venerdì 8 gennaio 2021

Ex di Goldman Sachs diventa presidente della BBC

La Gran Bretagna nomina l'ex banchiere Goldman Sharp come presidente della BBC
Autore dell'articolo:
Reuters
Paul Sandle
Data di pubblicazione:
06 gen 2021 - Ultimo aggiornamento 1 giorno fa - leggi 2 minuti
Fonte: https://financialpost.com/pmn/business-pmn/britain-names-former-goldman-banker-sharp-as-bbc-chairman


LONDRA - La Gran Bretagna ha nominato l'ex banchiere della Goldman Sachs Richard Sharp come prossimo presidente della BBC, incaricato di concordare un modello di finanziamento a lungo termine per l'emittente in un momento di crescente concorrenza e controllo politico.

Il Segretario alla Cultura Oliver Dowden ha detto che Sharp è "esattamente il capo di cui la BBC ha bisogno in questo momento".

"Sono fiducioso che porterà avanti le riforme alla BBC per garantire che rifletta in modo imparziale e soddisfi le esigenze di tutte le parti del Regno Unito, e si evolva per rimanere un successo globale che è centrale per la vita nazionale britannica nei decenni a venire", ha detto.

Sharp è un ex donatore del Partito Conservatore e ha lavorato con il ministro delle Finanze Rishi Sunak alla Goldman Sachs, secondo un notiziario della BBC. Di recente è stato consulente di Sunak.

Il presidente, che è ufficialmente nominato dalla regina su raccomandazione del governo, ha la responsabilità di sostenere e proteggere l'indipendenza della BBC, che è finanziata da un canone pagato da ogni famiglia che guarda la TV.

"La BBC è il cuore della vita culturale britannica e sono onorato di avere la possibilità di aiutarla a guidare il prossimo capitolo della sua storia", ha detto Sharp.

Si unirà all'emittente il mese prossimo, poiché deve affrontare alcune delle più grandi minacce al suo futuro da quando è stata fondata 98 anni fa.

Il primo ministro Boris Johnson ha espresso scetticismo sul canone di licenza in un momento in cui il pubblico televisivo della BBC si sta riducendo e i servizi di streaming come Netflix stanno diventando sempre più popolari.

La BBC è spesso accusata di parzialità da parte di critici di entrambi gli schieramenti politici. Mentre alcuni conservatori la percepiscono come londinese e di sinistra, quelli della sinistra del partito laburista di opposizione la considerano di parte avversa.

Sharp succederà a David Clementi, un ex vice governatore della Banca d'Inghilterra, che si dimetterà il mese prossimo dopo quattro anni.

Sharp sarà pagato 160.000 sterline (220.000 dollari) per lavorare tre o quattro giorni alla settimana, ha detto il governo.

Clementi ha confermato che si dimetterà a giugno quando ha annunciato la nomina di Tim Davie a nuovo direttore generale dell'emittente.

Davie è redattore capo, responsabile dei contenuti della BBC attraverso la televisione, la radio e i servizi online, oltre a guidarne le operazioni.

Una revisione dei finanziamenti della BBC è prevista per il 2022, prima che la sua carta reale debba essere rinnovata nel 2027.

La nomina di Sharp è stata riportata da Sky News ore prima dell'annuncio ufficiale.

Un comitato di legislatori che sovrintende al lavoro del dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport ha dichiarato di essere deluso dalla fuga di notizie sulla nomina.

"Il comitato aveva già espresso alcune preoccupazioni sul processo di nomina, chiedendo che fosse equo e trasparente", ha detto il presidente Julian Knight in una dichiarazione.

($1 = 0,7361 sterline) (Relazione di Paul Sandle e Sarah Young; Montaggio di Guy Faulconbridge e Estelle Shirbon; Montaggio di Alison Williams e Philippa Fletcher)

mercoledì 30 dicembre 2020

AUSTERITÀ E MINACCE MAFIOSE: QUESTA È L'UNIONE EUROPEA - Trombetta e Dra...

martedì 29 dicembre 2020

Semi di disperazione: suicidi per l'usura nella campagna statunitense

26 dicembre 2020   
Semi di disperazione: Suicidio in fattoria
Notizie

Il suicidio tra gli agricoltori cresce

Katie Wedell - Akron Beacon Journal
Fonte: https://www.limaohio.com/news/441358/seeds-of-despair-suicide-on-the-farm
 

La 13a edizione annuale del Cammino di sensibilizzazione e prevenzione dei suicidi della contea di Allen ha attirato circa 165 escursionisti registrati nel 2019.


Uno ad uno, tre uomini della stessa comunità si sono tolti la vita.

La loro morte è durata due anni a partire dalla metà del 2015 e ha scosso il villaggio di Georgetown, Ohio, circa 40 miglia a sud-est di Cincinnati.

Erano tutti tra i 50 e i 60 anni.

Erano tutti contadini.

Heather Utter, il cui cugino del marito è stato il terzo a togliergli la vita, ora teme che suo padre possa essere il prossimo. L'allevatore di lunga data, che per anni ha faticato a tenere a galla la sua attività, ha venduto l'ultima delle sue mucche a gennaio, in un periodo di salute in declino e di finanze in calo. La decisione lo ha schiacciato.

"Non ha fatto altro che mucche da latte per tutta la vita", ha detto Utter, il cui padre ha rifiutato di essere intervistato. "È stata una grande decisione, una decisione triste. Ma a un certo punto dici che quando è abbastanza è abbastanza".

Gli agricoltori americani producono quasi tutto il cibo del Paese e contribuiscono al prodotto interno lordo con circa 133 miliardi di dollari all'anno.

Eppure ora sono gravati da un debito quasi record, dichiarando bancarotta a tassi crescenti e vendendo le loro aziende agricole in un futuro incerto, offuscato dal cambiamento climatico e da una serie di tariffe e salvataggi.

Per alcuni, il fardello è troppo pesante da sopportare.

Gli agricoltori sono tra i più propensi a morire di suicidio, rispetto ad altre occupazioni, secondo uno studio dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Lo studio ha anche rilevato che i tassi di suicidio sono complessivamente aumentati del 40% in meno di due decenni.

Il problema ha afflitto le comunità agricole di tutta la nazione, ma forse in nessun altro luogo più che nel Midwest, dove il clima estremo e il calo dei prezzi hanno colpito i produttori di latte e di colture negli ultimi anni.

Più di 450 agricoltori si sono uccisi in nove stati del Midwest dal 2014 al 2018, secondo i dati raccolti dalla rete USA TODAY Network e dal Midwest Center for Investigative Reporting. Il totale reale è probabilmente più alto perché non tutti gli stati hanno fornito dati sui suicidi per ogni anno e alcune parti dei dati sono stati cancellati.

I decessi coincidono con il quasi raddoppio delle chiamate a una hotline di crisi gestita da Farm Aid, un'agenzia no-profit la cui missione è quella di aiutare gli agricoltori a mantenere la loro terra. Più di mille persone hanno chiamato il numero solo nel 2018, ha detto la portavoce Jennifer Fahy.

Nessuna crisi economica si prende tutta la colpa. Invece, una cascata di eventi ha afflitto gli agricoltori negli ultimi anni:

I prezzi delle principali materie prime sono crollati di circa il 50% dal 2012.

Il debito agricolo è salito di circa un terzo dal 2007, fino ai livelli degli ultimi anni Ottanta.

Il maltempo ha impedito agli agricoltori di piantare quasi 20 milioni di acri solo nel 2019.

Le esportazioni di soia degli Stati Uniti verso la Cina sono scese del 75 per cento dal 2017 al 2018, a causa delle forti tensioni commerciali.

Anche i 28 miliardi di dollari di aiuti federali forniti dall'amministrazione Trump in due anni non sono stati sufficienti a cancellare le ricadute della guerra commerciale con la Cina, hanno detto molti agricoltori.

Non è la prima volta che gli sforzi di Washington per aiutare gli agricoltori non sono stati sufficienti.

Nel 2008, il Congresso ha approvato il Farm and Ranch Stress Assistance Network Act per fornire programmi di salute comportamentale ai lavoratori agricoli attraverso sovvenzioni agli Stati.

Ma non ha stanziato fondi per l'FRSA fino all'anno scorso - più di un decennio e centinaia di suicidi dopo.

Alcuni dei primi quattro programmi pilota finanziati non hanno ancora ricevuto fondi.

"Gli agricoltori, gli allevatori e i lavoratori agricoli stanno vivendo un grave stress e alti tassi di suicidio", ha detto il senatore statunitense Tammy Baldwin, D-Wisconsin, che ha sponsorizzato il disegno di legge bipartisan per finanziare l'iniziativa. "Sfortunatamente, Washington è stata lenta a riconoscere le sfide che gli agricoltori stanno affrontando".

