-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 6 maggio 2019

La Grecia e la crisi globale del debito


Grecia e crisi del debito globale
Thomas H. Greco, Jr.

Pubblicato il 4 maggio 2019


Sommario

La crisi del debito greco è emblematica di un più generale modello decennale di sfruttamento economico e politica reazionaria che minaccia non solo l'Unione europea, ma anche la stabilità dell'infrastruttura finanziaria globale e della civiltà democratica occidentale. La situazione richiede una diversa forma di globalizzazione, non dominata da banche e società transnazionali, ma basata sull'autodeterminazione e sull'autosufficienza locale e basata sul controllo locale e interno di denaro, credito e finanza . La Grecia (e altri paesi debitori) può recuperare una misura di sovranità e ricostruire la propria economia combinando la "valutazione del debito" con azioni pubbliche e private per la creazione di liquidità interna.

 
            Nell'estate del 1977, per la prima volta mi sono avventurato all'estero dal Nord America in un viaggio per esplorare antiche civiltà, culture e religioni e per sperimentare la vita contemporanea in Egitto, Israele e Grecia. Durante la mia odissea di sei settimane, ho potuto visitare le Piramidi, passeggiare sulla Terra Santa, e visitare le rovine del tempio di Atene e Delfi.

Ad un certo punto, mentre ero al Cairo, mi sono imbattuto in una scena che mi ha molto turbato. C'era un piccolo asino attaccato a un enorme carro che era carico fino in fondo con le cipolle. Mi sentivo nauseato mentre guardavo il povero animale steso su un fianco che veniva frustato da un uomo nel vano tentativo di destarlo al compito di spostare quello che sembrava essere un carico impossibile. Come straniero in una terra straniera, mi sentii impotente ad intervenire e rapidamente mi allontanai. Spesso mi chiedo quale possa essere stato il risultato finale, ma nella mia immaginazione vedo l'uomo con la frusta in piedi sul corpo senza vita di quell'animale che giace per strada e che piange preoccupato e frustrato.

LA PREDICA GRECA

Ora, quando contemplo l'attuale situazione della Grecia, mi viene in mente quell'immagine. Vedo la Grecia come un animale malconcio e moribondo, sovraccaricato di debiti che vanno oltre la sua capacità di servizio e fugati dai suoi creditori nel vano tentativo di farlo pagare. Nella mia mente vedo un futuro in cui la carcassa morta della Grecia viene scolpita e distribuita tra le istituzioni creditrici. In realtà, la Grecia sopravviverà, ma sotto una nuova gestione (straniera), poiché è costretta a vendere i suoi beni ai prezzi di vendita.

Agli occhi dei tedeschi e di altri creditori, rappresentati dalle cosiddette istituzioni della "troika" (la Commissione europea, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale), il popolo greco è un freeloader pigro che ha vissuto "in alto il maiale "a loro spese, e chi ora si rifiuta di ripagare ciò che hanno preso in prestito.

Ma c'è un altro aspetto della storia che dipinge un'immagine diversa, e anche se c'è un po 'di verità in quella caratterizzazione, cosa c'è da guadagnare dai creditori che insistono sulla loro "libbra di carne"? Mentre la civiltà è progredita, le prigioni del debitore sono state eliminate e sono state istituite leggi in materia di fallimento per proteggere le persone e le società dai creditori che insistono nel raccogliere più di quanto i debitori, per qualsiasi motivo, siano in grado di pagare. Perché le nazioni non possono essere considerate le stesse considerazioni?


