-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

mercoledì 13 maggio 2020

I giudici tedeschi contrattaccano, la BCE non è "Padrone dell'universo"

L'Europa in crisi: I giudici tedeschi contrattaccano, dicono che la BCE non è "Padrone dell'universo"

da Tyler Durden
Mer, 13/05/2020
Fonte: https://www.zerohedge.com/markets/europe-crisis-german-judges-strike-back-say-ecb-isnt-master-universe

Una settimana dopo che la Corte costituzionale tedesca ha scatenato una crisi sulla legalità del QE della BCE, promuovendo una risposta arrabbiata sia da parte dell'UE che della BCE, i membri della massima corte tedesca hanno continuato a difendere la loro controversa decisione che metteva in discussione la costituzionalità del programma di riacquisto dei beni della Banca Centrale Europea, affermando che le corti nazionali hanno un ruolo di controllo limitato sui giudici del blocco.

Come ha riferito da un giorno all'altro Bloomberg, Peter Huber, che ha redatto la sentenza della scorsa settimana per la Corte costituzionale tedesca, ha detto che i giudici volevano che la BCE si assumesse la responsabilità del programma di QE e che lo spiegasse a coloro che ne erano colpiti negativamente, come tutti quei risparmiatori tedeschi che devono pagare la loro banca per tenere i loro soldi. In un'altra intervista a un altro giornale, il suo collega Andreas Vosskuhle ha negato che la Corte suprema dell'Unione Europea ha sempre l'ultima parola in materia di legge della regione.

"Questa sentenza è un bene per l'Europa perché rafforza lo stato di diritto", ha detto Vosskuhle a Die Zeit. Le decisioni dei tribunali nazionali "sono legittime e i tribunali sono obbligati a intervenire nei rari casi eccezionali in cui le istituzioni dell'UE trasgrediscono gravemente i loro poteri".

Huber ha anche detto che la corte tedesca vuole solo la prova che il programma di allentamento quantitativo della BCE rientri nel suo mandato. La banca centrale deve dimostrare di non aver oltrepassato i suoi poteri, in quanto non ha il diritto di muoversi solo perché l'Europa è in crisi: "Il messaggio alla BCE è in realtà omeopatico", ha detto martedì Huber sul sito web della Sueddeutsche Zeitung. "Non dovrebbe vedersi come il "Padrone dell'Universo". Un'istituzione come la BCE, che è solo debolmente legittimata democraticamente, è accettabile solo se si attiene rigorosamente alle responsabilità ad essa assegnate".

Certo, ormai è ormai chiaro da tempo che non c'è nulla di democratico nella tecnocratica Bce, il cui unico scopo - come Mario Draghi ha chiarito di volta in volta - è quello di preservare l'euro "a qualunque costo" e di arricchire i ricchi.
Commentando la risposta di Huber, Michael Every della Rabobank ha scritto questa mattina che "un giudice della Corte costituzionale tedesca ha parlato della sua recente e controversa sentenza, affermando che la Bce non è "Padrone dell'Universo"".

"Vi sembra un ritiro giudiziario, vi sembra un ritiro giudiziario", chiede Every? In risposta, il capo economista della BCE ha dichiarato che il suo acquisto di attività è "proporzionato" e terminerà "non appena sarà raggiunto l'obiettivo dell'inflazione".

    Il che, per chiunque guardi la Bank of Japan, fa subito scattare l'allarme, perché implica che non si fermerà mai - e suppongo che i giudici tedeschi siano in grado di guardare al Giappone come a un esempio. Rischio acceso o spento, diresti?

Ricordiamo che il 5 maggio la Corte suprema tedesca ha stabilito che la BCE sta violando il diritto comunitario non giustificando adeguatamente il suo programma di acquisto di obbligazioni. I giudici hanno detto che la Bundesbank tedesca non può più partecipare al programma a meno che la BCE non giustifichi le sue politiche entro tre mesi. La decisione 7 a 1, che va contro una sentenza del 2018 della Corte di giustizia dell'UE che ha confermato l'allentamento quantitativo, ha aperto una netta spaccatura tra i tribunali regionali e nazionali.

"Questa è una sfida diretta all'autorità centrale della CGCE, in un contesto in cui anche la Polonia e l'Ungheria sono sotto esame del tribunale per le loro varie violazioni del principio dello stato di diritto", ha detto Sebastien Platon, professore di diritto pubblico all'Università di Bordeaux. "Rifiutare ciò significa rifiutare lo scopo stesso di questo tribunale".

A differenza della Polonia o dell'Ungheria, i giudici tedeschi non vogliono impedire alla Corte suprema dell'UE di controllare le istituzioni della regione, ha detto Huber. "Abbiamo ricevuto molti applausi dalla parte sbagliata", ha detto Huber, riferendosi ai commenti del governo polacco che ha elogiato la sentenza tedesca.

I giudici tedeschi accettano il ruolo della corte suprema del blocco e interverranno solo in casi assolutamente eccezionali, ha detto Huber. "Vogliamo che la Corte suprema dell'UE faccia meglio il suo lavoro", ha detto il giudice.

Nessun commento:

Posta un commento