-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 8 giugno 2019

La precipitosa risoluzione del Banco Popular crea forti sospetti

La precipitosa risoluzione del Banco Popular proietta un'ombra lunga sulle banche europee

7 giugno 2019, di Garreth Gore, International Financing Review
Fonte: http://www.ifre.com/rushed-popular-resolution-casts-long-shadow-over-europes-banks/21390103.fullarticle


Alle 8:33 di lunedì 5 giugno 2017, un'e-mail è arrivata in una casella di posta al Banco de Espana. Una corsa bancaria era in corso al Banco Popular, una delle più grandi banche spagnole. A malapena tre minuti dall'inizio della settimana lavorativa, la situazione era già critica: la gente era velocemente a corto di soldi.

L'e-mail conteneva una richiesta formale: il Banco Popular si appellava alla banca centrale spagnola per 1,9 miliardi di euro in assistenza alla liquidità d'emergenza.

Per i funzionari del Banco de Espana, la richiesta non era inaspettata. Lavoravano da più di due mesi con una squadra di Popular per prepararsi a questo momento, da quando un controllo interno presso il mutuante aveva scoperto irregolarità finanziarie per un totale di centinaia di milioni di euro alla fine di marzo, irregolarità che includevano una rete di società lussemburghesi che progettava di nascondere l'estensione del problema dei mutui di Popular.

Alle 11:41 della mattina stessa, il denaro era nella Popular. L'iniezione è arrivata appena in tempo - secondo le persone coinvolte, la banca non sarebbe sopravvissuta per un'altra mezz'ora. Ma ogni sollievo era di breve durata. Mentre i depositi continuavano a vuotarsi, divenne presto chiaro che la banca avrebbe avuto bisogno di più aiuto. Alle 15:32, il Banco de Espana ha ricevuto un'altra email dalla banca, questa volta richiedendo un aumento dell'ELA a € 9,5 miliardi.


ENTRO I LIMITI

Sebbene alta, la quantità era entro i limiti precedentemente discussi. Il Banco Popular disponeva di 40 miliardi di euro di attività non gravate e il Banco de Espana aveva indicato in precedenza che 26 miliardi di euro di questi avrebbero soddisfatto i criteri segreti dell'ELA. Una volta applicati i tagli - tra il 35% per i beni migliori e il 90% per i peggiori - i funzionari hanno calcolato che la banca centrale potrebbe prestare denaro a poco più di 10 miliardi di euro, sebbene con un tasso di interesse penale superiore al 12%.

Ma, in primo luogo, era necessaria l'approvazione da parte della Banca Centrale Europea, che ha dovuto firmare una richiesta ELA superiore a 2 miliardi di euro. Nonostante fosse un giorno festivo in Germania, il consiglio direttivo della BCE discusse la questione per telefono. Il Banco Popular è stato confermato come solvibile e la richiesta è stata approvata. Ma quello che è successo dopo è stato uno shock: il Banco de Espana ha respinto la richiesta, citando documenti incompleti.

Il personale del Banco Popular ha lavorato tutta la notte per soddisfare le richieste dell'ultimo minuto della banca centrale, che stavano minacciando il suo accesso all'ELA vitale. La banca aveva ancora 21 miliardi di euro di garanzie collaterali accettabili - 5 miliardi di euro erano stati utilizzati per assicurare la prima tranche di ELA - e questi problemi con i documenti non erano stati prima segnalati. Il Banco de Espana alla fine ha dato il via libera a ulteriori € 1,9 miliardi il giorno successivo, ma era troppo poco, troppo tardi.

"Era imbarazzante", ha detto una persona coinvolta. "A marzo abbiamo iniziato le discussioni - a marzo! Stavamo facendo delle prove, andando avanti e indietro con la garanzia. L'avevano controllato. Ma la verità è che erano assolutamente determinati a non prenderli. Quando realizzarono che dovevano, non erano pronti. Abbiamo iniziato a colpire tutti questi piccoli singhiozzi e poi improvvisamente ci hanno detto che non potevano fare altro. "
Popular available collateral and ELA
Popular had €26bn of collateral, entitling it to €10bn of ELA
Source: Banco de Espana
 L'improvvisa negazione di ELA ha lasciato perplessi molti da allora.

