-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

martedì 4 giugno 2019

LE BANCHE NELLO STATO FASCISTA


LE BANCHE NELLO STATO FASCISTA

(tratto dal testo dell’economista politico ebreo Paul Einzig, “The economic foundations of Fascism”, del 1934)

Uno degli aspetti più interessanti dell'esperimento fascista italiano è la sua influenza sul sistema bancario. Esternamente, non c'è stato alcun cambiamento spettacolare. Le banche hanno mantenuto la loro individualità e indipendenza. A tale riguardo, il cambiamento causato dalla crisi è stato molto più pronunciato in alcuni altri paesi, come ad esempio la Germania, dove il governo ha acquisito un'influenza dominante su alcune delle principali banche commerciali.

In Italia il governo ha accuratamente evitato di approfittare della crisi per mettere sotto il suo controllo le banche che hanno richiesto la sua assistenza. L'assistenza è stata fornita liberamente come in qualsiasi altro paese, ma le banche sono rimaste sotto il controllo dei loro azionisti.
L'iniziativa economica dello Stato corporativo viene lasciata in mani private; è integrata dall'intervento statale solo se e quando l'iniziativa privata è considerata inadeguata per servire gli interessi pubblici.

In Italia le principali banche hanno fornito assistenza preziosa allo sviluppo delle industrie, e i leader del nuovo regime politico non hanno visto alcuna ragione, quindi, per cui dovrebbero interferire con questa attività.

Allo stesso tempo, si è constatato che l'iniziativa privata nel settore bancario era inadeguata a soddisfare i mutati requisiti. Per questo motivo, il governo ha ritenuto necessario istituire un certo numero di istituzioni finanziarie il cui compito era quello di integrare le attività delle banche esistenti. Questa non fu affatto una nuova partenza, perché in Italia il governo è stato strettamente associato al settore bancario per alcuni secoli.

Le banche di vecchia data come il Banco di Napoli, il Banco di Sicilia e il Banco di San Giorgio avevano strette relazioni con il governo. Il numero di istituzioni statali e semi-statali e la loro relativa importanza nel sistema bancario del paese, tuttavia, è aumentato notevolmente sotto il regime fascista. Alcune delle istituzioni finanziarie appena create servivano a scopi speciali.
Così, l'Istituto di Credito per il Lavoro Italiano all 'Estero è stato creato per finanziare l'espansione italiana nelle Colonie e all'estero.

Il Consorzio di Credito per le Opere Pubbliche è stato istituito per finanziare le società di servizi pubblici e l'Istituto di Credito per le Imprese Utili per scopi analoghi. Un'altra banca semi-ufficiale specializzata è l'Istituto per il Credito Navale.

Un secondo gruppo di istituzioni finanziarie ufficiali comprende quelle create per facilitare il lavoro delle banche esistenti e dei loro clienti industriali e commerciali. C'è l'Istituto Mobiliare Italiano e l'Istituto per la Ricostruzione Industriale recentemente creato.
Il loro compito è stato quello di sollevare banche e altre imprese dalle loro partecipazioni in titoli e beni congelati che altrimenti avrebbero interferito con la loro liquidità.

Un terzo gruppo di banche controllate dal governo comprende i vari tipi di casse di risparmio sotto il controllo diretto o indiretto del governo. La più importante tra queste è la Cassa di risparmio postale, che è diventata un forte rivale delle banche commerciali come collettore di depositi.
È evidente che, grazie al suo controllo su questi tre tipi di istituzioni finanziarie, la posizione del governo nel sistema bancario del paese è molto forte, anche se non ha acquisito il controllo di nessuna delle banche commerciali. Questo tipo di intervento non è, tuttavia, peculiare del sistema economico fascista. Incontriamo accordi simili in altri paesi; in effetti, non c'è quasi nessun paese in cui l'influenza del governo nel sistema bancario non sia aumentata a causa della crisi. Forse in Italia la quantità di interventi governativi nel settore bancario come risultato della creazione di nuovi tipi di istituzioni finanziarie è maggiore che nella maggior parte degli altri paesi, ma questo di per sé non può essere considerato come un'influenza caratteristica del sistema fascista sull'attività bancaria.

Oltre a integrare l'iniziativa individuale quando è considerata inadeguata per soddisfare le esigenze di interesse pubblico, il regime fascista mira a guidarlo, sia positivamente che negativamente. Il suo scopo è di impedire che l'iniziativa privata operi contro l'interesse pubblico e di stimolare le sue attività in conformità con l'interesse pubblico. Il governo italiano esercita una forte influenza sull'attività bancaria attraverso l'intermediazione delle Corporazioni, che ha una forte influenza sulla politica, sulle attività e sull'atteggiamento di tutte le banche. È molto più di un'associazione professionale che prescrive regole di etichetta e passa risoluzioni la cui adozione è facoltativa per i suoi membri. La decisione della Corporazione delle banche e delle società d’assicurazione è in pratica un atto legislativo obbligatorio per ogni banca.

