tipo.

   Se si imbattono in qualcosa di piuttosto utile, il marginalismo ne è un esempio, lo elevano per farlo diventare una verità universale impenetrabile all'attacco, e poi danno per scontato di sapere qualcosa del mondo che gli altri non "capiscono".

   Inoltre, opportunamente, igienizzano il loro soggetto dal bisogno piuttosto sgradevole di riflettere o di prendere in considerazione fattori come i rapporti di potere.  Non che ignorino completamente queste cose.  Se si guarda bene, si possono trovare riferimenti oscuri a cose orribili come il monopsonio e il monopsonio, nascosti al sicuro in note marginali.  In quelle note ci viene assicurato che queste questioni oscure non dovrebbero distoglierci dall'applaudire le verità dei mercati "liberi".  Che il mondo reale è caratterizzato più dalle eccezioni che gli economisti ficcano in quelle note marginali che dall'incontaminato centro del loro pensiero che è lasciato al lettore assiduo a divinare.

   Ecco perché la maggior parte delle persone si allontana dallo studio dell'economia elementare con una visione completamente distorta delle "verità" economiche.  Quando lo studente medio segue una singola lezione di economia, le probabilità sono che emerga pensando che il libero mercato sia meraviglioso e che l'intervento del governo faccia schifo.  Dopo tutto, questa è la spinta ideologica insita nella maggior parte dell'economia e il modo in cui viene insegnata più spesso.

   Se Philippon ha ragione e la crescita e la disuguaglianza sono i due grandi temi, perché i libri elementari non si concentrano di più su di essi?  Perché perdiamo tempo prezioso nell'impostare prima il modello perfetto e decisamente irreale di funzionamento del mercato?  Perché non relegare questa stupidaggine nell'appendice a cui appartiene?   Non sarebbe più produttivo per lo studente medio impegnarsi in una discussione sul mondo reale piuttosto che nella fantasia di mercati perfetti, ecc. ?

   Comunque, Phillipon ha scritto un buon libro.  Aiuta il lettore interessato a capire esattamente perché l'economia ha contribuito alla crescita della disuguaglianza.  Non lo dice proprio così, naturalmente, ma descrivendo la deriva dai mercati "liberi" - il sottotitolo del suo libro è "Come l'America ha rinunciato ai mercati liberi" - implica che ci sono state, o ci sono cose del genere e che gran parte dell'orrore attuale è dovuto alla suddetta deriva.  La teoria economica ha dato un peso intellettuale vitale alla deriva dalla libertà.  Tutto in nome della libertà, naturalmente.

   Un altro libro che ho affrontato è "Unequal Gains" di Lindert e Williamson.  Anche questo è un'ottima lettura.  Alcuni di voi potrebbero essere sorpresi di trovare quanto segue come una delle loro scoperte:

    "Non c'è una legge fondamentale che guidi la storia della disuguaglianza di reddito.  I movimenti di disuguaglianza non sono guidati da alcuna legge fondamentale dello sviluppo capitalistico, ma piuttosto da spostamenti episodici di sei forze fondamentali: la politica, la demografia, la politica dell'istruzione, la concorrenza commerciale, la finanza, e il cambiamento tecnologico per il risparmio del lavoro.  Queste forze sembrano essere esogene rispetto alla disuguaglianza.  Se sono davvero esogene e difficili da prevedere, allora quattro secoli di disuguaglianza americana difficilmente possono essere guidati da qualche legge di movimento capitalista".

   È diventato, naturalmente, assiomatico a sinistra che il capitalismo, qualunque esso sia, sia da biasimare per praticamente tutto ciò che troviamo orribile.  E la disuguaglianza è certamente in cima alla lista.  Il problema, dal mio punto di vista, è che questo lascia troppe cose senza risposta.  Lascia domande molto difficili sul tavolo.  I miei amici della destra parlano tutti di libertà e di come l'esistenza moderna di questo concetto abbia posto le basi per una crescita fantastica della prosperità che la maggior parte delle nazioni ha sperimentato in età diverse negli ultimi duecento anni circa.  Le "idee contano" o i "valori borghesi" sono grida di rivendicazione della destra che cercano di difendere il capitalismo dall'assalto delle critiche che ben si guadagna.

   E io sono in parte d'accordo.

   Ecco perché vedo la coevoluzione della democrazia moderna come essenziale per mitigare tutti gli errori manifesti che l'eccesso di libertà [alias capitalismo] genera.

   In questo senso sono sempre attratto dall'opera di Balibar.  La sua nozione di "uguaglianza" mi affascina ancora oggi.  È un'idea sorprendentemente semplice.  All'alba dell'era moderna, quando la parola "libertà" veniva lanciata all'interno di quel settore d'élite della società che desiderava più spazio per se stessa, aveva molti significati.  Si affinava e si restringeva man mano che l'élite cercava e si assicurava più potere e alla fine escludeva parte del suo contenuto originale.  Non si estendeva, per esempio, all'uguaglianza per le minoranze o le donne.  E certamente non includeva alcuna nozione di autogoverno per le masse.  Si sono dovute combattere battaglie per rigenerare gli altri significati di libertà che erano stati tagliati via mentre l'élite moderna si trincerava su se stessa.

   Ma sono state combattute.  Ciò che a volte dimentichiamo, e penso che questo sia il punto in cui gli economisti sbagliano, è che quelle battaglie devono essere combattute continuamente.  Il contesto per l'emergere di quella che oggi chiamiamo economia è il campo di battaglia sociale sul quale le persone relativamente libere possono effettuare scambi senza occlusioni arbitrarie da parte dello Stato.  Ignorare le implicazioni socio-politiche della crescita e della distribuzione compromette l'efficacia dei risultati dello studio.

Il che mi porta al mio prossimo frammento.

   Hayek è sempre stato una fonte di interesse per me.  Le sue idee sulla conoscenza sono intriganti.  Eppure è un grande esempio della miopia che l'economia moderna ha sviluppato quando ha preso la sua svolta ideologica a metà del ventesimo secolo.  Hayek ha ispirato persone come Thatcher e Reagan ad adottare una severa posizione politica antisociale perché non era in grado di distinguere tra lo "stato" come potere autocratico arbitrario e lo "stato" come moderno governo democratico.  Gli economisti continuano a lottare in questo senso.