I giornalisti hanno parlato con più di due dozzine di agricoltori, professionisti della salute mentale e altri esperti in tutto il Midwest che hanno detto che il problema ha bisogno di attenzione ora.

Eventi economici devastanti da soli non causano suicidi, hanno detto gli esperti, ma possono essere l'ultima goccia per una persona che già soffre di depressione o di stress a lungo termine. (NdT: lo storytelling è come quello sulle radiazioni atomiche: non sono loro che provocano le morti ma sarebbe lo stress psicologico... così per l'economia di un cesso di nazione che riesce a creare denaro dal nulla solo per salvare banche e banchieri...)

"Ci piace identificare qualcosa come causa", ha detto Ted Matthews, uno psicologo che lavora esclusivamente con le famiglie di contadini del Minnesota. "In questo momento si parla di prezzi delle materie prime che sono la causa, ed è sicuramente una causa, ma non è l'unica in assoluto".

Un gruppo difficile da raggiungere

 Gli agricoltori sono da anni tra le popolazioni più a rischio.

Più di 900 contadini sono morti per suicidio in cinque stati dell'alto Midwest durante la crisi agricola degli anni '80, ha trovato il National Farm Medicine Center. Durante quella crisi, in tutto il paese sono sorte linee telefoniche di consulenza per la salute mentale e per il suicidio. Ma dopo che la crisi è passata, i programmi si sono prosciugati.

Le morti si sono un po' attenuate negli anni successivi, ma i ricercatori dell'Università dell'Iowa hanno scoperto che gli agricoltori e gli altri lavoratori agricoli avevano ancora il più alto tasso di suicidio tra tutte le occupazioni lavorative dal 1992 al 2010, gli anni che hanno esaminato in uno studio del 2017.

Gli agricoltori e gli allevatori avevano un tasso di suicidio che era, in media, 3,5 volte superiore a quello della popolazione generale, secondo lo studio.

Parte del problema, hanno detto gli esperti, è che gli agricoltori sono un gruppo difficile da raggiungere - sia geograficamente che emotivamente.

La maggior parte vive in zone rurali, lontano dai professionisti della salute mentale. Mentre le contee urbane hanno una media di 10 psichiatri ogni 100.000 persone, le contee rurali ne hanno tre, secondo uno studio dell'Università del Michigan del 2018.

Anche quando l'aiuto è disponibile, i consulenti potrebbero non capire cosa stanno passando gli agricoltori.

I consulenti hanno consigliato agli agricoltori di alleviare lo stress trovando un lavoro diverso - qualcosa che trovano impossibile da contemplare, ha detto Fahy, il portavoce di Farm Aid, che gestisce il numero verde della crisi, le cui chiamate sono salite del 92% tra il 2013 e il 2018.

"È essenziale che gli agricoltori parlino con persone che comprendono gli aspetti unici dell'agricoltura", ha detto.

Dopo che Larry Ruhland si è ucciso nel 2006 nella fattoria del Minnesota che gestiva con sua moglie, Barbara, ha contattato Matthews.

"Non ho messo insieme i pezzi, perché non ho nemmeno pensato al fatto che Larry fosse sotto stress come lo era lui", ha detto Barbara Ruhland.

Matthews, lo psicologo della fattoria del Minnesota, l'ha aiutata a superare i disordini dopo il suicidio del marito, e di nuovo quando ha perso un figlio a causa di un aneurisma nel 2014.

Troppo spesso, ha detto, riceve chiamate dopo il fatto.

"Mi rattrista davvero", ha detto. "La persona si è suicidata, e ora sto lavorando con quella famiglia".

Ecco perché formare più persone per individuare le bandiere rosse del pensiero suicida è una parte cruciale della sua missione: dirigenti dell'agricoltura, banditori d'asta, banchieri.

"Quel banchiere è al tavolo della cucina", ha detto Ruhland. "Quelle persone sono in prima linea ogni giorno".

Il Minnesota ha aggiunto un secondo psicologo per dividere il lavoro con Matthews. Il programma costa 228.000 dollari all'anno.

"Vai a parlare con loro".

Le estensioni universitarie, i capitoli del Farm Bureau e altri hanno iniziato a prendere nota, creando linee telefoniche di crisi specifiche per gli agricoltori e formando le persone nelle comunità agricole per individuare i segni della depressione o del pensiero suicida.

L'Iowa ha recentemente finanziato un programma per pagare gli psichiatri che forniscono servizi di salute mentale in aree "rurali e scarsamente servite".

Il Wisconsin ha approvato 200.000 dollari per i buoni, in modo che gli agricoltori potessero frequentare la consulenza, e il Wisconsin Farm Center offre consigli sulle finanze. Ha anche una formazione su come identificare i pensieri suicidi e come aiutare.

"I contadini sono un gruppo duro e hanno la pelle spessa e non vogliono essere visti arrivare fino all'ufficio del consulente", ha detto Susan Harris-Broomfield, la direttrice per la salute, il benessere e la sicurezza nelle zone rurali dell'Università del Nebraska-Lincoln Extension. "Non è la loro marmellata".

Harris-Broomfield ama distribuire cartoline da muro con un numero di help-line e altre risorse nei luoghi in cui gli agricoltori si riuniscono, come i giorni del raccolto Husker Harvest Days del Nebraska.

Il suo consiglio più grande: fate la conversazione sullo stress invece che sulla salute mentale.

"Lo stress è qualcosa con cui tutti possiamo relazionarci", ha detto

Lo stress si mescola ora al dolore a Georgetown, Ohio, dove il padre di Heather Utter si sta adattando alla vita dopo l'agricoltura, mentre il suocero coltiva 1.500 acri - una combinazione tra i terreni su cui è cresciuto e la proprietà adiacente che suo cugino ha coltivato fino alla sua morte.

"Se non si coltiva, non lo si capisce", diceva Charlie Utter dello stress e della disperazione a cui hanno ceduto tanti contadini locali. "Ci sono così tanti alti e bassi e variabili che non si possono controllare. Ti logora".

Charlie Utter ha detto che si rammarica di non aver parlato prima con suo cugino; sapeva che qualcosa lo preoccupava nei giorni prima della sua morte. I membri della famiglia devono guardarsi da vicino, ha detto.

"Se vedi che qualcuno è a terra, vai a parlare con lui e non rimandare", ha detto. "Se la gente fosse più istruita, non potrebbe far male. Una persona potrebbe prendere qualcosa".

(NdT: nota bene: i contadini si suicidano per l'usura, ma negli Stati Uniti "non ci arrivano". Occorrono psichiatri che curino gli psicologi!)

Vedi anche:

As debt grows, more Indian women farmers taking their lives

lunedì 21 dicembre 2020

Come respirare 1 - Capitalismo come rapina

Come respirare 1 - Capitalismo come rapina

Da Camilla Power

Fonte: https://www.worldeconomicsassociation.org/newsletterarticles/how-to-breathe/

Non riusciamo a respirare. Noi umani, la voce e il respiro del pianeta come il suo organismo vivente più cosciente, non possiamo respirare. Abbiamo bisogno di respirare. Dentro e fuori. Profondamente. Prendete la visione a lungo termine per il nostro pianeta e per tutti gli organismi della terra. Il panico ora sarebbe un disastro. Per tornare a un ritmo respirabile, dobbiamo decolonizzare il tempo.

Siamo abbagliati da una luminosità costante, raramente vediamo il cielo scuro, gli schermi tremolano giorno e notte come se il turbocapitalismo non si fermasse mai. Quando ci siamo evoluti come cacciatori-raccoglitori, prima del patriarcato, le nostre attività produttive, le gioie e le sofferenze si sono allineate con i sorgi e i tramonti, giorno e notte, del sole e della luna, e con le stagioni che si susseguono. Di certo, nessun popolo indigeno prima di essere colonizzato ha mai usato mesi artificiali. Usavano sistemi Terra-Luna-Sole, allineando tutta la vita sociale al cosmo, alle maree, alla nidificazione e alla migrazione degli uccelli, ai cambiamenti della luna, alla germinazione dei semi e alla fruttificazione degli alberi.

La massima espressione della supremazia bianca è il controllo del tempo stesso, attraverso il calendario gregoriano che ha sottomesso il tempo cosmologico ed ecologico. Conquistadores e filibustieri imperialisti, che si avventurano con l'espresso intento di derubare, sradicare i modi nativi del tempo ciclico, propagando al loro posto concetti così peculiari come il tempo "sprecato" o "speso", che il tempo è in realtà "denaro".

