-

-
La creazione ed il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

domenica 8 settembre 2013

Le idee di Nando Ioppolo

CHI SIAMO E PERCHE’
http://www.circolodegliscipioni.org/index.php?option=com_content&view=article&id=49:chi-siamo-e-perche&catid=35:il-pensiero-unico&Itemid=18

Il presente scritto è frutto di una ricerca durata più di 15 anni e che è stata
operata da un gruppo di intellettuali milanesi che si sono raccolti intorno
ad un centro studi economico-politici denominato Circolo degli Scipioni. Il
nome è mutuato dall’analoga ricerca fatta dagli intellettuali repubblicani
raccolti intorno alla figura di Scipione l’africano, il vincitore di Zama, il
quale, nel corso della campagna militare che trascina Roma nel reticolo
degli interessi socio-politici ellenici sino alla conquista dell’intera regione,
studia la parabola discendente del sistema schiavile greco, avanti di secoli
rispetto a quello romano. Egli, pur senza saperlo, compie una analisi di
tipo materialista storico ed individua le ragioni di questo disfacimento
nella invincibile concorrenza della grande proprietà schiavile rispetto alle
piccole e medie proprietà schiavili e suggerisce di provvedere per tempo
con adeguati sostegni statali per impedire la loro fagocitazione da parte
dell’aristocrazia schiavile, impedendo il conseguente formarsi delle plebi
e il progressivo decrescere della Domanda interna.
Egli è membro dell’aristocrazia senatoria romana e parla negli interessi di
questa stessa classe, prevedendo quel disfacimento i cui segni saranno
per tutti palesi solo 400 anni dopo. E resta inascoltato. Dopo di lui
resteranno inascoltati anche Tiberio e Caio Gracco, che non a caso sono
imparentati con suoi diretti discendenti o da lui discendono per parte di
madre, e che, partendo dalle sue stesse analisi, porteranno avanti le sue
proposte appoggiandosi però alle plebi, intanto accresciutesi
numericamente, organizzate politicamente nel Partito Popolare. E
verranno uccisi.
Oggi, il Circolo degli Scipioni, utilizzando il medesimo strumento di analisi
storica, economica e sociale, arricchito da due millenni di acquisizioni
epistemologiche, ha la presunzione di avere individuato le ragioni
dell’attuale crisi del capitalismo nella feudalizzazione della classe
dirigente capitalistica.
Premettendo che definiamo “feudale” ogni classe egemone che in
qualsiasi modo di produzione, pianificato, mercantile o neolitico che sia,
1
si appropri di buona parte del prodotto sociale senza avere partecipato
alla produzione e senza detenere né le conoscenze né le condizioni
materiali del funzionamento del sistema produttivo, definiamo tale la
èlite creditizio finanziaria che detiene le leve del potere di battere la
Moneta circolante, creditizia e finanziaria. Una èlite che, grazie alla
Moneta “virtuale” di cui detiene il quasi-monopolio, ha anche acquisito
gradualmente, senza in realtà pagare davvero, come vedremo nel corso
della esposizione, il controllo della maggior parte delle grandissime
imprese multinazionali che si andavano formando nel corso degli ultimi
duecento anni. Erede delle grandi dinastie bancarie e mercantili
medioevali, questa elite non si fa portavoce degli interessi della borghesia
mercantile perché estrae la sua quota del prodotto sociale creato dai ceti
produttivi (maestranze, managers ed imprenditori) essenzialmente
attraverso lo strumento monetario e quello speculativo.
Chiamiamo altresì “club” dei trust finanziarizzati il blocco di
multinazionali estrattive, mercantili, industriali ed agroalimentari che è
stato gradualmente incorporato nel blocco dei colossi bancari e finanziari
statunitensi e anglo-olandesi, a loro volta stretti intorno al consorzio
privato della Federal Reserve, fondato nel 1912 tra le più grosse banche
USA, tra cui spiccano, soprattutto, quelle imparentate con i Rotschild di
entrambe le coste dell’atlantico.
Questa èlite controlla anche direttamente la vita politica dell’apparato
esecutivo dei più importanti stati-nazione occidentali, e, anche attraverso
di essi, controlla indirettamente pure la quasi totalità dei restanti
apparati esecutivi dell’intero pianeta.
Guerre devastanti piccole e grandi, crisi improvvise come quella di Wall
Street e recessioni e pandemie sono gli strumenti che,
indipendentemente dalla lucidità che può avere come può non avere
presieduto e presiedere il loro deflagrare come la loro gestione, hanno
accresciuto ed accrescono progressivamente e per salti questa spaventosa
concentrazione di potere economico, politico e militare.
Questo “club” ha pertanto progressivamente trasformato il sistema
capitalistico in un sistema misto di feudalesimo. Oggi, infatti, possono
2
definirsi capitalistiche solo le maestranze e le imprese che acquistano i
Capitali sul mercato ed operano il sistema del “ricarico” nella fissazione
dei prezzi, soffrendo il corrispettivo rischio di impresa per il caso che le
entrate siano inferiori alle uscite. Non sono capitalistiche, invece, bensì
feudali, le imprese multinazionali e i colossi creditizio-finanziari integrati
in questo unico “club”. Le prime, perché, come vedremo, sono del tutto
sottratte ad ogni rischio di impresa in quanto sommano al profitto
marxiano, l’unico correttamente definibile “capitalistico” e l’unico in
questo senso “legittimo” (quello derivante dal “ricarico” operato sui
costi), altri due meccanismi di prelievo surrettizio del prodotto sociale:
a)l’extraprofitto mercantile di medioevale memoria, quello da incetta,
reso possibile dagli accordi di cartello, che consentono a tutte le imprese
che partecipano il medesimo cartello (e le obbligano) di fissare i listini
all’ingrosso non in funzione dei costi ma in funzione della Domanda che
viene precedentemente studiata grazie al marketing e artificialmente
“pompata” con la pubblicità. In questo modo, analogamente a come
opera l’ingrosso agroalimentare quando periodicamente distrugge le
derrate “in eccesso” per creare l’incetta tra i compratori e sfruttare a fine
di extraprofitto la tensione provocata dalla quota di Domanda che viene
così lasciata scientificamente insoddisfatta, sottodimensionano
sistematicamente e scientificamente la produzione industriale dei beni e
dei servizi a quelle minori quantità che il marketing preventivamente loro
segnala come “ottimali” dal punto di vista del massimo profitto
percentuale ottenibile rispetto al Capitale investito (c.d. “punto di
Cournot”). In nessun modo si può definire capitalistico un simile
extraprofitto. Esso è invece “feudale” in tutto e per tutto: lo stesso che
veniva perseguito dai grandi mercanti medioevali acquistando nelle aree
dove si era avuta una grande produzione e vendendo a carissimo prezzo
nelle aree dove si era registrata una carestia, oltretutto ivi
sottodimensionando scientificamente le vendite per sfruttare la massima
incetta possibile. E con buona pace della teoria del valore-lavoro!
b)il quasi ignoto alla pubblicistica contemporanea “signoraggio creditizio-
cartolare”, ovvero l’acquisto sistematico di immobili, aziende, materie
3
prime, semilavorati, fonti di energia e lavoro con Moneta “allo scoperto”,
creata dalle grosse banche grazie al “moltiplicatore dei depositi” e al
“reflusso bancario”, e dai grossi istituti finanziari ad esse collegate, grazie
alla creazione ed alimentazione della “bolla” speculativa mobiliare e
immobiliare, “sorelle” dei trust, come già detto, che con essa finanziano
sistematicamente qualsiasi eventuale perdita di esercizio dei trust e
consentono loro, perfino, di dotarsi di una autonoma Moneta cartolare
“allo scoperto” grazie al sostegno speculativo delle quotazioni dei titoli da
essi emessi direttamente a valori nominali multipli rispetto al loro
effettivo valore di realizzo in caso di divisione del patrimonio sociale.
Meno che mai capitalistiche, e per le ragioni appena esposte, possono
essere definite le banche e, meno ancora, possono così essere definiti gli
istituti finanziari, poiché la quasi totalità delle entrate bancarie è
conseguita grazie al prestito ad interesse di una Moneta creditizia che,
come vedremo, viene “creata dal nulla” al momento del prestito grazie
alla legittimità della c.d. “riserva frazionaria” e che è multipla rispetto
alle loro consistenze di cassa, la quale poi viene incamerata come se
niente fosse e non nullificata al momento della sua restituzione (c.d.
“reflusso bancario”).
