-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

mercoledì 8 maggio 2019

Revoca della licenza alla Banca d'Italia - mozione urgente

Revoca della licenza alla Banca d'Italia - mozione urgente

https://www.change.org/p/al-governo-italiano-in-carica-revoca-della-licenza-alla-banca-d-italia-mozione-urgente

Chiediamo al Parlamento italiano di formare ed inviare al governo la seguente

REVOCA DELLA BANCA D'ITALIA

In attuazione dell'art.3 comma 2 della Costituzione della Repubblica Italiana: Mozione del parlamento al governo per la revoca immediata della licenza alla Banca d'Italia con cui venne delegata la funzione sovrana della creazione e il controllo della moneta ad un cartello bancario privato che palesemente non persegue l'interesse del popolo sovrano, con la richiesta di dichiarare decadute tutte le leggi con cui questo potere è stato precedentemente affidato alla Banca, compresa la gestione delle Tesorerie dello Stato, un potere che, assieme al controllo della moneta, attiene al popolo sovrano.

venerdì 18 gennaio 2019

Fondamenti di psicopatologia bancaria: la dissonanza cognitiva

venerdì 11 gennaio 2019

Ieri l'addio a Bruno Tarquini, magistrato d'altri tempi




domenica 6 gennaio 2019

L'Islanda sarebbe andata in bancarotta se avesse fatto parte dell'UE

SUNDAY EXPRESS
AFFERMAZIONE SHOCK SULLA UE: l'Islanda sarebbe andata in bancarotta se avesse fatto parte dell'Unione Europea

di MARTINA BET, 4 gennaio 2019
https://www.express.co.uk/news/uk/1066828/eu-news-iceland-UK-EEA-EFTA-brexit-norway-agreement-spt

L'ISLANDA è sopravvissuta con successo a una bancarotta sovrana e al crollo nel 2008 grazie al fatto che era al di fuori dell'UE in quanto questo ha permesso al paese di "recuperare, nonostante l'enorme vastità delle passività delle sue banche", sosteneva nel suo libro esplosivo l'attivista e l'eurodeputato Daniel Hannan.



L'Islanda non è un membro dell'Unione europea, ma ha accesso al mercato unico del blocco attraverso l'adesione all'Associazione europea di libero scambio (EFTA) e allo Spazio economico europeo (SEE). Ciò significa che beni, servizi e persone possono spostarsi dall'UE all'Islanda e viceversa. Il Regno Unito è stato membro fondatore dell'EFTA nel 1960, ma ne uscì per entrare nel mercato comune della CEE nel 1973.

Il mese scorso, Amber Rudd è diventato il primo ministro anziano a rompere pubblicamente dalla linea ufficiale di Downing Street quando ha detto che un accordo SEE (Spazio Economico Europeo) potrebbe fornire un modo per rompere lo stallo parlamentare se l'accordo della Signora May viene bocciato dai Commons.

Si dice che un numero crescente di parlamentari si sta entusiasmando all'idea di questo accordo come un sistema per rompere lo stallo parlamentare.

Nel suo libro "What Next: How to get the best from Brexit" del 2016, l'attivista ed eurodeputato conservatore Daniel Hannah ha suggerito che la ragione per cui l'Islanda è stata in grado di "recuperare" dalla crisi finanziaria era perché non era mai stato un membro della UNIONE EUROPEA.

L'eurodeputato ha osservato: "La maggior parte delle persone negli stati SEE è soddisfatta delle loro attuali condizioni.
"Gli elettori di Norvegia, Islanda e Liechtenstein si oppongono all'adesione all'UE con vaste e decise maggioranze.
"Gli islandesi possono vedere che essere al di fuori dell'UE ha permesso loro di recuperare, nonostante l'enormità delle passività delle loro banche".

Il politico conservatore ha aggiunto che l'ex primo ministro islandese Sigmundur Davíð Gunnlaugsson del Partito progressista centrista una volta disse che "la ripresa non sarebbe potuta avvenire" se l'Islanda fosse stata parte dell'UE.
Il signor Gunnlaugsson avrebbe detto: "Potremmo essere stati dall'altra parte e saremmo diventati un paese in bancarotta.

"Gli islandesi dovevano solo guardare all'Irlanda, alla Grecia e agli altri stati dell'UE per vedere quale sarebbe stato il loro destino".