   Nel 1979 disse, e parafrasando, che la parola "sociale" è un mondo subdolo perché nessuno sa cosa significhi.  Forse è vero.  Ma secondo questo standard nessuno sa cosa sia un mercato.  A pensarci bene, cosa significa la parola "libero" come in "libero mercato"?  Tutti possono partecipare?  Siamo tutti liberi di partecipare?  O alcune persone sono più "libere" di altre?

   L'economia è stata appesantita da questa sorta di definizione fangosa dei suoi termini per tutto il tempo in cui è esistita.  Anche le costruzioni assiomatiche più rigorose sembrano lasciare la porta del granaio aperta alla domanda. O, piuttosto, sono progettate per rimuovere tutte le parti scomode dall'analisi successiva, per rendere un risultato elegante piuttosto che un risultato che potrebbe essere un po' opaco, ma che potrebbe anche riflettere la complessità della vita.

   Hayek aveva l'abitudine di gettare al vento quelle che sembravano meravigliose intuizioni: la sua idea che un'economia contenga troppe informazioni per essere elaborata da un organismo centrale rimane un classico assalto alle economie a pianificazione centrale.  Ma se ci sono troppe informazioni per questo, come possiamo "sapere" qualcosa dell'economia?  Non possiamo, per esempio, mai "sapere" se un mercato ha aggregato tutte le informazioni rilevanti.   Per sapere che è così, avremmo bisogno di conoscere l'intera portata delle informazioni, nel qual caso saremmo in una buona posizione per eseguire un piano centrale.

   Ma lasceremo correre.

   Concludo con Paul Romer.

   Ho letto di recente un suo post sul blog in cui ha espresso la sua sorpresa per il fatto che gli economisti potrebbero essere incolpati di molto di ciò che non va nella nostra economia contemporanea.

Tana a Paul!

   Forse niente riassume lo stato della disciplina più di questo.  L'implacabile messaggio antisociale insito nella maggior parte dell'economia moderna è severo.  Risultati sciocchi come il fatto che non esiste una disoccupazione involontaria dovrebbero essere sufficienti per qualsiasi persona ragionevole per concludere che l'economia è manifestamente distaccata dalla realtà.  La dipendenza dalla produttività marginale come unico fattore determinante dei salari è un altro.  O l'intero edificio della moderna business school ha pensato al valore per gli azionisti, che è un semplice derivato dell'economia di destra, e insieme alle sue perniciose aggiunte come la teoria delle agenzie e la "core competence" è diventato il motore dell'outsourcing, della globalizzazione e della soppressione dei salari.  Romer potrebbe scaricare questo errore sulle spalle dei professori delle business school, ma il lignaggio intellettuale è chiaro: l'economia ha rivendicato alcune verità e di conseguenza ha diffuso il contagio in soggetti correlati.

   Gli economisti potrebbero evitare di dare la colpa al valore dell'azionista, ma il resto di noi non dovrebbe permetterlo.  Tira il filo e segui rapidamente l'idea fino alla sua casa ancestrale, accanto all'inesistente disoccupazione involontaria.

   Ora sono pienamente d'accordo con Romer sul fatto che l'economia ha prodotto alcune idee davvero utili dal punto di vista sociale.  Egli fa riferimento alle politiche fiscali e monetarie anticicliche come un buon esempio.  Sono d'accordo.  Ma queste idee risalgono a un certo passato.  È il disordine e l'ideologia antisociale che le ha seguite che ha causato l'antipatia moderna verso l'economia.

   In ultima analisi, l'economia è una disciplina molto difficile da immaginare di essere mai completamente responsabile dal punto di vista sociale.  È una conversazione continua che attira persone che preferiscono escludere la complessità per distillare verità sulla realtà.  Amano la natura controintuitiva di alcuni dei suoi principali risultati.  È eccessivamente matematica, e quindi permette a queste persone di esprimere se stesse e di eludere la piena oscurità della realtà.  Plaude all'eleganza e pensa di incoraggiare l'efficienza.  Ma si è allontanato troppo dalle sue origini.  Non cerca più di spiegare il mondo.  Cerca di spiegare se stessa.

Da: pp.7-8 di WEA Commentaries 10(2), maggio 2020
http://www.worldeconomicsassociation.org/files/Issue10-2.pdf

martedì 26 maggio 2020

La nuova Dichiarazione dei diritti umani

La nuova Dichiarazione dei diritti umani

(Per il tedesco clicca qui, per l'inglese qui)





Articolo 1.
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e dovrebbero agire gli uni verso gli altri in uno spirito di fratellanza.

Articolo 2.
Ogni individuo ha diritto a tutti i diritti e a tutte le libertà enunciati nella presente Nuova Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo, senza distinzione alcuna, quali la razza, il colore, il sesso, la lingua, la comprensione del Creatore del cielo e della terra (Dio), le opinioni politiche, religiose o di altro genere, l'origine nazionale o sociale, la proprietà, la nascita o altro status.

Inoltre, nessuna distinzione deve essere fatta sulla base dello status politico, giurisdizionale o internazionale del paese o territorio al quale una persona appartiene, sia esso indipendente, fiduciario, non autogovernante o sotto qualsiasi altra limitazione di sovranità.

Articolo 3.
Ogni persona ha diritto ad una vita dignitosa, libera e senza limiti di sicurezza. Il diritto alla vita e all'inviolabilità inizia non appena l'essere umano nasce nel grembo materno.

Articolo 4.
Nessuno può essere tenuto in schiavitù o in servitù, compresi gli schiavi debitori coinvolti in un contratto di debito finanziario con interessi; la schiavitù e la tratta degli schiavi sono pertanto vietate in tutte le loro forme.

Articolo 5.
Nessuno può essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti, nemmeno se questi sono eseguiti per ordine di organi governativi, agenzie segrete, organizzazioni religiose o società potenti.

Articolo 6.
Ogni individuo ha il diritto di essere riconosciuto ovunque come persona di fronte alla legge.

Articolo 7.
Tutti sono uguali davanti alla legge e hanno diritto, senza alcuna discriminazione, ad un'uguale protezione della legge. Tutti hanno diritto a pari protezione contro qualsiasi discriminazione in violazione di questa nuova Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e contro qualsiasi incitamento a tale discriminazione.

