-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 17 settembre 2011

Segreti di Stati - Capitolo 2 - USTICA

(Segreti di Stati - torna all'indice)

Capitolo II - Ustica a Los Angeles e a Milano

Mentre mi occupavo del caso "Nino", alla fine del 1998, cominciai a fare ricerche attraverso Internet su episodi oscuri che da sempre avevano destato la mia curiosità. Il caso Ustica non poteva mancare all'appello. Fu nel dicembre del 1999 che conobbi fortuitamente Udo Gümpel, un giornalista tedesco che aveva appena finito un libro uscito in Germania sul caso di Roberto Calvi - il presidente del Banco Ambrosiano che venne "suicidato" a Londra all'inizio degli anni '80. [Il lettore interessato potrà trovare informazioni interessanti su Calvi nel libro "Révélation$", edizioni "Les Arènes", Parigi 2001. Tradussi questo libro in italiano, a seguito di un contratto con la casa editrice di Roma "Edizioni Interculturali". La versione italiana non è stata pubblicata perché la casa editrice, inspiegabilmente, rescisse unilateralmente il contratto nel settembre 2003.] Ero andato da Udo in merito alla questione dell'uranio impoverito. Infatti dagli USA, da una ONG, avevo ricevuto tre video del Pentagono destinati ad addestrare le truppe americane in caso di uso di proiettili all'uranio. Erano video del Pentagono, realizzati nel 1995, di cui le truppe italiane non avevano mai preso visione. Per la verità, non vennero nemmeno fatti visionare al personale USA perché erano troppo espliciti sui rischi derivanti dall'uso di questi proiettili, già condannati in due risoluzioni dell'ONU assieme ad altre armi disumane. Mentre Udo aveva messo la cassetta nel videoregistratore, ne approfittammo per fare quattro chiacchiere a proposito di varie vicende. Mi parlò del suo libro appena scritto dicendomi che secondo lui, Flavio Carboni non aveva eliminato Calvi ma ne aveva (enigmaticamente) spogliato il cadavere. Al momento non feci particolare attenzione alla cosa e gli chiesi cosa pensava a proposito di Ustica. Fu categorico: furono due aerei Mirage a tirarlo giù! Furono i francesi... L' affermazione non mi stupì poiché sapevo che inizialmente venne incaricata una società francese, la IFREMER, del recupero dei resti del DC-9. Era una società legata ai servizi francesi per cui l'idea di Udo era plausibile. La cassetta era finita. Udo mi promise che si sarebbe interessato sulla questione dell'uranio ma perdemmo presto i contatti. Nei giorni che seguirono, cominciai come al solito a "viaggiare" su Internet alla ricerca di tutto quello che potevo trovare su Ustica: dalle informazioni ufficiali alle leggende metropolitane. Alla fine, dopo alcuni mesi, decisi di scrivere una lettera, via posta elettronica, indirizzata tra l'altro alla Senatrice Bonfietti dei DS, sorella di una delle vittime e presidente dell'associazione dei familiari delle vittime di Ustica:

Date: Tue Aug 8 09:01:46 2000
Subject: USTICA: da Los Angeles conferma resp. Francia

Att.ne
Falco Accame
Sen. Bonfietti
On. Manca
On. Di Pietro
On. Calzavara

Oggetto: Ustica, responsabilità della Francia

Egregi Onorevoli e Senatori,

In merito alla questione Ustica, vi è un fatto non considerato sino ad oggi in merito alla sparizione/presunta morte dell'investigatore aeronautico Jeremy Crocker che conferma la tesi ufficiosa che furono aerei francesi a tirar giù il Dc-9.

Jeremy Crocker è sparito il 9 dicembre 1996, cinque giorni dopo aver parlato ad una radio locale di "pezzi di aereo francese" tirati su assieme ai resti del DC-9 ITAVIA... Questo conferma quanto segue: Udo Gumpel, giornalista investigativo della televisione tedesca, mi disse nel dicembre 1998 che il DC-9 venne tirato giù da 2 Mirage francesi.

Questi due fatti, assieme al fatto che del recupero dell'aereo venne incaricata la società IFREMER, con sede in Corsica e strettamente legata ai servizi francesi, portano direttamente alle responsabilità francesi dell'abbattimento dell'aereo, piaccia o no. E, per quanto ne so, al fatto che non venne data pubblicità sul ritrovamento di pezzi di aereo francese.

Vi allego la traduzione del testo dell'intervista radiofonica a Jeremy Crocker poco prima della sua scomparsa. Inoltre anche l'annuncio su internet del Dipartimento di Polizia di Los Angeles relativo a Jeremy Crocker. Noterete che sul testo della Polizia si parla della data: 12/09/97, ovvero esattmente un anno dopo l'effettiva scomparsa. Questo perché il regolamento prevede di lasciar passare un anno prima di attestare che una persona è scomparsa.

A disposizione per eventuali ulteriori informazioni, cordialmente saluto.

Marco Saba
Osservatorio Etico Ambientale

Allegato: Traduzione di parte dell'intervista durante il Peter Ford Show a Radio KIEV a Los Angeles il 4 dicembre 1996:
...
Jeremy Crocker: Ci chiediamo perché i governi non facciano giuste indagini e penso che possiamo aiutare a chiarire questo se guardiamo alcuni fatti della storia. Uno di cui abbiamo parlato è accaduto nel 1980 quando un aereo italiano che stava andando a Palermo in Sicilia è caduto e ci furono 81 vittime. Al tempo vi furono ipotesi su di una bomba, poi poco dopo su un missile dalla Libia che l'avrebbe colpito. Ed è così. C'era una organizzazione dei sopravvissuti delle vittime ed ho parlato con qualcuno che ne è al corrente. HO ANCHE PARLATO CON QUALCHE VISITATORE ITALIANO (NDR: enfasi nostra). Ed infine nel 1995 l'agenzia France Press che scrive di avvenimenti in tutto il mondo, ha pubblicato una storia intrigante che potrete ritrovare negli archivi: cioè che tra le varie cose su cui indagavano i giudici italiani sulla corruzione c'era anche il crash inspiegato di Ustica. Poi ancora, un anno dopo il The Guardian inglese è venuto fuori con una storia di carte segrete scoperte da parte di uno della Internal Security, che è un nome carino con cui loro chiamano l'organismo corrispondente dell'FBI, documenti che potrete trovare negli archivi, nella quale si dice che l'Italia assieme ad altri membri NATO aveva cercato di uccidere Gheddafy che dalla Libia stava andando da qualche parte. Ma quando andarono all'attacco scoprirono che Gheddafy era scortato da MIG e nella battaglia che seguì SI SONO TIRATI GIU' DEI LORO AEREI e sfortunatamente hanno beccato un aereo che stava passando che era il DC-9.

Peter Ford: Parli del crash italiano.

JC: Ho qualche aneddoto da raccontare. Lei parlava di Palm Spring, ho passato qualche tempo alla libreria che funziona come centro visitatori, verso la fine della settimana, ed ho sentito delle voci con accento italiano e ho fatto domande. Un giovane uomo (NDR: dei nostri servizi?) ha detto: sì, quando è stato tirato su l'aereo c'era assieme UN PEZZO DI JET FRANCESE (NDR: enfasi nostra).