Il mese scorso, il ministro degli Esteri islandese ha detto a Emily Maitlis su BBC Newsnight di aver accolto con favore l'idea che il Regno Unito si unisca all'EFTA o al SEE.

Guðlaugur Þór Þórðarson ha dichiarato: "Saremmo molto positivi nei confronti dell'idea che il Regno Unito aderisca all'EFTA o al SEE.

"Certo, sto solo parlando per me stesso e non interferiremo con la politica britannica, ma voi siete quelli che avete fondato l'EFTA.

"Il dibattito era lo stesso - volevate commerciare con il resto del mondo, non far parte dell'unione doganale ed è per questo che avete fondato l'EFTA".

lunedì 24 dicembre 2018

La finta dicotomia tra "Stato" e "Banchieri anarchici"

LA FITTIZIA DICOTOMIA TRA STATO E CAPITALISMO
Di comidad (del 13/12/2018 @ 00:17:29, in Commentario 2018, linkato 2261 volte) 
 
Mentre viene annunciata prossimamente una nuova ondata recessiva, la Commissione Europea riesce a tenere inchiodato il governo Conte alla questione di un ridicolo 0,5 in più o meno di deficit. Il paradosso della artificiosa scarsità di denaro (il “non ci sono i soldi”) a fronte di una capacità produttiva diventata invece praticamente illimitata, costituisce il capolavoro mistificatorio della lobby della deflazione.

La lobby della deflazione è un tipico caso di “troppo evidente per essere visto”. Le grandi multinazionali bancarie ed i grandi fondi di investimento hanno un chiaro interesse a tenere l’economia reale in condizione di stagnazione: lo scopo è quello di evitare ogni fiammata inflazionistica che possa incrinare il valore dei crediti ed ogni incremento del PIL che, aumentando il gettito fiscale, renda i governi meno dipendenti dai prestiti dei grandi investitori. 

I componenti di una lobby non hanno bisogno di riunirsi o di scambiarsi gli auguri di natale per riconoscersi come una coalizione di interessi. Nelle multinazionali bancarie e nei fondi di investimento si alleva un personale che gestisce con pieno automatismo quegli interessi. Questo personale possiede (per dirla alla Foucault) i “saperi”, ma anche gli agganci, che gli consentono di accedere alle gerarchie delle organizzazioni sovranazionali come il FMI, l’OCSE, la Banca Mondiale, il WTO e la Commissione Europea. Il meccanismo della “porta girevole” assicura a questo personale di alternare carriere nel pubblico e nel privato, ovviamente sempre all’insegna degli stessi interessi privati.
Le lobby infatti sono trasversali ed occupano tutti gli spazi a disposizione. Il senso dello Stato è il senso di un’astrazione e potevano avercelo Platone o Hegel. Il senso della lobby ha invece l’impellenza dei tornaconti personali, dei ricatti incrociati e dell’odio per l’uguaglianza. 

Gran parte del dibattito rimane invece ancora fissata alla coppia “capitalismo e/o Stato”, con esiti teorico-pratici spesso poco convincenti. Una delle tesi oggi prevalenti è quella definita con acritico intento liquidatorio come “rossobrunista”. Gli esponenti di questa corrente politico-culturale individuano nello Stato nazionale l’unico possibile argine al capitalismo mondialista ed iper-finanziario. Si tratterebbe di promuovere il “pubblico” senza preoccuparsi dell’etichetta di destra o di sinistra di chi lo promuove.
Si tratta però anche di capire se “capitalismo” e Stato” siano nomi che indicano fenomeni precisi, oppure siano invece astrazioni che prescindono dai dati concreti.

Recuperare la sovranità dello Stato può essere un’idea suggestiva, ma sembra anche una chiusura della stalla quando i buoi sono scappati. Uno Stato, se è tale, non cede la sua sovranità: se l’ha ceduta, vuol dire che non era uno Stato, oppure che lo Stato era solo un’astrazione giuridica che copriva e mistificava altre gerarchie sociali. La cessione della sovranità monetaria non è cominciata con l’euro e neppure col famigerato “divorzio” tra Tesoro e Banca d’Italia del 1981. Quando gli Stati hanno riconosciuto il diritto esclusivo di emissione monetaria alle sole banche centrali, avevano già abdicato alla loro “sovranità”. 