A qualsiasi modo con cui la classe che detiene Moneta “allo scoperto”
riesce ad estrarre ricchezza dalle classi produttive viene dato il nome di
“signoraggio” e chiamiamo “signoraggio creditizio” quello bancario.
Dal canto loro, gli istituti finanziari, per la maggior parte filiazioni dirette
delle banche, operano insieme ad esse nel mercato borsistico creando
speculativamente una quantità industriale di titoli autoreferenti e titoli
che incorporano solo una scommessa, i quali, a dispetto della loro
inesistenza “reale”, hanno esistenza “virtuale” e corso legale che, per
effetto della fiducia del pubblico, sancita anche dalla Legge, conferisce
loro la medesima natura della Moneta creditizia, ovvero la sua medesima
capacità di “comandare il lavoro”, e, dunque, è “Capitale” a ogni effetto
pratico. La Moneta, infatti, se è accettata, funziona esattamente come
quella “vera” anche se è totalmente “falsa”, e questo vale
indipendentemente dalla forma contingente che assume il documento
4
autoreferente che viene accettato negli scambi come se avesse un proprio
valore intrinseco (“signoraggio cartolare”).
A rigore, dovremmo parlare di Moneta e signoraggio anche in riferimento
alla “bolla” speculativa immobiliare e, perfino, al c.d. “gold crescent”, così
come dovremo parlarne in futuro anche in riferimento a qualsiasi nuovo
parto della fantasia umana che consentirà di conseguire il medesimo
effetto e di svolgere la loro medesima funzione. Il lettore più attento sarà
capace di farlo da solo.
Detto questo, dopo avere definito “feudale” il fenomeno, vale la pena
sottolineare, da un lato, il sinistro non senso di una Moneta creditizio-
cartolare che cresce progressivamente divaricando la forbice rispetto alla
ricchezza “reale” prodotta dai ceti produttivi e che sta alla sua base senza
crescere al suo medesimo ritmo. Dall’altro lato, che è perfino in atto una
crisi internazionale della economia “reale” le cui ragioni sono uno dei
principali oggetti del presente scritto.
Vale la pena segnalare subito che la difficoltà che soffrirà il lettore nel
seguire il filo del discorso che verrà qui svolto non sta affatto nella
difficoltà tecnica degli argomenti trattati, ma nella quantità incredibile di
false idee che vengono accreditate dalla scienza ufficiale e
sistematicamente diffuse dai media senza il minimo senso critico.
Ogni lettore, infatti, è ben convinto che in economia si raccontino delle
falsità strumentali a questo o quell’interesse di classe, ed è pertanto
pronto a recepire critiche e rivelazioni, ovviamente facendo alle critiche la
medesima tara che già da solo fa da sempre all’oggetto delle critiche.
Pochi, però, sono pronti ad accettare che quasi tutto ciò che scienza e
media sostengono sia destituito del minimo fondamento scientifico e
fattuale. Per ammetterlo dovrebbe nel contempo negare la sua stessa
capacità critica e pensare che nessuno prima d’ora se ne sia accorto. E’
questo un problema che si presenta periodicamente nella storia della
scienza quando un paradigma che pur fa acqua da tutte le parti vuole
essere radicalmente capovolto in una sintesi gestaltica completamente
diversa e inimmaginata. Nemmeno al più critico dei tolemaici fu facile
accettare l’ipotesi eliocentrica copernicana, e questo a dispetto
5
dell’apparente moto retrogrado di alcuni pianeti e di mille altre
incongruenze che il pensiero tolemaico tentava di superare in modo
complicatissimo e insieme meraviglioso. Il problema, però, era che non
era la terra al centro, ma il sole! Anche se ci si rifiutava di guardare nel
cannocchiale.
Oggi il lettore viene posto di fronte a una difficoltà della medesima
portata. Leggerà infatti che quasi tutto ciò in cui crede lui e in cui credono
tutti coloro che conosce, tutto ciò che la scienza avvalora e tutto ciò che i
media diffondono è totalmente falso, sia a livello logico che fattuale.
E quanto più egli è “tolemaico” tanto più difficile per lui sarà diventare
“copernicano”! Non possiamo che dispiacercene e chiedere scusa, ma è il
sole che sta al centro! Man mano che avanzerà nella lettura troverà anche
la mappa degli interessi di classe che sorreggono Tolomeo e avversano
Copernico. Ciò lo incoraggerà e gli si pareranno davanti una dopo l’altra
una quantità di prospettazioni totalmente opposte a quelle che egli
riteneva fondate, ma lo conforterà trovare altrettante conferme dei
tantissimi dubbi che egli stesso aveva sempre avuto. Quante volte si è
chiesto perché l’ISTAT insista a dire che l’inflazione è al 2%, quando è
almeno al 5%, e quante volte, rifacendo i calcoli, ha concluso che da anni
siamo in piena recessione, non dandosi ragione del perché scienza, media
e politici sembrino invece credere il contrario? Quante volte si è chiesto
chi guadagni con l’euro “forte”, se così le nostre Esportazioni diventano
sempre meno competitive? Quante altre si è chiesto quale logica possa
sorreggere la contrazione della Domanda interna per Consumi pubblici e
privati, se quando si contraggono costi per le imprese che nel contempo
sono anche Domanda pagante per il mercato, solo con una enorme (ed
impossibile) crescita delle Esportazioni si potrebbe compensare questa
contrazione della Domanda interna? E poi, si sarà anche chiesto quale
contrazione di retribuzioni, welfare, sicurezza e tutela ecologista
dovremmo mai operare sul made in Italy per potere davvero contrastare
la concorrenza dei prodotti cinesi o indiani e delle multinazionali
delocalizzate nel terzo mondo! Più radicalmente, si sarà chiesto come
possa funzionare un sistema-mondo in cui tutti vogliono Esportare più di
6
quanto Importano , senza cogliere la valenza non solo “fratricida”, ma
anche potenzialmente guerrafondaia di un simile proposito.
Dell’inflazione si è certamente chiesto come faccia a salire il livello
generale dei prezzi se quando sale la Domanda cresce nella stessa misura
anche l’Offerta, e, più ancora, come faccia a salire quando la Domanda
cala ... senza ammettere che perché questo possa accadere l’Offerta deve
necessariamente calare più ancora di quanto non stia calando la
Domanda, il che può avvenire solo “volontariamente”!
Anche il suo euroscetticismo, del resto, è andato intanto crescendo in
tutti questi anni di pesantissimi sacrifici fatti sull’altare di un euro “forte”
di cui non vede i vantaggi che tutti sembrano vedere. Specialmente a
fronte di parametri davvero insensati e impossibili da rispettare,
chiedendosi, in definitiva, come possano averci seriamente chiesto nel ’92
di dimezzare il nostro rapporto debito/PIL entro il 2000, come possiamo
averlo accettato e come abbiano potuto credere davvero dal 2001 ad oggi
ai nostri conti “truccati” su inflazione, rapporto debito/PIL e rapporto
deficit/PIL, se non facendo solo finta di farlo, e, soprattutto, quindi, si
sarà chiesto quale sia il vero perché di tutte queste manfrine.
Sul debito pubblico, poi, quanti si chiedono perché dovrebbe essere
“eccessivo” un debito pubblico da € 1.600 Mld e non dovrebbe esserlo
uno da 1.000 piuttosto che da 500, e, all’incontrario, se non possa essere
“accettabile” un debito pubblico doppio o triplo rispetto all’attuale,
specialmente a fronte della circostanza che per ogni italiano che è
debitore per il rimborso di un bot, c’è per forza un altro italiano che
possiede quel bot, e, dunque, è il creditore di quel rimborso?
E quanti sono quelli che non restano straniti nel leggere che non ci sono i
soldi per rinnovare un contratto collettivo da € 1 Mld, ma ne appaiono
subito dal nulla più di 500, se servono per ripianare la esposizione
debitoria di una banca d’affari (ovvero una confraternita di speculatori)
che si è troppo esposta nelle sue scommesse a credito sui subprime?
Quanti, ancora, mantengono il loro applomb nel vedere come salgono e
scendono nelle borse di tutto il mondo le quotazioni di titoli, valute e
commodities senza la minima ragione plausibile, almeno apparente, e
7
trovano normale che allo stesso modo salga e scenda ogni giorno, e di
parecchio, l’indice di borsa, e che lo faccia sfacciatamente senza nessun
legame con l’andamento della economia “reale” che quei titoli
dovrebbero pur, almeno un pochino, rappresentare?