Articolo 8.
Ogni individuo ha diritto a un ricorso effettivo da parte dei tribunali nazionali competenti per gli atti che violano i diritti fondamentali che gli sono riconosciuti dalla costituzione o dalla legge.

Articolo 9.
Nessuno può essere sottoposto ad arresto, detenzione o esilio arbitrario; nemmeno se questi sono eseguiti per ordine di organi governativi, dello Stato, di agenzie segrete, di organizzazioni religiose, di personale militare o di potenti compagnie.

Articolo 10.
Ogni individuo ha diritto, in piena uguaglianza, ad un'equa e pubblica udienza da parte di un tribunale indipendente e imparziale, per la determinazione dei suoi diritti e dei suoi doveri e di ogni accusa penale a suo carico.

Articolo 11.
Ogni individuo accusato di un reato penale ha diritto alla presunzione di innocenza fino a che la sua colpevolezza non sia stata provata secondo la legge in un processo pubblico nel corso del quale abbia avuto tutte le garanzie necessarie alla sua difesa.

Nessuno può essere ritenuto colpevole di un reato penale per un'azione o un'omissione che non costituiva un reato penale, secondo il diritto nazionale o internazionale, al momento in cui è stato commesso. Né può essere inflitta una pena più severa di quella applicabile al momento in cui è stato commesso l'illecito penale.

Articolo 12.
Nessuno può essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa o nella sua corrispondenza, né ad attacchi al suo onore e alla sua reputazione. Ogni individuo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o attacchi.

Articolo 13.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di circolazione e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha il diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornarvi.

Articolo 14.
Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni. Tale diritto non può essere invocato in caso di persecuzioni che derivino realmente da crimini non politici o da atti contrari ai fini e ai principi del Popolo Unitario.

Articolo 15.
Ogni individuo ha diritto alla cittadinanza. Nessuno può essere arbitrariamente privato della sua nazionalità, né gli può essere negato il diritto di cambiare la sua nazionalità.

Articolo 16.
Gli uomini e le donne di età pari o superiore ai 18 anni, senza alcuna limitazione dovuta alla razza, alla nazionalità o alla comprensione del Creatore del cielo e della terra (Dio), alla preferenza politica o religiosa, hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia. Hanno diritto alla parità di diritti sul matrimonio, durante il matrimonio e al suo scioglimento.

Il matrimonio può essere contratto solo con il libero e pieno consenso dei futuri sposi. La famiglia è l'unità naturale e fondamentale della società e ha diritto alla protezione del Popolo Unito, della società e dello Stato.

Articolo 17.
1. Ogni individuo ha il diritto di possedere i propri beni sia da solo che in associazione con altri. Nessuno può essere arbitrariamente privato della sua proprietà; nemmeno da parte di enti governativi, dello Stato, delle banche o delle autorità fiscali.

Articolo 18.
1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza, di comprensione del Creatore del cielo e della terra (Dio) e della religione; tale diritto include la libertà di cambiare il proprio pensiero, religione o credo, e la libertà, da solo o in comunità con altri e in pubblico o in privato, di manifestare il proprio pensiero, coscienza, comprensione del Creatore del cielo e della terra (Dio), religione o credo nell'insegnamento, nella pratica, nel culto e nell'osservanza.

Tutte queste forme di pensiero, coscienza, comprensione del Creatore del cielo e della terra (Dio) e religione devono essere rispettate nella misura in cui sono espressioni pacifiche che sono al servizio dell'umanità e di tutta l'altra vita sulla terra. Le forme che non rispettano pienamente la Nuova Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo sono vietate con effetto immediato.

Articolo 19.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione; questo diritto include la libertà di avere opinioni senza interferenze e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso qualsiasi mezzo di comunicazione e senza riguardo alle frontiere. Ogni forma di censura è illegale.

Articolo 20.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica. Nessuno può essere costretto ad appartenere ad un'associazione.

Articolo 21.
Ogni individuo ha il diritto di partecipare al governo del suo Paese, direttamente o tramite rappresentanti liberamente scelti. Ogni individuo ha diritto ad un accesso paritario ai servizi pubblici cooperativi del suo paese.

La volontà del popolo è alla base dell'autorità dello Stato, del governo o di qualsiasi altro organo direttivo nominato dal popolo. Questa volontà si esprime in elezioni periodiche e veritiere, a suffragio universale e paritario, che si svolgono a scrutinio segreto o con procedure di voto libere ed equivalenti.

Articolo 22.
Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale e ha diritto alla realizzazione, attraverso lo sforzo nazionale e la cooperazione internazionale e in conformità con l'organizzazione e le risorse di ogni Stato, dei diritti economici, sociali e culturali indispensabili per la sua dignità e il libero sviluppo della sua personalità.

Articolo 23.
Ogni individuo ha diritto ad un lavoro che, se disponibile, deve corrispondere alle conoscenze e alle capacità della persona interessata; alla libera scelta dell'impiego; a condizioni di lavoro giuste e favorevoli e alla protezione contro la disoccupazione.

Ogni individuo, senza alcuna discriminazione, ha diritto alla parità di retribuzione per uno stesso lavoro. Ogni individuo che lavora ha diritto ad una giusta e favorevole retribuzione che assicuri a se stesso e alla sua famiglia un'esistenza degna della dignità umana e che sia integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.

Ogni individuo ha il diritto di fondare sindacati e di aderirvi per la tutela dei suoi interessi.

Articolo 24.
Ogni individuo ha diritto al riposo e al tempo libero, compresa una ragionevole limitazione dell'orario di lavoro e ferie periodiche retribuite.

Articolo 25.
Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, compresi l'alimentazione, il vestiario, l'alloggio, le cure mediche e i servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o altri mezzi di sussistenza in circostanze indipendenti dalla sua volontà.

La maternità e l'infanzia hanno diritto a cure e assistenza speciali. Tutti i bambini, nati dentro o fuori dal matrimonio, godono della stessa protezione sociale. Di conseguenza, è illegale per lo Stato, un ente governativo o un'autorità locale richiedere ai genitori di un bambino, per legge o per regolamento, di far vaccinare il bambino prima o dopo la nascita, oppure di fargli somministrare la vitamina K alla nascita. I genitori di un bambino hanno l'obbligo di ricercare le conseguenze per il bambino, anche a lungo termine, della vaccinazione.