PF: (chiede ancora dell'incidente e chiede se era coinvolto un aereo P-3 americano)

JC: Bè, il P-3 vien fuori con l'incidente della TWA (800) e questo è interessante. Ma in ogni modo cerchiamo di capire gli italiani. Gheddafy era molto impopolare. Molti dei nostri ascoltatori ricorderanno le file per la benzina nel 1979 a causa del secondo shok petrolifero, organizzato da Gheddafy. Così se avrebbe funzionato, avrebbero rimosso Gheddafy che irritava la NATO, e sarebbero stati popolari anche se non avrebbero ammesso mai di essere stati loro. Ma quando il piano fallì e cadde un aereo civile, si trovarono nelle difficoltà. E l'articolo continua dicendo che cosa fecero in proposito, che fu di insabbiare come ancora stanno facendo. (etc. etc.)
------------
A seguito di questa lettera, cui risposero Accame e Calzavara, scoprii che all'epoca del disastro vi era un paese dotato di qualche decina di Mirage e che operava nel teatro del Mediterraneo: Israele. Cominciai a pensare che, nell'ipotesi di una guerra aerea, forse anche uno di questi Mirage avrebbe potuto essere rimasto abbattuto. Se così fosse, come fare, nell'ipotesi di un ritrovamento dei resti di questo Mirage israeliano, a riconoscerlo da un Mirage francese? Ci sono almeno due possibilità: quando gli israeliani comprarono i mirages francesi ne modificarono il profilo alare e sostituirono il motore originale dell'aereo con un motore americano. Dunque, se i resti dell'ipotetico aereo presentano queste modifiche, il caso sarebbe risolto. Ma questa pista non verrà mai seguita, nonostante i riscontri nei tracciati radar del perito Macidull.

Parentesi: a proposito del volo TWA 800, occorre dire che venne effettivamente abbattuto da un missile, come diceva Crocker. Il missile venne sparato da un sommergibile comprato in URRS dall'Iran. Il sommergibile aveva una ciurma di mercenari russi. A bordo del volo TWA c'erano 60 francesi inclusi 8 agenti dei servizi francesi. Il loro caposquadra rifiutò di essere imbarcato e prese il volo successivo.

Dopo aver finito di scrivere questo capitolo, mi è capitato tra le mani "Quarto livello", di Carlo Palermo, Editori Riuniti 2002. A pag. 119 si legge: "...nei misteri infiniti che circondano la stessa strage di Ustica, non vi ebbe qualche parte la base americana di Birgi?" A pag. 291 e 292 si legge: "Dietro i fatti relativi alla strage di Ustica del 1980 potrebbe formularsi una inquietante ipotesi che ricollegherebbe tale episodio con la liberazione "apparentemente ingiustificata" di Abu Abbas avvenuta a Sigonella nel 1985. In particolare potrebbero porsi alcuni quesiti che si possono così riassumere:
1) Nel periodo appena antecedente all'abbattimento dell'aereo Itavia nel 1980, Abu Abbas non era forse stato dapprima "fermato" in Italia, poi "liberato" ed accompagnato a Zurigo, con un'operazione "coperta", da parte dei servizi segreti italiani e francesi? Esistono riferimenti in tal senso in "note riservate" dei nostri Servizi al ministero dell'Interno?
2) Da Zurigo, Abbas non avrebbe forse dovuto essere accompagnato in Libia sorvolando l'Italia, tramite un'altra "operazione coperta" gestita dai servizi italo-americani? Esistono riferimenti in tal senso in "note riservate" dei nostri Servizi al ministero dell'Interno dell'epoca?
3) L'aereo che, in questa ipotesi, avrebbe dovuto trasportare Abbas (e forse un secondo aereo), avrebbero forse dovuto seguire, in sovrapposizione, la rotta di un aereo di linea? Fu forse quella dell'aereo Itavia abbattuto ad Ustica?
4) Per l'esecuzione di questo progetto "coperto", non venne forse organizzata un'operazione aeronavale congiunta italo-americana con utilizzazione nel Tirreno (da tre-quattro giorni prima) di numerose navi? E in particolare delle seguenti:
- la Saratoga (portaerei), americana (partita dal porto di Napoli)?
- la vecchia Vittorio Veneto, ammiraglia (incrociatore)?
- la Sagittario, italiana (partita da Taranto), con sigla militare 550?
- la Libeccio e la Maestrale (cacciatorpediniere), spostate nel basso Tirreno, dal basso Ionio ove pattugliavano le piattaforme Eni dalle operazioni libiche di disturbo di quell'epoca?
5) Per quanto riguarda in particolare la eventuale partenza della Sagittario da Taranto (con un quantitativo di combustibile adeguato all'operazione), non potrebbe essere questa circostanza forse verificata - oltre che tramite le registrazioni di bordo - attraverso le annotazioni della Capitaneria di Porto e del Comune di Taranto, sull'apertura del locale ponte girevole?
6) In quella zona del Tirreno, non era forse anche presente la portaerei francese Exocet?
7) E' forse solo una fantasia ipotizzare che, nell'occasione, i servizi segreti francesi non siano stati d'accordo sul "viaggio" di Abbas e che, tramite un areo Mirage, partito dalla nave Exocet, avrebbe causato per errore l'abbattimento dell'aereo Itavia?
8) E' forse errato che l'abbattimento dell'aereo Itavia sia avvenuto proprio sopra la nave Sagittario? E che tale circostanza, se vera, potrebbe essere appurata tramite audizione di tutto il personale a bordo, dagli ufficiali ai semplici militari, agli addetti alle apparecchiature radar?
9) E, in questo caso, non dovrebbe ritenersi che l'operazione debba essere stata vista e registrata sui tracciati della Sagittario, sulle apparecchiature radar di Licola, Martina Franca e Grosseto e, forse, anche sulla nave Vittorio Veneto?
10) Che, subito dopo l'abbattimento accidentale dell'aereo, previe ovvie immediate consultazioni internazionali, sarebbe stato ordinato alla Base di Gioia del Colle di intercettare l'aereo (o i due aerei inseguiti)?
11) Che si possano essere alzati due aerei F104 da Gioia del Colle, che forse intercettarono l'aereo "libico", che precipitò sulla Sila?
12) In merito, non esistono forse dichiarazioni degli abitanti della Sila ai carabinieri locali, relativi alla segnalazione del rumore provocato dallo schianto dell'aereo sulla Sila?
13) Il primo medico - poi sostituito - non constatò forse lo stato di avanzata putrefazione del cadavere trovato sulla Sila?
14) Nelle operazioni di recupero ad Ustica, svolte da un'impresa francese, eventuali tracce del missile francese non potrebbero essere state presenti nei "vuoti di tempo" constatabili nella discontinuità della successione tra le registrazioni (contenute in cassette) delle stesse operazioni di recupero?"