Prima di tutto, non è stato il popolo greco a fare il prestito, è stata una serie di governi greci che sono stati corrotti, costretti o sedotti ad assumere una serie di debiti sempre più gravosi. La Grecia è stata attirata nella trappola del debito dalla quale sembra impossibile evadere. Ellen Brown ha riassunto nel suo articolo The Greek Coup: Liquidity as a Weapon of Coercion, alcune delle molte mosse che sono state fatte per intrappolare il governo greco e, per estensione, il popolo greco (1) :

 • Lo schema derivato di Goldman Sachs del 2001, che ha raddoppiato il debito della nazione entro il 2005. 
• La crisi del credito indotto dalle banche nel 2008; in cui il governo greco è stato costretto dalla BCE a salvare le proprie banche private insolventi.
• Esagerazione criminale intenzionale del 2009 del debito greco da parte di un Eurostat, che ha dato il via al primo piano di salvataggio e alle misure di austerità. un tecnocrate non eletto, ex governatore della Banca di Grecia e in seguito vice presidente della BCE, che ha rifiutato una ristrutturazione del debito e ha supervisionato un secondo massiccio piano di salvataggio (il 90% è andato alle banche) e ulteriori misure di austerità. 
• Dicembre 2014, Goldman Sachs avverte che la liquidità della banca centrale potrebbe essere interrotta se il partito Syriza fosse eletto. 
• Quando è stata eletta a gennaio, la BCE ha risanato la minaccia, riducendo la liquidità bancaria a un rivolo.
• Quando il primo ministro Tsipras ha indetto un referendum pubblico a luglio in cui gli elettori hanno respinto la brutale austerità imposta a loro, la BCE ha chiuso le banche.
• Il nuovo accordo di salvataggio in corso costringe il governo greco a cedere i suoi beni pubblici agli stessi interessi privati ​​che hanno causato la crisi. 

E dove sono finiti tutti i soldi del salvataggio? Un recente studio accademico della European School of Management and Technology mette in evidenza l'assoluta inutilità dei programmi di salvataggio nel tirare la Grecia fuori dal pantano della schiavitù del debito e della depressione economica. Il rapporto conclude:
 Questo documento fornisce un'analisi descrittiva del luogo in cui il denaro di salvataggio greco è andato dal 2010 e rileva che, contrariamente a quanto si crede, meno di 10 miliardi di euro o una frazione di meno del 5% del programma complessivo è andato al bilancio fiscale greco. Al contrario, la stragrande maggioranza dei soldi è andata ai creditori esistenti sotto forma di rimborsi di debiti e pagamenti di interessi. Il conseguente trasferimento del rischio dal settore privato al settore pubblico e il conseguente trasferimento del rischio all'interno del settore pubblico da organizzazioni internazionali quali la BCE e il FMI a meccanismi di salvataggio europei come l'ESM costituiscono ancora la sfida più importante per raggiungere un obiettivo situazione fiscale sostenibile in Grecia.(2)

Gran parte del coinvolgimento iniziale di Goldman Sachs era finalizzato ad aiutare la Grecia ad apparire qualificata, quando non lo era, ad entrare nell'unione monetaria dell'euro. I forti sentimenti eurocentrici e la frustrazione per l'inflazione della dracma hanno reso popolare l'adozione dell'euro nella popolazione greca. Ma il giornalista investigativo Greg Palast, con Michael Nevradakis, ha fatto alcuni argomenti convincenti che "l'euro stesso. . . è il virus responsabile dei mali economici della Grecia " e che " l'imposizione dell'euro aveva un unico obiettivo: porre fine allo stato sociale europeo ". (3)

Se così fosse, allora non è solo la Grecia che è stata un obiettivo. Palast e Nevradakis continuano, sottolineando: "Ogni nazione dell'Eurozona, incapace di controllare né il valore della propria valuta, né il proprio bilancio, né la propria politica fiscale, potrebbe competere per le imprese tagliando regolamenti e tasse". l'intenzione o meno, la partecipazione della Grecia all'unione monetaria dell'euro rende quasi impossibile correggere i suoi deficit commerciali nei confronti degli altri paesi dell'eurozona. Si può sostenere che, in termini reali, la Germania e altri paesi della zona euro sono stati in grado di acquistare beni e servizi greci a prezzi stracciati, mentre vendevano i propri prodotti ai greci con un premio.