Perché poi il prezzo al mq degli immobili debba essere ormai più di 4 volte
maggiore del suo costo di costruzione, perché cresca ancora e perché
domani si possa solo dimezzare anziché ridursi di 4 volte, come dovrebbe,
e, infine, perché saremmo tutti più ricchi quando aumenta il prezzo dei
mq edificati e non il loro numero, beh, tutte queste cose sono un vero
mistero proprio per tutti, al pari di come possa crescere il PIL quando
aumentano i canoni locatizi, il saggio di interesse, le utenze, le tariffe RCA
... l’indice di borsa e il prezzo al mq del mattone!
Trovando le sconcertanti risposte a queste sconcertanti domande, il
lettore vincerà la istintiva tentazione di smettere la lettura, e si consolerà
sapendo che cresce il numero di coloro che sanno che l’ISTAT sottostima
sistematicamente da oltre 10 anni l’inflazione di almeno 2-3 punti
percentuali all’anno, e, quindi, che retribuzioni, pensioni, spesa pubblica e
PIL “reali” si sono nel frattempo quasi dimezzati. Costoro sono altresì
convinti che siamo in piena recessione e che essa è dovuta al tentativo
vanaglorioso di perseguire con una deflazione che è solo recessiva e un
“rigore” finanziario non meno inutile che suicida un euro “forte” che
serve solo al 2% scarso della popolazione, ovvero all’entourage creditizio-
finanziario ed alla Rendita speculativa, più i ricchissimi di sempre, mentre
danneggia il restante 98%, ovvero i lavoratori e le imprese nazionali, sia
quelle che operano sul mercato interno che quelle Esportatrici, nonché
gli artigiani, i commercianti ed i liberi professionisti. Cresce altresì perfino
il ristretto numero di coloro che sanno pure che il nostro debito pubblico
non esiste, almeno nel senso pieno del termine, in quanto da sempre il
suo 95% è solo “virtuale”, perchè “collocato elettronicamente” presso le
banche, e, dunque (sanno anche questo!), scambiato con una Moneta
creditizia che è altrettanto “virtuale”, perché “allo scoperto” in quanto
“creata dal nulla” dando fondo al meccanismo fiduciario della c.d.
“riserva frazionaria”. E sanno che gli euro e i dollari sono proprietà
8
privata, rispettivamente, della privatissima BCE spa e dell’altrettanto
privato consorzio bancario della Federal Reserve, come sanno che pure la
Banca d’Italia è una privatissima spa, oltretutto controllata dalle stesse
banche che dovrebbe controllare. Parimenti cresce il numero di coloro
che sanno che l’euro “forte” penalizza le nostre Esportazioni allo stesso
identico modo in cui le danneggia una più alta inflazione a cambio
invariato, e sanno pure che sono gli accordi di cartello i veri responsabili
di una inflazione che è assolutamente volontaria e non automatica, al pari
della sua sinistra sottostima ufficiale, per cui contro l’inflazione serve il
calmiere all’ingrosso o la indicizzazione integrale di retribuzioni, pensioni,
spesa pubblica e Risparmi accompagnata dalla progressiva ... svalutazione
dell’euro in funzione dell’eventuale differenziale residuo di inflazione!
Sanno pure che per gli Investimenti produttivi basta e avanza, di regola,
l’1% circa del PIL e che essi non sono affatto funzione inversa del loro
costo, e meno che mai del saggio di interesse, bensì funzione diretta della
Domanda effettiva, al saldo dell’Export-Import. Sanno che il capitalismo
funziona benissimo senza la proprietà privata della Moneta e che solo
nazionalizzandola si possono liberare le forze produttive capitalistiche
dalle pastoie feudali della èlite creditizio-finanziaria, e trovano assurdo
un sistema-mondo nel quale tutti vogliono Esportare più di quanto
Importano e sanno che serve assolutamente una seconda Bretton Woods.
Sanno queste e mille altre “follie” ancora, enumerare le quali
trasformerebbe questa prefazione in un indice ragionato.
Continuando a leggere, dunque, queste cose le conoscerà anche il lettore
e le giudicherà separando il “vero” dal “falso”. Nel farlo, le difficoltà
maggiori che egli incontrerà non verranno dalla intrinseca difficoltà degli
argomenti trattati, tutt’altro! Verranno solo dai luoghi comuni del
Pensiero Unico che egli ha inconsapevolmente introiettato e dalla
naturale resistenza che proverà a superarli, e, soprattutto:
1)dall’idea oggi diffusa intorno a cosa sia la Moneta, di cui si pensa in
genere che sia ciò che dovrebbe essere, ovvero una semplice unità di
misura convenzionale, e non ciò che essa è in realtà, ovvero, come
vedremo, uno strumento fraudolento gestito da una confraternita
9
privata, nazionale, quando va bene, internazionale e straniera, quando va
male (ovvero quasi sempre), con il quale appropriarsi surrettiziamente di
quote enormi di prodotto sociale ... in realtà “senza pagare”!
2)dalla ignoranza oggi diffusa intorno a cosa in effetti sia Moneta e cosa
non lo sia, in speciale riferimento alla gigantesca Moneta creditizia “allo
scoperto” ed all’ancora maggiore Moneta cartolare, anch’essa “allo
scoperto”, oggi in circolazione.
3)dalla ignoranza dell’effettivo meccanismo di formazione dei prezzi da
parte dei trust, e, di conseguenza, dalla incapacità di anche solo
immaginare la “volontarietà” dell’intero processo inflattivo.
4)dalla incapacità di immaginare un sistema capitalistico moderno e
gigantesco che possa funzionare benissimo (ed anzi molto meglio)
utilizzando per le sue esigenze produttive, di scambio, tesaurizzazione e
credito un sistema creditizio ed una borsa nazionali semplicemente
rudimentali e protette al 100% dalla speculazione.
Si legga e rilegga il cap.34: “ricapitolando”, perché facilita l’orientamento
sia all’interno del modello tolemaico che di quello copernicano, all’inizio
della lettura e durante, come alla fine e a distanza di tempo.
In ogni caso, per quanta fatica si duri a sposare la pars construhens di
questo libro, la sua pars destruhens ha ormai lanciato centinaia di siluri
copernicani sotto la linea di galleggiamento della corazzata tolemaica,
laddove ne bastavano 5/10 per affondarla. Del resto, esso ha avuto una
incubazione fin troppo lunga per continuare ad attendere che i tempi
siano maturi perché l’opinione pubblica sia pronta a recepire discorsi che
continuano ad restare inquietantemente ... “fuori dal dibattito”.
Un ultimo avvertimento riguarda infine la tecnica espositiva qui utilizzata,
irritantemente sintetica. Normalmente, infatti, ciò che è scritto in queste
poche pagine lo si scriverebbe in almeno 10 libri.
Tuttavia non viviamo in tempi normali. E’ già tanto che sia uscito questo
libro. Esso già esisteva al livello del campo morfogenico ed oggi esiste
anche al livello del mondo fisico. Altri prima o poi lo utilizzeranno per
scrivere e dibattere. Scriverlo e pubblicarlo era un dovere spirituale e lo
abbiamo assolto. Il testimone ora passa a voi.
10
BREVE CONFUTAZIONE SCIENTIFICA DEL PENSIERO UNICO
1)quando aumenta l’indice di borsa senza che sia corrispondentemente
aumentata la ricchezza “reale” che i titoli dovrebbero rappresentare e
quando aumenta il prezzo al mq degli immobili senza che aumentino i mq
edificati, non aumenta affatto la Ricchezza comune, ma si ha solo una
inflazione dei cespiti. Questa particolarissima inflazione, completamente
misconosciuta da scienza e media, accresce semplicemente la quantità di
beni e di lavoro che così possono “comprare senza pagare” i loro detentori,
con questi cespiti inflazionati dalla speculazione. Quando aumentano i
prezzi, infatti, il denaro “vale” di meno ed è quindi ovvio che quando
all’incontrario aumenta il valore nominale dei cespiti mobiliari e
immobiliari, è il denaro che “vale” di più, e con esso, pertanto, coloro che lo
detengono riescono a comprare più beni e più lavoro di prima, e dunque
questo qualcosa in più in realtà non lo pagano affatto! Il paradosso, poi, lo si
raggiunge quando, come vedremo appresso, si pretende di perfino
“raffreddare” l’economia “reale” per favorire i detentori di Capitali, perché
allora si provoca coscientemente della recessione al fine di redistribuire più
sperequatamente una ricchezza che viene appositamente contratta proprio a
questo scopo e tra poco vedremo anche come viene ciò falsamente
giustificato in nome di un preteso interesse comune.