Gheddafi, da parte sua, sostiene di essere stato oggetto di un tentativo di abbattimento da parte degli americani che avrebbero ritenuto che lui si trovasse a bordo dell'aereo... In proposito, sempre su Internet, trovai anche una intervista ad un altro ex gladiatore, datata 1995:

USTICA: COLPITO, AFFONDATO.
Intervista esclusiva a Guglielmo Sinigaglia, supertestimone della strage. La sua versione vale quattro attentati e una vita distrutta.
di Gianluca Neri e Antonio Riccobon

Guglielmo Sinigaglia dorme sotto un portico ai margini di un giardinetto pubblico dietro ad una delle questure milanesi. Notizia spicciola da trafiletto in cronaca, se non fosse che Sinigaglia è uno dei testimoni chiave di Ustica, ed ha una verità scottante da raccontare che vale quattro attentati alla sua vita, e una vita da marciapiede. è una realtà che tenta di divulgare da parecchio tempo, ma la sua è una verità sconvolgente, al punto che nessuno ha mai avuto il coraggio di raccontarla per intero. Abbiamo incontrato questo controverso personaggio quasi per caso, perché spinto dalla necessità di uscire allo scoperto chiedendo la solidarietà dei media.

Vive come un barbone, ma si definisce un "nuovo povero". "Si usano molto liberamente i termini barbone e clochard - dice -, ma non è questa la terminologia corretta. Il barbone è uno che per scelta dorme per strada, ma è capace di fare nella sua vita una barca di soldi e la sera andare al ristorante. Poi ci sono gli altri, i nuovi poveri. Il nuovo povero è uno che non accetta la sua situazione, che non è capace di andare davanti ad una persona, fermarla, e chiedere: per favore, mi dai cento lire. L'unica cosa che riesce a fare un nuovo povero è chinare la testa e sedersi in un angolo, e se qualcuno vuole mette dentro mille lire. Purtroppo l'arte del chiedere ce l'hanno i clochard, non i nuovi poveri. Considerando che l'italiano è una bella lingua, sarebbe giusto attuare questi distinguo".

Questa distinzione semantica esiste già per sua fortuna nella realtà che lo circonda: infatti Sinigaglia non ha bisogno di chiedere.

E' una sera di marzo più fredda del dovuto, e conversiamo con lui per tre ore, seduti sulla panchina di un giardino pubblico. La gente della zona lo riconosce, lo saluta, e ad un certo punto arriva addirittura una signora con una pizza calda. Alle otto e mezza di sera abbiamo la necessità di fotocopiare la mole di documenti che ci mostra. Alle nostre spalle c'è una copisteria, chiusa, vista l'ora. Mentre Sinigaglia parla, il titolare torna a prendere le chiavi di casa che ha dimenticato in negozio; ha una certa fretta, ma gli chiediamo se può farci il favore, e ci dice: "Se sono per la storia di Guglielmo allora sono gratis". E si parla di trecento fotocopie.

Il nuovo povero Guglielmo Sinigaglia si presenta con una dignità insospettabile, per il genere di vita alla quale è costretto, se lo si vede avulso dalla sua realtà quotidiana, lo si può scambiare tranquillamente per un vecchio gentiluomo, sobriamente vestito.

"Vedi - dice -, là in un sacchetto ho il mio cappotto di cachemere, il mio buon vestito, la mia buona camicia e la mia buona cravatta, che indosso quando devo incontrare persone di una certa importanza, perché l'immagine ha una sua importanza. Ho uno scopo, voglio arrivare a qualcosa, e posso anche sopportare questa situazione per un po'. Ma nel momento in cui raggiungerò il mio bersaglio, o riuscirò finalmente a sistemarmi, o mi fanno fuori subito".

SCENARIO DI GUERRA
Da quando il 27 giugno 1980 il DC9 Itavia con 81 passeggeri a bordo è precipitato in mare è stata fatta ogni sorta di ipotesi, dall'incidente all'abbattimento volontario. Fino al novembre 1990 su Ustica e il suo dramma sporadicamente vengono date notizie che sembrano più illazioni. La più ripetuta è quella che a bordo del DC9 vi fosse un terrorista neofascista, per cui venne collocata una bomba a bordo. Nel 1990 l'inchiesta passa dal giudice Vittorio Bucarelli al giudice Rosario Priore, che inizia una nuova opera investigativa: dispone un nuovo recupero dei rottami del relitto affidandolo non più alla società francese "Infremer", ma ad una inglese, sicuramente non collegata ai servizi segreti.

Con le nuove audizioni fatte dal giudice Priore non si parla più di "tragedia" di Ustica, ma di "strage". Il testimone che permette questa svolta è Guglielmo Sinigaglia, che in cinque giorni di testimonianza traccia un panorama di guerra, puntualizza e motiva lo scenario, dando corpo a fatti che in precedenza erano circolati solo come illazioni. Priore trova anche altri testimoni che gli permettono di incriminare 36 alti ufficiali con reati pesantissimi, tra cui l'alto tradimento.

Guglielmo Sinigaglia - tenente colonnello del SISMI, addestrato nella legione straniera ed ex guardaspalle di Komeini, sabotatore di prima linea a fianco dei ribelli afghani - afferma che quella notte era in corso l'operazione "Eagle Run to Run", mascherata da un'esercitazione militare denominata "Sinadex", che aveva lo scopo di abbattere l'aereo presidenziale del colonnello Gheddafi e favorire l'insediamento di un presidente filo occidentale in Libia. Sinigaglia però si spinge più in là, e sostiene che l'aereo non fu abbattuto per errore e che non esplose in volo, ma riuscì ad ammarare.

* Che ruolo ha avuto nell'operazione?

"Io ero a bordo di un velivolo denominato Nimrod, a capo di una squadra "presidenziale" composta da 2 italiani del GOS (Gruppo Operazioni Speciali), 2 francesi dell'SSE e 2 inglesi del SAS (Special Air Service), che aveva il compito di scortare il nuovo presidente libico che si sarebbe insediato al momento dell'insurrezione. Tutti gli uomini della squadretta indossavano tenute da combattimento completamente anonime ed armate non convenzionalmente, per cui in caso di morte o cattura sarebbero stati individuati come mercenari. Ho partecipato a tutta la pianificazione, e ho condotto in prima persona l'operazione "Tobruk 1", che aveva lo scopo di armare gli insurrezionisti. Ho testimoniato cose che ho vissuto in prima persona. Il fatto che io sappia le dislocazioni di tutto e di tutti è perché io e il colonnello De Marol dovevamo saperlo ai fini operativi, dal momento che eravamo le due persone preposte a questa operazione".

* Lei a quale titolo è stato reclutato?

"Io non sono mai stato reclutato. Qui si parla di una carriera. Questi sono i lavori che ho sempre fatto. Che si trattasse di interventi in Iran, Centro Africa, Uganda, Libia o Libano, questa comunque era la mia vita. [NOTA: un tratto comune dei colpi di stato che il governo italiano organizzava all'estero, su ordinazione USA, era che poi gli studenti di alcune famiglie borghesi dei paesi colpiti venivano a studiare in Italia, come ad esempio nel caso della Grecia e dell'Iran. Tra gli studenti che l'Italia ospitava, per fare bella figura, c'erano anche delle spie di medesima nazionalità che avevano lo scopo di monitorare eventuali dissidenti]. La gente che entra in Vacant Cosmic non viene contattata. Viene estrapolata dai corsi dell'accademia. Scelgono loro. Hanno preteso due lauree da noi, una in Economia e Commercio con tesi su diritto internazionale, e una in Ingegneria elettronica".