 Ma la crisi in Grecia è solo un sintomo di una malattia molto più pervasiva, una che è globale e colpisce ogni nazione e ogni individuo nel mondo. Al momento stiamo vivendo una competizione per la sovranità tra i sostenitori del "governo del popolo" da una parte e dall'altra la cabala globale dell'élite che ha guidato per lungo tempo il mondo verso un "nuovo ordine mondiale" neofreudale, "Una cabala il cui potere è basato sul controllo delle macchine del denaro, delle banche e della finanza (Figura 1). Hanno creato un sistema basato sul debito, basato su interessi, in cui i debiti aumenteranno sempre più rapidamente rispetto all'offerta di denaro disponibile per pagarli. Questo è un imperativo obbligato per la crescita del debito, collettivamente in una situazione impossibile. Il sistema è quindi illegittimo, immorale e illegale.

 Figura 1: Abdicare alla sovranità nazionale attraverso la privatizzazione della moneta, Thomas H. Greco

 Il loro controllo sulla creazione di denaro e l'allocazione del credito ha permesso a quei pochi al vertice della piramide bancaria / aziendale di controllare la politica mondiale e di promuovere una serie di tagli e trattati fiscali che, in nome della crescita economica e " libero scambio ", hanno indotto i governi a cedere sempre più potere nelle mani di questa élite bancaria e aziendale. Alla luce di ciò, è chiaro che il governo democratico è in grave pericolo, non solo in Grecia, ma ovunque nel mondo. In breve, le dimensioni dell'attuale situazione della Grecia (e di altri paesi debitori) includono un incredibile peso del debito, un calo della produzione economica, un'elevata disoccupazione, un bilanciamento degli scambi avverso, l'austerità imposta e la perdita di sovranità. La Grecia ha, in effetti, con l'aiuto dell'FMI, diventare una colonia interna della Commissione europea e un istituto bancario.

L'AMBIENTE GRECO

Negli ultimi anni ho visitato diverse volte la Grecia, ho lavorato con alcune innovative iniziative di base e ho consultato diversi autori per capire non solo la genesi e le dimensioni della crisi del debito greco, ma anche la cultura e la mentalità greca. . Come di solito accade, le opinioni di diversi autori spesso sono in conflitto. Il meglio che posso fare è elencare alcune delle loro asserzioni e consigliare al lettore di trarre le proprie conclusioni. Un'analisi completa SWOT (4) va oltre lo scopo del capitolo, ma evidenzierò alcuni dei fattori che sembrano essere significativi. 


Secondo Aristos Doxiadis, (5) i greci tendono ad essere individualisti o familiari, "non obbedienti né cooperativi, possiedono una mentalità a somma zero e hanno il senso del diritto." Egli sostiene che ricostruire l'economia greca richiederà un'interazione creativa con le realtà sottostanti della società greca: la famiglia, la piccola impresa, le abitudini di affittanza e di bassa - trovare l'opportunismo. Nikos Tsafos, che secondo alcuni dei miei amici greci è eccessivamente critico e non aggiornato, elenca i seguenti problemi nel suo libro, Beyond Debt. (6) 

• Un servizio civile inefficiente
• Ingiustizie pensionistiche
• Corruzione e clientelismo
• Evasione delle tasse
• Ambiente imprenditoriale inospitale
• Eccessiva regolamentazione del settore delle piccole imprese
• Occupazione inflessibile
• Mancanza di competitività
• Statistiche inaffidabili.


