-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

giovedì 21 maggio 2020

Un altro salvataggio bancario, sotto la copertura di un "virus"

Pubblicato su
Lunedì 18 maggio 2020
da Sogni Comuni
Fonte: https://www.commondreams.org/views/2020/05/18/another-bank-bailout-under-cover-virus
Un altro salvataggio bancario sotto la copertura di un virus
Le banche insolventi di Wall Street sono state di nuovo salvate in silenzio. Le banche rese prive di rischio dal governo dovrebbero essere dei servizi pubblici.
di Ellen Brown

The American people are therefore entitled to share in the benefits and the profits. Banking needs to be made a public utility. (Photo: Twitter/@publicbankla)
Il popolo americano ha quindi il diritto di partecipare ai benefici e ai profitti. Le banche devono essere rese di pubblica utilità. (Foto: Twitter/@publicbankla)

   Quando nel 2010 è stato approvato il Dodd Frank Act, il presidente Obama ha dichiarato trionfalmente: "Basta salvataggi!" Ma ciò che la legge diceva in realtà era che la prossima volta che le banche avessero fallito, sarebbero state soggette a "bail ins" - i fondi dei loro creditori, compresi i loro grandi depositanti, sarebbero stati prelevati per coprire i loro cattivi prestiti.

   Quando i bail-in vennero tentati in Europa, tuttavia, i risultati sono stati disastrosi.

   Molti economisti negli Stati Uniti e in Europa sostenevano che la prossima volta che le banche avessero fallito, avrebbero dovuto essere nazionalizzate e prese dal governo come servizi pubblici. Ma quell'opportunità è andata persa quando, nel settembre 2019 e di nuovo nel marzo 2020, le banche di Wall Street sono state silenziosamente salvate da una crisi di liquidità del mercato repo che altrimenti avrebbe potuto mandarle in bancarotta. Non c'è stato nessun bail-in di fondi privati, nessun acceso dibattito al Congresso e nessun voto pubblico. Tutto è stato fatto unilateralmente da burocrati non eletti della Federal Reserve.

   "La giustificazione del profitto privato", ha detto il presidente Franklin Roosevelt in un discorso del 1938, "è un rischio privato". L'attività bancaria è stata resa praticamente priva di rischi, sostenuta dalla piena fiducia e dal credito degli Stati Uniti e del loro popolo. Il popolo americano ha quindi il diritto di partecipare ai benefici e ai profitti. Il settore bancario deve essere reso di pubblica utilità.

Il business rischioso di prendere in prestito a breve per prestare a lungo

   Le singole banche possono fallire a causa di troppi prestiti scadenti, ma le crisi che possono innescare il collasso dell'intero sistema sono "crisi di liquidità". Le banche "prendono in prestito a breve per prestare a lungo". Prendono in prestito dai loro depositanti per fare prestiti o investimenti a lungo termine, promettendo al contempo ai depositanti che possono venire per i loro soldi "su richiesta". [Ndt: questa affermazione è falsa, le banche creano denaro creando depositi dal nulla] Per realizzare questo gioco di prestigio, quando i depositanti e i mutuatari vogliono il denaro allo stesso tempo, le banche devono chiedere un prestito a qualcun altro. Se non riescono a trovare finanziatori con un breve preavviso, o se il prezzo del prestito diventa improvvisamente proibitivo, il risultato è una "crisi di liquidità".

   Prima del 1933, quando il governo intervenne con l'assicurazione dei depositi della FDIC, i panici bancari e le corse in banca erano comuni. Quando si sospettava che una banca fosse in difficoltà, tutti si affrettavano a ritirare i loro fondi in una sola volta, esponendo il fatto che le banche non avevano il denaro che si supponeva avessero. Durante la Grande Depressione, più di un terzo di tutte le banche private statunitensi furono chiuse a causa della corsa alle banche.

   Ma il presidente Franklin D. Roosevelt, che entrò in carica nel 1933, era scettico sull'assicurazione dei depositi bancari. Egli ammonì: "Non vogliamo rendere il governo degli Stati Uniti responsabile per gli errori e gli errori delle singole banche, e dare un premio alle banche inadempienti in futuro". Il governo aveva una valida alternativa pubblica, un sistema bancario postale statunitense istituito nel 1911. Le banche postali divennero particolarmente popolari durante la Depressione, perché erano sostenute dal governo statunitense. Ma Roosevelt fu costretto a firmare la legge bancaria del 1933, creando la Federal Deposit Insurance Corporation che assicurava le banche private con fondi pubblici.