* E questo tipo di vita è finita dopo Ustica?

"No, è finita nel '90, non nell'80. Infatti nell'82 a Beirut perdo un dito. La mia carriera non finisce con Ustica; finisce quando Andreotti, due giorni dopo dall'inizio della mia testimonianza, fa dichiarare illegale Vacant Cosmic, la più alta sezione dei servizi segreti in Europa, e automaticamente diventa illegale il nostro lavoro. Per la prima volta qualcuno, davanti alla magistratura, aveva parlato di Stay Behind, e quindi di Vacant Cosmic, che ne è la più alta espressione".

* E tutto questo succede dopo la sua testimonianza a Priore?

"Quelli come me rispondono soltanto se toccati. Non siamo mai noi a fare la prima mossa. è lo stupido a fare la prima mossa, il buon giocatore di scacchi non la avoca mai a sé. Anche se questa non era una partita di scacchi".

INTRIGO INTERNAZIONALE

* Quali erano le nazioni che hanno preso parte all'operazione?

"Quattro: Italia, Francia, Germania e Inghilterra. Ognuna con un suo compito particolare, con bersagli ben precisi. La Germania Occidentale partecipò con le Teste di Cuoio; il loro compito era quello di addestrare gli insurrezionisti all'uso delle armi e alle strategie destabilizzanti. L'Italia partecipò con le proprie stazioni radar e una squadra navale composta dalla Vittorio Veneto, oggi "Tuttoponte" Garibaldi, dislocata al largo di Ustica, e dagli "Sparvieri", imbarcazioni estremamente veloci, armate di missili in grado di colpire unità nemiche fino a 70 chilometri. I centri radar interessati all'operazione erano quelli di Martina Franca, Otranto, Iacotenente, Siracusa, Sigonella, Licola, DecimoMannu, e il centro Nato Verona AFFI.

La Francia partecipò con il GOLE (Groupement Opérationnel Légion Etrangère), che aveva il ruolo operativo di guidare la presa di Tripoli da parte degli insurrezionisti; il REI (Régiment Etrangère de Infanterie), battaglioni con il compito di impedire la ritirata delle forze libiche dal Ciad; il GIRLE (Groupement d'Intervention Rapide Légion Etrangère), i cui obiettivi erano la cattura di Jallud e la distruzione del centro nucleare libico; e il FOCH, una squadra navale composta da 2 sottomarini dislocati al largo della Sicilia orientale. [Nota: Michele Sindona sosteneva che il programma nucleare libico era stato assistito dall'Italia]

L'Inghilterra era presente con l'SBS (Special Boat Service), una compagnia composta da 156 uomini e 27 ufficiali, divisi in 5 squadre ciascuna, un sommergibile e due velivoli Nimrod, posizionati uno tra Cipro e Creta per sorvegliare i movimenti della squadra navale sovietica e l'altro a largo di Ustica.

"Sinadex" era poi un'operazione di copertura Radar elaborata dal centro aeronautico di Borgo Piave, sotto il diretto controllo del centro radar di Verona AFFI. Nessuno aveva mai detto prima di me che sotto terra, sotto i campi di grano c'era una base in grado di fare queste cose. Gli inquirenti rimasero colpiti dall'esistenza di strutture come quelle di Borgo Piave e della base silana, e dell'interconnessione di esse con la "Synadex". Rilevante è il fatto che vi sia una pista per velivoli da guerra in una zona ostica come la Sila. [NOTA: la base sigint di Borgo Piave si chiamava SMA, Segnalamento Marittimo Aereo. Era stata costruita dall'impresa edile di Milano "Armando Folli Spa" con sede in Foro Buonaparte 67, che riportava delle foto della SMA nel suo catalogo distribuito ai clienti. La società, dove per sei mesi risulta dipendente Silvio Berlusconi, andò in concordato preventivo e mutò denominazione in "Novimpresa 2000". Tra i clienti vi era la Cogefar Impresit, che poi si chiamò Impregilo.]

Il fatto che quella sera si voleva abbattere Gheddafi è confermato anche da un'altra cosa: gli sarebbe stata concessa un'aerovia sull'Adriatico, non sul Tirreno, allungandogli il tragitto e costringendolo a passare sull'Italia, quando l'Italia può essere sfiorata soltanto marginalmente.

Tra l'altro le aerovie vengono concesse 24 ore prima. Ambra 17 quella notte veniva definita "Zombie". "Zombie" sta per "Capo di stato ostile".
Gli aerei che transitano in quelle aerovie non possono essere scortati, perché c'è un patto tra le nazioni che vieta in assoluto che un velivolo civile, pur avendo a bordo un capo di stato, possa essere scortato da aerei militari armati".

L'ABBATTIMENTO

* Cosa successe la sera del 27 giugno?

"L'aereo dell'Itavia venne abbattuto alle 20:56. I piloti riuscirono a manovrare l'apparecchio per qualche minuto. Il missile colpì l'apparecchio solo con le appendici aerodinamiche, provocando uno squarcio non molto ampio, ma sufficiente a depressurizzarlo, ed esplose oltre. Per effetto della depressurizzazione alcuni passeggeri vennero risucchiati. I piloti, grazie alla loro esperienza, riuscirono ad ammarare alle 21:04. è strano che dalle indagini dell'autorità giudiziaria risulti che il cambio dei nastri che ha determinato un vuoto di 4 minuti sia avvenuto per "scopi dimostrativi ad un operatore della base di Marsala". Da non credere: proprio mentre c'è un velivolo che sta precipitando".

* Quando vi accorgeste di avere colpito un aereo civile?

"Quando, a bordo del Nimrod, il capitano Keerstiens disse che il pilota era formidabile e talmente bravo da non poter essere libico".

* Secondo lei allora l'aereo non è esploso in volo, ma è riuscito ad ammarare.

"L'aereo ammara esattamente 8 minuti dopo essere stato colpito. E non sono soltanto io a dirlo, c'è anche la perizia Luzzatti. è importante il fatto che impieghi 8 minuti; se un aereo esplode in volo cade in due minuti. Il fatto che impieghi 8 minuti vuol dire che il pilota è riuscito a manovrare. La perizia Luzzatti sostiene anche che per poter virare l'aereo doveva avere ali e coda. Esclude poi che la coda si sia separata in aria, e afferma invece che la rottura avvenne per un violento colpo agente dal basso verso l'alto, con tutta probabilità al momento dell'impatto con l'acqua".

* Il missile viene sparato da un sommergibile. Nazionalità?