Articolo 26.
Ogni individuo ha diritto all'istruzione. L'istruzione è gratuita, almeno nelle fasi elementari e fondamentali. L'istruzione elementare è obbligatoria. L'istruzione tecnica e professionale è resa generalmente disponibile e l'istruzione superiore è ugualmente accessibile a tutti in base al merito.

L'istruzione è diretta al pieno sviluppo della personalità umana e al rafforzamento del rispetto dei diritti umani, compresi questi nuovi diritti umani, e delle libertà fondamentali. Essa promuoverà la comprensione, la tolleranza e l'amicizia tra tutte le nazioni, i gruppi razziali o religiosi, e favorirà le attività del Popolo Unito a sostegno della pace.

I genitori hanno il diritto e la responsabilità di scegliere il tipo di educazione e di educazione che deve essere data ai loro figli per permettere loro di raggiungere il massimo sviluppo.

Articolo 27.
Ogni individuo ha il diritto di partecipare liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di condividere il progresso scientifico e i suoi benefici.

Ogni individuo ha diritto alla tutela degli interessi morali e materiali derivanti da qualsiasi produzione scientifica, letteraria o artistica di cui sia autore.

Articolo 28.
Ogni individuo ha la responsabilità di assicurare e ha diritto ad un ordine sociale e internazionale nel quale i diritti e le libertà enunciati nella presente Nuova Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo possano essere pienamente realizzati.

Articolo 29.
Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità e verso il Popolo Unito, nei quali solo il libero e pieno sviluppo della sua personalità è possibile.

Nell'esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ogni individuo è soggetto solo alle limitazioni che la legge stabilisce per il collettivo cooperativo al solo scopo di assicurare il dovuto riconoscimento e il rispetto dei diritti e delle libertà altrui e di soddisfare le giuste esigenze della morale, dell'ordine pubblico e del benessere generale della società.

Tali diritti e libertà non possono in nessun caso essere esercitati in contrasto con gli scopi e i principi del Popolo Unitario. Il principio di una buona amministrazione di tutta la vita sarà decisivo nella loro interpretazione.

Articolo 30.
Nulla nella presente Nuova Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo può essere interpretato come implicante, per qualsiasi Stato, ente governativo, agenzia segreta, organizzazione politica, religiosa o militare, società, gruppo o persona potente, il diritto di impegnarsi in qualsiasi attività o di compiere qualsiasi atto volto alla distruzione di uno qualsiasi dei diritti e delle libertà qui enunciati.

lunedì 25 maggio 2020

Bankenstein ha catturato pure la "Fondazione Italia USA"


On 19.05.20 10:20, Fondazione Italia USA wrote:
Fondazione Italia USA
Cari amici della Fondazione Italia USA,

la Fondazione Italia USA anche nel 2020 è tra i 5 più importanti think tank italiani, secondo il rapporto Cogito Ergo Sum redatto da Openpolis, in collaborazione con la trasmissione televisiva Report.

“Le strutture più grandi e iperconnesse: storicamente 5 organizzazioni hanno rappresentato quelle più connesse. Parliamo nello specifico di Aspen Institute Italia (presidente Giulio Tremonti), Astrid (presidente Franco Bassanini), Fondazione Italia USA (presidente Mauro della Porta Raffo), Italia decide (presidente Luciano Violante) e Italianieuropei (presidente Massimo D'Alema)”, sostiene la ricerca che ha preso in esame 153 think tank nel nostro Paese.

La Fondazione Italia USA, non-partisan, è anche la struttura con il più alto numero di parlamentari: “la Fondazione Italia Usa può contare legami con 29 parlamentari, il dato più alto tra le organizzazioni censite. In particolare fanno parte della fondazione 18 deputati e 11 senatori, un numero su cui alcune delle forze politiche che fanno parte del governo, Liberi e uguali, non possono neanche contare. Da notare soprattutto che la Fondazione Italia USA ha al proprio interno rappresentanti di tutti i principali partici politici, dal Partito Democratico alla Lega, passando per Movimento 5 Stelle e Forza Italia. In questo modo la struttura ha un sostegno trasversale”.

La ricerca, concentrandosi sulle figure politiche, non indica che la Fondazione Italia USA è anche quella, al di là dei parlamentari, con il maggior numero di giornalisti, ambasciatori, esponenti della cultura, della moda, della scienza, dello spettacolo, e premi Nobel. Oltre 120 altissime personalità unite dall'amicizia tra Italia e Stati Uniti d'America.

La Fondazione Italia USA non figura inoltre, nella ricerca, nelle classifiche dei finanziamenti pubblici e delle fondazioni che ricevono donazioni da società pubbliche o private, in quanto per scelta e a tutela della propria totale indipendenza non riceve alcuna forma di contributi, sussidi o sovvenzioni, neppure nella forma di incarichi professionali, da alcuna istituzione o ente pubblico, governativo o locale, né sponsorizzazioni o pubblicità da parte di aziende.

La Fondazione Italia USA è l'unica realtà in Italia ad essere sostenuta solo ed esclusivamente dalle singole quote associative dei propri soci.


La Fondazione Italia USA nasce per testimoniare l’amicizia tra gli italiani e il popolo americano ed intende svolgere un ruolo pubblico con carattere apartitico al di qua e al di là dell’Atlantico. L’Ambasciata degli Stati Uniti a Roma ha partecipato ufficialmente all’atto costitutivo della Fondazione, rappresentata dal ministro consigliere per gli affari pubblici. Questa comunicazione ti viene inviata in quanto il tuo indirizzo è presente negli archivi della Fondazione. 
Copyright © 2020 Fondazione Italia USA, All rights reserved.


            ALLORA DECIDIAMO DI SCRIVERGLI:

Da: marco saba
Inviato: lunedì 25 maggio 2020 11:39
A: Fondazione Italia USA <info@italiausa.org>
Oggetto: CREATORI DEL DENARO - Re: Newsletter Fondazione Italia USA


Organizziamo un incontro su questo ?