Ma mi sembra che alcuni di ciò che questi autori vedono come svantaggi siano in realtà punti di forza. I greci hanno una serie di vantaggi che li rendono resilienti e consentiranno loro di resistere allo sfruttamento e alla fine di reclamare la propria sovranità. Qui ce ne sono un po:


• La piccola impresa familiare è ancora la modalità in Grecia.
• Proprietà su piccola scala e dispersione di terreni e imprese, in particolare in agricoltura e turismo.
• Il 57% dei lavoratori greci impiegati sono lavoratori autonomi o impiegati in imprese con meno di 10 dipendenti.
• Il lavoro autonomo, la microimprenditorialità e le attività familiari sono istituzioni stabili e fondamentali che forniscono molteplici fonti di reddito e un'occupazione di ripiego anche per i greci altamente istruiti.
• La solidarietà familiare prevede la condivisione del reddito.
• Le famiglie investono molto nel settore immobiliare e nell'istruzione.

•  C'è stato un basso livello di investimenti esteri, il che significa che la proprietà dell'assente è stata minima. (Sfortunatamente questo sta cambiando in quanto il governo è costretto a vendere le sue attività per soddisfare le condizioni del piano di salvataggio e le banche limitano il flusso di credito alle piccole imprese).

PRESCRIZIONI PER LA GRECIA E ALTRI PAESI DEBITORI

Ora che riconosciamo l'agenda delle élite e la vera natura delle valute politiche utilizzate per sconfiggere i governi e le politiche alla sottomissione, è chiaro che dobbiamo trovare il modo di:
1. disattendere gli obblighi che ci sono stati imposti con la frode,
2. ridurre la nostra dipendenza da quei sistemi e strutture che tolgono il potere e ci sfruttano, e
3. costruire alternative funzionali che servano il bene comune.

Ecco i passi che alla fine dovranno essere presi dalla Grecia e da altri che si trovano in una situazione simile.


1. Tregua
Ritardare il rimborso del debito e congelare l'importo dovuto (nessun ulteriore accantonamento di interessi).


2. Riduzione
Rinegoziare l'importo da pagare ai creditori. Selezionare quali creditori devono essere pagati per intero e quali essere pagati in parte o non del tutto.


3. Recupero e ristrutturazione
Sviluppare una strategia a lungo termine per la ricostruzione delle economie locali e nazionali e dei governi democratici.

La Grecia e i suoi creditori devono riconoscere il fatto che il governo greco è insolvente e deve essere sollevato dal peso schiacciante del debito, mentre allo stesso tempo la leadership greca deve sviluppare un piano a lungo termine per la ricostruzione dell'economia greca e stabilizzare e bilanciando il proprio bilancio in modo tale da garantire che non ricada più nella stessa massa di problemi. Che aspetto potrebbe avere quel piano?


In primo luogo, il governo greco deve spingere i suoi creditori per liberarlo da una parte importante del suo onere del debito per stabilizzare la situazione e dare all'economia greca la possibilità di riprendersi; 

in secondo luogo, l'economia deve essere ricostruita dal basso verso l'alto in modo da renderla più robusta, sostenibile e persino "anti-fragile". (7) Ciò significa ridurre la dipendenza dai mercati esteri dei capitali e dell'esportazione e aumentare la dipendenza dall'interno risorse. 

Tale piano deve essere elaborato con input e partecipazione dalla più ampia gamma possibile di interessi, compresi i governi municipali, le piccole e medie imprese, le organizzazioni sindacali e il settore non profit, nonché le attività aziendali, ma il governo nazionale dovrebbe impegnarsi a fare quanto segue:

1. Eliminare gli ostacoli alle iniziative di auto-aiuto e l'autosufficienza locale delle comunità, dando ai comuni una maggiore autonomia.

2. Supportare l'imprenditorialità e le piccole imprese. Si può prendere la forma di incubatori di piccole imprese e spazi di co-working, oltre a ridurre o eliminare onerose normative e tasse.


3. Incoraggiare gli investimenti in imprese e infrastrutture nazionali.


4. E, soprattutto, sostenere l'emergere di fonti supple mentali di liquidità nazionale, vale a dire scambi di credito creditizio e valute private e comunitarie che vengono spesi nella circolazione da produttori nazionali affidabili di beni e servizi che sono nella domanda quotidiana.