Il capitalismo come sistema che emerge da questo sfondo di lavoro forzato ci ruba il nostro tempo. Come disse Marx: "In ultima analisi, tutte le forme di economia possono essere ridotte a un'economia del tempo" (1971: 76). Il modo in cui una società organizza - e distribuisce - il tempo rivela ciò che realmente valorizza. Quanto più una persona si vede sottrarre il proprio tempo, eroso e svalutato dai salari della povertà, tanto maggiore è il grado di disuguaglianza.

Nella prima parte di questo saggio traccerò una storia di come il controllo sempre più stretto del tempo, dalle ore ai minuti ai secondi, abbia portato a uno sfruttamento economico sempre maggiore.  Nella seconda parte che seguirà, chiederò come si potrebbe organizzare il tempo in modo da far tornare indietro la disuguaglianza. Cosa possono insegnarci le società indigene ed egualitarie sullo scorrere del tempo?

Il tempo imperialista


La clessidra, tristemente adottata dalla Ribellione dell'Estinzione come loro simbolo, l'ha avviata. Le ore canoniche della Chiesa, dettando i tempi fissi per le preghiere e le attività negli ordini patriarcali cristiani, cominciarono a rimuovere le divisioni del tempo dalla natura. Nelle loro "très riches heures", le dame aristocratiche seguivano la disciplina monastica del tempo e del movimento attraverso i loro breviari, mentre i contadini che lavoravano per i feudatari strappavano le pause di lavoro misurate da una clessidra. Man mano che il tempo diventava lineare, gocciolando per sempre tra due lampadine di vetro, il "Tempus fugit" - l'idea della mancanza di tempo - si imprimeva nella cristianità europea.

I viaggi europei di "scoperta" e di esplorazione che tracciano il futuro coloniale dipendono dalla clessidra. Durante la circumnavigazione di Magellano (1519-22), 18 clessidre di Barcellona sono state utilizzate per tenere il diario di bordo della nave, tenendo traccia dell'ora nel porto di origine contro il mezzogiorno locale, il sole allo zenit.

L'Osservatorio Reale, costruito a Greenwich nel 1675-6, stabilì quello che sarebbe diventato il meridiano principale, lo standard imperiale di misurazione del tempo e dello spazio sulla Terra. Ospitava l'Astronomo Reale, il cui compito esplicito era quello di "applicare se stesso ... alla rettifica delle tavole dei moti del cielo, e dei luoghi delle stelle fisse, in modo da scoprire la tanto desiderata longitudine dei luoghi per perfezionare l'arte della navigazione". (Baily 1836: 293) Risolvere il problema della longitudine - la posizione da est a ovest sulla superficie della terra - era vitale per i viaggi di esplorazione e conquista imperialista. Inizialmente si adottò un approccio cosmologico, mirando a comprendere il moto errante della luna e le sue eclissi, e a tabularlo con precisione. Ma negli anni Cinquanta del XVII secolo, il cronometro di John Harrison, l'orologio marino H4, oggi custodito a Greenwich, si dimostrò pratico e preciso (Sobel 1995).  Nel suo primo viaggio, James Cook utilizzò il metodo della distanza lunare per calcolare la sua posizione E-W, ma prese il K1, una copia dell'H4, nei suoi viaggi successivi e produsse le sue famose carte nautiche del Pacifico meridionale, piantando la prima bandiera dell'Unione sulla Botany Bay, il 29 aprile 1770.

L'epoca capitalista

Nel suo brillante saggio "Time, work-discipline and industrial capitalism" (1967), E P. Thompson traccia come e quando gli orologi, soprattutto quelli con le lancette dei minuti, hanno iniziato a influenzare la vita dei lavoratori in Inghilterra. Questo processo è stato intimamente associato all'inizio dell'industrializzazione, e le recinzioni che l'accompagnavano costringevano molti a lasciare la terra per entrare nei bassifondi, nelle fabbriche e nelle case di lavoro. È anche alla base del nostro intero sistema educativo, indottrinando i bambini alla "deriva del tempo".

Le persone che lavorano la terra potrebbero benissimo ignorare gli orologi. Le campane della chiesa li rincorrevano al mattino, ma anche il canto del gallo. I limiti naturali dell'alba al tramonto davano la consueta aspettativa di ciò che si poteva fare in un giorno. Pescatori e marinai dovevano seguire il ritmo lunare delle maree. Ma il tempo era fondamentalmente "orientato al compito" (1967: 60), il lavoro era organizzato in base a ciò che doveva essere fatto secondo i ritmi stagionali e organici. L'orientamento al compito comporta una minima demarcazione tra "lavoro" e "vita"; la vita sociale e il lavoro corrono insieme; e c'è poco conflitto tra il lavoro e il "passare il tempo".  Questo vale soprattutto per un contadino o un artigiano indipendente. Ma non appena il lavoro di qualcuno viene impiegato da un altro, emerge una netta distinzione tra il tempo del datore di lavoro e il tempo "proprio" del lavoratore. Il valore del tempo è monetizzato: "Il tempo è ora moneta: non è passato ma speso" (1967: 61).

Finché l'attività manifatturiera si svolgeva in piccole officine e industrie "a domicilio" con i membri della famiglia impegnati in una divisione del lavoro, i modelli di lavoro socialmente flessibili e irregolari sotto l'orientamento al lavoro potevano prevalere (1967: 71). Molti di questi lavoratori avevano un'ampia varietà di occupazioni e di compiti:  Minatori-pescatori della Cornovaglia; contadini-tessitori della Pennina; lavoratori domestici che si univano al raccolto. Nessun giorno di lavoro poteva essere identico a un altro, e molto veniva pagato a cottimo.

Thompson presta particolare attenzione a una tradizionale irregolarità della settimana lavorativa. Se i lavoratori artigianali venivano pagati per la merce consegnata entro il sabato e poi bevevano il giorno di riposo del sabato, spesso consideravano il lunedì santo come un altro giorno di riposo (1967: 72). Con uno stipendio in tasca, non avevano fretta di tornare al lavoro. Questa tradizione di autonomia degli operai era un grosso ostacolo per l'industria delle macchine su larga scala, poiché i proprietari delle fabbriche e i capisquadra cercavano di far sì che la loro forza lavoro arrivasse puntuale.

A cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, il lunedì santo (a volte seguito del martedì santo) si osservava tra tutti i mestieri: "calzolai, sarti, collier, stampatori, ceramisti, tessitori, calzeeri, coltellinai, tutti i Cockney" (1967: 73). Thompson attinge ai diari per mostrare l'andamento spesso frenetico della settimana lavorativa. Il tempo libero del lunedì e del martedì significava ore sempre più lunghe verso la fine della settimana per soddisfare gli ordini contratti. Thompson osserva che questo modello di lavoro, caratterizzato da alternanza di periodi di intenso lavoro e di ozio, si verificava ovunque gli uomini avessero il controllo della propria vita lavorativa. Egli suggerisce che può essere un ritmo di lavoro umano "naturale".

Ma c'erano conflitti sessuali che comportavano il modo in cui i lavoratori qualificati si bevevano il loro salario, come diceva la canzone di Sheffield del tardo XVIII secolo, The Jovial Cutlers:

Fratelli operai, cessate il vostro lavoro,

Posa i tuoi file e i tuoi martelli.

Ascolta mentre un fratello vicino di casa

Canta il destino di un coltellinaio:

Come in un buon lunedì santo,

Seduto vicino al fuoco della fucina,

Raccontare quello che è stato fatto domenica,

E in allegria cospirare con allegria.

 

Presto sento la botola alzarsi,

 Sulla scala c'è mia moglie:

"Che tu sia dannato, Jack, ti spolvero' gli occhi,

Conduci una vita da ubriacone piagaiolo;

Qui ti siedi invece di lavorare,

Con la tua brocca sul ginocchio;

Che tu sia maledetto, saresti sempre in agguato.

 E io potrei schiavizzarmi per te".

 

Ah, il diavolo luminoso, grasso e ozioso

Ora vedo il tuo andare avanti,

Qui ti siedi tutto il giorno per divertirti

Non hai mai fatto un colpo di fortuna.

Vedi tu, guarda cosa mi resta,

 Vedi tu, che paio di scarpe;

Vestito e sottoveste mezzo marcio,

Non ho mai avuto un punto intero nel mio tubo.

 

Ti prego, guarda qui, tutto il pomeriggio

Tu sei sprecato con il tuo modo idelico;

Quando mai non è un mezzo per farti saziare?