"Fondamentalmente, la banca era ancora solvibile", ha detto Jerome Legras, capo della ricerca di Axiom, un gestore patrimoniale che si concentra sulle banche e possiede una piccola quantità di obbligazioni popolari. "Hanno soprattutto avuto un problema di cassa. Se era possibile prestare 80 miliardi di euro di ELA alle banche greche per tenerle a galla quando erano completamente insolventi, allora perché non potrebbero fare lo stesso con il Banco Popular? C'è un vero problema di coerenza. "

Alla fine della giornata di martedì, i capi del Banco Popular hanno concluso che la banca non poteva aprire il giorno successivo. Hanno notificato la BCE, che ha dichiarato il Banco Popular - una banca ritenuta solvibile un giorno prima - come "fallita o probabile che fallisse". Quella mattina il Banco Popular è diventata la prima banca, e ad oggi la sola, ad essere risolta usando le nuove regole europee introdotte dopo la crisi finanziaria del 2008 per rendere i fallimenti bancari più ordinati.

DEBOLEZZE STRUTTURALI

Il caos di ELA è solo uno di una serie di disavventure nel caso del Banco Popular che hanno sollevato dubbi sul fatto che il sistema per gestire le banche in fallimento sia adatto allo scopo. Attraverso decine di interviste e una raccolta di documenti riservati per un totale di migliaia di pagine, IFR ha messo insieme ciò che è accaduto durante gli ultimi giorni di Popular. È chiaro che, nonostante i problemi della banca siano stati segnalati con molti mesi di anticipo, quando alla fine la crisi ha colpito le autorità si sono trovati mal equipaggiate e mal preparate a fronteggiare adeguatamente la situazione.


 In effetti, lungi dall'essere una risoluzione ordinata, il caso Popular è diventato un pantano legale. Le istituzioni europee, inclusa la BCE e l'Autorità unica di risoluzione, istituita nel 2015 specificamente per pianificare e controllare la risoluzione delle banche in dissesto, sono ora imputate in oltre 100 casi legali. Un tema comune è che, nonostante molti avvertimenti e anni di preparazione, l'approccio delle autorità è stato frammentario e ad hoc.

La questione è molto più ampia del solo Banco Popular; ha implicazioni per la salute dell'intero sistema bancario europeo. Dalla risoluzione di Popular, c'è stato un aumento drammatico del costo del prestito anche per le banche più sane. Mentre una moltitudine di fattori è senza dubbio in gioco, molti credono che il modo in cui è stata affrontata la banca spagnola sia il maggior contributo. Gli investitori non si fidano più che le banche in fallimento verranno trattate in modo ordinato e legale.

"È assolutamente fondamentale che la legge sia rispettata", ha detto Richard East, un avvocato di Quinn Emanuel, che rappresenta un gruppo scontento di detentori di obbligazioni. "L'SRB non può inventare le regole man mano che procede. Il legislatore UE ha impiegato anni per progettare e stabilire queste regole sulla scia della crisi finanziaria. Gli investitori non possono investire con fiducia se vedono che il regolatore agisce al di fuori delle proprie regole ".
Gli ex azionisti e obbligazionisti della fallita banca spagnola stanno guidando la carica per avere le risposte - e un cambio. I due gruppi sono stati duramente colpiti: tutte le azioni sono state annullate, mentre 2 miliardi di obbligazioni sono state poi salvate in blocco e poi azzerate. La banca è stata poi venduta a Santander per un token di € 1. Gli investitori sostengono che il processo di risoluzione, supervisionato dall'SRB, era difettoso. Stanno chiedendo miliardi di euro in compensazione.


VALORE SBALLATO

Come il Banco de Espana, l'SRB ha perso opportunità vitali nella corsa al crollo di Popular che lo ha lasciato criticamente impreparato. È chiaro che, già ad aprile, l'organo di risoluzione era talmente preoccupato della situazione che, durante una visita di routine a visitare le banche spagnole a Madrid, ha ritenuto prudente spostare il suo incontro già prefissato con il Banco Popular, dagli uffici della banca stessa al Banco de Espana, in modo da non destare sospetti.