   Il Congresso, tuttavia, non era disposto ad assicurare più di 5.000 dollari per depositante (circa 100.000 dollari oggi), una somma raccolta temporaneamente nel 2008 e permanentemente nel 2010 fino a 250.000 dollari. Ciò significava che i grandi investitori istituzionali (fondi pensione, fondi comuni d'investimento, hedge fund, fondi sovrani) non avevano un posto dove parcheggiare i milioni di dollari che detenevano tra un investimento e l'altro. Volevano un posto dove mettere i loro fondi che fosse sicuro, che fornisse loro un certo interesse e che fosse liquido come un tradizionale conto di deposito, consentendo un prelievo rapido. Volevano la stessa "garanzia di rimborso in ferro" fornita dall'assicurazione dei depositi della FDIC, con la possibilità di recuperare i loro soldi su richiesta.

   È stato in gran parte in risposta a questa esigenza che il mercato privato dei pronti contro termine si è evoluto. Le operazioni repo, anche se tecnicamente "vendite e riacquisti" di garanzie collaterali, sono in effetti prestiti garantiti a breve termine, di solito rimborsabili il giorno successivo o in due settimane. I pronti contro termine sostituiscono la sicurezza dell'assicurazione dei depositi con la sicurezza di garanzie altamente liquide, tipicamente titoli di debito del Tesoro o titoli garantiti da ipoteca. Sebbene il mercato dei repo si sia evoluto principalmente per soddisfare le esigenze dei grandi investitori istituzionali che ne erano i principali finanziatori, esso è servito anche gli interessi delle banche, in quanto ha permesso loro di aggirare i requisiti patrimoniali imposti dalle autorità di regolamentazione al sistema bancario convenzionale. L'indebitamento sul mercato repo è diventato così popolare che nel 2008 ha fornito la metà del credito del paese. Nel 2020, questo massiccio mercato aveva un fatturato di 1 trilione di dollari al giorno.

   Prima del 2008, le banche si sono anche mutuate prestiti reciproci sul mercato dei fondi fed, consentendo alla Fed di manipolare i tassi d'interesse controllando il tasso dei fondi fed. Ma dopo il 2008, le banche avevano paura di concedersi reciprocamente prestiti per paura che le banche mutuatarie potessero essere insolventi e non restituire i prestiti. I prestatori si sono invece rivolti al mercato dei pronti contro termine, dove si supponeva che i prestiti fossero garantiti da garanzie collaterali. Il problema era che le garanzie collaterali potevano essere "reipotecate", o utilizzate per più prestiti contemporaneamente; ed entro settembre 2019, il lato dei mutuatari del mercato repo era stato rilevato dai fondi hedge, noti per la rischiosa repoteca. Molti grandi istituti di credito istituzionali si sono quindi ritirati, portando il costo del prestito a un certo punto dal 2% al 10%.

   Invece di lasciare che le banche fallissero e di costringere al bail-in dei fondi dei creditori privati, la Fed si è tranquillamente fatta avanti e ha salvato le banche diventando il "prestatore repo di ultima istanza". Ma la crisi di liquidità non si è attenuata e a marzo la Fed ha messo a disposizione 1.000 miliardi di dollari al giorno in prestiti overnight. La banca centrale stava sostenendo l'intero mercato delle operazioni pronti contro termine, compresi gli hedge fund, una situazione insostenibile.

   Nel marzo 2020, sotto la copertura di una crisi nazionale, la Fed ha quindi gettato le porte aperte alla sua finestra di sconto, dove solo le banche potevano contrarre prestiti. In precedenza, le banche erano riluttanti ad applicarla perché l'interesse era a un tasso di penalizzazione e portava uno stigma, segnalando che la banca doveva essere in difficoltà. Ma questa preoccupazione è stata eliminata quando la Fed ha annunciato, in un comunicato stampa del 15 marzo, che il tasso di interesse era stato abbassato allo 0,25% (praticamente zero). Anche la riserva obbligatoria è stata eliminata, il requisito patrimoniale è stato allentato e a tutte le banche in regola sono stati offerti prestiti fino a 90 giorni, "rinnovabili su base giornaliera". I prestiti potevano essere rinnovati continuamente, e non vi erano vincoli a questo denaro senza interessi - nessun obbligo di prestare alle piccole imprese, di ridurre i tassi delle carte di credito o di svalutare i mutui ipotecari subacquei. Persino J.P. Morgan Chase, la più grande banca del paese, ha riconosciuto il prestito alla finestra di sconto della Fed per prestiti a bassissimo costo.