TREGUA DEL DEBITO


Per quanto riguarda i suoi debiti, il governo ha bisogno di trovare sollievo e sollievo. Come in una bancarotta aziendale, tutti i debiti devono essere congelati senza ulteriore maturazione di interessi fino a quando le sue finanze non possono essere ristrutturate, quindi, le decisioni devono essere prese su quali obblighi saranno onorati e quali saranno respinti. Gli obblighi governativi dovrebbero essere divisi in tre categorie.


1. Obblighi nei confronti di fondi pensione, comuni, scuole, impiegati e appaltatori. Tranne nei casi in cui ci sono stati casi di frode o corruzione, questi devono essere pienamente onorati.


2. Obblighi alle banche che hanno prestato denaro che hanno creato "dal nulla" e obbligazioni verso entità sovra-bancarie come il FMI, la Banca Mondiale, la BCE, ecc. Gran parte di questo debito dovrebbe essere ripudiata come illegittima, immorale e anche illegale.


3. Gli obblighi legittimi nei confronti delle società non bancarie e di talune altre entità dovrebbero essere onorati, ma il periodo di rimborso dovrebbe essere esteso con rimborsi annuali a una percentuale ragionevole della produzione totale (PIL) in modo da non ostacolare la formazione di capitale o imporre indebiti disagio per le persone. 


In tutti i casi, qualsiasi interesse che è stato pagato sui prestiti in passato dovrebbe essere considerato come rimborso del capitale.

CREARE LIQUIDITÀ DOMESTICA
 
Il bisogno fondamentale di qualsiasi economia sviluppata è per un mezzo di pagamento (liquidità) per facilitare lo scambio di beni e servizi reali. Come descritto sopra, la BCE non può essere invocata per fornire un'adeguata fornitura di valuta dell'euro, né l'euro è uno strumento "amichevole" per consentire il commercio interno. La fornitura di liquidità interna, a sua volta, consente livelli più elevati di commercio interno e favorisce lo sviluppo economico interno. Le iniziative possono avere origine dal governo, dalle comunità o dal settore delle imprese. Ecco alcuni esempi:

• Buoni di anticipazione delle tasse


Le entrate fiscali forniscono una solida base per l'emissione di una valuta governativa. C'è un sacco di precedenti storici per Tax Anticipation Warrant o note, e molti scrittori contemporanei hanno avanzato proposte del genere per la Grecia. Ma ci sono limiti a tutto, e se questa moneta greca deve essere al contempo senza interessi e senza inflazione, il governo deve, insieme al pareggio del proprio bilancio, limitare l'ammontare dei warrant che rilascia a una ragionevole proporzione delle sue entrate annuali. Tey inoltre non deve essere favorito con status di moneta a corso legale oltre la promessa del governo di riceverli indietro, al valore nominale, in pagamento per tasse e debiti. Tuttavia, le note di anticipazione fiscale non forniranno sufficiente liquidità affinché l'economia possa prosperare come dovrebbe. Quindi cos'altro deve succedere?

[NdT: L'autore non ha chiara la funzione fiscale della stessa creazione di moneta, imposta come a corso legale, che non ha alcuno bisogno di una ulteriore base fiscale ma di un governo responsabile verso i cittadini]

Note di reimpiego

Esiste anche un precedente per i "prestiti per lo sviluppo" che devono essere effettuati dalle agenzie governative per sostenere le imprese e l'industria nazionali e quindi far tornare le ruote del commercio e rimettere i disoccupati al lavoro. Il governo dovrebbe quindi istituire una Banca nazionale di sviluppo per allocare, in particolare alle piccole e medie imprese nazionali, quelle che potrebbero essere chiamate note (o crediti) per la ricollocazione. Tese dovrebbe essere esente da interessi e rimborsabile entro un periodo di tempo relativamente breve, diciamo uno o due anni, ma dovrebbero essere emessi in un flusso costante per mantenere la liquidità a un livello ottimale. Tese prestiti dovrebbero andare prima alle imprese che hanno una fornitura pronta di beni e servizi che possono essere immediatamente venduti. Poiché le note sulla reimpiego vengono utilizzate per pagare dipendenti e fornitori, iniziano a circolare in tutta l'economia nazionale consentendo l'esecuzione di numerose transazioni prima del loro rimborso. Con l'iniezione simultanea di valuta e merci nel mercato, si eviterà l'inflazione e la svalutazione di questa valuta.