Per dare solo un esempio della misura in cui la Corporazione è stata utilizzata per la regolamentazione dell'attività bancaria in Italia, sebbene non vi siano restrizioni di cambio legale, le banche osservano alcune regole in modo più rigoroso rispetto a qualsiasi paese in cui tali regole sono state applicate con la legge. In conformità con la decisione della Corporazione, le divise estere possono essere vendute solo per esigenze commerciali reali o per il pagamento dell'indebitamento esterno. Questa misura ha efficacemente controllato il deflusso di capitali italiani, senza che il Governo debba ricorrere a restrizioni legali. Ancora una volta, alle banche italiane è stato proibito dalla loro Corporazione di concedere crediti in lire agli stranieri.
Di conseguenza, la speculazione sulla Lira è stata resa praticamente impossibile, senza alcuna legge specifica a tal fine.

In teoria, le restrizioni sono atti volontari da parte dei banchieri; dopotutto, la Corporazione che passa le risoluzioni è costituita dai propri rappresentanti. In pratica, tuttavia, la Corporazione non ha altra alternativa che soddisfare i desideri delle autorità.

Sarebbe, tuttavia, un errore considerare le decisioni della Corporazione come una mera forma particolare di legislazione imposta alle banche. In una certa misura sono di fatto volontari, perché le stesse banche capiscono l'interesse pubblico coinvolto. Se tutte le banche fossero animate da uno spirito pubblico non ci sarebbe bisogno di costrizione. Ma finché alcune banche saranno disposte a eluderle, queste restrizioni autoimposte porteranno un premio alla slealtà e una penalità sulla lealtà. Per questo motivo, i tentativi di regolare le restrizioni di cambio con l'azione volontaria delle banche sono falliti nella maggior parte dei paesi. In Gran Bretagna, ad esempio, durante i primi giorni dopo la sospensione del gold standard il 20 settembre 1931, la restrizione sul trasferimento di fondi britannici all'estero era basata sulla decisione volontaria delle banche. Dopo alcuni giorni, tuttavia, è stato ritenuto auspicabile approvare misure legislative.

Il motivo per cui la decisione "volontaria" è stata sufficiente in Italia è che le banche fedeli hanno la certezza che, anche in assenza di sanzioni legali, la slealtà sarà prevenuta e punita.
Ad esempio, l'esportazione di banconote italiane in grandi quantità è contraria ai regolamenti stabiliti dalla Corporazione delle banche. Nel 1932 un socio di una piccola società di private banking fu catturato alla frontiera mentre cercava di portare con sé molti milioni di lire in banconote.

Poiché non vi era alcuna legge contro l'atto, l'importo non è stato confiscato dalle autorità, ma la sua esportazione è stata impedita. Il banchiere non fu processato per il reato - che tecnicamente non era un atto incriminabile - ma, per "crimine contro il regime fascista", fu confinato in una certa città (non dov’era la sede della sua banca) e fu multato pesantemente. Tali casi sono tuttavia estremamente rari, non solo a causa della gravità con cui sono trattati anche in assenza di legislazione, ma anche perché il fatto che le banche non siano svantaggiate dalla loro lealtà incoraggia lo sviluppo di un spirito sinceramente fedele. Non è solo la paura della punizione che impedisce alla grande maggioranza dei banchieri di ignorare la decisione della loro Corporazione, ma anche la consapevolezza che i loro rivali obbediranno alle stesse regole.

L'influenza delle autorità sulle banche in Italia non si limita all'applicazione dei regolamenti tecnici; si estende alla sfera della politica bancaria fondamentale. Sebbene le banche non siano nazionalizzate, in pratica il governo ha un potere su di loro che difficilmente potrebbe essere maggiore se lo fossero. Ciò non significa che il loro atteggiamento verso i singoli clienti e le singole transazioni sia soggetto a interferenze governative.

A tale riguardo, la libertà delle banche italiane è pari a quella delle banche in qualsiasi paese.
È considerevolmente più grande che nel caso delle banche controllate dal governo in Germania. Si ricorderà che Herr Hugenberg, ministro dell'Economia del governo di Herr Hitler, dopo aver esposto per qualche tempo un'opposizione militante al governo del dott. Bruning, divenne nel 1932 piuttosto passivo.

La storia dice che il gruppo di imprese industriali che controlla dovette grandi somme alla Darmstaedter und Nationalbank; quella banca passò sotto il controllo del governo, e l'allora governo fu in grado di "silenziare" Herr Hugenberg dalla minaccia di chiedere il rimborso dei suoi crediti bancari. Tali casi non sono noti in Italia. Le banche sono lasciate a decidere autonomamente se concedere o rifiutare crediti ai loro clienti.

L'intervento del governo nell'Italia fascista ha un obiettivo diverso. Il suo obiettivo è garantire il migliore utilizzo delle risorse bancarie disponibili. A tal fine, le autorità sfruttano la loro influenza in uno spirito veramente dittatoriale e le banche sono talvolta costrette a perseguire una politica che può essere interamente contraria ai principi in cui sono stati educati.