Le privatizzazioni le ha fatte sempre lo “Stato” e non si è verificata alcuna resistenza da parte delle burocrazie statali contro tutto ciò. L’identificazione tra “pubblico” e Stato è molto problematica, se si considera che il grande privatizzatore è proprio lo Stato. Negli anni ’70 l’Unione Sovietica era ritenuta da molti analisti come l’avanguardia dello Stato Leviatano che avrebbe fagocitato e controllato tutto. L’Unione Sovietica è invece crollata per la pressione di una lobby affaristica interna, desiderosa di smantellare l’impero per trasformare i sudditi in clienti del gas e del petrolio russo. 

In Italia il Pubblico Impiego è sotto tiro non solo da parte dei ministri di turno, ma anche da parte di organi di polizia che travalicano la loro funzione per trasformarsi in attori mediatici. Esiste oggi una sorta di “Carabinieri Productions” che lancia video grotteschi sui pubblici impiegati presunti “furbetti”. Uno “Stato” che si fa carico di screditare se stesso? Ed in nome di che cosa? Della “porta girevole” che consentirà ai funzionari pubblici di farsi una carriera del privato? 

La stessa astrattezza coinvolge la nozione di "capitalismo”. Potrebbe esistere il “capitalismo” senza lo Stato che lo assiste finanziariamente e gli privatizza tutto? O è sempre la stessa lobby, che si fa chiamare “Stato” o “capitalismo” o “Mercato” a seconda delle convenienze?

Giocando sulle astrazioni si possono suscitare vere e proprie cortine fumogene come lo “Stato minimo” di Robert Nozick (uno Stato che si occupi solo di difesa e giustizia e lasci il resto al “Mercato”), oppure il cosiddetto “anarco-capitalismo” di Murray Rothbard: uno Stato che si suicidi privatizzando tutto e affidandosi sempre al dio “Mercato”. Queste fumisterie ideologiche provengono dagli USA, cioè proprio il Paese dove il massimo investitore è lo Stato, anzi il Pentagono. 

Dopo anni e anni di balle sui garage di Steve Jobs (un idolo per la sedicente “sinistra”), fortunatamente oggi anche una rivista come “Limes” riconosce che tutta la tecnologia dei vari Microsoft, Apple, Facebook deriva direttamente ed esclusivamente dal Pentagono. La fittizia dicotomia tra Stato e capitalismo, Stato e Mercato, Stato e privato consente sì mirabilie illusionistiche, ma le evidenze contrarie sono molto maggiori.

lunedì 17 dicembre 2018

La Malesia chiede condanne penali per Goldman Sachs

Malesia: accuse di reati penali contro Goldman Sachs

Con una mossa senza precedenti che potrebbe prefigurare accuse simili dal DOJ statunitense - e molti mal di testa per il "recente pensionato" Lloyd Blankfein - il procuratore generale malese ha intentato accuse criminali contro Goldman Sachs - prendendo di mira due delle filiali asiatiche della banca d'investimento e due ex Banchieri Goldman che sono già stati accusati dagli Stati Uniti (l’ex capo del Sud-Est asiatico Tim Leissner e banchiere Roger Ng), accusando la banca d'investimento di violare le leggi sui titoli del paese mentendo sugli accordi obbligazionari per tre affari che hanno raccolto $ 6,5 miliardi per 1MDB, un Fondo sovrano malese formato sotto l'ex primo ministro Najib Razak che le autorità statunitensi ritengono sia stato saccheggiato per oltre 4 miliardi di dollari da banchieri e funzionari corrotti.
Mentre le autorità di Singapore, Svizzera e altrove avevano già presentato accuse penali contro diverse banche coinvolte nello scandalo lo scorso anno, le prime accuse contro Goldman e i suoi dipendenti sul coinvolgimento nello scandalo si sono materializzate due mesi fa quando il DOJ incriminò Leissner e Ng.
Poco dopo le accuse, i resoconti dei media hanno rivelato che i dirigenti di Goldman, in particolare l'ex CEO Lloyd Blankfein, erano coinvolti nelle transazioni. Blankfein ha partecipato ad almeno tre incontri sia con Razak che con il finanziere in disgrazia Jho Low, il presunto finanziere corrotto che è stato anche incriminato dalle autorità malesi lunedì, invitando anche Low ad una seduta privata al quartier generale di Goldman, al numero 200 della West Street. Mentre stavano portando avanti l'accordo, i dipendenti di Goldman - incluso Blankfein - hanno scartato le preoccupazioni sollevate dal dipartimento di conformità della banca e hanno consentito a Low di fungere da intermediario non ufficiale tra la banca e il governo malese, nonostante il dipartimento di conformità della banca avesse avvertito che Low non meritava fiducia. Il Dipartimento di Giustizia sta inoltre esaminando il ruolo di altri banchieri anziani di Goldman.

