-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 17 dicembre 2018

La Malesia chiede condanne penali per Goldman Sachs

Malesia: accuse di reati penali contro Goldman Sachs

Con una mossa senza precedenti che potrebbe prefigurare accuse simili dal DOJ statunitense - e molti mal di testa per il "recente pensionato" Lloyd Blankfein - il procuratore generale malese ha intentato accuse criminali contro Goldman Sachs - prendendo di mira due delle filiali asiatiche della banca d'investimento e due ex Banchieri Goldman che sono già stati accusati dagli Stati Uniti (l’ex capo del Sud-Est asiatico Tim Leissner e banchiere Roger Ng), accusando la banca d'investimento di violare le leggi sui titoli del paese mentendo sugli accordi obbligazionari per tre affari che hanno raccolto $ 6,5 miliardi per 1MDB, un Fondo sovrano malese formato sotto l'ex primo ministro Najib Razak che le autorità statunitensi ritengono sia stato saccheggiato per oltre 4 miliardi di dollari da banchieri e funzionari corrotti.
Mentre le autorità di Singapore, Svizzera e altrove avevano già presentato accuse penali contro diverse banche coinvolte nello scandalo lo scorso anno, le prime accuse contro Goldman e i suoi dipendenti sul coinvolgimento nello scandalo si sono materializzate due mesi fa quando il DOJ incriminò Leissner e Ng.
Poco dopo le accuse, i resoconti dei media hanno rivelato che i dirigenti di Goldman, in particolare l'ex CEO Lloyd Blankfein, erano coinvolti nelle transazioni. Blankfein ha partecipato ad almeno tre incontri sia con Razak che con il finanziere in disgrazia Jho Low, il presunto finanziere corrotto che è stato anche incriminato dalle autorità malesi lunedì, invitando anche Low ad una seduta privata al quartier generale di Goldman, al numero 200 della West Street. Mentre stavano portando avanti l'accordo, i dipendenti di Goldman - incluso Blankfein - hanno scartato le preoccupazioni sollevate dal dipartimento di conformità della banca e hanno consentito a Low di fungere da intermediario non ufficiale tra la banca e il governo malese, nonostante il dipartimento di conformità della banca avesse avvertito che Low non meritava fiducia. Il Dipartimento di Giustizia sta inoltre esaminando il ruolo di altri banchieri anziani di Goldman.

Le accuse hanno seguito le segnalazioni nel fine settimana sostenendo che ex dipendenti Goldman ritenevano che 1MDB potesse offuscare l'eredità di Blankfein per far rivivere la reputazione della banca a seguito di un massiccio accordo del 2010 per gli abusi legati alle sue vendite di obbligazioni ipotecarie prima della crisi finanziaria. Commentando gli accordi 1MDB, un dirigente ha detto "qualcosa puzza" e ha messo in discussione come siano riusciti a superare le regole di conformità.

    "Riteniamo che queste accuse siano indirizzate male, le difenderemo vigorosamente e attendo con impazienza l'opportunità di presentare il nostro caso. L'azienda continua a cooperare con tutte le autorità che indagano su questi argomenti", ha dichiarato Goldman in una nota al Wall Street Journal.

In una dichiarazione al Financial Times, Tommy Thomas, procuratore generale della Malesia, ha affermato in una dichiarazione che Goldman ha ricevuto $ 600 milioni di spese per il suo ruolo, un totale che era "molte volte superiore ai tassi di mercato e alle norme del settore prevalenti". La Malaysia chiede a Goldman di rinunciare a tutte le spese pagate dal governo malese (che sono state pagate a un tasso superiore al mercato per riflettere alcuni "rischi" correlati all'accordo), oltre a ulteriori fondi punitivi. Mentre il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che sono stati rubati circa $ 4,5 miliardi da 1MDB, le autorità malesi hanno preso di mira solo $ 2,7 miliardi.

    "La Malesia ritiene che le insinuazioni contenute nelle accuse contro l'imputato riguardano violazioni gravi delle nostre leggi sui titoli, e per riflettere la loro gravità, i pubblici ministeri cercheranno multe penali ben oltre i $ 2,7 miliardi sottratti dai proventi delle obbligazioni e $ 600 milioni in onorari percepiti da Goldman Sachs e chiederanno sentenze detentive nei confronti di ciascuno dei singoli accusati: il termine massimo di reclusione è di 10 anni ", ha dichiarato il procuratore generale.

L'accusa della Malaysia asseriva che le dichiarazioni contenute nei documenti di vendita delle obbligazioni di Goldman erano "false e fuorvianti" e che i dipendenti Goldman coinvolti partecipavano personalmente beneficiando degli accordi.

    La Malaysia ha dichiarato che le circolari e il memorandum di collocamento privato emessi da Goldman per le tre obbligazioni contenevano dichiarazioni "false, fuorvianti o omissioni materiali", in quanto affermavano che i proventi delle obbligazioni sarebbero stati utilizzati per scopi legittimi.
    "I prospetti informativi e il memorandum di collocamento privato sono documenti seri, da intendersi affidabili, e, in effetti, sono stati fatti valere dagli acquirenti delle obbligazioni", ha detto.
    La Malesia ha detto che l'imputato ha strutturato le emissioni obbligazionarie per "scopi apparentemente legittimi quando sapevano che i loro proventi sarebbero stati sottratti e fraudolentemente deviati".
    "Oltre a ricevere personalmente parte dei fondi obbligazionari sottratti, quei dipendenti e direttori di Goldman Sachs hanno ricevuto grandi premi e migliori prospettive di carriera presso Goldman Sachs e nel settore dell'investment banking in generale", ha affermato l'ufficio del procuratore generale.

Già la polemica 1MDB ha ispirato alcuni clienti Goldman a tagliare i legami con la banca, in particolare tra il fondo di fondi sovrani, che la banca aveva designato come "area di crescita chiave". Un fondo Abu Dhabi ha intentato causa a Goldman per danni non specificati relativi a 1MDB.
I dirigenti di Goldman che finora hanno eluso i procedimenti giudiziari ora hanno un'altra ragione per essere ansiosi, perché anche se evitano di sottoporsi al controllo del Dipartimento di Giustizia, gli Stati Uniti hanno un trattato di estradizione con la Malesia.
In questo periodo festivo, 1MDB continua a fare “regali” al signor Blankfein.