• Scambi di valute private e di compensazione del credito

Un ulteriore passo dovrebbe essere quello di incoraggiare e sostenere l'emergere di mezzi di pagamento non governativi. Le valute private e comunitarie hanno una lunga storia e sono apparse di nuovo in tutto il mondo negli ultimi 30 anni. La maggior parte di questi ha avuto un impatto molto limitato, ma se fatto correttamente, tali valute hanno un enorme potenziale per rivitalizzare le economie locali e promuovere la resilienza e l'autosufficienza. Le valute private che sono spesi in circolazione da produttori fidati di beni e servizi desiderati possono fornire "liquidità nazionale" che è prontamente disponibile e senza interessi. Monetizzando il valore di beni e servizi che sono già sul mercato e in attesa di essere acquistati, le valute private possono anche essere prive di inflazione. Come i certificati di anticipazione fiscale, anche questi hanno il potere di rimettere le persone al lavoro e di collegare i bisogni insoddisfatti con le forniture disponibili. Le note ferroviarie emesse durante il XIX secolo sono un esempio di come i servizi di valore possono essere monetizzati per fornire un solido mezzo di scambio circolante.(8)


Un modo ancora migliore per ottenere gli stessi risultati è organizzare le associazioni di mutuo credito di compensazione per consentire la reciprocità tra le imprese che scambiano beni e servizi tra loro. La cerchia degli affari cooperativi Swiss WIR di 80 anni è un buon esempio della riuscita applicazione del processo di compensazione, così come lo sono i punteggi degli scambi commerciali (a volte chiamati "scambi di baratto") che hanno funzionato con successo negli ultimi anni decenni in tutto il mondo. Uno di questi scambi di successo che ho visitato di recente, chiamato Sardex, negli ultimi cinque anni ha fornito liquidità domestica nell'isola della Sardegna attraverso i servizi di compensazione del credito che fornisce ai suoi 3.000 membri aziendali. Nel frattempo, a livello di base, sistemi come LETS (9), e la versione greca chiamata TEM, stanno lottando per trovare le giuste procedure necessarie per raggiungere una scala e un raggio d'azione efficaci. Anch'essi hanno enormi benefici potenziali, specialmente se si possono trovare modi per armonizzare le loro strutture e operazioni con quelle degli scambi commerciali.

Prestiti di solidarietà
Siamo tutti insieme in questa battaglia per la libertà, la sovranità e un ordine mondiale umano. Le persone di tutto il mondo devono essere solidali con le persone in prima linea e in questo momento le linee del fronte sono in Grecia. È stato suggerito che i sostenitori potrebbero aiutare le piccole imprese affamate di denaro che operano in posti come la Grecia facendo piccoli prestiti in euro a loro attraverso campagne di crowdfunding o crowdsourcing. Un programma del genere potrebbe aiutare alcune aziende a restare un po 'più a lungo, ma la liquidità aggiunta all'economia greca in questo modo fornirebbe solo una piccola quantità di aiuti a breve termine perché la valuta dell'euro sarà rapidamente svuotata dall'economia domestica come pagamenti sono fatti su debiti esterni, o per pagare le importazioni, o come persone accumulano denaro fisico. Tuttavia, esiste un modo in cui i prestiti in euro possono fornire liquidità a più lungo termine che non uscirà dal paese o sarà accumulata.