2)non è ammissibile che tutti i paesi vogliano Esportare più di quanto
Importano, sia perchè Esportare di più vuol dire Esportare negli altri paesi
non solo più beni e servizi ma anche tanta disoccupazione e tanti fallimenti
quanti ne induce la mancata produzione nazionale che quelle Esportazioni
vanno a soppiantare, sia, soprattutto, perché un sistema-mondo in cui tutti
vogliono Esportare e nessuno vuole Importare non può funzionare per
nessuno e lo stesso vale anche se alcuni Esportano sempre ed altri Importano
sempre. Né è plausibile inseguire una suicida competitività “stracciona” per
contrastare senza adeguati dazi compensativi da welfare ed ecologia la
concorrenza “sleale” delle multinazionali delocalizzate nel terzo mondo che
ivi producono sottocosto nel massimo dispregio della natura e dell’uomo. E’
dunque evidente che i rapporti internazionali devono essere necessariamente
improntati al pareggio tendenziale dell’Import-Export, e che l’unico
11
sviluppo capitalistico davvero possibile è quello che viene trainato dalla
Domanda interna.
3)non è vero che se aumenta la Moneta in circolazione e/o se aumenta la
Domanda interna si genera semplicemente inflazione, peggiora l’Import-
Export e crolla il cambio, né è vero che sia positiva sempre e comunque una
Moneta “forte”, in quanto:
a)quando aumenta la Domanda interna, perchè i prezzi possano salire
occorrerebbe che non aumenti l’Offerta, il che postula il suo “strozzo”,
che, in concorrenza perfetta (mai, dunque, oggi, visto che la quasi totalità di
beni e dei servizi vengono commercializzati in regime di oligo-monopolio),
potrebbe avvenire solo nell’ipotesi peregrina in cui non esistesse
manodopera disoccupata o non ci fosse sufficiente disponibilità di materie
prime e fonti di energia, nel qual caso, però, l’assunto degraderebbe
nell’affermazione che nelle fasi espansive i prezzi aumentano insieme alla
Offerta, e, precisamente, aumentano proprio nella misura in cui l’aumento
dell’Offerta non riesce a eguagliare l’aumento della Domanda. In regime di
oligo-monopolio, invece, questo “strozzo” non è né eventuale né tecnico,
ma è certo e dovuto semplicemente alla politica tariffaria dei trust, che
preferiscono sottodimensionare volontariamente l’Offerta proprio al
fine di trasferire sui prezzi parte della tensione esercitata dalla quota di
Domanda che così lasciano appositamente insoddisfatta onde conseguire
il massimo profitto percentuale rispetto al Capitale Investito, anziché
accontentarsi di un profitto alto, ma non massimo. E’ la stessa politica
tariffaria che viene praticata dall’ingrosso agro-alimentare quando distrugge
periodicamente le derrate che giudica “in eccesso” (dal punto di vista del
suo extra-profitto), solo che in questo caso il fenomeno non è appariscente
in quanto non si distruggono frigoriferi o automobili che la natura ha già
prodotto in più rispetto a quanto giudicato “ottimale” dai trust in rapporto ai
responsi del marketing di cartello, ma vengono semplicemente ... non
costruiti! E così apprendiamo en passant perchè nelle fasi espansive
l’inflazione è inevitabile, a meno di intervenire con il calmiere all’ingrosso,
e che essa è sempre accompagnata da un sottodimensionamento volontario
di Investimenti e Occupazione, che si riflette necessariamente in un Reddito
e una qualità della vita complessivi più bassi che altrimenti.
12
b)quando invece la Domanda interna diminuisce, come ad esempio,
purtroppo, avviene da ormai circa 15 anni in Europa, i prezzi possono salire
solo se l’Offerta cala più di quanto non cala la Domanda, il che implica
una “volontarietà” ancor più marcata del fenomeno, ma pone pure
inquietanti interrogativi intorno al vero fine che il “club” dei trust
finanziarizzati vuole perseguire con questa apparentemente autolesionista
stagflation, tanto più che le ricette suggerite ai governi dal Pensiero Unico
(e da questi incredibilmente accolti) per combattere la stagflation sono le
stesse suggerite contro l’inflazione che si registra nelle fasi espansive,
ovvero consistono in ... tagli ulteriori della Domanda interna che aggravano
ingiustificatamente la recessione in atto senza peraltro minimamente frenare
l’inflazione!
c) Ancora più assurda è poi l’idea di una “spirale prezzi-salari” che si
bloccherebbe ... bloccando i salari anziché i prezzi, perché nasconde la lotta
per la distribuzione sociale sotto le apparenze di una pseudo-oggettività che
capovolge a carico dei lavoratori ogni responsabilità inflattiva al pari del
sostenere che piove perche si apre l’ombrello!
d)Sottostimando ufficialmente l’inflazione di circa il 3% all’anno,
peraltro, oggi in Italia il potere di acquisto di chi percepisce € 1.800 al mese
è pari a quello di chi 10 anni fa’ percepiva in lire l’equivalente di € 1.000 di
oggi, con una perdita complessiva accumulata di oltre € 45.000! La
medesima sottostima ufficiale ha altresì coperto una contrazione del PIL
“reale”, della spesa pubblica e delle entrate “reali”, e perfino del debito
pubblico “reale”, pari a ben il 50%! Una recessione di proporzioni
disastrose che è stata criminalmente contrabbandata per una ... “crescita
insufficiente” proprio grazie alla criminale sottostima ufficiale del tasso
effettivo di inflazione (5-6%), falsamente dichiarato pari al tasso di
inflazione “programmata” (2%).
e)va altresì saputo che quando due aree monetarie diverse che
commerciano tra di loro registrano due diversi tassi di inflazione
interna (ad esempio, 2% e 5%), qualunque ne sia la ragione, se il cambio tra
le due valute resta invariato, la competitività delle Esportazioni del paese a
più alta inflazione cala, com’è ovvio, rispetto a quella del paese più bassa
inflazione, di una percentuale pari alla differenza tra i due tassi di inflazione
(3%, nell’esempio). Ne consegue che per mantenere invariate le due
13
competitività relative basta una svalutazione della Moneta del paese a più
alta inflazione rispetto a quella del paese a più bassa inflazione di
misura pari ... al differenziale esistente tra le due inflazioni (3%)!
Quanti lo sanno? E notare che in regime di “deregulation valutaria”, ovvero
di assoluta mancanza di controlli valutari anti-speculazione, è oltretutto
normale che i Capitali defluiscano dal paese che ha la più alta inflazione
(magari dovuta allo “strozzo” volontario dell’Offerta ivi operato dai trust
mentre si espande la sua base produttiva al traino della sua Domanda
interna) ed affluiscano in quello a più bassa inflazione (che plausibilmente è
invece in recessione per via dei “tagli” anti-inflazione varati dal suo governo
“virtuoso”). Tutto ciò provoca la progressiva svalutazione del cambio
perfino oltre quel limite e favorisce, in definitiva, l’Import-Export del paese
a più alta inflazione, di cui rafforza l’espansione proprio a scapito dell’altro,
la cui recessione viene aggravata ulteriormente dal peggioramento della sua
competitività indotto dal rafforzamento eccessivo del cambio della sua
Moneta. Ed invece il P.U. insiste perché non si svaluti e consiglia al paese
che soffre una inflazione da “strozzo” mentre si sta sviluppando, o, peggio,
nonostante sia in recessione (come avviene nella stagflation), di contrastarla
sempre e comunque con tagli recessivi della propria Domanda interna,
rinunciando quindi all’espansione o, peggio, aggravando la sua recessione, e
sconsiglia in ogni caso il calmiere all’ingrosso.
f)alla luce di queste precisazioni, dobbiamo pertanto concludere che una
Moneta “forte” penalizza l’Import-Export alla stessa identica maniera
in cui lo penalizza una più alta inflazione a cambio invariato e, dunque,
che non è affatto positivo in sé un euro “forte”, come pretenderebbe il
Pensiero Unico, essendo semmai preferibile il contrario anche quando si
volesse basare l’espansione sulla competitività delle proprie Esportazioni.
g)se fosse noto che una Moneta “forte” ed un tasso di inflazione più basso
rispetto a quello esistente nelle altre aree monetarie viene necessariamente
conseguito al prezzo del blocco di ogni espansione dell’economia “reale”,
sarebbe finalmente chiaro a tutti che una simile politica deflattivo-recessiva
può interessare solo alla Rendita speculativa e ai detentori di cespiti
mobiliari, gli unici ad essere favoriti, in assenza di controlli valutari anti-
speculazione, dalla minore inflazione e dal maggiore valore di scambio dei
cespiti espressi in una Moneta “forte”, conseguiti con politiche che non sono
14
solo anti-sociali ma anche recessive e, quindi, che finiscono per travolgere
anche il mondo delle imprese, senza alcuna utilità per la cosa comune.