CREATORI DEL DENARO: Chi lo crea e chi dovrebbe farlo (Italiano) Copertina flessibile – 24 maggio 2020  https://www.amazon.it/dp/B089267YHP

USA: la Corte Suprema sostenne il potere del PARLAMENTO di fare BIGLIETTI del Tesoro a corso legale per soddisfare i debiti.
La Costituzione degli Stati Uniti è violata lasciando alle banche private il potere di creare denaro. Il potere ''di coniare moneta'' e ''regolarne il valore'' è stato già ampiamente interpretato per autorizzare la regolamentazione di ogni fase del tema della moneta. Il Parlamento (Congresso) può fondare le banche e conferire loro il diritto di emettere note circolanti, e può limitare la circolazione delle note non emesse sotto la propria autorità. A tal fine può imporre una tassa proibitiva sulla circolazione delle banconote delle banche statali o delle corporazioni municipali. Poiché ''ogni contratto per il pagamento di denaro, semplicemente, è necessariamente soggetto al potere costituzionale del governo sulla moneta, qualunque esso sia, e l'obbligo delle parti è, quindi, assunto con riferimento a tale potere'', la Corte Suprema sostenne il potere del Congresso di fare BIGLIETTI del Tesoro "a corso legale" per soddisfare i debiti anteriori, e, molti anni dopo, di abrogare le clausole dei contratti privati che richiedevano il pagamento in moneta d'oro, anche se tali contratti venivano eseguiti prima dell'approvazione della legge.

ED ECCO LA RISPOSTA: 

From: Fondazione Italia USA info@italiausa.org
Re: R: ****SPAM****: CREATORI DEL DENARO - Re: Newsletter Fondazione Italia USA
To: Me 

Mon May 25 13:25:02 2020

Le abbiamo già scritto in precedenza che per motivi di sicurezza non apriamo link inseriti nelle email.

Ed in ogni caso queste tematiche non sono di alcun interesse della nostra Fondazione.

Restiamo a disposizione per ogni chiarimento.

Con distinti saluti

Giulio Di Biasi
--------------------------------------------------------------

[Notate come il server (servo) atlantista classifica la mia corrispondenza: 
come "SPAM"...]



giovedì 21 maggio 2020

Un altro salvataggio bancario, sotto la copertura di un "virus"

Pubblicato su
Lunedì 18 maggio 2020
da Sogni Comuni
Fonte: https://www.commondreams.org/views/2020/05/18/another-bank-bailout-under-cover-virus
Un altro salvataggio bancario sotto la copertura di un virus
Le banche insolventi di Wall Street sono state di nuovo salvate in silenzio. Le banche rese prive di rischio dal governo dovrebbero essere dei servizi pubblici.
di Ellen Brown

The American people are therefore entitled to share in the benefits and the profits. Banking needs to be made a public utility. (Photo: Twitter/@publicbankla)
Il popolo americano ha quindi il diritto di partecipare ai benefici e ai profitti. Le banche devono essere rese di pubblica utilità. (Foto: Twitter/@publicbankla)

   Quando nel 2010 è stato approvato il Dodd Frank Act, il presidente Obama ha dichiarato trionfalmente: "Basta salvataggi!" Ma ciò che la legge diceva in realtà era che la prossima volta che le banche avessero fallito, sarebbero state soggette a "bail ins" - i fondi dei loro creditori, compresi i loro grandi depositanti, sarebbero stati prelevati per coprire i loro cattivi prestiti.

   Quando i bail-in vennero tentati in Europa, tuttavia, i risultati sono stati disastrosi.

   Molti economisti negli Stati Uniti e in Europa sostenevano che la prossima volta che le banche avessero fallito, avrebbero dovuto essere nazionalizzate e prese dal governo come servizi pubblici. Ma quell'opportunità è andata persa quando, nel settembre 2019 e di nuovo nel marzo 2020, le banche di Wall Street sono state silenziosamente salvate da una crisi di liquidità del mercato repo che altrimenti avrebbe potuto mandarle in bancarotta. Non c'è stato nessun bail-in di fondi privati, nessun acceso dibattito al Congresso e nessun voto pubblico. Tutto è stato fatto unilateralmente da burocrati non eletti della Federal Reserve.

   "La giustificazione del profitto privato", ha detto il presidente Franklin Roosevelt in un discorso del 1938, "è un rischio privato". L'attività bancaria è stata resa praticamente priva di rischi, sostenuta dalla piena fiducia e dal credito degli Stati Uniti e del loro popolo. Il popolo americano ha quindi il diritto di partecipare ai benefici e ai profitti. Il settore bancario deve essere reso di pubblica utilità.

Il business rischioso di prendere in prestito a breve per prestare a lungo

   Le singole banche possono fallire a causa di troppi prestiti scadenti, ma le crisi che possono innescare il collasso dell'intero sistema sono "crisi di liquidità". Le banche "prendono in prestito a breve per prestare a lungo". Prendono in prestito dai loro depositanti per fare prestiti o investimenti a lungo termine, promettendo al contempo ai depositanti che possono venire per i loro soldi "su richiesta". [Ndt: questa affermazione è falsa, le banche creano denaro creando depositi dal nulla] Per realizzare questo gioco di prestigio, quando i depositanti e i mutuatari vogliono il denaro allo stesso tempo, le banche devono chiedere un prestito a qualcun altro. Se non riescono a trovare finanziatori con un breve preavviso, o se il prezzo del prestito diventa improvvisamente proibitivo, il risultato è una "crisi di liquidità".

   Prima del 1933, quando il governo intervenne con l'assicurazione dei depositi della FDIC, i panici bancari e le corse in banca erano comuni. Quando si sospettava che una banca fosse in difficoltà, tutti si affrettavano a ritirare i loro fondi in una sola volta, esponendo il fatto che le banche non avevano il denaro che si supponeva avessero. Durante la Grande Depressione, più di un terzo di tutte le banche private statunitensi furono chiuse a causa della corsa alle banche.

   Ma il presidente Franklin D. Roosevelt, che entrò in carica nel 1933, era scettico sull'assicurazione dei depositi bancari. Egli ammonì: "Non vogliamo rendere il governo degli Stati Uniti responsabile per gli errori e gli errori delle singole banche, e dare un premio alle banche inadempienti in futuro". Il governo aveva una valida alternativa pubblica, un sistema bancario postale statunitense istituito nel 1911. Le banche postali divennero particolarmente popolari durante la Depressione, perché erano sostenute dal governo statunitense. Ma Roosevelt fu costretto a firmare la legge bancaria del 1933, creando la Federal Deposit Insurance Corporation che assicurava le banche private con fondi pubblici.