Il governo può fornire "liquidità nazionale" (mezzi di pagamento) emettendo la propria valuta nazionale che potrebbe circolare accanto all'euro, ma che deve essere effettuata in modi non inflazionistici e mantenendo la parità con l'euro. Pertanto, qualsiasi valuta emessa dal governo non deve essere forzata a circolare rendendola una moneta a corso legale generale. Solo il governo dovrebbe essere tenuto ad accettare le proprie valute come pagamento di tasse e altre quote; tutti gli altri dovrebbero essere liberi di rifiutarlo o di ridurlo. Tuttavia, se emessi in proporzione adeguata alle entrate previste, le valute emesse dal governo saranno accettabili sul mercato alla pari con l'euro.


COME FUNZIONA?

Crowdfunders o prestatori peer-to-peer possono fornire euro o altre valute politiche a un'entità senza scopo di lucro che fungerà da fiduciario e quindi concedere prestiti a imprese selezionate, non in euro ma sotto forma di note di solidarietà (SOL). Ogni nota SOL sarebbe sostenuta al 100% da euro o altri depositi in valuta come franchi svizzeri, o, meglio ancora, da attività reali che manterranno il loro valore nonostante i fallimenti bancari, la confisca dei depositi o la svalutazione delle valute politiche da parte delle autorità monetarie.
La valuta SOL può quindi essere utilizzata dalle aziende selezionate per pagare i propri dipendenti e fornitori che possono, a loro volta, utilizzarli per effettuare acquisti da negozi o altri fornitori di beni e servizi desiderati. La valuta SOL passerà di mano molte volte prima del rimborso dei prestiti, circolando nell'economia greca, parallelamente alla valuta dell'euro per la durata del prestito, che potrebbe essere di due o tre anni, o anche di più. Mentre i mutuatari commerciali recuperano il SOL, ripagheranno i loro prestiti alla scadenza. Il fiduciario restituirà quindi ai creditori originali la valuta politica che hanno fornito come supporto per il SOL. Qualunque sia il reddito derivato dalla valuta politica, gli investimenti possono essere utilizzati per coprire i costi sostenuti dall'organizzazione fiduciaria nella gestione del programma, e qualsiasi reddito residuo potrebbe essere distribuito come dividendi alle persone che hanno fornito la capitale.


La chiave del successo di questo programma è di fornire i prestiti SOL alle imprese consolidate che hanno desiderato beni e servizi che sono già disponibili e in attesa di compratori. I beni e i servizi potrebbero essere cibo, medicine, abbigliamento, articoli per la casa, materiali da costruzione, energia, o qualsiasi altra necessità, oltre a servizi essenziali come il trasporto e le cure mediche. In ogni caso, SOL fornisce i supporti di pagamento necessari per collegare i materiali di consumo disponibili con esigenze insoddisfatte.
 

In sintesi, questo è il processo:

• I sostenitori forniscono a un'organizzazione fiduciaria depositi di euro, dollari, sterline o altra valuta politica che il fiduciario investe in varie attività finanziarie e reali (proprio come fanno i fondi pensione).
• Utilizzando tali beni come supporto, il trustee emette quindi una valuta privata, denominata SOL, erogando prestiti a breve termine senza interessi a qualificati produttori nazionali e venditori di beni e servizi di consumo essenziali.
 
• Ciò consente la reimpiego di lavoratori inattivi e la vendita di beni disponibili e capacità in eccesso,
• soddisfacendo allo stesso tempo i bisogni primari, senza inflazione.
• I prestiti SOL vengono quindi rimborsati al trustee e tale importo di SOL viene estinto.
• Le attività che hanno sostenuto tale importo di SOL vengono liquidate e i depositi vengono restituiti ai donatori originali.
• Il processo è continuo poiché nuovi depositi consentono di realizzare nuovi prestiti SOL.

