-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

domenica 9 settembre 2018

LE BANCHE CONTRO LA DEMOCRAZIA


LE BANCHE CONTRO LA DEMOCRAZIA: 
come il potere si è spostato dal Parlamento al settore bancario

28 giugno 2012 da Positive Money 

Originale: http://positivemoney.org/2012/06/banking-vs-democracy-how-power-has-shifted-from-parliament-to-the-banking-sector/

Ogni volta che vengono prese delle decisioni importanti sul futuro del Regno Unito, le telecamere dei notiziari vengono puntate sui giornalisti che stanno di fronte al Parlamento. Ma il Parlamento è davvero il posto dove vengono prese le decisioni chiave oggi, o il potere si è accasato nel settore finanziario della City di Londra ?

Questo rapporto di Positive Money scopre un sistema bancario che ha più "potere di spesa" rispetto al governo democraticamente eletto, nessuna responsabilità nei confronti del popolo e una massiccia concentrazione di potere nelle mani di pochi individui.
 
Tuttavia, la più grande preoccupazione è che il governo abbia ceduto uno dei suoi più importanti poteri - il potere di creare denaro e controllare l'offerta di denaro - al settore privato, che ha sfruttato questo potere per far esplodere le bolle immobiliari e indirettamente trasferire ricchezza verso l'alto e verso l'interno, con risultati disastrosi. Non c'è stato alcun dibattito democratico su questo trasferimento di potere, e nessuna legge ufficializza attivamente l'attuale situazione.Come hanno dimostrato gli ultimi anni, il settore bancario può avere un grave impatto negativo sulle nostre vite. Lasciandolo con un tale potere enorme e irresponsabile, non è più probabile che funzioni nel migliore interesse della società o della democrazia nel futuro di quanto non sia stato in passato.

 
Una panoramica:La cessione del potere di creare denaro al settore bancario

Nel sistema attuale, le banche creano la maggior parte del denaro nel Regno Unito, sotto forma di depositi bancari elettronici che appaiono nel tuo conto bancario. Creano questi soldi senza tener conto di quanto sia necessario per l'economia e la società nel suo complesso per operare in modo efficace e destinano oltre il 90% di questi fondi a attività che non contribuiscono alla crescita dell'economia reale.Questo potere di creare denaro causa un'inflazione che trasferisce insidiosamente la ricchezza dai risparmiatori e coloro che detengono la loro ricchezza in contanti (vale a dire i poveri e quelli con redditi medi) verso coloro che sono abbastanza ricchi da detenere la loro ricchezza in altri beni (come le proprietà). Dare alle banche del settore privato un monopolio sulla creazione di moneta significa anche che ogniqualvolta occorra ulteriore denaro nell'economia, solo le banche private possono fornirlo. In effetti, l'intera massa monetaria deve essere affittata dal settore bancario, a un costo elevato per l'economia. La creazione di moneta elettronica è un servizio che potrebbe essere fornito dal governo senza alcun costo per nessuno.Il modello di business che consente alle banche di creare denaro - così lontano dalla percezione popolare delle banche come semplici intermediari tra risparmiatori e mutuatari - è intrinsecamente instabile e richiederà sistematicamente salvataggi periodici finanziati dai contribuenti. Il costo di questi salvataggi devia le entrate dalle attività che il governo è stato eletto per fare, compromettendo la sua capacità di soddisfare i suoi obiettivi democraticamente imposti.Lasciare questo potere per creare denaro al settore privato crea un grave deficit democratico: un processo che molti considererebbero l'unica prerogativa dello stato è nelle mani di corporazioni che non hanno responsabilità verso il grande pubblico e i cui interessi sono completamente opposti a quelli della società nel suo insieme.Sopravvalutare il vero contributo del settore bancario