   Il Congresso, tuttavia, non era disposto ad assicurare più di 5.000 dollari per depositante (circa 100.000 dollari oggi), una somma raccolta temporaneamente nel 2008 e permanentemente nel 2010 fino a 250.000 dollari. Ciò significava che i grandi investitori istituzionali (fondi pensione, fondi comuni d'investimento, hedge fund, fondi sovrani) non avevano un posto dove parcheggiare i milioni di dollari che detenevano tra un investimento e l'altro. Volevano un posto dove mettere i loro fondi che fosse sicuro, che fornisse loro un certo interesse e che fosse liquido come un tradizionale conto di deposito, consentendo un prelievo rapido. Volevano la stessa "garanzia di rimborso in ferro" fornita dall'assicurazione dei depositi della FDIC, con la possibilità di recuperare i loro soldi su richiesta.

   È stato in gran parte in risposta a questa esigenza che il mercato privato dei pronti contro termine si è evoluto. Le operazioni repo, anche se tecnicamente "vendite e riacquisti" di garanzie collaterali, sono in effetti prestiti garantiti a breve termine, di solito rimborsabili il giorno successivo o in due settimane. I pronti contro termine sostituiscono la sicurezza dell'assicurazione dei depositi con la sicurezza di garanzie altamente liquide, tipicamente titoli di debito del Tesoro o titoli garantiti da ipoteca. Sebbene il mercato dei repo si sia evoluto principalmente per soddisfare le esigenze dei grandi investitori istituzionali che ne erano i principali finanziatori, esso è servito anche gli interessi delle banche, in quanto ha permesso loro di aggirare i requisiti patrimoniali imposti dalle autorità di regolamentazione al sistema bancario convenzionale. L'indebitamento sul mercato repo è diventato così popolare che nel 2008 ha fornito la metà del credito del paese. Nel 2020, questo massiccio mercato aveva un fatturato di 1 trilione di dollari al giorno.

   Prima del 2008, le banche si sono anche mutuate prestiti reciproci sul mercato dei fondi fed, consentendo alla Fed di manipolare i tassi d'interesse controllando il tasso dei fondi fed. Ma dopo il 2008, le banche avevano paura di concedersi reciprocamente prestiti per paura che le banche mutuatarie potessero essere insolventi e non restituire i prestiti. I prestatori si sono invece rivolti al mercato dei pronti contro termine, dove si supponeva che i prestiti fossero garantiti da garanzie collaterali. Il problema era che le garanzie collaterali potevano essere "reipotecate", o utilizzate per più prestiti contemporaneamente; ed entro settembre 2019, il lato dei mutuatari del mercato repo era stato rilevato dai fondi hedge, noti per la rischiosa repoteca. Molti grandi istituti di credito istituzionali si sono quindi ritirati, portando il costo del prestito a un certo punto dal 2% al 10%.

   Invece di lasciare che le banche fallissero e di costringere al bail-in dei fondi dei creditori privati, la Fed si è tranquillamente fatta avanti e ha salvato le banche diventando il "prestatore repo di ultima istanza". Ma la crisi di liquidità non si è attenuata e a marzo la Fed ha messo a disposizione 1.000 miliardi di dollari al giorno in prestiti overnight. La banca centrale stava sostenendo l'intero mercato delle operazioni pronti contro termine, compresi gli hedge fund, una situazione insostenibile.

   Nel marzo 2020, sotto la copertura di una crisi nazionale, la Fed ha quindi gettato le porte aperte alla sua finestra di sconto, dove solo le banche potevano contrarre prestiti. In precedenza, le banche erano riluttanti ad applicarla perché l'interesse era a un tasso di penalizzazione e portava uno stigma, segnalando che la banca doveva essere in difficoltà. Ma questa preoccupazione è stata eliminata quando la Fed ha annunciato, in un comunicato stampa del 15 marzo, che il tasso di interesse era stato abbassato allo 0,25% (praticamente zero). Anche la riserva obbligatoria è stata eliminata, il requisito patrimoniale è stato allentato e a tutte le banche in regola sono stati offerti prestiti fino a 90 giorni, "rinnovabili su base giornaliera". I prestiti potevano essere rinnovati continuamente, e non vi erano vincoli a questo denaro senza interessi - nessun obbligo di prestare alle piccole imprese, di ridurre i tassi delle carte di credito o di svalutare i mutui ipotecari subacquei. Persino J.P. Morgan Chase, la più grande banca del paese, ha riconosciuto il prestito alla finestra di sconto della Fed per prestiti a bassissimo costo.

   Il piano della Fed ha funzionato e la domanda di prestiti repo è crollata. Ma a differenza del Canada, dove le grandi banche hanno tagliato i tassi d'interesse delle carte di credito per aiutare ad alleviare i mutuatari durante la crisi della COVID-19, le banche statunitensi non hanno condiviso questa fortuna con il pubblico. I tassi di interesse canadesi sono stati dimezzati, dal 21% all'11%; ma i tassi delle carte di credito statunitensi sono scesi in aprile solo di mezzo punto percentuale, al 20,15%. Le gigantesche banche di Wall Street hanno continuato a favorire i loro clienti più grandi, svuotando prima i benefici del CARES Act, svuotando il trogolo prima che molte piccole imprese potessero berci.

   Nel 1969, il primo ministro Indira Gandhi nazionalizzò 14 delle più grandi banche indiane, non perché fossero in bancarotta (la solita giustificazione oggi), ma per garantire che il credito venisse assegnato secondo le priorità pianificate, compreso l'accesso delle banche alle zone rurali e la disponibilità di finanziamenti a basso costo per gli agricoltori indiani.  Il Congresso potrebbe fare lo stesso oggi, ma le probabilità sono che non lo farà. Come ha detto il senatore Dick Durbin nel 2009, "le banche ... sono ancora la lobby più potente di Capitol Hill. E francamente quel posto è di loro proprietà".

È ora che gli Stati entrino in gioco

   Perché i governi locali eletti, che sono tenuti a servire il pubblico, sono penalizzati per le carenze di bilancio causate da una chiusura obbligatoria, quando le banche private che servono gli azionisti privati non lo sono?
Lo Stato e i governi locali potrebbero mettere a disposizione delle loro comunità crediti a basso costo, ma oggi anche loro sono cittadini di seconda classe quando si tratta di prestiti. A differenza delle banche, che possono prendere in prestito praticamente senza interessi e senza vincoli, gli stati possono vendere le loro obbligazioni alla Fed solo a tassi di mercato del 3% o del 4% o più, più una penale. Perché i governi locali eletti, che sono tenuti a servire il pubblico, sono penalizzati per i deficit di bilancio causati da una chiusura obbligatoria, quando le banche private che servono gli azionisti privati non lo sono?