Il tuo maestro li vuole oggi.

Tu sai che odio lamentarmi e litigare,

Ma non ho né sapone né tè;

Od brucia te, Jack, abbandona la tua botte,

O non mentire mai più con me.

Mentre un operaio poteva ancora ripartire il suo tempo, una moglie - le fatiche domestiche non pagate - aveva una sola arma: lo sciopero del sesso. Le richieste delle donne di pulizia e di un abbigliamento rispettabile possono essere state uno dei fattori più importanti per promuovere la disciplina dell'orario di lavoro, e le lamentele delle donne nei confronti dei loro mariti sono spesso poste contro l'ozio maschile sconclusionato. Il lavoro rurale, sotto la pressione della recinzione (che impedisce l'accesso alla terra comune) e del miglioramento agricolo, è stato sempre più costretto a una maggiore disciplina del lavoro, o alla minaccia punitiva della disoccupazione, e della legge povera. Come riconosce Thompson, le mogli dei braccianti rurali avevano l'orario di lavoro più duro e prolungato di tutti, compresi l'assistenza all'infanzia, i lavori domestici, le faccende domestiche e il lavoro nei campi (1967: 79).

Nel tracciare la transizione dalle industrie manifatturiere "altamente sviluppate e tecnicamente allertate", sorte nel XVIII secolo, al capitalismo industriale maturo del XIX secolo, Thompson adotta una visione antropologica secondo la quale "lo stress della transizione ricade su tutta la cultura: la resistenza al cambiamento e l'assenso al cambiamento derivano da tutta la cultura". E questa cultura comprende i sistemi di potere, i rapporti di proprietà, le istituzioni religiose..." (1967: 80). Tra le ragioni per cui la transizione è stata particolarmente lunga e piena di conflitti in Inghilterra c'è semplicemente il fatto che quella inglese è stata la prima rivoluzione industriale. Non esistevano già "Cadillac, acciaierie o televisori" (1967: 80) come speroni di qualche grande sogno britannico per i poveri abitanti delle baraccopoli e delle case popolari di Manchester, Glasgow o Merthyr.

Thompson ispeziona uno dei più antichi testi sulla disciplina del tempo, il Law Book delle Ferriere di Crowley, risalente al 1700. Alla nascita della grande unità nell'industria manifatturiera, il proprietario della ferriera "ha trovato necessario progettare un intero codice civile e penale, con più di 100.000 parole, per governare e regolare la sua forza lavoro refrattaria" (1967: 81). Questo aveva tutte le caratteristiche di un capitalismo industriale disciplinato - il cronoprogramma, il cronometrista, gli informatori e le multe.

Emergeva tutta una dottrina e una propaganda della "parassita del tempo", inculcata da istituzioni religiose ed educative rivolte ai "poveri", i cui "bambini oziosi e straccioni" non solo stavano "perdendo il loro tempo", ma stavano imparando le abitudini del gioco d'azzardo. Le scuole di carità si moltiplicarono per insegnare Industria, Frugalità, Ordine e Regolarità: "gli studiosi qui sono obbligati ad alzare il tempo e ad osservare le Ore con grande Puntualità" (Clayton 1755, citato in Thompson 1967: 84). In altre parole, il sistema educativo inglese è stato fondato per addestrare i bambini a usare il loro tempo per il profitto dei padroni.

Thompson nota le fasi di resistenza a questo "assalto... alle vecchie abitudini lavorative della gente" (1967: 85). La prima è stata una semplice resistenza. Ma, nella fase successiva, con l'imposizione della nuova disciplina del tempo, i lavoratori si sono battuti non contro il tempo, ma su di esso. È nelle industrie - tessile e metalmeccanica - dove la nuova disciplina del tempo è stata imposta in modo più rigoroso che la competizione nel tempo è diventata più intensa:

La prima generazione di operai veniva insegnata dai loro padroni l'importanza del tempo; la seconda generazione formava i suoi comitati di lavoro a tempo ridotto nel movimento delle dieci ore; la terza generazione colpiva per gli straordinari o per il tempo e mezzo. Avevano accettato le categorie dei loro datori di lavoro e avevano imparato a combattere al loro interno. Avevano imparato la lezione, che il tempo è denaro, fin troppo bene. (1967: 86)

Benjamin Franklin, regolarmente puntuale quando lavorava come tipografo nella Londra degli anni 1720, ha dato piena espressione alla nuova etica capitalista e puritana:-

Poiché il nostro tempo è ridotto a uno standard e il lingotto del giorno è coniato in ore, gli industriali sanno come impiegare ogni pezzo di tempo per ottenere un vero vantaggio nelle loro diverse professioni: E colui che è prodigo delle sue Ore, è, in effetti, uno Sprecatore di Denaro. Ricordo una Donna notevole, che era pienamente consapevole del Valore intrinseco del Tempo. Suo marito era un calzolaio e un eccellente artigiano, ma non si è mai preoccupato di come passavano i verbali. Invano gli inculcò: "Quel tempo è denaro..." (Franklin 1751, citato in Thompson 1967: 89)

Ascolta di nuovo la voce della Donna che si lamenta. Thompson riassume: "In tutti questi modi - con la divisione del lavoro, la supervisione del lavoro, le multe, le campane e gli orologi, gli incentivi monetari, le prediche e le scuole, la soppressione delle fiere e dello sport - si sono formate nuove abitudini lavorative e si è imposta una nuova disciplina del tempo". (1967: 90) Per tutto il XIX secolo, i lavoratori furono incessantemente bombardati dalla "propaganda della deriva del tempo". Le classi avide cominciarono "a scoprire il "problema" ... del tempo libero delle masse" (1967: 90).

Come documentato da Marx ed Engels, l'originale lotta di classe proletaria del XIX secolo si è svolta su questo campo di battaglia nel corso del tempo. Oggi, quella battaglia è stata trasportata in ogni angolo della terra, S ed E Asia, America Centrale, Medio Oriente e Africa, gli stessi modelli che si presentano quando le persone sono costrette ad abbandonare la terra, che ha concesso loro una certa autonomia, in fabbriche reggimentali. Ascoltate le parole di una lavoratrice indiana, riferite nel novembre 2020 (Vaidyanathan 2020), da una fabbrica rurale dell'India del Sud che si sta dando da fare per soddisfare gli ordini del gigante della moda Ralph Lauren:

Siamo costretti a lavorare ininterrottamente, spesso per tutta la notte, dormendo alle 3 del mattino, per poi svegliarci alle 5 del mattino per un altro giorno intero... Ai nostri capi non importa. Si preoccupano solo della produzione".

Allo stesso modo, i lavoratori dei fornitori dei supermercati (tra cui Marks & Spencer, Sainsburys, Tesco) hanno detto: "Non facciamo pause per il bagno, non abbiamo tempo di bere acqua durante il turno. Abbiamo a malapena il tempo di pranzare". Spesso costrette a fare gli straordinari e non ammesse a casa fino alla fine del contratto, queste donne sono state molestate e maltrattate con la minaccia di perdere il lavoro. Uno ha obiettato: "Non dovrebbero trattarci come schiave...". Le condizioni assomigliano alla schiavitù moderna, con una quasi totale alienazione del tempo. Ma le ricche economie del primo mondo non alleviano lo sfruttamento dei lavoratori intrappolati e intimiditi ad accettare meno del salario minimo, come testimoniano le condizioni nei negozi di tessuti tessili di Leicester durante l'estate del 2020, che si sono rivelati punti caldi di COVID (Pittam 2020). In Cina, i lavoratori uiguri, tibetani e nordcoreani, costretti a entrare nelle fabbriche per soddisfare vasti ordini di emergenza per i DPI, sono trattati come schiavi virtuali (Pattison, Bremer e Kelly 2020).

Nel frattempo, i proletari originari del mondo - lavoratori inglesi, scozzesi e gallesi - hanno perso il lavoro e la solidarietà organizzativa di un tempo nelle industrie manifatturiere che sono diventate globali. Ora si affannano a cercare le briciole di un'economia post-industriale. Non più in ritardo di un minuto, diventano soggetti a un'intensa sorveglianza mentre cercano di rispettare gli obiettivi e i tempi di consegna, con azioni e posizioni GPS ormai registrate al secondo. In questo nuovo ordine di disciplina del tempo e dello spazio, ogni secondo viene fatto contare con multe punitive e detrazioni quando non si riesce a far arrivare le consegne agli indirizzi giusti attraverso il traffico congestionato. Il film di Ken Loach Sorry we missed you (2019) racconta la storia di un fattorino autonomo che soccombe allo stress di schemi di lavoro che mancano di qualsiasi ripiego per malattia, tempo libero o problemi familiari. Non c'è tempo per essere umani.

