-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

mercoledì 9 luglio 2014

Lettera a Papa Francesco sul peccato originale della moneta bancaria

Lettera a Papa Francesco sul peccato originale della moneta bancaria

Peccato originale della moneta bancaria e suo emendamento
Lettera a Papa Francesco
28 Giugno 2014

Santità,

Le scrivo l'essenziale di quanto ho scoperto in merito al peccato originale commesso all'atto della creazione della moneta bancaria moderna e come porvi rimedio tramite un semplice accorgimento di rettifica contabile. Il tutto allo scopo di sopperire all'impossibilità attuale di adottare la dottrina sociale della Chiesa finché perdurerà tra i fedeli l'adozione di una moneta bancaria asociale e corrotta che genera all'origine ogni sorta di ostacolo ed esclusione sociale nonché il sovvertimento dei diritti naturali delle persone. Nella stesura dello scritto che segue ho tratto ispirazione dal lavoro d'incredibile attualità di Nicolas Oresme, Vescovo di Lisieux nel 1377 (Traité des monnaies). Premetto che sarebbe utile io fossi presente qualora si discutesse in commissione finanze quanto segue, allo scopo di ribattere verbalmente ad eventuali obiezioni e per dimostrare scolasticamente le verità che espongo

Problema: La creazione della moneta bancaria non confessata

Nella pratica quotidiana ordinaria le banche creano moneta virtuale senza confessarne la creazione a loro favore nella contabilità ufficiale. Esempi: prestiti, mutui, assegni circolari, operazioni di cambio ed operazioni di deposito di contante. Ogni volta che la banca deve effettuare un impiego di moneta, essa la crea all'istante ma non la registra nella contabilità nella voce delle sue entrate. Non ne confessa la creazione a proprio vantaggio al puro scopo di ingannare il pubblico pretendendo di essere la banca un "istituto d'intermediazione finanziaria" quando invece è principalmente un istituto d'emissione di moneta bancaria (virtuale o cartacea, nel caso delle banconote). Con questo peccato originale il banchiere tiranno e bandito ottiene vari scopi malefici:

Scopi malefici conseguenti

1) Giustifica il suo guadagno non già dal signoraggio del 100% percepito su tutto il denaro virtuale che crea, il capitale, ma tramite l'introduzione degli interessi, dell'usura, che ha lo scopo principale di giustificare un guadagno bancario agli occhi del grande pubblico ingenuo. La gente crede infatti che le banche guadagnino dal differenziale tra gli interessi passivi pagati ed interessi attivi percepiti, mentre invece il grosso del guadagno bancario deriva dal reddito monetario effettivo (il signoraggio moderno) e riguarda il 100% di tutta la moneta circolante e, se confessato, renderebbe inutile e superflua l'applicazione degli interessi su prestiti e depositi. L'usura quindi è inutile, oltreché dannosa e illegale; 2) Inganna le autorità fiscali sul reale guadagno bancario in modo da evitare le tasse;
3)Inganna gli azionisti della banca sul reale guadagno dell'esercizio in modo da evitare la distribuzione di equi dividendi sulle azioni;
4) Crea un enorme falso buco contabile che dovrà essere ricoperto espropriando ingiustamente la comunità dei frutti del suo lavoro;
5) Crea una massa di denaro irresponsabile ed invisibile alla contabilità che - quando rientra come riflusso bancario - viene registrato solo come flusso che azzera i conti debitori, ma la sostanza rimane disponibile alla banca che può riciclarla segretamente tramite i canali di compensazione interbancari (Euroclear, Clearstream e SWIFT in Europa) addirittura usando conti non pubblicati, una specie di libro segreto virtuale che ricorda il libro segreto dei banchieri toscani usato dal 1200 in avanti. L'entità complessiva di tale denaro fantasma per l'anno 2013 in Italia ammonta a oltre 1400 miliardi di euro, 90% del PIL.

Ipotesi di uso degenere del denaro fantasma prodotto dal nulla

Si può facilmente immaginare che questo denaro fantasma venga poi usato per gli scopi più turpi (corruzione, destabilizzazione, illecito arricchimento, operazioni sporche, ecc..) che solo un'indagine interna approfondita sull'utilizzo effettivo dei conti internazionali della banca potrebbe rivelare.Soluzione: il rimedio al peccato originale bancario è la confessione contabile. Occorre quindi che ogniqualvolta la banca crea denaro, provveda immediatamente ad accreditarlo nelle sue entrate, prima di registrarlo nelle uscite.

Clonazione del denaro

Ad esempio, quando il cliente effettua un deposito contante, la banca crea denaro virtuale sul conto del cliente, ma non provvede a distruggere contemporaneamente il contante, raddoppiando così la quantità di denaro versato (clonazione). Deve invece provvedere a registrare a suo favore il denaro creato per evitare che il contante rimanga IN NERO nella sua disponibilità. Allo stesso modo, quando la banca presta denaro, prima di accreditarlo sul conto del cliente, prima di creare quindi il DEPOSITO, deve accreditarlo nelle sue ENTRATE e - solo dopo - nelle USCITE all'atto del prestito.

Impossibilità di andare in rosso

In questo modo la banca non potrebbe mai andare in rosso, cosa assurda per un istituto d'emissione monetaria, ed otterrebbe il suo guadagno di fine anno dalla differenza tra TUTTO il denaro creato e le spese d'esercizio della banca stessa.

Doverosa Rettifica Contabile e Benefici

Occorrerebbe quindi che tutte le banche rettificassero i bilanci passati, almeno dal 2013, per ottenere una situazione effettiva delle finanze bancarie e per impedire che i banchieri disonesti continuino ad obbligare la comunità dei fedeli a dissanguarsi in eterno per coprire i falsi passivi. I benefici per la prima banca che deciderà di adottare tale sistema contabile rettificato sono evidenti: possibilità di evitare interessi ed usura; onestà nella gestione che diventa redditizia non solo per la banca ma per tutta la comunità.

Legalità della rettifica contabile - Secondo razio normativa attuale

La rettifica contabile suggerita, la confessione contabile, avviene nel rispetto delle norme IAS8 e della circolare 262 della Banca d'Italia del 22 dicembre 2005 e secondo l'aggiornamento del 21 gennaio 2014, che così recita: “Se, in casi eccezionali, l'applicazione di una disposizione prevista dai principi contabili internazionali è incompatibile con la rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale, di quella finanziaria e del risultato economico, essa non deve essere applicata” (pag. 1.2.1). Mi limito a queste brevi note rendendomi disponibile per un approfondimento qualora Sua Santità lo ritenesse degno d'attenzione e ringrazio per la pazienza dedicata alla lettura della presente.

Cordialmente,

Marco Saba

Direttore della Ricerca Centro Studi Monetari

Mafia bancaria: il diritto/dovere civile all'obiezione fiscale

La mafia bancaria spiegata ai nostri figli