Le accuse hanno seguito le segnalazioni nel fine settimana sostenendo che ex dipendenti Goldman ritenevano che 1MDB potesse offuscare l'eredità di Blankfein per far rivivere la reputazione della banca a seguito di un massiccio accordo del 2010 per gli abusi legati alle sue vendite di obbligazioni ipotecarie prima della crisi finanziaria. Commentando gli accordi 1MDB, un dirigente ha detto "qualcosa puzza" e ha messo in discussione come siano riusciti a superare le regole di conformità.

    "Riteniamo che queste accuse siano indirizzate male, le difenderemo vigorosamente e attendo con impazienza l'opportunità di presentare il nostro caso. L'azienda continua a cooperare con tutte le autorità che indagano su questi argomenti", ha dichiarato Goldman in una nota al Wall Street Journal.

In una dichiarazione al Financial Times, Tommy Thomas, procuratore generale della Malesia, ha affermato in una dichiarazione che Goldman ha ricevuto $ 600 milioni di spese per il suo ruolo, un totale che era "molte volte superiore ai tassi di mercato e alle norme del settore prevalenti". La Malaysia chiede a Goldman di rinunciare a tutte le spese pagate dal governo malese (che sono state pagate a un tasso superiore al mercato per riflettere alcuni "rischi" correlati all'accordo), oltre a ulteriori fondi punitivi. Mentre il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che sono stati rubati circa $ 4,5 miliardi da 1MDB, le autorità malesi hanno preso di mira solo $ 2,7 miliardi.

    "La Malesia ritiene che le insinuazioni contenute nelle accuse contro l'imputato riguardano violazioni gravi delle nostre leggi sui titoli, e per riflettere la loro gravità, i pubblici ministeri cercheranno multe penali ben oltre i $ 2,7 miliardi sottratti dai proventi delle obbligazioni e $ 600 milioni in onorari percepiti da Goldman Sachs e chiederanno sentenze detentive nei confronti di ciascuno dei singoli accusati: il termine massimo di reclusione è di 10 anni ", ha dichiarato il procuratore generale.

L'accusa della Malaysia asseriva che le dichiarazioni contenute nei documenti di vendita delle obbligazioni di Goldman erano "false e fuorvianti" e che i dipendenti Goldman coinvolti partecipavano personalmente beneficiando degli accordi.

    La Malaysia ha dichiarato che le circolari e il memorandum di collocamento privato emessi da Goldman per le tre obbligazioni contenevano dichiarazioni "false, fuorvianti o omissioni materiali", in quanto affermavano che i proventi delle obbligazioni sarebbero stati utilizzati per scopi legittimi.
    "I prospetti informativi e il memorandum di collocamento privato sono documenti seri, da intendersi affidabili, e, in effetti, sono stati fatti valere dagli acquirenti delle obbligazioni", ha detto.
    La Malesia ha detto che l'imputato ha strutturato le emissioni obbligazionarie per "scopi apparentemente legittimi quando sapevano che i loro proventi sarebbero stati sottratti e fraudolentemente deviati".
    "Oltre a ricevere personalmente parte dei fondi obbligazionari sottratti, quei dipendenti e direttori di Goldman Sachs hanno ricevuto grandi premi e migliori prospettive di carriera presso Goldman Sachs e nel settore dell'investment banking in generale", ha affermato l'ufficio del procuratore generale.

Già la polemica 1MDB ha ispirato alcuni clienti Goldman a tagliare i legami con la banca, in particolare tra il fondo di fondi sovrani, che la banca aveva designato come "area di crescita chiave". Un fondo Abu Dhabi ha intentato causa a Goldman per danni non specificati relativi a 1MDB.
I dirigenti di Goldman che finora hanno eluso i procedimenti giudiziari ora hanno un'altra ragione per essere ansiosi, perché anche se evitano di sottoporsi al controllo del Dipartimento di Giustizia, gli Stati Uniti hanno un trattato di estradizione con la Malesia.
In questo periodo festivo, 1MDB continua a fare “regali” al signor Blankfein.