All'altro capo della scala del capitalismo dei casinò, il trading ad alta frequenza sulle borse mondiali opera ora sulla base di nanosecondi, con la manipolazione degli investment banking e degli hedge fund e l'accorciamento dei valori azionari in frazioni di tempo incredibilmente piccole (MoonX 2019). La priorità di questi sistemi è data completamente alle montagne russe, alla ricerca di profitto algoritmico a scapito di qualsiasi forma di stabilità o sicurezza per i produttori di materie prime o di beni. I "titoli" e i "futures" diventano etichette ossimoriche per la completa insicurezza di un futuro insostenibile. Con un semplice colpo di tastiera alla Borsa di Londra o di New York, i mezzi di sussistenza possono essere spazzati via dall'altra parte del mondo.

Questa è la massima espressione del controllo del tempo da parte del capitalismo, trionfante nella sua capacità di estrarre sempre più valore da piccole divisioni del tempo, lasciando una forza lavoro (se fortunata ad avere un lavoro) zombificata e senza sangue. Disperato per pagare l'affitto, con contratti a zero ore, il precariato manca di polso o di un ritmo respirabile per la vita sociale umana, mentre il nostro pianeta precipita in una catastrofe ecologica.



Riferimenti


Baily, F. 1836. An account of the Rev. John Flamsteed" ristampato in R Walsh, E. Litell, J. J. Smith (eds), The Museum of foreign literature, science and art vol. 28.

Marx, K. 1971 (1857-1858) Grundrisse, trans D. McLellan, Londra: Macmillan.

MoonX 2019. Gare di trading ad alta frequenza fino a nanosecondi. Medium.com 3 gennaio

https://medium.com/@moonxfamily/high-frequency-trading-races-to-nanosecondi-689f86109fb4

Pittam, D. 2020. Coronavirus: Grosso problema nelle fabbriche di Leicester, dicono i lavoratori. BBC News, 7 luglio https://www.bbc.com/news/uk-england-leicestershire-53311548

Pattison et al 2020. Il Regno Unito ha acquistato DPI da fabbriche che utilizzano segretamente manodopera schiava nordcoreana. The Guardian, 20 novembre https://amp.theguardian.com/global-development/2020/nov/20/uk-sourced-ppe-from-factories-secretly-using-north-korean-slave-labour

Sobel, D. 1995. Longitudine. Quarta proprietà

Thompson, E.P. 1967. Il tempo, la disciplina del lavoro e il capitalismo industriale. Passato e presente 38: 56-97.

Vaidyanathan, R. 2020. Gli operai indiani che forniscono le principali marche sostengono che si tratti di sfruttamento di routine" BBC News, 17 novembre https://www.bbc.co.uk/news/amp/world-asia-54960346

 

Camilla Power è ricercatrice onoraria presso il Dipartimento di Antropologia dell'University College di Londra ed è stata per molti anni Senior Lecturer e Programme Leader in Antropologia presso l'Università di East London. La sua ricerca si concentra sull'emergere della cultura simbolica - rituale, arte, linguaggio - nei primi anni dell'Homo sapiens. Attualmente sta scrivendo The Revolutionary Sex, sul ruolo della donna nell'evoluzione umana. Tiene regolarmente lezioni per il Gruppo di Antropologia Radicale

http://radicalanthropologygroup.org/

Da: pp.3-6 dei Commentari WEA 10(4), dicembre 2020
https://www.worldeconomicsassociation.org/files/2020/12/Issue10-4.pdf

giovedì 10 dicembre 2020

Il grande business sta trovando la religione.

La leadership del Vaticano
Le grandi aziende si uniscono al Concilio affiliato al Vaticano e si impegnano per un capitalismo inclusivo
Da Personale di Fortune

8 dicembre 2020 6:01 AM GMT+1

Fonte: https://fortune.com/2020/12/08/council-for-inclusive-capitalism-with-the-vatican/

Il grande business sta trovando la religione.

 

Gli amministratori delegati di Bank of America, BP, Johnson & Johnson, Salesforce e diverse altre società della Fortune 500 si uniscono al Council for Inclusive Capitalism With the Vatican, una nuova organizzazione commerciale affiliata alla Chiesa cattolica che opera sotto "la guida morale di Papa Francesco". Fortune è un media partner del Consiglio, che comprende anche i responsabili politici e il segretario generale della Confederazione Sindacale Internazionale, e che è stato lanciato martedì.

"Un sistema economico che sia equo, affidabile e capace di affrontare le sfide più profonde che l'umanità e il nostro pianeta devono affrontare è urgentemente necessario", ha detto Papa Francesco in un comunicato stampa, aggiungendo che le aziende e i leader commerciali del consiglio "hanno raccolto la sfida cercando modi per far sì che il capitalismo diventi uno strumento più inclusivo per il benessere umano integrale".

Il consiglio, che afferma che il suo obiettivo è "costruire una base economica più equa, più inclusiva e sostenibile per il mondo", è l'ultimo sforzo del Big Business per ripensare il capitalismo e i suoi effetti sugli stakeholder, non solo sugli azionisti. "Il dialogo è cambiato radicalmente intorno a questo tipo di cose", dice alla Fortuna il CEO della Bank of America Brian Moynihan, uno dei leader "Guardian" del consiglio.

"Il capitalismo è qui per fare la cosa giusta, se gestito in modo appropriato", aggiunge. "Stiamo facendo in modo che la gente dica: "Questa non è solo la cosa giusta da fare, è moralmente la cosa giusta da fare e la cosa umana giusta da fare".

Le 28 aziende e organizzazioni che hanno aderito al Consiglio si sono impegnate in modo specifico a mettere in atto i suoi quattro principi guida: pari opportunità per tutte le persone, risultati equi, equità tra le generazioni, ed equità nei confronti di coloro nella società le cui circostanze impediscono la loro piena partecipazione all'economia. La Bank of America, ad esempio, si è impegnata a rivelare le emissioni di gas serra che finanzia entro il 2023 e, nello stesso arco di tempo, ad assumere e fornire formazione professionale a 10.000 persone provenienti da quartieri a basso e moderato reddito. (Questi impegni sono anteriori al lancio del consiglio, ma Moynihan dice che sono "informati su cosa significa l'inclusività qui così come... da altri gruppi con cui lavoriamo").

"Fare questo non è semplicemente un imperativo di mercato. Non si tratta semplicemente di inseguire il dollaro ESG", ha dichiarato lunedì a Fortune in un'intervista separata Lynn Forester de Rothschild, fondatrice del consiglio e socia gerente di Inclusive Capital Partners. "I mercati dei capitali sono una forza talmente potente, che dobbiamo ricordare che le nostre azioni, chi siamo e cosa siamo, si basano sulla moralità e sull'etica. E così il Santo Padre ci chiede davvero di mettere i profitti al servizio del pianeta e delle persone".

Il Concilio si è sviluppato a partire da un forum globale in Vaticano nel 2016, organizzato da Fortune e Time, e da una convocazione di imprenditori per incontrare Papa Francesco.

"La nostra grande sfida è quella di rispondere ai livelli globali di ingiustizia promuovendo un senso di responsabilità locale e anche personale, in modo che nessuno sia escluso dalla partecipazione alla società", ha detto il Papa ai partecipanti a quell'incontro. "Vi incoraggio a... cercare modi sempre più creativi per trasformare le nostre istituzioni e le nostre strutture economiche in modo che siano in grado di rispondere ai bisogni del nostro tempo e di essere al servizio della persona umana, specialmente di coloro che sono emarginati e scartati".

Quattro anni dopo, la signora de Rothschild riconosce che i membri attuali e futuri del Consiglio hanno ancora molto lavoro da fare. "Alla riunione dell'anno prossimo, ci misureremo, ci auto-riporteremo su come abbiamo fatto per i nostri impegni", ha detto.

Riconosce che alcune aziende "potrebbero decidere di non volerci provare, e che potrebbero ruotare fuori" il consiglio, ma sta anche mantenendo la fede. "Quello che abbiamo già stabilito tra di noi è l'idea cristiana della redenzione", lei dice. "Falliremo. Ma non è un motivo per non provarci".

mercoledì 9 dicembre 2020

Luanda Leaks: cade l'impero Dos Santos, ma i suoi abilitatori continuano (PWC)

Dopo Luanda Leaks, cade l'impero di una miliardaria, ma i suoi abilitatori continuano

Mentre Isabel dos Santos e i suoi consulenti devono affrontare molteplici indagini, la responsabilità per l'industria offshore rimane elusiva.