"Francese. Ma adesso fa bella mostra a Parigi, è diventato un museo galleggiante. Ci sono ancora i segni della rampetta messa apposta per quell'operazione. La Francia era una delle poche ad avere un sommergibile idoneo ad un'operazione del genere. I nostri erano troppo piccoli, e non avrebbero neanche retto alla spinta dello "Standard", il tipo di missile utilizzato. Una videocassetta, di cui parlò anche "l'Espresso", dimostra la battaglia aerea avvenuta e certifica l'esistenza dello standard. Il giudice Priore chiede subito il recupero di quest'ultimo. Viene trovato, gli americani chiedono di poterlo esaminare, dopodiché sparisce.".

* Come è potuto succedere che abbiate colpito un aereo civile italiano mentre il vostro obiettivo era l'aereo di Gheddafi?

"Perché Gheddafi è stato avvertito dell'operazione in corso".

* E da chi e per quale motivo Gheddafi è stato avvertito?

"Bisognerebbe chiederlo ai due uomini politici che l'hanno fatto. Ma non li si può nominare". [NOTA: si tratta probabilmente degli stessi politici che passarono a Jallud la lista dei dissidenti libici che la Gladio aveva esfiltrato a Roma: vennero eliminati su ordini di Gheddafy ad uno ad uno. A qualcuno venne sparato in faccia, in pieno giorno, per strada.]

* E Priore non ha agito contro questi due politici?

"Non ci riesce, perché nessuno fa i nomi. C'è un'entità politica, ma chi è? Non si hanno foto o nomi in codice di questi personaggi. Io posso anche arrivarci per deduzione, ma non si può testimoniare una cosa se non si ha un supporto o un riscontro da fornire al giudice perché possa accertare qualcosa. Io ho detto che il generale Franco Pisano (che fu chiamato a presiedere la commissione di inchiesta che dichiarò che l'Aeronautica Militare non aveva svolto nessuna attività nella sera del 27 Giugno 1980 e pertanto non aveva avuto nessun ruolo e nessuna colpa nella sciagura aerea del DC 9 Itavia), ebbe un ruolo rilevantissimo nell'operazione "Eagle Run to Run". Per questo mi ha denunciato per calunnia e diffamazione, affermando di essere comandante di una scuola di volo, per cui non poteva avere niente a che fare con Ustica. Invece in Ustica lui ha avuto un ruolo: era a Cagliari da cinque giorni, c'erano le prove del suo ingresso alla base di Decimomannu e c'era la prova tangibile che lui, nel momento in cui scattò l'operazione "Eagle Run to Run" era nella sala operativa. Per questo è stato incriminato con l'accusa di alto tradimento. In casi come questo si hanno nome, cognome e ruolo. Io so per certezza chi erano quei due politici, ma non posso dimostrarlo. Quindi, in pratica, non lo so".

* "è stato quindi possibile a due soli uomini politici italiani mandare a monte un'operazione di questo genere, organizzata dai servizi segreti di quattro nazioni e che probabilmente aveva richiesto lunghi tempi di preparazione?"

"Era preparata da mesi e mesi. In casi come questo non si va allo sbaraglio. Quella notte era in azione il "top dei top": una mosca non poteva passare inosservata. L'unico modo di fermare l'operazione era quello di darci il DC9 Itavia. E che avessero intenzione di darci il DC9 Itavia è provato dal fatto che l'equipaggio di quell'aereo, civile, fosse militare".

* Lei sta dicendo che qualcuno ha messo di proposito il DC9 Itavia al posto dell'aereo di Gheddafi? Che è stata una cosa preventivata e non un errore?

"La rotta del velivolo era Bologna-Palermo: da nord-ovest per sud-est. Le sembra possibile che fossimo talmente stupidi da aspettare l'aereo di Gheddafi, che invece aveva come rotta sud-ovest per nord-est, e non capire su uno schermo radar che l'aereo sta andando a sud, quando noi ne aspettiamo uno che va a nord?

* Come mai l'equipaggio del DC9 Itavia si comporta in questo modo anomalo?

"Come si può evincere dalla perizia Luzzatti, sembra quasi che quest'equipaggio sia avvezzo ad operare nell'ambito dei servizi segreti. Fa eccezione l'allieva di bordo Rosa De Dominicis. Pertanto, con una simile formazione, è ovvio che le risposte siano di tipo militare. Per cui, se viene detto al pilota di uscire dall'aerovia Ambra 13, che è quella che gli è stata assegnata, e di entrare in Ambra 17 invertendo la rotta, lui esegue".

* Ma dai radar avreste dovuto accorgervi dell'inversione di rotta.

"Noi controllavamo Ambra 17, perché aspettavamo qualcuno, non Ambra 13. Per cui se qualcuno fa fare al DC9 un'inversione di 180 gradi e lo fa passare nel punto Condor (un punto cieco per tutti i radar, che si trova al largo di Ustica) al posto dell'aereo di Gheddafi, noi troviamo il bersaglio".

* Quindi gli avrebbero detto verosimilmente di atterrare a Napoli?

"Si, a Napoli Capodichino".

* Ma non era un po' tardi per farlo virare? Il DC9 era già in fase di atterraggio.

"Ci sono due modi per giustificare questa manovra. La prima è l'indisponibilità dell'aeroporto: al pilota vengono comunicati una nuova aerovia e un nuovo punto di atterraggio. La seconda è che per motivazioni particolari il comandante deve assoggettarsi a questo ordine, In questo caso come ho già detto le motivazioni sarebbero militari. L'Itavia ha sempre avuto contatti con i servizi segreti. Il pilota sapeva di avere a bordo roba nostra, per cui può aver pensato di dover atterrare a Napoli Capodichino, perché era a Napoli che doveva consegnare il materiale. In realtà, invece, era per farlo abbattere. I curriculum dell'equipaggio danno adito a presumere che la loro formazione sia di tipo militare o prettamente militare. Vi sono documenti della perizia Luzzatti a pagina 5, ove risulta ad esempio, che il capitano Domenico Gatti ha conseguito il brevetto di pilota civile di terzo grado nel '67, e quello di ufficiale di rotta di prima classe nel '68. La cosa è alquanto strana: prima si devono conoscere le rotte, poi si può diventare piloti".

* Chi ha deciso di mettere in mezzo l'Itavia?

"Stranamente la compagnia aerea Itavia aveva come vice-presidente il generale Cinti. La presenza di un così altro ufficiale ingenera qualche perplessità, considerando anche che l'Itavia si avvaleva di velivoli a nolo. L'obiettivo per noi era Gheddafi. Però non potevano permetterci di farci abbattere il suo aereo se qualcuno invece intendeva proteggerlo. Se però non arriva l'aereo, come tutti i piani strategici dicono, sono pronte una seconda e una terza mossa da attuare, per cui l'insurrezione ci sarebbe stata comunque. Così ci viene dato in pasto un altro aereo, che viene abbattuto credendo sia quello di Gheddafi. Quando ci viene comunicato che l'apparecchio è civile, è troppo tardi per attuare i piani di emergenza e chiaramente l'operazione fallisce. C'è da rilevare in questo senso una cosa stranissima: il TG1 dà notizia del velivolo Itavia disperso alle 21:15. L'aereo ha l'impatto alle 20:56; è passato troppo poco tempo per non destare il sospetto che qualcuno avesse interesse a comunicare subito ai media che un aereo civile era precipitato".