Eppure l’egemonia culturale degli ambienti finanziari che fa sì che il punto
di vista della Rendita speculativa diventa il punto di vista dell’intera società
civile, e, quindi, diventa insieme “necessità tecnica” e “verità oggettiva”.
h)questa è infatti la logica di Maastricht, che ci ha imposto continui tagli di
retribuzioni e welfare al fine dichiarato di così contrastare una stagflation
che sappiamo invece essere “volontaria” e insieme ridurre un rapporto tra
debito e PIL che invece di ridursi, come vedremo (v. successivo n. 6), si
aggravava per la forte contrazione recessiva del PIL che veniva indotta da
questi interventi deflattivi e quando poi, per salvare il sistema della
speculazione creditizia e borsistica si è raddoppiato con nonchalance il
debito tedesco e inglese, e moltiplicato per 20 quello USA (v. successivo n.
7)! E nella convinzione che fosse più facile vincere l’opposizione sociale
operando interventi deflattivi nascosti, come già detto (v. n. 3), si è preferito
farlo sottostimando ufficialmente l’inflazione del 3% all’anno, con la
copertura omertosa delle organizzazioni politiche e di categoria dei
dominati!
4)A pseudo-giustificazione di queste sue posizioni deflattivo-recessive, il
P.U. sostiene che gli Investimenti produttivi sarebbero funzione inversa
rispetto ai costi di produzione (salari e saggio di interesse in testa a tutti),
misconoscendo la palese funzione diretta che invece li lega all’Offerta che
con quegli Investimenti si va a produrre, la quale, a sua volta, come abbiamo
già visto, dipende dalla Domanda effettiva a disposizione delle imprese
nazionali, che, invece, per il Pensiero Unico, genererebbe soltanto inflazione
e indebolimento del cambio, non espansione. Nella logica di questo
Pensiero, infatti, affluendo Capitali dall’esterno perchè attratti dalla bassa
inflazione e dalla Moneta “forte”, questa loro maggiore disponibilità ne
farebbe calare il costo, ovvero il saggio di interesse, rendendo meno cari gli
Investimenti a credito.
Peccato, però, che nessun imprenditore sano di mente aumenterebbe i
suoi Investimenti solo perché sono diventati meno cari, quando non
fosse profittevolmente collocabile sul mercato la maggiore Offerta che
con essi andasse a produrre!
15
Questa fantasiosa e assurda relazione inversa che il P.U. pretenderebbe che
leghi gli Investimenti e l’Occupazione ai costi di produzione, al pari delle
(come abbiamo visto, falsissime) accuse che muove alla Domanda interna di
essere solo un fattore di inflazione, mirano a ingenerare l’idea ancora più
infondata che solo contraendo retribuzioni e welfare si possa promuovere la
base produttiva, ovvero solo promuovendo una maggiore competitività
“stracciona” delle imprese nazionali e contrastando con la deflazione una
inflazione di cui si nasconde la “volontarietà” al pari di come si nascondono
sia gli effetti esclusivamente recessivi della deflazione sia che mai in un
simile contesto le Esportazioni potrebbero compensare la compressione
della Domanda interna che si opera in funzione ... anti-inflazione! A questo
punto, il P.U. tenta di convincere l’opinione pubblica che la Moneta “forte”
è sempre un bene e quella “debole” è sempre un male, e che l’inflazione è il
pericolo “numero uno” del capitalismo. Credendo in questi assunti, infatti, è
più facile convincersi anche della necessità di adottare la più assoluta
deregulation valutaria, ovvero di mantenere le frontiere valutarie
completamente aperte a qualsiasi transazione, anche solo speculativa. Se si
adotta un simile regime valutario, infatti, per difendere la Moneta nazionale
dalla disintegrazione, i governi non possono fare altro che varare continui
interventi deflattivi (ovvero tagli della spesa pubblica e inasprimenti fiscali)
e contrastare ogni rivendicazione sociale per timore di alimentare altrimenti
l’inflazione. Così operando, però, i Capitali tenderanno a defluire dai paesi
che espandono la propria Domanda interna verso quelli in cui questi Capitali
sono meno utili perché ivi essa cala, attratti tuttavia da una Moneta “forte” e
da una più bassa inflazione, senza però tradursi in Investimenti produttivi ed
indirizzandosi invece verso gli impieghi speculativi del denaro. L’ulteriore
conseguenza è che, in un contesto che diventa doppiamente recessivo perché
insieme alla contrazione della Domanda interna provocato dagli
interventi deflattivi peggiora anche l’Export-Import per effetto di un
cambio che si rafforza continuamente, il calo del saggio di interesse,
quello delle retribuzioni e il calo del prelievo fiscale conseguente la
contrazione del welfare non convinceranno mai nessun imprenditore ad
aumentare Investimenti ed Occupazione perchè con essi produrrebbe una
maggiore Offerta che comunque non sarebbe collocabile con Profitto né
all’interno né all’esterno, e il sistema, pertanto, impanderà al ritmo
16
dettato dalla contrazione della Domanda interna indotto dagli interventi
deflattivi e dal peggioramento dell’Export-Import indotto dall’eccessivo
rafforzamento del cambio.
5)è soprattutto per questo che il P.U. tenta in tutti i modi di far credere
l’impossibile, ovvero che, in regime di assoluta deregulation valutaria, i
Capitali che affluirebbero dall’esterno perché attratti da una bassa
inflazione, da bassi salari e da un prelievo fiscale ridotto all’osso grazie alla
contrazione “virtuosa” del welfare, sarebbero essi stessi o comunque
diverrebbero “Investimenti”, non importa se produttivi o no, in quanto in
entrambi i casi farebbero aumentare la ricchezza comune. Una ricchezza che
l’euro “forte” e l’aumento indefinito dell’indice di borsa farebbe quindi
aumentare ulteriormente, mentre le Esportazioni decollerebbero in parallelo,
spinte dalla maggiore competitività “stracciona” delle imprese UE. Un
modello in realtà “impossibile” perché, sul mercato interno, comporta una
contrazione indefinita dei Consumi pubblici e privati che trascina con se gli
Investimenti produttivi, l’Occupazione e il Reddito (recessione), mentre, nei
rapporti con le altre aree valutarie, l’euro si rafforza tanto da rendere il made
in UE meno competitivo sul fronte dei prezzi di quanto non lo renda più
competitivo sul fronte dei costi la contrazione deflattiva dei salari e del
welfare che viene parallelamente operata, fino al punto di fare peggiorare
anche il saldo Export-Import. In compenso, gode il 2% della popolazione,
quella parte che detiene la ricchezza tesaurizzata e che è l’unica a trarre
vantaggio da una bassa inflazione e da un euro “forte”, anche se conseguiti a
costo di recessione, a scapito del Profitto e del Salario e di tutto il resto della
società civile.
6)è nell’interesse di questo 2%, quindi, che il P.U. occulta disperatamente
anche l’effettivo funzionamento del ciclo economico, il c.d. “circolo
Denaro-Merce-Denaro”, funzionamento che, se fosse noto, comporterebbe,
come adesso vedremo, un ribaltamento totale delle prospettive e
consiglierebbe un rivoluzionamento completo dell’intervento pubblico:
a)la prima cosa da sapere, infatti, è che, posto che come tutti sanno il nostro
è un sistema capitalistico, esso è in realtà afflitto da una gravissima
contraddizione di base che viene tenuta assolutamente segreta per le sue
sconvolgenti implicazioni: un endemico “sottoconsumo”. Accade infatti
che perché il ciclo possa riprodursi ogni volta uguale a sé stesso, la
17
Domanda all’inizio di ogni nuovo ciclo dovrebbe essere pari a quella che
aveva dato vita al ciclo precedente, mentre, per aversi espansione, dovrebbe
essere addirittura maggiore.