Di Will Fitzgibbon

7 dicembre 2020

Fonte: https://www.icij.org/investigations/luanda-leaks/after-luanda-leaks-a-billionaires-empire-falls-but-her-enablers-carry-on/

Immagine: Daniel Rodgrigues/Bloomberg tramite Getty Images

 

Isabel dos Santos.

La scossa di energia fornita al movimento anti-corruzione in Angola proveniva da una fonte inaspettata.

A gennaio, il Consorzio internazionale di giornalisti investigativi e partner in 20 Paesi ha pubblicato l'inchiesta Luanda Leaks, che documenta due decenni di accordi interni e omaggi governativi, con l'aiuto di avvocati e consulenti occidentali, che hanno reso Isabel dos Santos, la figlia di dos Santos, da lungo tempo dominatore del Paese africano meridionale, enormemente ricca.

"Luanda Leaks è stata una boccata d'aria fresca che ci è entrata dalla finestra", ha detto Laura Macedo, un'organizzatrice anti-corruzione.

Per dos Santos, ben nota come la donna più ricca dell'Africa, la ricaduta è stata catastrofica. Una volta cenava con i CEO di tutto il mondo e ha posato su tappeti rossi con presidenti, principi e l'elite di Hollywood. Ma ora, la sua cerchia ristretta e le società collegate sono sotto indagine penale in tre paesi. Le è stato impedito l'accesso a beni del valore di centinaia di milioni di dollari. Tra i principali investimenti della dos Santos, è stata costretta a cedere il controllo di tre società, almeno sette sono state sequestrate nell'ambito di cause legali e un'altra è in bancarotta.

Avvocati, consulenti e contabili, che hanno aperto società fittizie, hanno firmato le revisioni contabili ed elaborato strategie di elusione fiscale per la miliardaria, se ne sono andati. C'è stata anche una tragedia personale. In ottobre, il marito di dos Santos, Sindika Dokolo, un uomo d'affari e collezionista d'arte, anch'egli implicato in schemi di corruzione rivelati dalla ICIJ, è morto in un incidente subacqueo.

Raramente un miliardario è caduto finora, così velocemente. Ma in Angola e oltre, i mali sistemici messi a fuoco dall'indagine di Luanda Leaks - la corruzione, la fuga di ricchezze verso i centri offshore e un'industria del denaro oscuro e tentacolare che permette e accelera il saccheggio di intere nazioni - rimangono in gran parte non trattati.

Il presidente angolano João Lourenço è salito al potere nel 2017 promettendo di combattere la corruzione. Nessuno è troppo potente per andare in prigione, ha detto. La sua amministrazione sostiene di aver rintracciato almeno 24 miliardi di dollari rubati sotto il precedente regime guidato dal padre dei dos Santos, José Eduardo dos Santos, e si è mossa rapidamente sulla scia di Luanda Leaks per prendersela con la figlia dell'ex presidente, i suoi alleati e una manciata di ex funzionari. Ma Lourenço, un tempo ministro del regime dei dos Santos, è stato meno ricettivo all'autoesame.

Nelle proteste di ottobre e novembre, la folla ha bloccato le strade bruciando i copertoni e ha chiesto maggiore trasparenza all'interno dell'amministrazione di Lourenço. Centinaia di persone, alcune con maschere facciali, hanno marciato per la capitale di Luanda, cantando, sventolando segnali e spingendo i pugni in aria. "L'Angola dice basta", gridavano.

I manifestanti hanno chiesto a gran voce le dimissioni di Edeltrudes Costa, capo dello staff di Lourenco, che avrebbe acquistato case di lusso all'estero attraverso conti bancari offshore dopo aver ricevuto un contratto governativo per la ricostruzione di aeroporti. In risposta, la polizia ha sguinzagliato i cani e ha sparato colpi diretti contro i manifestanti. Una delle vittime è stato Inocêncio de Matos, uno studente d'ingegneria di 26 anni, studente di ingegneria e primo contestatore, che è morto dissanguato su una strada trafficata.

Il rapporto dell'ICIJ ha mostrato come i consulenti professionali che lavorano nelle nazioni occidentali abbiano reso possibile a dos Santos dirottare le ricchezze della sua nazione in conti e imprese personali. Un'azienda, la contabile PwC, ha guadagnato più di un milione di dollari consigliando la dos Santos anche mentre volavano le accuse di corruzione, e mentre i dipendenti alzavano - e poi ignoravano - campanelli dall'allarme sul movimento di denaro attraverso i paradisi della segretezza in tutto il mondo. A gennaio, al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, Bob Moritz, il capo della PwC, ha dichiarato che la sua azienda non era mai stata portata così in basso. Un Mortiz "scioccato e deluso" ha ordinato un'indagine.

PwC ha rifiutato di rispondere a domande specifiche su quell'inchiesta o su ciò che aveva scoperto. Un portavoce ha affermato che la sua indagine interna "ha fornito la rassicurazione che le politiche e le procedure della rete PwC sono valide", aggiungendo che "un certo numero di dipendenti senior hanno lasciato PwC o sono stati sottoposti ad altre misure correttive".

"Luanda Leaks è stata la chiave per l'aumento dell'attivismo anti-corruzione in Angola e ha portato nuova attenzione ai contabili e ad altri complici nella deviazione sistemica dei fondi pubblici per il guadagno privato", ha detto Karina Carvalho, direttore esecutivo di Transparency International in Portogallo, di origine angolana. 

"Ma - ha aggiunto Carvalho - vedo anche la continuità delle strutture di potere che impediscono la restituzione dei beni rubati al popolo angolano e proteggono i guardiani che traggono profitto dal riciclaggio di denaro sporco e dall'evasione fiscale". Questi facilitatori hanno una parte di responsabilità per le povere condizioni di vita, anche la fame e la morte, che milioni di persone in tutto il mondo si trovano ad affrontare".
 

[Avete una storia di corruzione, frode o abuso di potere? ICIJ accetta informazioni su illeciti commessi da aziende, governi o servizi pubblici in tutto il mondo. Facciamo del nostro meglio per garantire la riservatezza delle nostre fonti. Raccontacela.]


Un impero comincia a crollare

Il team di reporter di Luanda Leaks comprendeva giornalisti della BBC, della Namibia, del New York Times e di Expresso in Portogallo. Per gran parte del 2019, i reporter hanno setacciato una serie di oltre 700.000 registrazioni relative alle attività di dos Santos e hanno seguito le tracce in decine di paesi. I documenti sono stati condivisi con ICIJ dalla Piattaforma per la protezione degli informatori in Africa, o PPLAAF, un gruppo di sostegno con sede a Parigi.

Verso la fine dell'anno, ICIJ ha iniziato a porre domande al governo angolano su investimenti preferenziali, prestiti e donazioni scoperte dai giornalisti. La reazione è stata rapida.

Nel dicembre 2019, un tribunale di Luanda ha congelato centinaia di milioni di dollari di beni dei dos Santos, comprese le partecipazioni in banche, in una società di telecomunicazioni e in una fabbrica di birra. Il tribunale ha stimato che la dos Santos, Dokolo e un ex manager della PwC diventato consigliere commerciale della dos Santos avevano fatto perdere all'Angola più di un miliardo di dollari.

Poi, il 22 gennaio 2020, una settimana dopo che ICIJ e i suoi media partner hanno pubblicato Luanda Leaks, il procuratore generale dell'Angola, Helder Pitta Gros, ha accusato la miliardaria e suo marito di appropriazione indebita e riciclaggio di denaro.

Le accuse si riferiscono al periodo in cui dos Santos era a capo della Sonangol, la compagnia petrolifera statale angolana. Secondo i pubblici ministeri angolani, le cui accuse fanno eco alle rivelazioni dell'ICIJ derivanti da e-mail, fatture ed estratti conto bancari trapelati, la dos Santos ha pagato quasi 60 milioni di dollari in fatture a una società di consulenza a Dubai di proprietà di un caro amico nelle settimane e nei giorni precedenti il licenziamento della dos Santos da Sonangol.
 

[Letture consigliata
Isabel dos Santos.
LUANDA FUORI SERIE
L'autorità di regolamentazione portoghese chiede che i revisori dei conti siano perseguiti penalmente a seguito di Luanda Leaks
02 ottobre 2020
Rui Pinto
Impatto
L'informatore di Luanda Leaks è il "nuovo Snowden", sostiene l'avvocato dopo il rilascio
13 agosto 2020
TROVA CHIAVE
5 motivi per cui Luanda Leaks è più grande dell'Angola
21 gennaio 2020]


Dos Santos ha negato l'illecito. Accusa i procuratori angolani di aver presentato documenti falsi, tra cui un passaporto che porta il suo nome ma la firma dell'attore di arti marziali Bruce Lee. "Questo è un processo politico, lei ha uno stato persecutore e magistrati servili e partigiani", ha detto la dos Santos, descrivendo il caso contro di lei come una "caccia alle streghe". Anche Dokolo ha negato l'illecito.

