-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 9 aprile 2018

Proposte di signoraggio della Commissione europea


BCE: la distribuzione dei profitti di signoraggio nazionale è una questione per i governi

Il nuovo capo del servizio civile della Commissione è considerato il principale sostenitore delle proposte di signoraggio della Commissione europea

Commissione europea
European Commission
La sede della Commissione europea 
Dan Hardie 29 mar 2018

La Banca centrale europea ha affermato che i singoli paesi della zona euro devono decidere se dirigere i profitti dal signoraggio alla Commissione europea, il braccio esecutivo dell'Unione europea. Una dichiarazione ufficiale della BCE ha osservato che qualsiasi tentativo di cambiare il modo in cui distribuisce i profitti del signoraggio nella zona euro richiederebbe modifiche alla legge che governa l'istituzione. I commissari europei hanno discusso privatamente delle proposte per fare un passo in tal senso nella loro riunione di ieri (28 marzo). Fonti a Bruxelles dicono che nessun commento pubblico della Commissione è probabile prima che pubblichi le sue proposte ufficiali in materia, in un annuncio che dovrebbe essere il 2 maggio.

La BCEafferma di conservare parte degli utili che genera come riserve e distribuisce il resto alle banche centrali nazionali. In una dichiarazione inviata ai media, incluso Central Banking, la banca ha dichiarato: "La BCE distribuisce i suoi profitti agli azionisti della BCE, le banche centrali nazionali (BCN). Insieme ai loro profitti, le BCN lo distribuiscono, secondo la legislazione nazionale, ai loro azionisti, che sono i ministeri delle finanze. I rispettivi ministeri / governi decidono cosa fanno con quel denaro ". La BCE ha aggiunto che" è importante notare che un cambiamento nel modo in cui i profitti della BCE sono distribuiti richiederebbe il cambiamento dello statuto del [Sistema europeo di banche centrali] ". La Commissione sta considerando la proposta come uno dei vari modi di aumentare le entrate che controllerebbe direttamente, piuttosto che ricevere dai governi degli stati europei. Il probabile calo delle entrate che seguirà la partenza del Regno Unito dall'Unione europea è uno dei fattori che spingono le proposte, secondo alcuni osservatori.

Stime dei ricavi


In una comunicazione ufficiale emessa il 14 febbraio, la Commissione ha suggerito che una parte del signoraggio versato ai ministeri delle finanze nazionali "potrebbe essere resa disponibile per il bilancio dell'UE come una forma di contributo nazionale".

La Commissione ha affermato che "a seconda della percentuale applicata, le entrate stimate dal signoraggio potrebbero variare tra 10,5 miliardi di euro (10%, 13 miliardi di dollari) e 56 miliardi di euro (50%) nell'arco di sette anni". Ma le stime di possibili entrate dal signoraggio potrebbero essere troppo ottimistiche. Il rapporto annuale della BCE per il 2016, pubblicato nell'aprile 2017, afferma che la banca centrale non ha effettivamente realizzato alcun guadagno sul signoraggio quell'anno. "Il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali è diminuito, riducendo significativamente il reddito da signoraggio della BCE", afferma il rapporto. "Il tasso medio per il 2016 è stato dello 0,01%, rispetto al 4% per il 2008 e, di conseguenza, gli interessi attivi sulle banconote in circolazione sono diminuiti da 2,2 miliardi di euro nel 2008 a 0,01 miliardi di euro nel 2016."

Sostenitore chiave


Gli osservatori delle istituzioni dell'UE sostengono che un importante sostenitore delle proposte è Martin Selmayr, che recentemente è diventato capo del servizio civile della Commissione. È stato nominato segretario generale il 21 febbraio, dopo essere stato nominato dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Il suo predecessore, Alexander Italianer, inaspettatamente si è ritirato dopo due anni e mezzo nel ruolo, poco dopo che Juncker aveva nominato Selmayr come vice segretario generale. La nomina di Selmayr ha portato a un'audizione pubblica animata in una riunione della commissione del Parlamento europeo. I membri del Parlamento hanno ripetutamente messo in discussione la sua nomina al ruolo, sollevando preoccupazioni sulla sua percezione di vicinanza a Juncker e sulla rapidità con cui gli era stato assegnato il lavoro. Un progetto di risoluzione preparato dalla commissione per il controllo del bilancio del Parlamento ha definito la nomina di Selmayr come una "azione da golpe" che minaccia il "rischio di reputazione" per le istituzioni europee. Selmayr è stato direttore della campagna di Juncker quando l'ex primo ministro lussemburghese  ha esercitato pressioni per diventare presidente della Commissione nel 2014. Quando Juncker è stato confermato come presidente, ha nominato Selmayr come suo capo dello staff, un ruolo che ha ricoperto fino a quando è stato nominato segretario generale. Selmayr è un cittadino tedesco che ha lavorato come avvocato presso la BCE dal 1998 al 2000. Ha collaborato con Claudia Zilioli e un libro, The law of the European Central Bank, pubblicato nel 2001.