Politici e responsabili delle politiche sono male informati sul vero contributo del settore bancario perché mostrano solo il lato positivo del contributo del settore alle finanze pubbliche, cioè le tasse che pagano. Il contributo complessivo del settore bancario britannico all'erario è pari a circa il 6% delle entrate fiscali complessive. Nell'anno in cui il settore bancario ha pagato la sua più alta tassa, il settore manifatturiero ha pagato oltre tre volte di più.La società ora è profondamente consapevole del costo diretto per il contribuente di salvare le banche, ma una minore attenzione è rivolta alle sovvenzioni nascoste di cui beneficiano, anche nei bei tempi. In primo luogo, a causa di garanzie implicite ed esplicite del governo, quando una banca prende in prestito denaro lo fa a un tasso di interesse inferiore a quello che sarebbe in grado di fare altrimenti. In secondo luogo, rinunciando al potere di creare denaro, il governo rinuncia a un'importante fonte di entrate, il che si traduce in maggiori imposte, minori spese o un debito nazionale più ampio. Al contrario, le banche beneficiano finanziariamente del potere di creare denaro. Questi sussidi nascosti superano di gran lunga le tasse pagate dalle banche.Nessuna responsabilità verso i clienti

A differenza dei fondi pensione, le banche non sono tenute a rivelare come useranno i soldi dei loro clienti. Poiché il 97% della massa monetaria del Regno Unito è effettivamente detenuta presso le banche, ciò consente loro di stanziare una somma di denaro maggiore rispetto all'intero settore dei fondi pensione o allo stesso governo eletto. Di conseguenza, l'economia del Regno Unito è modellata sulle priorità di investimento del settore bancario, piuttosto che dalle priorità della società.Solo cinque banche detengono l'85% del denaro del Regno Unito, e queste cinque banche sono guidate da soli 78 membri del consiglio di amministrazione le cui decisioni influenzano l'economia del Regno Unito.
Si tratta di un'enorme quantità di potere concentrato in pochissime mani, con quasi nessuna trasparenza o responsabilità verso il pubblico.Lo stretto rapporto tra banca e governo

È impossibile sapere quanta influenza il settore finanziario ha sulla politica, ma certamente dedica risorse sostanziali per ottenerlo. Il settore finanziario fa grandi donazioni ai partiti politici: il partito conservatore è finanziato al 50% da donatori associati all'industria finanziaria e ottiene un "pass per il backstage" per incontrare il primo ministro in cambio di una donazione annuale di 50.000 sterline, sollevando la questione se 'denaro per l'accesso' sta sovvertendo il processo politico.Il lobbismo è un dato di fatto della vita politica e solo il politico più ingenuo non riuscirebbe a tenere conto del suo programma naturalmente sfacciato. Tuttavia, le risorse dei lobbisti del settore bancario superano di gran lunga quelle di altri settori e quindi le opinioni del settore bancario potrebbero affogare quelle della società civile.La stretta relazione tra il settore bancario e il suo principale organo di regolamentazione, la FSA, dovrebbe essere preoccupante, soprattutto considerando gli accadimenti degli ultimi anni. La porta girevole tra le banche e i loro regolatori gira più velocemente nel Regno Unito che in qualsiasi altro paese oltre alla Svizzera e un ex primo ministro ora fa il consulente per una delle più grandi banche di investimento del mondo, per uno stipendio circa 12 volte superiore a quello che guadagnava come Primo Ministro .Implicazioni politiche

Alcune modifiche economicamente semplici al sistema bancario restituirebbero il potere al popolo e ripristinerebbero un certo livello di controllo democratico sull'economia. Queste modifiche sono:

   -
Le banche dovranno chiedere il permesso ai loro clienti prima di prestare i loro soldi.

  - 
Fate in modo che le banche rivelino in che modo il denaro dei clienti sarà investito, in modo che i membri del pubblico possano rifiutarsi di finanziare attività con le quali non sono eticamente a loro agio.

-   
Rimuovere il potere di creare denaro dalle banche e restituirlo a un organismo democraticamente responsabile.Fare questi cambiamenti contribuirebbe a correggere il deficit democratico nel settore bancario e limiterebbe la capacità del settore bancario di danneggiare la società. Dopo l'esperienza degli ultimi anni, questi sono cambiamenti che devono essere fatti urgentemente.