Le smentite non hanno rallentato gli investigatori e non hanno molestato i soci d'affari.

A febbraio, un tribunale di Lisbona ha ordinato il sequestro di decine di conti bancari della dos Santos. Il Portogallo, che ha invaso e colonizzato l'Angola nel XVI secolo, ospita gli appartamenti di lusso della dos Santos e la sede di gran parte del suo impero aziendale.

A maggio, la polizia tedesca ha sequestrato dei documenti dal quartier generale della banca statale per le esportazioni, la KfW IPEX-Bank, nell'ambito di un'indagine penale. La polizia sta indagando su accuse secondo le quali gli impiegati della banca avrebbero sottratto fondi pubblici quando hanno concesso un prestito di 55 milioni di dollari all'azienda produttrice di birra della dos Santos, Sodiba, e che la banca non ha controllato correttamente la dos Santos, secondo i partner ICIJ Süddeutsche Zeitung, NDR e WDR.

Con il passare dei mesi, la dos Santos ha perso altri gioielli della sua corona aziendale.

Il Portogallo ha annunciato la nazionalizzazione della quota del 71,7% della dos Santos in Efacec Power Solutions, una società che costruisce infrastrutture elettriche in tutto il mondo. "Il governo ha preso questa decisione perché Efacec si trova in una situazione di stallo dopo la 'Luanda Leaks'", ha annunciato il 2 luglio il ministro dell'Economia Pedro Siza Vieira. La dos Santos ha acquistato la sua partecipazione in Efacec nel 2015 per circa 225 milioni di dollari.

L'Autorità bancaria europea, in risposta alla richiesta del Parlamento europeo di un'indagine su Luanda Leaks e su eventuali violazioni del diritto nazionale o comunitario, ha avviato un'inchiesta.

Un tribunale angolano ha stabilito che un accordo tra Sodiam, l'azienda di diamanti di proprietà dello Stato angolano, e un'azienda svizzera di gioielli di lusso di proprietà del marito della dos Santos, Dokolo, era "fraudolento".

I termini dell'acquisizione erano enormemente favorevoli a Dokolo. Sodiam ha pompato decine di milioni di dollari nella società di gioielli come parte di un'acquisizione che ha dato a Dokolo "il pieno controllo della gestione", secondo i documenti ottenuti dalla ICIJ. La ciliegina sulla torta: Dokolo ha ottenuto una "tassa di successo" di 4 milioni di dollari, prelevati dai soldi dello Stato angolano, per aver organizzato l'affare che lo ha lasciato in carica.

Per effettuare il prestito, Sodiam ha preso in prestito 98 milioni di dollari da una banca, il Banco BIC - in parte di proprietà della dos Santos. Si stima che la sua partecipazione nella banca valga 185 milioni di dollari. De Grisogono era già in difficoltà quando Dokolo ha preso il controllo e l'investimento è andato effettivamente perso quando la società ha presentato istanza di fallimento sulla scia dell'indagine Luanda Leaks.

Sodiam dice che è stata ingannata e che l'accordo non è mai andato a beneficio dell'Angola.

"Continuando a pagare il prestito bancario, lo Stato angolano beneficerebbe due volte Isabel José dos Santos", ha detto il tribunale. "Prima, quando ha chiesto il credito per creare un'attività estremamente redditizia per lei (Isabel dos Santos) e, ora, pagando lo stesso credito all'istituzione finanziaria dove... [lei] è il più grande beneficiario effettivo".

"Ci troviamo quindi, di fatto, di fronte all'ennesima situazione di arricchimento illecito", ha detto il tribunale". Dokolo ha negato l'illecito e in precedenza ha detto a ICIJ che il compenso era per "il successo delle complesse trattative e della strutturazione dell'acquisizione".

Schillings, lo studio legale londinese che rappresenta dos Santos, ha detto a ICIJ di non avere legami con de Grisogono. La decisione del tribunale è stata "un processo segreto... fatto a sua insaputa, senza alcuna rappresentanza, senza nemmeno il requisito legale fondamentale di essere informata" ha detto Schillings.

Un congelamento dei beni e più indagini

Era il tipo di accordo ottenibile solo da chi aveva il pedigree giusto.

Sonangol, la compagnia petrolifera statale angolana, ha venduto una partecipazione di 99 milioni di dollari in una società petrolifera e di gas portoghese chiamata Galp, ma ha richiesto solo un pagamento anticipato di 15 milioni di dollari. Il fortunato acquirente: una società olandese di proprietà di Dokolo chiamata Exem Energy BV. L'investimento vale ora circa 830 milioni di dollari.

A settembre, i procuratori olandesi hanno congelato i beni della Exem. Gli avvocati che rappresentano Sonangol hanno detto a ICIJ che la compagnia petrolifera spera di recuperare centinaia di milioni di dollari che sostiene di aver perso l'Angola a causa dell'accordo. Un tribunale olandese, che si occupava di accuse simili, ha ordinato la rimozione di un luogotenente di dos Santos dal consiglio di amministrazione di Exem e ha confiscato i futuri pagamenti dei dividendi fino a quando la questione non sarà risolta.

Gli avvocati di Sonangol hanno attribuito a Luanda Leaks il merito di aver aiutato a collegare i punti di chi possedeva cosa.

"Il fatto che questi documenti siano di pubblico dominio è incredibilmente utile, perché altrimenti non avremmo modo di scoprirlo", ha detto l'avvocato di Sonangol Emmanuel Gaillard, riferendosi alle copie di alcuni dei documenti che l'ICIJ ha reso pubblici.

Dos Santos ha difeso l'accordo come se avesse "generato un grande ritorno per tutte le parti". Exem ha detto che la corte non ha fatto "nessuna constatazione di illecito" da parte della società.

A questo punto, anche i principali beni delle telecomunicazioni hanno iniziato a diminuire.

La società portoghese di telecomunicazioni Sonae ha annunciato di aver sciolto una joint-venture con la dos Santos che li vedeva controllare insieme una delle più grandi società di comunicazione e di intrattenimento del Paese, NOS.

In ottobre, il gigante angolano della telefonia mobile Unitel ha fatto causa alla dos Santos in un tribunale di Londra. Nel 2012 e nel 2013, Unitel, all'epoca effettivamente controllata dalla dos Santos, ha prestato 431 milioni di dollari a una società della dos Santos per l'acquisto di azioni di una società portoghese utilizzata per assumere il controllo di NOS. Unitel ora teme di non essere in grado di recuperare i suoi prestiti.

Più o meno nello stesso periodo, la Securities Market Commission del Portogallo ha annunciato 84 casi contro nove società di revisione contabile che lavoravano con la dos Santos. Le società senza nome hanno infranto le leggi anti-riciclaggio e hanno omesso di segnalare le transazioni anche se i revisori contabili avevano "ragioni sufficienti" per sospettare che i pagamenti "potessero essere collegati a fondi provenienti da attività criminali", ha detto la commissione.

La commissione, nota come CMVM, ha raccomandato ai procuratori portoghesi di aprire procedimenti penali contro i revisori dei conti. Gli avvocati della dos Santos hanno detto che le conclusioni riguardavano possibili illeciti da parte di società esterne, non la miliardaria stessa.


Di nuovo in affari

Giorni dopo la pubblicazione dell'indagine Luanda Leaks e più di 30 anni dopo il suo ingresso in PwC, l'esperto fiscale portoghese Jaime Esteves era senza lavoro.

Esteves si è dimesso dopo che la ICIJ ha rivelato che il suo team con sede a Lisbona è stato fondamentale per il guadagno di oltre 1 milione di dollari di PwC per aver lavorato per dos Santos. PwC ha preparato piani fiscali e proposte commerciali per i progetti dei dos Santos, alcuni dei quali sono ora sotto inchiesta per possibili reati finanziari.

Non è rimasto disoccupato a lungo.

Esteves ha lanciato rapidamente la JCE. Il suo nuovo sito web si rivolge alle famiglie benestanti che vogliono evitare la "fuga materiale" del loro patrimonio attraverso le tasse governative.