   Gli Stati possono prendere in prestito dal fondo fiduciario federale per la disoccupazione, come ha appena fatto la California per 348 milioni di dollari, ma anche questi prestiti devono essere rimborsati con gli interessi, e devono essere utilizzati per coprire le richieste di sussidi di disoccupazione statali. Gli Stati rimangono disperatamente a corto di fondi per riparare i buchi nei loro bilanci a causa della perdita di entrate e dell'aumento dei costi dovuto alla chiusura.

   Gli Stati sono eccellenti rischi di credito - meglio delle banche senza il supporto vitale del governo federale. Gli Stati hanno una base imponibile, non vanno da nessuna parte, sono obbligati per legge a pagare le bollette, ed è loro vietato chiedere il fallimento. Le banche sono considerate rischi di credito migliori degli Stati solo perché i loro depositi sono assicurati dal governo federale e sono dotate di salvataggi di routine da parte della Fed, senza i quali sarebbero crollate decenni fa.

   I governi statali e locali con il mandato di servire l'interesse pubblico meritano di essere trattati così come le banche private di Wall Street che sono state ripetutamente giudicate colpevoli di frodi nei confronti del pubblico. Come possono gli Stati ottenere la parità con le banche? Se il Congresso non si occuperà di questa necessità, gli stati possono prendere in prestito senza interessi alla finestra di sconto della Fed formando le proprie banche di proprietà pubblica. Per saperne di più su questa possibilità, vedi il mio precedente articolo qui.

   Come ha detto Buckminster Fuller: "Non si cambiano mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, create un nuovo modello che renda obsoleto il vecchio modello". Dopo il CoVID-19, il mondo dovrà esplorare nuovi modelli; e le banche di proprietà pubblica dovrebbero essere in cima alla lista.
Ellen Brown
Ellen Brown è avvocato e fondatrice del Public Banking Institute. È autrice di dodici libri, tra cui il best-seller Web of Debt, e del suo ultimo libro, The Public Bank Solution, che esplora i modelli di successo della banca pubblica a livello storico e globale.

mercoledì 13 maggio 2020

I giudici tedeschi contrattaccano, la BCE non è "Padrone dell'universo"

L'Europa in crisi: I giudici tedeschi contrattaccano, dicono che la BCE non è "Padrone dell'universo"

da Tyler Durden
Mer, 13/05/2020
Fonte: https://www.zerohedge.com/markets/europe-crisis-german-judges-strike-back-say-ecb-isnt-master-universe

Una settimana dopo che la Corte costituzionale tedesca ha scatenato una crisi sulla legalità del QE della BCE, promuovendo una risposta arrabbiata sia da parte dell'UE che della BCE, i membri della massima corte tedesca hanno continuato a difendere la loro controversa decisione che metteva in discussione la costituzionalità del programma di riacquisto dei beni della Banca Centrale Europea, affermando che le corti nazionali hanno un ruolo di controllo limitato sui giudici del blocco.

Come ha riferito da un giorno all'altro Bloomberg, Peter Huber, che ha redatto la sentenza della scorsa settimana per la Corte costituzionale tedesca, ha detto che i giudici volevano che la BCE si assumesse la responsabilità del programma di QE e che lo spiegasse a coloro che ne erano colpiti negativamente, come tutti quei risparmiatori tedeschi che devono pagare la loro banca per tenere i loro soldi. In un'altra intervista a un altro giornale, il suo collega Andreas Vosskuhle ha negato che la Corte suprema dell'Unione Europea ha sempre l'ultima parola in materia di legge della regione.

"Questa sentenza è un bene per l'Europa perché rafforza lo stato di diritto", ha detto Vosskuhle a Die Zeit. Le decisioni dei tribunali nazionali "sono legittime e i tribunali sono obbligati a intervenire nei rari casi eccezionali in cui le istituzioni dell'UE trasgrediscono gravemente i loro poteri".

Huber ha anche detto che la corte tedesca vuole solo la prova che il programma di allentamento quantitativo della BCE rientri nel suo mandato. La banca centrale deve dimostrare di non aver oltrepassato i suoi poteri, in quanto non ha il diritto di muoversi solo perché l'Europa è in crisi: "Il messaggio alla BCE è in realtà omeopatico", ha detto martedì Huber sul sito web della Sueddeutsche Zeitung. "Non dovrebbe vedersi come il "Padrone dell'Universo". Un'istituzione come la BCE, che è solo debolmente legittimata democraticamente, è accettabile solo se si attiene rigorosamente alle responsabilità ad essa assegnate".

Certo, ormai è ormai chiaro da tempo che non c'è nulla di democratico nella tecnocratica Bce, il cui unico scopo - come Mario Draghi ha chiarito di volta in volta - è quello di preservare l'euro "a qualunque costo" e di arricchire i ricchi.
Commentando la risposta di Huber, Michael Every della Rabobank ha scritto questa mattina che "un giudice della Corte costituzionale tedesca ha parlato della sua recente e controversa sentenza, affermando che la Bce non è "Padrone dell'Universo"".

"Vi sembra un ritiro giudiziario, vi sembra un ritiro giudiziario", chiede Every? In risposta, il capo economista della BCE ha dichiarato che il suo acquisto di attività è "proporzionato" e terminerà "non appena sarà raggiunto l'obiettivo dell'inflazione".

    Il che, per chiunque guardi la Bank of Japan, fa subito scattare l'allarme, perché implica che non si fermerà mai - e suppongo che i giudici tedeschi siano in grado di guardare al Giappone come a un esempio. Rischio acceso o spento, diresti?

Ricordiamo che il 5 maggio la Corte suprema tedesca ha stabilito che la BCE sta violando il diritto comunitario non giustificando adeguatamente il suo programma di acquisto di obbligazioni. I giudici hanno detto che la Bundesbank tedesca non può più partecipare al programma a meno che la BCE non giustifichi le sue politiche entro tre mesi. La decisione 7 a 1, che va contro una sentenza del 2018 della Corte di giustizia dell'UE che ha confermato l'allentamento quantitativo, ha aperto una netta spaccatura tra i tribunali regionali e nazionali.