* Ma non sarebbe bastato non abbattere nessuno?

"No, perché quando scatta un'operazione del genere non è possibile fermarla. Hai dei piani strategici e sei inarrestabile. Nel momento in cui diventi operativo in queste cose non c'è niente e nulla che possa fermarti: neanche il Presidente della Repubblica".

* Perché Gheddafi non doveva essere abbattuto?

"Allora, adesso deve scattare la seconda analisi: l'operazione si ferma, va tutto a puttane. Per capire Ustica bisogna andare avanti nel tempo: due mesi dopo alcune lobby economiche riconquistano i pacchetti azionari detenuti dalla Libia. La FIAT ad esempio, da "Fabbrica Italiana Automobili Tripoli", torna "Fabbrica Italiana Automobili Torino"; altro vantaggio strategico è che decade il protettorato libico su Malta, ove il regime di Gheddafi stava costruendo rampe di missili. L'Italia riesce ad ottenere il petrolio, nonostante le difficoltà. Bisogna ricordare che il petrolio libico è uno dei più pregiati perché contiene la più alta percentuale di benzina ricavabile dal greggio. è tutta una concatenazione di eventi".

* Dalla registrazione delle conversazioni tra i piloti si è scoperto che l'ultima parola di uno dei due è stata "Guar...", che si presume stesse per "Guarda!". Non avrebbe dovuto essere registrato anche l'ordine di passare da Ambra 13 ad Ambra 17 e di invertire la rotta?

"Quelle cassette sono stranamente più corte della durata del volo. Quando vennero trovate si scoprì quest'anomalia macroscopica. Considerando poi che il volo è decollato con un notevole, documentato ritardo, e che i due registratori entrano in funzione dal momento in cui si chiudono i portelli, pare ancora più strano che di questo lasso tempo non vi sia traccia nelle cassette. C'è anche la possibilità che queste ultime siano già state ritrovate in precedenza, e che siano state manomesse e ricollocate dov'erano.".

L'AFFONDAMENTO

* Cosa successe dopo che l'aereo ammarò ?

"Per inibire la procedura d'emergenza dopo l'ammaraggio avvertirono il comandante che aveva a bordo nella stiva degli ordigni al fosforo, e che l'applicazione di questa procedura avrebbe sicuramente provocato un'esplosione. Gli Sparvieri probabilmente imbragarono il velivolo per sostenerlo nel galleggiamento, in attesa che arrivassero i mezzi di soccorso. A bordo del Nimrod venimmo a sapere da loro che l'aereo era un velivolo civile italiano, e la base di Decimomannu ce lo confermò subito dopo. Il comandante del DC9 probabilmente diede disposizione di non abbandonare il velivolo, riuscendo a mantenere la tranquillità tra i superstiti, confortati nel vedere il velivolo imbragato. Stranamente un alto ufficiale della marina e poi deputato, Falco Accame, affermò in una nota dell'ADN Kronos che si potevano salvare parecchie vite umane dal DC9. Accame non specifica quale sia la fonte da cui attinge quest'informazione o se sia un episodio vissuto in prima persona. Resta certo però che l'onorevole Falco Accame ha sempre ribadito questa sua versione dei fatti."

* Che cosa avvenne a quel punto?

"Alle 23.30 il comando operativo diede ordine al sottomarino inglese, che aveva a bordo gli uomini del SBS, di recarsi nel punto in cui era ammarato l'aereo. Gli ordini, impartiti in codice, furono di farlo inabissare con cariche morbide di Dynagel, dal momento che contro ogni dato scientifico l'aereo galleggiava ancora. La decisione dell'inabissamento "chirurgico" era stata presa perché i passeggeri e l'equipaggio potevano essere letali, considerando anche la presenza a bordo di un giornalista, che avendo vissuto sulla pelle un simile evento certamente non si sarebbe lasciato intimidire. I corpi recuperati indossavano il giubbotto salvagente ed erano privi di scarpe. Tutto questo comprova l'emergenza vissuta a bordo e il fatto che furono attuate tutte le misure di sicurezza previste in simili situazioni. I corpi erano anneriti dalla reazione provocata dal contatto con l'acqua salina del fosforo bicomponente che il DC9 stava trasportando. Invece i corpi recuperati a parecchie centinaia di miglia dall'ammaraggio, catapultati nel vuoto per effetto della depressurizzazione, erano privi di giubbotto di salvataggio. Un ulteriore dato che conferma l'ammaraggio è che tutte le vittime recuperate avevano i timpani rotti a causa della rapida discesa da 6200 metri a 3000 effettuata per annullare gli effetti della depressurizzazione".

* Chi era il giornalista che era a bordo dell'aereo?

"Era il fratello di Daria Bonfietti, oggi presidente dell'associazione parenti delle vittime di Ustica".

* Quanto tempo sarebbe rimasta la gente, viva, all'interno dell'aereo?

"Parecchie ore".

* Da chi è arrivato l'ordine di far affondare l'aereo?

"Dalle eminenze grigie. Ma bisogna capire chi sono le eminenze grigie: si può essere a livelli di primi ministri o di delegati di primi ministri".

* L'esplosivo per far esplodere l'aereo non ha lasciato tracce?

"Qualche traccia sì: qualcosa dalle prove metallurgiche si trova ancora".

* è stato trovato del TNT.

"Che, non a caso, è un componente del Dynagel".

* Ma non era un rischio usare un esplosivo di cui si sarebbero potute trovate tracce?

"Infatti il Dynagel lo si ritrova in componenti, ma non nell'integralità della miscela che lo compone. è un esplosivo particolarmente idoneo per un certo tipo di cose: la salinità dell'acqua marina lascia disperdere alcuni componenti e ne lascia ritrovare degli altri. Gli SBS non sono gli ultimi cretini: sanno quello che fanno".

* Di Mario Naldini cosa mi sa dire?

"Poco o niente: non era nella nostra sfera".

* è uno dei piloti delle Frecce Tricolori morto nell'incidente di Ramstein.

"La cosa più brutta di Ustica è quella di cercare di sporcare le persone, di assegnare loro ruoli che non gli appartengono e di fargli vestire abiti che non hanno. L'accusa che gli viene fatta, ovvero che fosse in volo quella sera, non è credibile. Anche perché ciò che doveva volare il 27 giugno 1980 è stato deciso nella pianificazione. Naldini non era sicuramente in volo quella notte o, se era in volo, non era sui cieli di Ustica".

* Quindi fare il suo nome sarebbe stato un tentativo di depistaggio?

"No, è stata usata una persona deceduta perché non può esporre la propria versione. Troppo facile parlare di chi non ha più la possibilità di replicare".

I SOCCORSI

* Fra l'altro, anche se si fosse trattato di un normale incidente, i soccorsi sono partiti con un ritardo clamoroso.