Esteves aiuterà ora chiunque investa una certa somma di denaro - attualmente circa 606.000 dollari - nel settore immobiliare a vivere in Portogallo secondo il regime del visto d'oro (Golden Visa). I critici dicono che il programma di visti del governo è aperto ad abusi da parte di chi nasconde denaro sporco attraverso proprietà di lusso. Nel suo primo post sul blog dopo aver lasciato PwC, Esteves ha anche pubblicizzato le regole fiscali "molto attraenti" del Portogallo e ha descritto il paese come "il miglior segreto d'Europa".

Sapeva di cosa stava parlando. Lui e il suo team di PwC hanno usato esattamente le stesse parole anni fa in una brochure che hanno inviato via email alla società di gestione di dos Santos.

lunedì 30 novembre 2020

Il caso della "proprietà universale"

Politica ed etica | Parere
Il caso della "proprietà universale"

Un'idea pionieristica dell'Alaska potrebbe inoculare la società contro l'estrema disuguaglianza

    Di James K. Boyce il 28 novembre 2020
Fonte: https://www.scientificamerican.com/article/the-case-for-universal-property/
 

Il caso della "proprietà universale
Credito: Edwin Remsburg Getty Images


Quando gli elettori si sono recati alle urne a novembre, un risultato è stato certo: L'America sarebbe emersa come una nazione profondamente divisa. L'impegno del presidente eletto Biden di "unirsi e guarire" farà ben poco per rimediare a questa realtà, a meno che alle buone intenzioni non corrispondano politiche coraggiose che riuniscano veramente gli americani. La proprietà universale - un'idea innovativa che va al di là del reddito e della base economica della ricchezza - offre un modo per muoversi in quella direzione, che potrebbe ottenere il sostegno di entrambi i lati del corridoio politico.

Gli americani hanno a cuore sia l'uguaglianza che la libertà. Il problema è che quando questi sembrano essere in conflitto, la nazione è divisa tra chi è disposto a sacrificare un po' di libertà per una maggiore uguaglianza e chi è disposto a fare il contrario. Questa linea di fondo era in evidenza tra coloro che hanno votato per Biden e coloro che hanno votato per Trump. È anche fonte di ambivalenza tra i molti americani di entrambe le parti che apprezzano entrambi.

L'idea che l'uguaglianza sia il nemico della libertà, e viceversa, si fonda sull'idea che il governo sia il garante ultimo dell'uguaglianza, e la proprietà privata il garante ultimo della libertà. L'equilibrio tra uguaglianza e libertà si trasforma così nell'equilibrio tra lo Stato e il mercato. La quintessenza di questa linea di pensiero si trova negli scritti del senatore della Carolina del Sud John C. Calhoun. Nella sua Disquisizione sul governo, pubblicata nel 1851, Calhoun giustapponeva "due grandi classi": una composta da contribuenti (compresi gli schiavisti come lui) che finanziano il governo, l'altra da "consumatori di tasse" che vivono di elemosina governativa. L'avatar del libero mercato del XX secolo Ayn Rand ha dato alle classi di Calhoun un'etichetta più vivace: "Il creatore produce", scrisse nel suo romanzo del 1943 The Fountainhead, "i parassiti fanno bottino".

Più o meno nello stesso periodo in cui Calhoun stava scrivendo la sua Disquisizione, dall'altra parte dell'Atlantico due emigrati tedeschi offrivano un concetto molto diverso di lotta di classe. Nel Manifesto comunista, Karl Marx e Friedrich Engels ritraevano la classe operaia come i veri creatori di ricchezza e i proprietari del capitale come parassiti. Un elemento chiave del loro programma per la costruzione di una società più egualitaria era la proprietà statale dei "mezzi di produzione". I difetti di questa ricetta divennero fin troppo evidenti con l'avvento dei regimi comunisti nel XX secolo. La convinzione che la proprietà statale appartenesse in un certo senso a tutti era smentita dall'ascesa di nuove élite, il cui potere, come quello dei capitalisti, si basava sul controllo delle proprietà che appartenevano nominalmente ai governi da loro gestiti. In Russia, tre decenni dopo che le élite "riformatrici" dell'URSS hanno fatto leva sul loro status politico per reinventarsi come oligarchi post-comunisti, la ricchezza è distribuita in modo ancora più disuguale che negli Stati Uniti. E in Cina la disuguaglianza è riemersa con vendetta.

La lezione: né la proprietà privata né quella statale sono sufficienti a garantire l'uguaglianza e la libertà per tutti. La prima può permettere alle élite economiche di monopolizzare la ricchezza e il potere, la seconda può permettere alle élite politiche di fare lo stesso. Ma c'è un tipo di proprietà alternativa che non può mai essere concentrata nelle mani di un'élite. È stata pioniera, tra tutti i luoghi, in Alaska.

Nel 1976, con l'inizio della produzione di petrolio sul versante nord dell'Alaska, lo Stato ha modificato la sua costituzione per creare una nuova entità chiamata Alaska Permanent Fund. L'idea è nata da un'idea del governatore repubblicano Jay Hammond, che credeva che la ricchezza petrolifera dell'Alaska appartenesse a tutti i suoi residenti, e che tutti dovessero ricevere uguali dividendi annuali dalla sua estrazione. Il fondo è "permanente" perché una parte del denaro viene investita in modo che anche le generazioni future ricevano dividendi una volta terminata la produzione di petrolio. "Quel denaro e le risorse da cui proviene appartengono a tutti gli abitanti dell'Alaska", ha scritto Hammond, "non al governo o a pochi signor 'J.R. Ewings' che in stati come il Texas possiedono quasi tutto il petrolio". Non sorprende che il fondo si sia dimostrato enormemente popolare in tutto lo spettro politico dello Stato. Il pagamento record, più di 3.000 dollari a persona, incluso uno sconto una tantum, è stato effettuato dal governatore Sarah Palin nel 2008.

Il Fondo permanente non è né proprietà privata né pubblica nel senso convenzionale del termine. A differenza della proprietà pubblica, il diritto alle entrate appartiene al popolo, non al governo. A differenza della proprietà privata, questo diritto non può essere acquistato o venduto, posseduto da società o concentrato in poche mani. È una proprietà universale: individuale, inalienabile e perfettamente egualitaria. 

Nel 2001 Peter Barnes, imprenditore nel campo dell'energia solare e co-fondatore della compagnia telefonica Working Assets Long Distance, ha scritto un libro intitolato Who Owns the Sky?, in cui propone di trattare la limitata capacità dell'atmosfera di assorbire in sicurezza le emissioni di carbonio come l'Alaska tratta il suo petrolio: come un'eredità comune che appartiene in egual misura a tutti. Per proteggere questa preziosa eredità per le generazioni future, Barnes ha sostenuto che dovremmo limitare rigorosamente l'uso di combustibili fossili, imporre prezzi per le emissioni di carbonio che permettiamo, e riciclare le entrate per il pubblico come dividendi. Hammond, per esempio, ha trovato l'idea intrigante. "Torta in cielo", ha pensato. "Forse, ma provocatoria".

Nel suo prossimo libro Ours: How Universal Property Can Transform the World, Barnes estende le possibilità di questo tipo alternativo di proprietà al di là dei beni naturali per includere i beni che abbiamo creato come società, come l'architettura legale e istituzionale del sistema finanziario che sostiene la prosperità individuale. I doni della società e i doni della natura sarebbero trattati come un'eredità comune che appartiene a tutti: la proprietà universale. Coloro che traggono beneficio dal loro utilizzo pagherebbero in base al loro utilizzo, e il denaro ricevuto dal loro utilizzo verrebbe pagato in egual misura a tutti.

Se attuata su una scala significativa, la proprietà universale proteggerebbe la società contro l'estrema disuguaglianza. Fornirebbe una fonte di reddito di base universale basata sul patrimonio, non dipendente dalla tassazione ridistributiva. La tassazione per l'uso della capacità di assorbimento del carbonio del cielo contribuirebbe a stabilizzare il clima della Terra riducendo le emissioni; allo stesso modo, le tasse sulle transazioni finanziarie contribuirebbero a stabilizzare l'economia frenando le speculazioni.

La proprietà universale è un'idea audace che non si adatta perfettamente alle vecchie etichette. Non è né democratica né repubblicana, né liberale né conservatrice, né socialista né libertaria. O meglio, è entrambe le cose. Farebbe avanzare insieme l'uguaglianza e la libertà. E portando tutti nella stessa barca come comproprietari, potrebbe aiutare a colmare i divari che ci tengono separati.
 

 


James K. Boyce è un senior fellow presso il Political Economy Research Institute dell'Università del Massachusetts Amherst. I suoi libri più recenti sono Economics for People and the Planet e The Case for Carbon Dividends.