-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

martedì 24 dicembre 2019

Regno Unito: i primi biglietti di stato a corso legale

La prima cartamoneta governativa

Fonte: https://www.rbsremembers.com/remembers/banking-in-wartime/supporting-the-nation/the-first-government-banknotes.html

Nota del Tesoro da una sterlina, conosciuta come 'Bradbury', 1917

Allo scoppio della guerra, nell'agosto 1914, una delle prime priorità del governo fu quella di ritirare l'oro dall'economia circolante in modo che potesse essere destinato allo sforzo bellico nazionale. Inoltre, l'accumulo di monete d'oro e d'argento era molto diffuso, impedendo i normali piccoli pagamenti. Per garantire che le persone avessero ancora denaro nelle loro casse e tasche, il governo doveva invece introdurre denaro cartaceo.

In Scozia le banconote erano già ampiamente utilizzate, ma in Inghilterra e Galles il quadro era molto diverso. La Banca d'Inghilterra emise banconote per un valore di £ 5 e oltre, ma questa era una grande somma di denaro, paragonabile a più di £ 400 di oggi. La maggior parte delle persone non ha mai visto o usato le banconote.

Per sostituire efficacemente le monete d'oro, è stato necessario disporre di una grande quantità di banconote per i valori di 1 sterlina e di 10 scellini (cioè mezza lira sterlina). La Banca d'Inghilterra non è stata in grado di preparare e stampare il numero richiesto di banconote abbastanza rapidamente, quindi il governo ha preso le misure senza precedenti per decidere di emettere le banconote stesse. Saranno chiamate note del Tesoro o, ufficiosamente, "Bradburys", dopo la firma che portavano di Sir John Bradbury, segretario permanente del Tesoro. Avrebbero corso legale, nel senso che dovevano essere accettate quando offerte in pagamento di un debito; il creditore non poteva insistere per avere oro.

I disegni furono elaborati nel fine settimana dell'1-2 agosto 1914. Furono consegnati allo stampatore martedì 4 agosto, il giorno in cui la Gran Bretagna entrò in guerra. La vignetta incisa è stata presa in prestito da una esistente alla Royal Mint, e le note sono state stampate su carta francobollo - l'unica fornitura pronta disponibile al momento. Dopo due giorni di stampa continua, £ 6 milioni di nuove banconote da £ 1 sono state distribuite alle banche giovedì 6 agosto 1914, pronte per la riapertura di venerdì. Le banconote da £ 1 hanno permesso di superate nell'immediato la crisi e le banconote da 10 scellini - utili per transazioni più piccole - erano pronte una settimana dopo.

La grande fretta con cui furono preparate le statonote fu necessaria nell'immediata crisi, ma portò a problemi successivi per chiunque gestisse denaro contante, inclusi gli impiegati di banca. Per prima cosa, le note erano piccole, misurando meno di 13x7 cm - più piccole di una moderna nota da £ 5. Al contrario, una banconota della Banca d'Inghilterra di 5 sterline a quel tempo aveva le dimensioni di una copertina di un libro tascabile. In Parlamento un deputato li ha paragonati a "biglietti della lotteria". Le loro dimensioni ridotte li rendevano difficili da gestire. Un impiegato della Ulster Bank si è lamentato: "l'operazione di trattare un gran numero di note da 10 scellini è una prova severa anche per un artista di giochi di prestigio. In breve, le note sono troppo piccole per una rapida manipolazione."

Ci sono stati anche problemi con la falsificazione. Il design frettoloso aveva reso impossibile incorporare efficaci misure anticontraffazione. Peggio ancora, in Inghilterra e Galles le persone non erano abituate a maneggiare le statonote, quindi non sapevano individuare una falso. Inoltre, le persone si muovevano in tutto il paese più che in tempo di pace. I negozianti e gli impiegati di banca si sono trovati a trattare con stranieri, rendedo più facile per i falsari passare il loro lavoro in circolazione inosservato.

I "falsi" non sono sempre stati il ​​risultato di intenzioni criminali. Nel 1915, ci fu una raffica di casi di società che emettevano volantini pubblicitari nello stile delle note del tesoro. Intesi come riferimenti topici accattivanti, alcuni erano molto simili alle note che copiarono e in realtà trovarono la loro strada in circolazione, deliberatamente o per caso.

Nonostante le difficoltà, le note del Tesoro hanno svolto un ruolo vitale nel mantenere l'economia in movimento durante la prima guerra mondiale. Per la prima volta in Inghilterra e Galles, la moneta cartacea divenne una valuta normale, utilizzata dalla gente comune. Dopo la guerra, il suo uso è continuato. Le banconote del tesoro furono emesse fino al 1928, e successivamente la Banca d'Inghilterra assunse la responsabilità dell'emissione di banconote da £ 1 e da 10 scellini.