Se tuttavia all’inizio di ogni nuovo ciclo viene Risparmiato il 20% del
Reddito monetario, ciò vuol dire che ne viene Consumato solo l’80%
restante, e, pertanto, che nel secondo ciclo sarà profittevole produrre una
Offerta non superiore a 80. Sappiamo, del resto, che oggi, agli attuali livelli
di sviluppo tecnologico ed organizzativo-aziendale, gli Investimenti
produttivi mediamente necessari per produrre un certo flusso di beni e
servizi non superano il 5% di questo stesso flusso. Ipotizzando, per
esemplificazione, che non esista alcun Import-Export, ne consegue che
all’inizio del nuovo ciclo, a fronte di una Domanda per Consumi di 80,
avremo una Domanda per Investimenti produttivi non superiore al 5% di 80,
ovvero 4. All’inizio del secondo ciclo, pertanto, la Domanda “aggregata”
(ovvero comprensiva sia della Domanda per Consumi che di quella per
Investimenti) sarà pari a 84, ovvero l’84% del Reddito monetario ricavato
alla fine del ciclo precedente, mentre resterà tesaurizzata la parte restante,
ovvero 16 (il 16% di 100), del tutto inutilizzata e sottratta alle esigenze
capitalistiche. All’inizio del secondo ciclo, quindi, l’Offerta complessiva che
sarà profittevole produrre sarà 84 e supponendo che questa Offerta venga
tutta prodotta e quindi venduta nel corso del ciclo, essa si trasformerà in un
equivalente monetario pari a 84, il quale, alla fine del secondo ciclo, verrà
distribuito anch’esso tra le varie parti sociali. All’inizio del terzo ciclo,
pertanto, avremo una nuova Domanda “aggregata” pari all’84% di 84,
ovvero 70,56, che renderà profittevole produrre una Offerta pari a 70,56, e
così di ciclo: 59,27 nel quarto ciclo, 49,79 nel quinto, 41,82 nel sesto, sino
all’esaurimento totale ... dell’intero sistema capitalista! Esso, infatti,
impanderà necessariamente al ritmo del 16% circa ad ogni ciclo, ed il
processo disgregante sarà inarrestabile, a meno che non si verifichi una
Domanda di pari ammontare, “esterna” però al sistema, che compensi la
ricchezza sottratta alla riproduzione del ciclo perché tesaurizzata come
Risparmio alla fine di ogni ciclo.
E per aversi espansione, poi, questa Domanda “esterna” dovrebbe essere
addirittura maggiore rispetto al 16% che viene ordinariamente tesaurizzato
alla fine di ogni ciclo D-M-D.
18
Essa potrebbe consistere in Esportazioni, ed è anzi a questa sola ipotesi che
in genere si pensa. Basta però riflettere per un istante e si comprende subito
che se tutto il mondo è capitalista e tutti vogliono Esportare più di quanto
Importano, anche questa strada è preclusa, almeno nel medio-lungo periodo.
Questa concezione dei rapporti economici internazionali, infatti, porta a
immaginare gli scambi tra i vari paesi in termini di gioco a “somma zero”,
dove la sopravvivenza del capitalismo in una certa area può avvenire solo a
scapito della sua progressiva distruzione nelle altre aree, fino al momento in
cui l’unica area capitalistica superstite, non avendo altre aree da
cannibalizzare, può solo divorare sé stessa fino all’autoconsunsione! Il tutto,
peraltro, passando di guerra in guerra!
Si potrebbe altrimenti pensare di trasformare d’autorità in Consumi di inizio-
ciclo quanti più Risparmi non Investiti di fine-ciclo è possibile, anche se il
fine dell’intrapresa è proprio la progressiva tesaurizzazione del Profitto e
limitarla oltre certi livelli equivale a negare alla radice il capitalismo stesso,
trasformandolo di fatto in un sistema pianificato. In ogni caso, poi, anche
riuscendo a ridurre il gap dal 16% al 10-5%, cosa in effetti meritoria dal
punto di vista etico-sociale, il sistema impanderebbe comunque al ritmo del
5-10% a ciclo ed al massimo potremmo solo frenare il processo disgregante,
non certamente arrestarlo.
Per aversi una espansione, poi, occorrerebbe andare necessariamente ... ai
numeri negativi, poiché all’inizio di ogni nuovo ciclo servirebbe una
Domanda aggregata che fosse addirittura superiore a 100, il che, comè
ovvio, è aritmeticamente impossibile.
b)orbene, a totale insaputa della opinione pubblica, questo endemico
“sottoconsumo” di cui soffre il capitalismo viene superato agevolmente con
il c.d. “deficit spending” e con la c.d. “finanza allegra”.
Il deficit spending è ben conosciuto perfino dai profani, anche se i più
credono che si tratti di un modello di sviluppo e non di uno stratagemma che
serve a coprire il gap di Domanda aggregata dovuto al divario
ordinariamente esistente tra i Risparmi e gli Investimenti produttivi.
Quello che la pubblicistica ignora totalmente è invece l’uso sistematico della
finanza allegra a fine di chiusura/espansione del ciclo D-M-D, ed ancora più
ignoto lo è all’opinione pubblica, che nemmeno si chiede come faccia mai a
funzionare l’ economia “di guerra”, dove i soldi per pagare la Domanda
19
pubblica per armamenti si trovano sempre e non fanno inflazione mentre
quelli per la pace non si trovano mai e sembra che facciano sempre e solo
inflazione. Lo stesso oblio cade anche su altri fenomeni macroscopici e
incomprensibili per chiunque cerchi si spiegarli restando all’interno del
paradigma del Pensiero Unico, quali ad esempio l’effettivo funzionamento
del piano Marshall piuttosto che il meccanismo con cui si finanziarono gli
alleati in Italia dal ’43 al ’48 con le AM-lires, e tanti altri “misteri” ancora.
7)Nel deficit-spending lo stato finanzia una spesa pubblica aggiuntiva
utilizzando il denaro raccolto con i bond pubblici e questa spesa pubblica
aggiuntiva costituisce appunto la Domanda “esterna” di cui parlavamo più
sopra. Essa, pertanto, rende profittevole la produzione nel secondo ciclo D-
M-D dell’Offerta che la soddisfa ed i soggetti cui viene poi distribuito il
Reddito monetario ricavato dalla vendita allo stato di questa Offerta
aggiuntiva e dalla vendita dei beni di Investimenti aggiuntivi necessari a
produrla, si trasformerà in una nuova Domanda aggregata pari al 84% di
questo nuovo Reddito, e, quindi, nell’84% dell’84% all’inizio del terzo
ciclo, e così via sino all’esaurimento dell’intero processo moltiplicatorio,
promuovendo in definitiva uno sviluppo complessivo pari alla spesa
pubblica iniziale moltiplicato per l’inverso della quota che per qualsiasi
motivo viene sottratta al processo moltiplicatorio. In concorrenza perfetta,
non essendoci i trust, non c’è nessuno “strozzo” scientifico dei consumatori
e nessuna inflazione “volontaria”, per cui questa quota è circa 1/6 (100/16),
per cui l’aumento complessivo del PIL sarà pari al suo inverso, ovvero 6
volte la spesa pubblica aggiuntiva. Poiché circa il 40% di questo maggior
Reddito viene poi introitato dallo stato quale gettito fiscale aggiuntivo, con
esso si potrà ripagare agevolmente il debito aggiuntivo inizialmente
contratto e utilizzare la differenza vuoi per una ulteriore espansione, vuoi per
alleggerire il carico fiscale precedente.
In presenza degli accordi di cartello, però, sappiamo che ogni espansione si
accompagna ad una certa inflazione, dovuta allo “strozzo” scientifico che
viene operato dai trust per lucrare gli extraprofitti da oligopolio, riducendo
da 6 a, poniamo, 3 il “moltiplicatore della Domanda aggregata” e portando il
meccanismo ai limiti della sua fattibilità: con un moltiplicatore pari a 3,
infatti, una spesa pubblica di 100 comporta una espansione del PIL “reale”
pari a 300 e un gettito fiscale aggiuntivo pari a 120 (il 40% di 300), importo
20
che è quasi pari a quanto lo stato deve restituire per Capitale (100) e interessi
(10-20). Ne discende la necessità di reperire altri modi per colmare il gap del
16% di cui soffre il circolo D-M-D.
8)Per comprendere l’altro meccanismo, quello in realtà di gran lunga il più
usato, la c.d. “finanza allegra”, dobbiamo prima dire cos’è davvero la
Moneta circolante, creditizia e cartolare:
a)la Moneta bancaria è Moneta a ogni effetto e costituisce anzi la quasi
totalità (99% circa) della Moneta oggi utilizzata negli scambi. Essa è quasi
tutta privata e “allo scoperto” grazie alla “riserva frazionaria”. Questa
consiste nella circostanza di fatto per cui sia i depositanti che i mutuatari
richiedono contante in piccola percentuale, preferendo di gran lunga
depositare gli assegni presso la stessa o altre banche. Ciò consente alle
banche di operare di concerto tra di loro come fossero una unica banca e
annotare elettronicamente i reciproci rapporti dare-avere, procedendo solo di
tanto in tanto ai conguagli in contante. Per le piccole banche, questa riserva
prudenziale è stimata in circa 1/7, mentre per quelle medio-grandi è molto
minore. In ogni caso, in base agli accordi di Basilea2, oggi valevoli per tutta
l’area dell’euro, questa percentuale è convenzionalmente fissata dal cartello
bancario al 2% degli assets, per cui la massima Moneta “allo scoperto”
creabile è 49 volte gli assets (1+49=50, il 2% di 50=1!).