Anche se abbiamo parlato dell'emissione di valute nazionali sotto forma di note stampate, queste potrebbero anche essere emesse in forma digitale come saldi contabili a cui si accede mediante carte di credito o di debito o trasferiti utilizzando le più recenti tecnologie di telefonia mobile. Ognuna di queste forme di manifestazione ha i suoi vantaggi e svantaggi particolari, quindi la scelta deve essere adattata alla situazione locale.

Questo approccio per sanificare e addomesticare le valute politiche può anche essere applicato per migliorare le prestazioni delle molte valute comunitarie vendute in circolazione, come Bristol e Brixton Pounds nel Regno Unito, Toronto e Salt Sprig Island Dollars in Canada, e Berkshares negli Stati Uniti

Oltre alle azioni sopra delineate, il governo greco deve anche intraprendere azioni coraggiose per correggere gli errori interni e gli squilibri che lo hanno tormentato per lungo tempo. La corruzione, il clientelismo, l'evasione fiscale e l'eccessiva regolamentazione delle piccole imprese sono solo alcuni dei problemi che devono essere affrontati. E infine, il popolo greco deve abbracciare lo spirito di solidarietà e cooperazione se vogliono rivendicare la propria dignità, sopravvivere come nazione e mantenere la qualità della vita che così tanti visitatori affollano in Grecia per sperimentare. Se tutto ciò può essere realizzato, allora la Grecia, la "culla della democrazia" storica può aprire la strada per gli altri a seguire verso un nuovo conviviale ordine mondiale di pace, libertà e una vita dignitosa per tutti.


RISORSE AGGIUNTIVE

Yannis Palaiologos, The Tirteenth Labor of Hercules (Londra: Portobello Books, 2014). L'autore è un giornalista del quotidiano Kathimerini. Questo libro fornisce le sue opinioni sulla crisi greca. Vedi anche Yannis Palaiologos @yanpal7.

Michael Lewis, Boomerang: Travel in the New Tird World (New York: W. W. Norton & Company, 2011).

Yanis Varoufakis, "Un nuovo affare per la Grecia - un progetto editoriale Op-Ed" a https://www.project-syndicate.org/commentary/greece -debt-deal-by-yanis-varoufakis-2015-04?barrier=true; blog: http://yanisvaroufakis.eu/.


TEDxAcademy, "Una proposta modesta per trasformare l'Europa", http://youtu.be/CRRWaEPRlb4.

Note finali

1 http://www.commondreams.org/views/2015/07/31/greek-coup-li-quidity-weapon-coercion. Accesso all'11 aprile 2016.

2 J. Rocholl e A. Stahmer, "Dove sono finiti i soldi del salvataggio greco?" Libro bianco ESMT n. WP-16-02, http://static.esmt.org/publications/whitepapers/WP-16-02. PDF.

3 http://www.opednews.com/articles/GREECE-D-We-Voted-No-to-by-Greg-Palast-Austerity_Euro_European-Union_Europe-an-Union-150706-62.html, accessibile l'8 luglio 2015.

4 SWOT è sinonimo di punti di forza, punti deboli, opportunità e minacce.

5 Aristos Doxiadis, "La vera economia greca: proprietari, rentiers e opportunisti", https://www.opendemocracy.net/aristos-doxiadis/owners-rentiers-opportunists,accessed 4 aprile 2015.

6 Nikos Tsafos, oltre il debito: la crisi greca nel contesto (North Charleston, SC: CreateSpace, 2013).

7 L'idea di anti-fragile è stata meglio articolata da Nassim Nich-olas Taleb nel suo libro, Antifragile: Tings Tat Gain from Disorder
 (New York: Random House, 2012).

8 Vedi, per esempio, Walter Zander, Railway Money and Unemployment, 1933; disponibile su http://www.walterzander.info/acrobat/Railway%20Money.pdf.

9 LETS (Local Exchange Trading System) è un processo di credit clearing circle che è stato creato nel 1983 da Micheal Linton e da allora si è diffuso in tutto il mondo. Per maggiori informazioni vedi https://en.wiki-pedia.org/wiki/Local_exchange_trading_system