   Il piano della Fed ha funzionato e la domanda di prestiti repo è crollata. Ma a differenza del Canada, dove le grandi banche hanno tagliato i tassi d'interesse delle carte di credito per aiutare ad alleviare i mutuatari durante la crisi della COVID-19, le banche statunitensi non hanno condiviso questa fortuna con il pubblico. I tassi di interesse canadesi sono stati dimezzati, dal 21% all'11%; ma i tassi delle carte di credito statunitensi sono scesi in aprile solo di mezzo punto percentuale, al 20,15%. Le gigantesche banche di Wall Street hanno continuato a favorire i loro clienti più grandi, svuotando prima i benefici del CARES Act, svuotando il trogolo prima che molte piccole imprese potessero berci.

   Nel 1969, il primo ministro Indira Gandhi nazionalizzò 14 delle più grandi banche indiane, non perché fossero in bancarotta (la solita giustificazione oggi), ma per garantire che il credito venisse assegnato secondo le priorità pianificate, compreso l'accesso delle banche alle zone rurali e la disponibilità di finanziamenti a basso costo per gli agricoltori indiani.  Il Congresso potrebbe fare lo stesso oggi, ma le probabilità sono che non lo farà. Come ha detto il senatore Dick Durbin nel 2009, "le banche ... sono ancora la lobby più potente di Capitol Hill. E francamente quel posto è di loro proprietà".

È ora che gli Stati entrino in gioco

   Perché i governi locali eletti, che sono tenuti a servire il pubblico, sono penalizzati per le carenze di bilancio causate da una chiusura obbligatoria, quando le banche private che servono gli azionisti privati non lo sono?
Lo Stato e i governi locali potrebbero mettere a disposizione delle loro comunità crediti a basso costo, ma oggi anche loro sono cittadini di seconda classe quando si tratta di prestiti. A differenza delle banche, che possono prendere in prestito praticamente senza interessi e senza vincoli, gli stati possono vendere le loro obbligazioni alla Fed solo a tassi di mercato del 3% o del 4% o più, più una penale. Perché i governi locali eletti, che sono tenuti a servire il pubblico, sono penalizzati per i deficit di bilancio causati da una chiusura obbligatoria, quando le banche private che servono gli azionisti privati non lo sono?

   Gli Stati possono prendere in prestito dal fondo fiduciario federale per la disoccupazione, come ha appena fatto la California per 348 milioni di dollari, ma anche questi prestiti devono essere rimborsati con gli interessi, e devono essere utilizzati per coprire le richieste di sussidi di disoccupazione statali. Gli Stati rimangono disperatamente a corto di fondi per riparare i buchi nei loro bilanci a causa della perdita di entrate e dell'aumento dei costi dovuto alla chiusura.

   Gli Stati sono eccellenti rischi di credito - meglio delle banche senza il supporto vitale del governo federale. Gli Stati hanno una base imponibile, non vanno da nessuna parte, sono obbligati per legge a pagare le bollette, ed è loro vietato chiedere il fallimento. Le banche sono considerate rischi di credito migliori degli Stati solo perché i loro depositi sono assicurati dal governo federale e sono dotate di salvataggi di routine da parte della Fed, senza i quali sarebbero crollate decenni fa.

   I governi statali e locali con il mandato di servire l'interesse pubblico meritano di essere trattati così come le banche private di Wall Street che sono state ripetutamente giudicate colpevoli di frodi nei confronti del pubblico. Come possono gli Stati ottenere la parità con le banche? Se il Congresso non si occuperà di questa necessità, gli stati possono prendere in prestito senza interessi alla finestra di sconto della Fed formando le proprie banche di proprietà pubblica. Per saperne di più su questa possibilità, vedi il mio precedente articolo qui.

   Come ha detto Buckminster Fuller: "Non si cambiano mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, create un nuovo modello che renda obsoleto il vecchio modello". Dopo il CoVID-19, il mondo dovrà esplorare nuovi modelli; e le banche di proprietà pubblica dovrebbero essere in cima alla lista.
Ellen Brown
Ellen Brown è avvocato e fondatrice del Public Banking Institute. È autrice di dodici libri, tra cui il best-seller Web of Debt, e del suo ultimo libro, The Public Bank Solution, che esplora i modelli di successo della banca pubblica a livello storico e globale.

Nessun commento:

Posta un commento