Per i colossi bancari USA, invece, pochissimi sono gli assegni e i mandati di
pagamento che finiscono in banche esterne al loro sistema e questa stessa
riserva prudenziale è estremamente inferiore, tanto che molti autori stimano
che il loro moltiplicatore bancario sia compreso tra 1000 e 100.000, se non
addirittura ... infinito!
Chi dovrebbe poi controllare il rispetto effettivo di questo rapporto, visto che
non viene controllato dallo Stato ma dalle banche centrali, e visto che la
nostra BdI è una privatissima spa il cui pacchetto di maggioranza è
controllato da un gruppo di assicurazioni e di banche private (che lei
dovrebbe controllare), che la BCE è anch’essa una spa e che la Fed è un
consorzio privato fondato nel 1912 tra i colossi bancari privati USA?
Va altresì saputo che da sempre viene concesso alle banche private l’ancora
più incredibile privilegio di trattenere per sè tra i propri assets, ovvero nel
proprio conto patrimoniale, anziché annullarli o consegnarli allo Stato
(l’unico legittimo titolare della Moneta che viene immessa nel circuito D-M-
21
D) gli importi che poi vengono loro restituiti dai mutuatari e che esse
avevano loro prestato “creandoli dal nulla” al momento del prestito, e che
nel nulla dovrebbero quindi tornare alla restituzione. Questo marchingegno
contabile, internazionalmente accettato, viene chiamato “reflusso bancario”
e consiste nella doppia iscrizione, fatta al momento della concessione del
mutuo, sia all’attivo (tra gli assets) che al passivo (tra le liabilities) della
somma mutuata, che, poniamo, ammonti a 100, senza distinguere tra i
prestiti fatti con Moneta effettivamente depositata nelle loro casse e quelli
fatti con Moneta solo virtuale, creata dal nulla col moltiplicatore.
L’iscrizione all’attivo, viene giustificata perché si tratterebbe di un credito
della banca verso il mutuatario che, appunto, si è obbligato a restituirle la
sorte capitale (100) alla scadenza e quella al passivo perché la banca,
accordando il mutuo, si è impegnata ad onorare gli assegni, i bonifici e gli
ordini di pagamento del mutuatario fino a concorrenza dell’importo mutuato
(100) che adesso appare sul display elettronico del suo numero di conto.
Orbene, che quando il mutuatario restituisce 110, 10, l’interesse, vada
iscritto nel conto profitti e perdite è assolutamente ovvio, poiché esso è il
guadagno della banca ed è naturale che ci paghi sopra le relative imposte.
Quello che invece è assolutamente imperdonabile è l’incredibile quanto
inammissibile privilegio che viene “legittimamente” accordato alle banche
di iscrivere alla restituzione il restante 100 ... tra i propri assets anche
quando questa somma non era mai esistita prima di venir “creata”
proprio... prestandola! Così facendo, infatti, essa non viene più
“nullificata” ed entra tranquillamente nella disponibilità della banca senza
nemmeno che ci debba pagare sopra alcuna imposta, mentre dovrebbe
invece essere “nullificata” con la previa iscrizione di una doppia posta di
100 tra le liabilities al momento del prestito o consegnata allo stato, quando
il prestito è fatto con Moneta “creata” al momento e non mai depositata dai
correntisti. Per distinguere con facilità tra le due ipotesi, del resto, basta
confrontare, all’interno delle scritture contabili della banca, l’importo
complessivo dei “prestiti” da lei effettuati rispetto all’importo complessivo
dei propri “depositi”, e si scopre subito che il secondo è solo un
sottomultiplo del primo!
Stiamo dicendo, dunque, che, a totale insaputa di una opinione pubblica che
ingenuamente nulla sospetta, le banche private si appropriano pian piano, a
22
costo-zero e in piena legalità, di importi pari a quelli che avevano “creato dal
nulla” prestandoli, semplicemente consentendo loro di iscriverli tra i propri
assets, alla restituzione, anziché nullificarli o cederli allo stato. E con questa
Moneta “falsa”, che mai sarebbe nata altrimenti e che viene “legalizzata” per
effetto di un semplice artificio contabile, esse ora possono operare un
gigantesco prelievo “feudale” pari alla Moneta non nullificata, “comprando
senza pagare” quote crescenti di prodotto sociale sottraendolo
surrettiziamente al resto della società civile (signoraggio creditizio)!
Peraltro, agli attuali livelli di concentrazione e integrazione creditizio-
finanziaria, il moltiplicatore dei colossi bancari USA integrati nel “club” dei
trust finanziarizzati è altissimo, se non addirittura infinito, mentre il totale
della Moneta bancaria “allo scoperto” oggi in circolazione nel mondo
potrebbe già comprare più di 5 volte il pianeta terra! Una gigantesca Moneta
“falsa” che smentisce alla radice l’ingenua pretesa che esista e debba esistere
un rapporto 1 a 1 tra la Moneta e ciò che essa “compra”, pena
l’iperinflazione. Anzi, il paradosso è che finanziando “allo scoperto” con
essa una Domanda aggiuntiva sul mercato interno, essa diventa “vera” man
mano che viene prodotta l’Offerta che ha reso profittevole produrre,
“chiudendo” il circolo D-M-D!
b)del resto, sono Moneta a ogni effetto anche la “bolla” cartolare e quella
immobiliare. La Moneta cartolare consiste nella “bolla” speculativa
composta dai titoli autoreferenti (perchè ad esempio rappresentativi solo
di indici) e dai “derivati” (titoli che incorporano solo una scommessa sulla
quotazione futura del corrispondente titolo di derivazione). I derivati, come
quelli Ford, GM o ITT, ad esempio, sono scommesse al rialzo e al ribasso
sulla corrispondente quotazione dei titoli di derivazione, i quali vengono
emessi da queste stesse banche e tra loro venduti e comprati
vicendevolmente come fossero beni di loro produzione, il cui flusso
differenziale finisce per determinare la quotazione dei titoli di derivazione.
A quel punto, “pompando” i derivati Ford, GM e ITT “rialzisti” rispetto a
quelli “ribassisti”, si tirano su i corrispondenti titoli di derivazione e Ford,
GM e ITT possono emettere nuovi titoli propri a prezzi multipli rispetto al
loro valore effettivo, dotandosi anch’esse di una Moneta cartolare che è “allo
scoperto” per la parte corrispondente alla differenza tra la quotazione dei
titoli e l’effettivo loro valore in sede di distribuzione. I derivati sono alresì
23
responsabili dell’attuale crisi creditiio-finanziaria poiché, contenendo
coefficienti moltiplicatori interni perfino logaritmici, amplificano in modo
incontrollabile le speculazioni che incorporano. Per cogliere la dimensione
del fenomeno, basti pensare che oggi, a fronte di un PIL-USA di $ 15.000
Mld e un PIL-mondo di quasi 50.000, il solo giro dei derivati ha
ufficialmente superato quota 675.000 (ed ufficiosamente quota 1.000.000) e,
ancora, che per ogni barile “fisico” di petrolio che viene scambiato oltre
100.000 ne vengono scambiati di “virtuali” come derivati del petrolio,
facendo sfiorare al petrolio quota $150 al barile, quando dovrebbe valerne al
massimo 30, visto che negli ultimi 15 anni la sua Domanda internazionale si
è più che dimezzata!
c)sul debito pubblico va aggiunto che esso è al 95% solo “virtuale”, in
quanto “collocato elettronicamente” presso le banche. Lo stato, cioè,
cede alle banche bot elettronici in cambio di una Moneta creditizia che,
come abbiamo visto, è anch’essa elettronica e, dunque, solo virtuale.