Durante l'incontro, è stata discussa la crescente situazione di liquidità di Popular - oltre 5 miliardi di depositi che lasceranno la banca quel mese. Ciò avrebbe dovuto essere motivo di preoccupazione, dato che quasi tutti i piani ordinari dell'SRB per una risoluzione di Popular erano incentrati su potenziali problemi di solvibilità, non su problemi di liquidità. Nonostante ciò, l'SRB non ha visto criticamente il bisogno di avviare un "dialogo speciale" con la banca in quella fase.

Forse uno dei motivi era perché l'SRB sapeva che era seriamente impreparato per far fronte a una crisi di liquidità. A causa di una lenta introduzione dei finanziamenti per l'agenzia di risoluzione, e nonostante siano stati istituiti più di due anni prima, l'SRB aveva solo 10 miliardi di euro di fondi per combattere una crisi, meno di un quarto della sua potenza di fuoco pianificata. Anche le regole interne hanno severamente limitato il modo in cui tali fondi potrebbero essere utilizzati.

"Questo è stato il primo caso nella nostra storia e tutti gli elementi non erano presenti", ha detto una persona coinvolta nel processo di risoluzione. "Abbiamo costruito la nostra strategia sullo strumento del bail-in. Ma a causa delle caratteristiche della crisi, sarebbe stato difficile da attuare. E non eravamo sicuri che tutti gli strumenti sarebbero stati disponibili da una prospettiva di liquidità. In quel momento, l'importo disponibile era limitato. "

La persona ha affermato che l'SRB ha realizzato rapidamente che solo una delle potenziali opzioni del suo strumento per la risoluzione era davvero disponibile: una vendita di Popular a una banca più sana che poteva iniettare liquidità. Anche allora, ha aspettato fino al 23 maggio per iniziare qualsiasi lavoro serio, quando commissionò a Deloitte di mettere insieme una valutazione dettagliata di Banco Popular, che avrebbe influenzato qualsiasi futura vendita della banca.

ALTA INCERTEZZA

Il 28 maggio l'SRB ordinò a Deloitte di "stabilire rigorosamente le priorità ... concentrandosi solo sulle attività e passività chiave in presenza di un'incertezza valutativa considerevole". Tre giorni dopo ha chiamato per dire che la ditta contabile aveva solo altri due giorni per completare il suo lavoro.

Come risultato della cronologia compressa, quando Deloitte ha completato il rapporto, ha avvertito che i suoi risultati erano "altamente incerti". Precedeva inoltre il suo lavoro con l'avvertimento che "non aveva accesso a certe informazioni critiche". Riflettendo su questa incertezza, la relazione di Deloitte ha stimato che il valore di Popular potrebbe valere almeno 1,8 miliardi di euro nel migliore dei casi, 8 miliardi negativi nel peggiore dei casi e 2 miliardi negativi in ​​uno scenario di "miglior stima".


Deloitte letter to Single Resolution Board
Deloitte letter to Single Resolution Board
Source: Single Resolution Board


Nonostante gli avvertimenti, il numero negativo di € 2 miliardi ha costituito la base per la vendita della banca e corrisponde esattamente alle perdite successivamente imposte agli obbligazionisti.

Il 3 giugno, mentre Popular e Banco de Espana stavano facendo i controlli finali sul processo ELA condannato, le autorità di risoluzione hanno contattato Santander e BBVA, trasportando le spalle su un processo di vendita fallito (che coinvolgeva cinque parti interessate). Dopo aver firmato gli accordi di non divulgazione il giorno successivo, i due hanno trascorso il lunedì e il martedì sui libri di Popular. Quando martedì è stato dichiarato il Banco Popular "fallito o probabile che fallisse", entrambi sono stati invitati a presentare offerte vincolanti.

Solo una offerta è arrivata: da Santander, per 1 €, ma solo a condizione che gli azionisti, i possessori di AT1 e di Tier 2 fossero salvati.

MANO SUPERIORE

Con insufficiente liquidità propria a sostegno del Banco Popular, e avendo già concluso che una liquidazione della banca in normali procedure di insolvenza comporterebbe rischi per la stabilità finanziaria, l'SRB non ha avuto altra scelta se non quella di accettare l'offerta. Secondo quanto riportato dalla stampa spagnola, gli avvocati di Santander hanno stipulato l'accordo di acquisto redatto dalle autorità di risoluzione e riscritto.