"Questa è una sfida diretta all'autorità centrale della CGCE, in un contesto in cui anche la Polonia e l'Ungheria sono sotto esame del tribunale per le loro varie violazioni del principio dello stato di diritto", ha detto Sebastien Platon, professore di diritto pubblico all'Università di Bordeaux. "Rifiutare ciò significa rifiutare lo scopo stesso di questo tribunale".

A differenza della Polonia o dell'Ungheria, i giudici tedeschi non vogliono impedire alla Corte suprema dell'UE di controllare le istituzioni della regione, ha detto Huber. "Abbiamo ricevuto molti applausi dalla parte sbagliata", ha detto Huber, riferendosi ai commenti del governo polacco che ha elogiato la sentenza tedesca.

I giudici tedeschi accettano il ruolo della corte suprema del blocco e interverranno solo in casi assolutamente eccezionali, ha detto Huber. "Vogliamo che la Corte suprema dell'UE faccia meglio il suo lavoro", ha detto il giudice.

martedì 12 maggio 2020

Che cos'era TON e perché è finita

Che cos'era TON e perché è finita
Pavel Durov 12 maggio 2020






Fonte: https://telegra.ph/What-Was-TON-And-Why-It-Is-Over-05-12

   Negli ultimi 2,5 anni alcuni dei nostri migliori ingegneri hanno lavorato su una piattaforma a catena di blocco di nuova generazione chiamata TON e su una moneta criptata che avremmo chiamato Gram. TON è stata progettata per condividere i principi di decentralizzazione pionieristici della Bitcoin e dell'Ethereum, ma per essere di gran lunga superiore ad essi in termini di velocità e scalabilità.

   Siamo stati molto orgogliosi del risultato - la tecnologia che abbiamo creato ha permesso uno scambio di valori e idee aperto, libero e decentralizzato. Quando è stata integrata con Telegram, TON ha avuto il potenziale di rivoluzionare il modo in cui le persone immagazzinano e trasferiscono fondi e informazioni.

   Purtroppo, un tribunale statunitense ha impedito che TON accadesse. Come? Immaginate che diverse persone mettano insieme i loro soldi per costruire una miniera d'oro - e poi dividere l'oro che ne esce. Poi un giudice arriva e dice: "Queste persone hanno investito nella miniera d'oro perché erano alla ricerca di profitti. E non volevano quell'oro per sé, volevano venderlo ad altre persone. Per questo motivo, non hanno il permesso di ottenere l'oro".

   Se questo non ha senso per voi, non siete soli - ma questo è esattamente quello che è successo con TON (la miniera) e Grams (l'oro). Un giudice ha usato questo ragionamento per decidere che alle persone non dovrebbe essere permesso di comprare o vendere i Grams come se potessero comprare o vendere i Bitcoins.

   Forse ancora più paradossalmente, il tribunale statunitense ha dichiarato che i Grams non possono essere distribuiti non solo negli Stati Uniti, ma a livello globale. Perché? Perché, ha detto, un cittadino americano potrebbe trovare un modo per accedere alla piattaforma TON dopo il suo lancio. Quindi, per evitare che ciò avvenga, non si dovrebbe consentire a Grams di essere distribuito in tutto il mondo - anche se tutti gli altri paesi del pianeta sembravano essere perfettamente a posto con TON.

    Questa decisione del tribunale implica che gli altri Paesi non hanno la sovranità di decidere cosa è bene e cosa è male per i propri cittadini. Se gli Stati Uniti decidessero improvvisamente di vietare il caffè e chiedessero la chiusura dei coffee shop in Italia perché qualche americano potrebbe venirci - dubitiamo che qualcuno sarebbe d'accordo.

Eppure, nonostante questo, abbiamo preso la difficile decisione di non procedere con TON.

   Purtroppo, il giudice americano ha ragione su una cosa: noi, gente fuori dagli Stati Uniti, possiamo votare per i nostri presidenti ed eleggere i nostri parlamenti, ma siamo ancora dipendenti dagli Stati Uniti quando si tratta di finanza e tecnologia (per fortuna non di caffè). Gli Stati Uniti possono usare il loro controllo sul dollaro e sul sistema finanziario globale per chiudere qualsiasi banca o conto bancario nel mondo. Possono usare il loro controllo su Apple e Google per rimuovere le applicazioni dall'App Store e da Google Play. Quindi sì, è vero che altri paesi non hanno piena sovranità su cosa permettere sul loro territorio. Purtroppo, noi - il 96% della popolazione mondiale che vive altrove - dipendiamo dai decisori politici eletti dal 4% che vive negli Stati Uniti.

   Questo potrebbe cambiare in futuro. Ma oggi ci troviamo in un circolo vizioso: non si può portare più equilibrio in un mondo eccessivamente centralizzato proprio perché è così centralizzato. Ci abbiamo provato, però. Lasciamo alle prossime generazioni di imprenditori e sviluppatori il compito di raccogliere lo striscione e imparare dai nostri errori.

   Scrivo questo post per annunciare ufficialmente che il coinvolgimento attivo di Telegram con TON è finito. Potreste vedere - o forse avete già visto - siti che utilizzano il mio nome o il marchio Telegram o l'abbreviazione "TON" per promuovere i loro progetti. Non fidatevi di loro con i vostri soldi o dati. Nessun membro presente o passato del nostro team è coinvolto in questi progetti. Anche se possono apparire reti basate sulla tecnologia che abbiamo costruito per TON, non avremo alcuna affiliazione con loro e difficilmente li sosterremo in alcun modo. Quindi fate attenzione e non lasciate che nessuno vi inganni.

   Voglio concludere questo post augurando buona fortuna a tutti coloro che si battono per il decentramento, l'equilibrio e l'uguaglianza nel mondo. State combattendo la battaglia giusta. Questa battaglia potrebbe essere la più importante della nostra generazione. Ci auguriamo che riusciate dove noi abbiamo fallito.
----------------------
Ci dispiace per Durov, ma probabilmente avrebbe dovuto rivolgersi a chi ne capisce qualcosa: https://equacoin.store

Liberiamo l'Italia dalla Banchettatura