"Si, ma con un'eccezione: il Gipsi Buccaneer alle 21:04 captò, grazie ad uno sforamento di qualche secondo dell'ombrello elettronico che inibiva le comunicazioni, il "MayDay" dell'aeromobile Itavia che comunicava il punto stimato dell'ammaraggio. Il Gipsi Buccaneer cercò di farsi ripetere le coordinate dal DC9; rispose invece la Vittorio Veneto, comunicando di proposito un punto errato. Il comandante si diresse verso il luogo indicato dalla Vittorio Veneto, e dopo aver perlustrato attentamente senza trovare traccia dell'aereo, alle 02:00 decise di recarsi nel punto da loro stessi captato. Alle 05:30 giunsero a 3 miglia dal relitto. Fecero in tempo solo a vedere la timoniera affondare. Il comandante del Gipsi morì stranamente qualche anno dopo; l'ingegnere di bordo tentò di dire che cosa avvenne ma fu convinto a non farlo. Per la cronaca, dopo Ustica il Gipsi Buccaneer ottenne contratti vantaggiosi in Asia. Anche il traghetto Napoli-Palermo captò il punto d'ammaraggio diramato dalla Vittorio Veneto e deviò la sua rotta. La Vittorio Veneto, in ossequio agli ordini ricevuti, continuava a convogliare tutti i natanti lontano dal punto d'ammaraggio e, per rendere più credibile il punto, aveva inviato anche parte della squadra e alcuni elicotteri. Il punto nautico dove venivano inviati i soccorsi era un punto realistico, non reale, infatti era la zona dove si potevano trovare i corpi delle vittime scaraventate nel vuoto per l'effetto della depressurizzazione. La Vittorio Veneto venne poi mandata al carenaggio perché fosse trasformata nella "tuttoponte" Garibaldi,
permettendo così la smobilitazione di tutto l'equipaggio. Il recupero delle parti dell'aeroplano e del suo carico è potuto iniziare solo la mattina del giorno successivo all'incidente, a causa dell'oscurità e della forza del mare durante la nottata. Questa è la dichiarazione dell'ammiraglio, comandante della squadra della Vittorio Veneto. Il mare a Ustica era a forza due. Come fa una squadra come quella della Vittorio Veneto a non poter intervenire? è di carta? Col mare aforza due si fa tranquillamente il bagno. Il massimo di forza del mare a 10: quando è a 2 lo si può paragonare alla scia lasciata da un off-shore".

RANDAGIO

* Com'è che da ex tenente colonnello del Sismi è stato costretto a questo tipo di vita?

"è molto semplice: mi hanno bloccato tutte le prospettive finanziarie e le possibilità di lavoro. Che alternative può avere un uomo in queste condizioni? Andare a ritrattare, come hanno fatto altri, e avere il portafoglio pieno, oppure restare coerente con sé stesso. è così che ci si ritrova in mezzo ad una strada".

* è possibile che i servizi, nel corso di questi anni, non abbiamo mai tentato di ucciderla?

"Quattro volte. Però dopo l'ultima ho mandato un chiaro messaggio. Se io crepo allora non si tratterà più soltanto di coprire Ustica. Ustica verrà insabbiata, ma allora chi di dovere dovrà spiegare gli altri operativi che ho fatto: Afghanistan, Ciad, Iran. Ci sono tre notai che hanno in mano documenti che sono autorizzati a divulgare in caso di mia morte".

* Lei ritiene di essere ancora sotto controllo?

"Può darsi di sì, come di no. Se sì, possono rimanere soltanto delusi, sarebbero soldi spesi inutilmente. Se no, vuol dire che sono abbastanza intelligenti".

* Si è ancora lontani dalla conclusione?

"Non ci può essere conclusione. La mia testimonianza ha provocato l'incriminazione di tutti questi generali, ed io nell'80 ero solo un capitano che comunque aveva alle spalle un operativo come quello dell'insediamento di Komeini in Iran. è possibile anche solo pensare che non ci sia un qualche generale che sappia molto più di me? Ustica è collegata a tante altre cose. A Vacant Cosmic soprattutto. La disintegrazione di Vacant Cosmic è importantissima per capire anche fatti di stretta attualità. Gente che era abituata ai soldi, e che tutto sommato ha svolto i lavori che gli erano stati commissionati, può anche essere portata a non accettare di avere le tasche vuote. Una parte di questi uomini, ad esempio, è stata reclutata per andare a combattere in Croazia. Gente come noi sul mercato ha un grande valore. Da qui possono nascere le deviazioni. Un esempio per tutti: la banda Savi, di cui si parla sempre a sproposito. Ebbene, secondo me la banda Savi non è niente più e niente di meno che un filo del Sisde che rientra sotto le squadrette "K", "Scorpioni", "Ossi". La banda Savi è una di queste squadrette che ad un certo punto è sfuggita al controllo e si è messa a fare i fatti suoi. Questo spiegherebbe ad esempio perché utilizzassero armi in dotazione solo ai servizi segreti, come il famigerato fucile sottoposto a perizia balistica dopo la strage del Pilastro- è mia opinione che non esistano appartenenti alle forze dell'ordine di qualsiasi livello che impazziscono di colpo. Se andavano a rapinare è perché sapevano di avere il culo coperto. E questo, ripeto, è solo un esempio."

* Quali sono, adesso, le sue richieste?

"Considerata la condizione in cui siamo, una roulotte sa già di casa. Ecco, vorrei solo una roulotte. Certo, sarebbe bello avere anche qualche soldo per potersi iscrivere ad artigianato. Potremmo, io e il mio compagno d'avventure, metterci in giro a lavorare come fanno ad esempio gli impagliatori di sedie, e magari potrebbe essere il primo passo per risalire. Bisogna anche considerare che ho un compagno di viaggio che non ha voce. Lui ha perso casa e lavoro, e adesso si ritrova sulla strada, senza prospettive. Io ho almeno Ustica di cui parlare: un filo di voce mi è rimasto, ma a nessuno verrebbe in mente di andare ad intervistare lui. Con una roulotte e la possibilità di lavorare, il trenta-quaranta per cento della gente che è per strada può risorgere. E un'operazione del genere su ogni singola persona è un investimento di cinque-seicento mila lire. Io e lui siamo comunque tra i più fortunati di Milano. I condomini dei caseggiati qui intorno ci rispettano, perché sanno che non facciamo niente di male. Ogni sera viene giù qualcuno, saluta, si interessa, fa domande, se ha qualcosa da mangiare ce la porta giù. Qui non siamo trattati male, ma è sempre la vita di un pavimento."

PRIMI ATTORI, COMPRIMARI E COMPARSE

Guglielmo Sinigaglia indica nel generale Franco Ferri, vice capo di Stato Maggiore e braccio destro del generale Bartolucci l'"eminenza grigia", colui che coordina i depistaggi e gestisce il Generale Tascio.