"L'asta è stata organizzata così rapidamente che è stato difficile per chiunque fare un'offerta seria e anche le valutazioni utilizzate per giustificare il prezzo di vendita erano difficili da comprendere", ha affermato Legras di Axiom. "Il raggio d'azione era enorme e la metodologia sembrava più simile a quella di fare un firesale sull'intero bilancio. Con questo tipo di approccio, qualsiasi banca, anche la più solida, sembrerà molto debole ".

Criticamente, gli investitori sostengono che la situazione ha chiaramente compromesso l'SRB e il suo obbligo di assicurare che gli azionisti e gli obbligazionisti siano stati trattati in modo equo. Santander aveva avuto accesso ai dati finanziari di Banco Popular come parte del processo di vendita privato per settimane, e le presentazioni interne mostravano che aveva pensato di pagare fino a € 1,6 miliardi per Popular solo poche settimane prima, ma non riuscì a fare un'offerta.

 Una persona coinvolta in quel processo di vendita fallito ha detto che, poiché all'improvviso il Banco Popular non stava più lavorando con i propri consulenti per organizzare un accordo, Santander aveva tutte le carte in regola.

"All'improvviso cambi la tua controparte da banchieri professionisti di M & A, con un'intera struttura di corporate governance e un consiglio e azionisti da convincere, a dipendenti pubblici di qualcosa chiamato l'autorità di risoluzione che non ha mai fatto nulla del genere", ha detto la persona.

"Questi impiegati statali, che a malapena hanno le capacità per capire come viene valutata una banca, sono chiamati negli ultimi giorni con una missione - una missione impossibile - di disporre di beni secondo regole che sono state pensate anni prima e completamente separate dalla realtà del modo in cui le cose funzionano e dalla velocità con cui accadono le cose. Santander deve aver pensato: 'abbiamo una grande mano negoziale qui' ".

PROTEZIONI DELL'INVESTITORE

I legislatori europei prevedevano almeno la possibilità di una risoluzione affrettata, e all'interno delle regole che governano l'SRB è richiesto di condurre una valutazione "indipendente" di una banca dopo l'evento per determinare se gli azionisti e gli obbligazionisti fossero cambiati o meno, e se potrebbero aver visto un risultato migliore in caso di insolvenza. Se è così, il risarcimento è dovuto.

Mentre l'SRB afferma che tale valutazione è stata fatta, gli investitori credono che non sia "indipendente". A Deloitte, la stessa azienda che ha effettuato la prima valutazione, è stato chiesto di farlo, cosa che gli investitori ritengono sia un chiaro conflitto di interessi. Il secondo rapporto Deloitte concludeva che le perdite per azionisti e obbligazionisti sarebbero state molto maggiori in un normale processo di insolvenza.

"Questa è la valvola di sicurezza dell'intero regime", ha detto East, l'avvocato di Quinn Emanuel. "L'SRB sta semplicemente inventando le cose mentre procede; non sembra davvero sapere cosa sta facendo. "

"A meno che non ci sia una revisione seria e approfondita del caso Banco Popular da parte del Tribunale dell'Unione europea, non si impareranno lezioni", ha detto. "Questa è la nostra unica speranza perché l'SRB ha fermamente negato agli azionisti e agli obbligazionisti l'accesso a documenti e dati per gli ultimi due anni ... e non ammetterà che qualcosa è stato sbagliato".

Il rischio di risoluzioni fallite rimarranno finché il regime attuale rimarrà in vigore, altri credono.

"Il procedimento offre tanto margine di manovra e flessibilità alle autorità che praticamente possono fare tutto ciò che vogliono", ha affermato Legras. "E il risultato è che si può finire con qualcosa che è abbastanza ragionevole e ben gestito - o l'esatto opposto. Esistono pochissime garanzie per gli investitori e le parti interessate. È una mangiatoia gratis per le autorità. "
 


Note:
ELA = Assistenza liquida d'emergenza
SRB = Consiglio singolare di risoluzione 

Nessun commento:

Posta un commento