Orbene, si converrà che questo 95% di debito pubblico (quello, cioè, che
resta abitualmente invenduto nelle aste pubbliche) andrebbe “collocato” solo
presso banche pubbliche e mai presso banche private, per evitare che
altrimenti, da “partita di giro” esclusivamente “virtuale” qual’è finchè il
debitore (lo stato) coincide con il creditore (le banche pubbliche), diventi
una partita che, pur restando “virtuale”, sia ora effettiva perché i creditori
sono dei privati (le banche private). Giudichi il lettore, quindi, dell’avere
ceduto a privati le nostre banche pubbliche collocatarie dei bot al fine
dichiarato di rimborsare (!?) parte del nostro debito pubblico, per un prezzo
che è stato un sottomultiplo del solo ammontare ... degli interessi sui bot ivi
collocati!
d)Ci si stupirà, allora, nell’apprendere che perfino la cartaMoneta è
privata? Fortunatamente stiamo parlando di appena € 40 Mld cartacei e
nemmeno 6 volte tanto di elettronici per l’intera area dell’euro (nel 2006),
euro che tutti gli stati consentono che la BCE venda loro al valore nominale
anzichè al costo di fabbricazione (3 cent. per le banconote di ogni taglio e
zero per gli euro elettronici) e che, alla luce di quanto fin qui detto, sono
davvero pochi. Irrita tuttavia la caduta di stile di una elite creditizio-
finanziaria che non si vergogna di raccogliere perfino le briciole del c.d.
signoraggio primario!
24
SINTESI
Solo sapendo cos’è davvero la Moneta e il suo vero rapporto con l’economia
“reale”, dunque, è possibile comprendere come sia possibile raddoppiare in
poche ore il debito pubblico tedesco e inglese e moltiplicare per 20 in
appena 2 mesi quello USA senza alcun contraccolpo sulla economia “reale”.
Quante bugie abbiamo dovuto svelare per renderlo comprensibile e per
appalesare la paradossalità della pretesa degli ambienti finanziari UE di
ridurre il rapporto tra debito pubblico e PIL “tagliando” la spesa pubblica,
provocando invece, così, una contrazione del numeratore multipla rispetto al
denominatore che lo aggravava progressivamente e riduceva nel contempo
le entrate fiscali in ragione del 40% di questa contrazione! Anzi, a questo
punto, sappiamo pure che il capitalismo funziona in realtà solo grazie al
sistematico finanziamento “allo scoperto” della Domanda interna che, a
totale insaputa di una opinione pubblica cui il Pensiero Unico racconta tutte
le favolette che abbiamo visto, viene operato con la Moneta virtuale e/o
con il deficit-spending. Questa è dunque la sua “pietra filosofale”, che gli
consente di superare in scioltezza ogni problema di “sottoconsumo”,
espandere la base produttiva, ridurre l’orario di lavoro e migliorare la qualità
della vita di tutti, come di finanziare ogni sforzo bellico, o, in una sola
parola, di funzionare!
Diventa conseguentemente chiaro anche perché essa va strappata al più
presto dalle mani della elite creditizio-finanziaria per sottoporla finalmente
al controllo democratico. Solo così è infatti possibile eliminare gli elementi
di feudalesimo che lo soffocano, costituiti dal prelievo che viene operato
proditoriamente dalla elite creditizio/finanziaria sul resto della società civile
grazie alla gigantesca Moneta creditizio-cartolare “allo scoperto” privata che
produce a piacimento in luogo degli stati e con cui emancipa da ogni rischio
di impresa i trust che sono integrati nel suo “club” e cui sono funzionali il
Pensiero Unico e le politiche deflattivo-recessive che sono state praticate
dagli anni ’80 ad oggi. Un conto, infatti è acquistare sul mercato del credito
quanto serve per i propri Investimenti produttivi e rischiare il fallimento se i
conti non tornano, ed un altro è potere contare sui prestiti erogati a volontà
dalle banche proprie “sorelle” (o, addirittura, “madri”) e che vengono
sempre rinnovati a ogni scadenza senza mai chiedere il rientro! Solo le
25
prime sono imprese capitalistiche, mentre le altre sono miste di capitalismo
e feudalesimo, in quanto esercitano una concorrenza che è resa sleale dal
prelievo feudale che viene operato da un sistema che, integrando in un solo
“club” imprese mercantili e banche, le emancipa da ogni rischio d’impresa
grazie alla produzione illimitata di Moneta creditizio-cartolare “allo
scoperto”, gravandone il peso sul resto della società civile, nel che è
l’essenza del feudalesimo!
Contro questo blocco di interessi occorre finalmente stringere un’alleanza
tattica di tutte le forze interessate all’espansione keynesiana in regime
di inflazione controllata e cambio “debole”, ovvero l’intero mondo del
lavoro, inclusivo delle maestranze e delle imprese che restano esterne
rispetto al “club” dei trust finanziarizzati. Lo sviluppo, infatti, andrà
perseguito:
1)finanziando allo scoperto con il “virtuale” tanta Domanda interna
quanta ne occorre per promuovere keynesianamente il tasso di sviluppo
desiderato, “collocando elettronicamente” i titoli del debito pubblico
presso un grande polo bancario statale cui restituire il potere di battere
Moneta e che sorgerà sulle ceneri del sistema privato del credito,
ridimensionato con l’aumento drastico della riserva frazionaria e con il
divieto del reflusso bancario.
2)Poiché una simile espansione comporta necessariamente una certa
inflazione per effetto dello “strozzo” dell’Offerta operato volontariamente
dai trust, in prima battuta occorrerà indicizzare al 100% retribuzioni,
pensioni e piccoli Risparmi, nonchè intervenire con il calmiere
all’ingrosso e l’anti-trust.
3)Per potere quindi mantenere inalterata la competitività relativa delle
imprese UE a fronte dell’eventuale differenziale residuo di inflazione,
occorrerà anche svalutare il cambio in misura pari all’eventuale
differenziale di inflazione che residuasse rispetto alle altre economie,
nonostante le misure di calmiere e anti-trust adottate. Per farlo,
Occorrerà recuperarne il controllo centralizzato e proteggere l’euro dalla
speculazione internazionale ripristinando nella UE i controlli valutari
anti-speculazione sperimentati con successo da Bretton Woods fino agli
anni ’80. In alternativa, dovremo reintrodurre la Lira come 2° moneta,
associandola all’euro per le finalità pubbliche esclusivamente interne,
26
pagando in lire tutti i soggetti nazionali che entrano in rapporto con lo stato
ed esprimendo in lire il debito pubblico collocato presso il polo bancario
pubblico.
4)a quel punto, andrà altresì sgonfiata la “bolla” speculativa mobiliare e
immobiliare, nonché impedire che si riformi in futuro, proteggendo il solo
Risparmio delle famiglie e, quindi, va dichiarata la nullità dei derivati
contenenti coefficienti di moltiplicazione superiori a 1, va vietato il credito
alla borsa, vanno consentite le sole operazioni “a pronti”e vanno tassate
le rivendite entro un certo tempo dall’acquisto.
Tutte queste proposte politiche non possono essere né immaginate né
comprese finche, come si è detto fin all’inizio, non viene distrutta la gestalt
ultra-liberista e non appare al suo posto quella ultra-keynesiana. E’ proprio
questa gestalt che è mancata fino ad oggi ed è per questo che il più criticato
e perfino vituperato dei Pensieri economici è ancora egemone sia presso i
dominanti che i dominati. Per la medesima ragione questa acquisizione è
oggi di importanza capitale e alla sua diffusione va data la massima priorità.
Certamente non si può pretendere che a farlo sia quel 2% che ha tutto da
guadagnare dalla permanenza dell’ignoranza in capo ai dominati e alle sue
organizzazioni di massa!
27

1 commento:

  1. E' MOLTO SENTITA LA PERDITA DI NANDO IOPPOLO, ECONOMISTA LIBERO, RARISSIMO NEL PAESE DEGLI ASSERVITI PER CORRUZIONE. HA SVELATO GLI INGANNI DELLA FINANZA PREDATORIA DANDO AGLI UOMINI DI BUONA VOLONTA' GLI STRUMENTI ANALITICI PER ' CAPIRE CHI SONO I NEMICI DELL' UOMO E DEL PROGRESSO E FORNENDO RIGOROSE NOZIONI SCIENTIFICHE PER SMASCHERALI, DENUNCIARLI E COMBATTERLI. AL PROFONDO SENTIMENTO DI AMAREZZA E DI SOLITUDINE CHE CI PERVADE RISPONDIAMO CON LA PROMESSA DI RAFFORZARE IL NOSTRO IMPEGNO DI DIFFONDERE I SUOI PREZIOSI INSEGNAMENTI NEL TENTATIVO DI SALVARE IL NOSTRO SVENTURATO PAESE DA UN AMARO DECLINO.

    RispondiElimina