Il generale Zeno Tascio (che nel 1979 assume il comando del SIOS) sarebbe stato il braccio operativo dei Generale Bartolucci. Sinigaglia afferma che egli ebbe un ruolo di primo piano nella vicenda del Mig precipitato sulla Sila. Tascio sapeva che il Mig di Yuri Grecko era arrivato in gennaio, eppure, una volta designato a condurre la commissione militare d'inchiesta giunse alla seguente conclusione: “Il velivolo libico non era armato e non era dotato di serbatoi supplementari. Se il Mig fosse veramente partito dalla Libia e fosse stato privo dei serbatoi supplementari non avrebbe poi potuto far ritorno alla base, dal momento che il Mig 23 ha un difetto poco noto: nello sganciare i serbatoi supplementari, cadono anche i traversini di sostegno, fatto che causa l'incendio del velivolo. Il SIOS per contrastare ogni eventuale ipotesi di collegamento tra Mig e DC9 si procurò alcune testimonianze di pastori che dichiararono di avere visto cadere il Mig il 18 Luglio. Tascio, secondo questa versione, depistò le indagini secondo le direttive impartite dalla CIA in sintonia con i suoi colleghi superiori: Bartolucci, Ferri, Melillo, Pisano, Rana.

Il generale Lamberto Bartolucci fu sin dal primo momento in sintonia con l'ipotesi di cedimento strutturale formulata dai generali Rana, Mangani e Torrisi. è necessario chiarire che secondo i documenti ufficiali le manutenzioni ordinarie e straordinarie erano state sempre eseguite dall'Itavia nel pieno rispetto delle norme che fissano i parametri gestionali di un aeromobile. Al momento del decollo il velivolo, siglato I-TIGI presentava soltanto due anomalie: la scaletta di bordo posteriore non era in grado di rientrare elettricamente e il vetro di copertura del cronometro del copilota era rotto. Danni di questo tipo non sono in grado di incidere sulla sicurezza in volo di un aereo. Lamberto Bartolucci gestisce il caso Ustica senza esporsi in prima persona, basandosi sulle relazioni dei suoi collaboratori.

Sinigaglia ritrae il generale Rana come colui che, nell'incapacità di prendere una decisione ebbe un ruolo importantissimo nell'alterazione dei tracciati radar, ricevendo l'appoggio della CIA, nella persona di Howard Stone. Poco dopo la tragedia di Ustica il Generale Rana si sarebbe recato negli Stati Uniti portando con sé i tracciati di almeno cinque centri radar da manipolare, senza avere alcuna autorità per farlo. Rana avrebbe collaborato attivamente con il Generale Ferri e la CIA concertando il depistaggio che il Generale Tascio avrebbe poi effettuato.

Il Generale Franco Pisano avrebbe invece avuto un ruolo rilevantissimo nell'operazione "Eagle Run to Run", e fu in seguito nominato presidente della commissione d'inchiesta dal Ministero della Difesa. Tale commissione operò per circa 9 anni e concluse le proprie indagini dichiarando: “L'aeronautica Militare non ha svolto nessun’attività nella sera del 27 Giugno 1980 e pertanto non ha avuto nessun ruolo e nessuna colpa nella sciagura aerea del DC 9 Itavia”. Pisano si smentisce da solo in seguito, una volta interrogato, affermando che l'aeronautica aveva fatto tutto ciò che poteva fare, consegnando i materiali a sua disposizione, senza averli visionati o interpretati. Franco Pisano ha denunciato Guglielmo Sinigaglia per calunnia e diffamazione, affermando di essere comandante di una scuola di volo, per cui non poteva avere niente a che fare con Ustica. Sinigaglia dimostrò invece che era a Cagliari da cinque giorni, che c'erano le prove del suo ingresso alla base di Decimomannu e che c'era la prova tangibile che lui, nel momento in cui scattò l'operazione "Eagle Run to Run" era nella sala operativa. In seguito fu accusato, in buona e numerosa compagnia, di alto tradimento.

Il Generale Giuseppe Santovito, capo del SISMI, sarebbe stato perfettamente a conoscenza di tutta l'operazione. Nel 1977 diede un nuovo impulso a "Stay Behind", intensificandone la specializzazione e l'operatività portando la struttura da 260 uomini a 1400 (divisi in squadrette che variavano da 6 a 12 elementi). A capo di queste squadrette vennero selezionati 200 uomini non "bruciati", appartenenti alla struttura preesistente.

Il Generale Paolo Inzerilli, vice del Generale Santovito e capo di "Stay Behind", secondo Sinigaglia avrebbe designato le squadrette che avrebbero preso parte all'operazione. Con il comando diretto di "Stay Behind" ottenuto nel 1979, il Generale Inzerilli diede nuove configurazioni alla struttura, ampliò il programma addestrativo, e fece ottenere armi migliori.

Anche il generale Romolo Mangani sarebbe stato a conoscenza di "Eagle Run To Run". Fu del resto il primo ad allinearsi al Generale Rana difendendo 3 ipotesi: il cedimento strutturale, l'effetto devastante di correnti a getto in quota e la bomba a bordo.

Sinigaglia dipinge l'ammiraglio Fulvio Martini come uno degli strateghi dell'organizzazione dell'insurrezione in Libia e dell'operazione "Eagle Run to Run". Voci mai confermate e mai smentite dissero che Martini spinse affinché venisse diffusa la notizia che l'incidente si era verificato in seguito ad un errore di gestione dell'esercitazione "Sinadex". Il CESIS sarebbe intervenuto ricordando che il segreto militare è il segreto di Stato.

Stando a quanto afferma Sinigaglia il capitano di vascello Sergio Bonifacio infranse per primo il segreto militare, recandosi dal procuratore e scavalcando la procedura gerarchica. In seguito il capitano Bonifacio modificò la sua prima versione e pose fine alla carriera militare.

Howard Stone, capo della CIA in Italia, consegnò al settimanale "Time" le foto in esclusiva del massacro compiuto a Tobruk in seguito al fallito tentativo di insurrezione. Fu un atto di forza incruento: gli americani segnalavano in questo modo che per compiere qualsiasi tipo di azione è necessario il loro benestare. Ingaggiò un braccio di ferro con il generale Santovito che portò alla caduta di quest'ultimo nell'ambito del SISMI.

Alessandro De Marenches, capo dello SDECE, nel dicembre del 1987 affermò in un'intervista che se avesse voluto parlare avrebbe potuto dire tutto riguardo ad Ustica ed altre operazioni attuate in collaborazione con l'Italia.

Il colonnello De Marol dell'SSE (Service de Securité Etrangère) fu il vero pianificatore dell'operazione Tobruk. Quando al piano di destabilizzazione venne apportata la variante del Mig, non si dimostrò molto propenso a sostenere l'ipotesi ma dovette allinearsi agli ordini. Fu il primo ed unico a pagare per la mancata riuscita dell'operazione, e fu "dimissionato". Per primo dichiarò che sospendere l'operazione Tobruk avrebbe aggiunto strage a strage, cosa che del resto si verificò, se si considera il massacro avvenuto.
-------------------------------------------------------------------
ADDENDUM N°1 - 2 ottobre 2011
A distanza di otto anni dal capitolo di cui sopra,

Documenti segreti sulla tragedia di Ustica


-----------------------------------
ADDENDUM N°2 - 28 gennaio 2013

Ustica, Stato condannato a risarcire vittime."Congruamente motivata la tesi del missile"



Nessun commento:

Posta un commento