Uno degli esempi più caratteristici di intervento del governo a cui le banche presentavano solo con riluttanza era il rafforzamento del prezzo delle azioni bancarie, industriali e commerciali della Borsa. Quando nelle prime fasi della crisi il declino delle quotazioni azionarie ha iniziato a destare disagio nell'opinione pubblica, il signor Mussolini ha ordinato alle banche di sostenere il mercato delle proprie azioni e delle quote delle società di cui erano interessate. Poiché la tendenza avversa del mercato azionario si è rivelata di natura più duratura di quanto previsto, il risultato di questa azione è stato che, attraverso l'intermediazione delle loro affiliate, le principali banche sono diventate i loro principali azionisti, così come il principali azionisti in un gran numero di imprese industriali e commerciali.

Inutile dire che i banchieri stessi hanno visto questo sviluppo con crescente preoccupazione e non hanno perso l'occasione di segnalare alle autorità gli svantaggi e i pericoli di immobilizzare le loro risorse in questo modo. Ma il signor Mussolini rimase irremovibile, e le banche non ebbero altra scelta che continuare i loro acquisti. Il loro unico conforto era la certezza che, qualora fosse necessario, avrebbero potuto contare su un supporto ufficiale tempestivo ed efficace.

Finché tutto è andato liscio, non è stato necessario adottare misure eccezionali. Gli importi spesi per acquisti di azioni sono tornati alle banche, direttamente o indirettamente nelle forme di depositi, e il processo si è praticamente finanziato. Le banche erano tuttavia sotto la minaccia permanente di un eventuale ritiro all'ingrosso dei depositi.

Sebbene alcune delle banche di piccole e medie dimensioni abbiano dovuto essere assistite durante le prime fasi della crisi, non è stato fino all'inizio del 1931 che un'emergenza di natura più grave minacciava di insorgere. A seguito di un articolo piuttosto malizioso scritto dal signor Mario Alberti, allora uno dei principali direttori del Credito Italiano, che attaccava i suoi colleghi direttori, di cui l'articolo era stato successivamente diffuso in Italia e all'estero in forma di opuscolo, c'erano segni di una corsa su diversi rami di quella banca. Tuttavia, fu subito pronta un'azione per contrastare il male.

Sebbene prima di quell'incidente il signor Alberti fosse stato persona grata a Roma, non sfuggì alla sua ben meritata punizione; fu segretamente licenziato e privato di tutti i suoi incarichi di amministratore, e il cattivo effetto del suo articolo fu placato dall'annuncio pubblico dell'approvazione da parte di Mussolini dei direttori attaccati conferendo loro alte decorazioni. Allo stesso tempo, sono stati presi accordi per liberare il Credito Italiano dalle sue eccedenze di titoli che sono stati trasferiti a società holding finanziate in gran parte con risorse ufficiali.

Quando durante la seconda metà del 1931 la crisi finanziaria si aggravò, fu ritenuto opportuno compiere un ulteriore e ancor più importante passo verso il collocamento della situazione bancaria italiana su fondamenta più solide. Era un segreto di Pulcinella che le partecipazioni in titoli della più grande banca, la Banca Commerciale Italiana, ammontavano a miliardi di lire. Sebbene i depositanti si fidassero della banca implicitamente, a Roma fu debitamente realizzato che non era consigliabile mettere la loro fiducia in una prova troppo severa, lasciando che questa situazione continuasse nel mezzo di una grave crisi internazionale. Pertanto, prima che potesse sorgere un'effettiva necessità di sostegno, furono presi provvedimenti per sollevare la banca dalle sue enormi partecipazioni. A tal fine, l'Istituto Mobiliare Italiano - a cui si è fatto riferimento in precedenza - è stato creato e ha ricevuto risorse adeguate per effettuare la gigantesca transazione. Sebbene in una certa misura l'operazione abbia comportato un aumento delle risorse liquide della banca, ha in gran parte portato alla sostituzione delle azioni con titoli di Stato. In seguito allo sgombero delle banche, la società controllata dal governo è diventata l'azionista delle principali imprese industriali del paese. Questo stato di cose non dovrebbe, tuttavia, essere interpretato come una forma mascherata di nazionalizzazione. Il governo non intende mantenere un controllo finanziario, per quanto indiretto, rispetto alle imprese private. Intende mantenere le azioni fino a quando una ripresa della domanda pubblica non consente alla holding di collocarle sul mercato.

Da questo esperimento si è appreso che non era consigliabile utilizzare le risorse delle banche commerciali allo scopo di detenere azioni industriali.

Con l'istituzione delle nuove istituzioni finanziarie semi-ufficiali, il governo fascista è ora in grado di perseguire la sua politica senza dover coinvolgere le banche. Le nuove istituzioni emettono obbligazioni garantite dal governo, in modo che l'intero processo si traduca in realtà ad alleviare gli investitori delle loro partecipazioni azionarie in un momento in cui non sono disposti a detenerle e a sostituire le partecipazioni - direttamente o tramite intermediari di banche - da titoli di Stato che in un momento di crisi hanno più fiducia.

Le risorse delle banche, così liberate dalla loro forzata immobilizzazione, non furono tuttavia lasciate inutilizzate. In assenza di un'adeguata richiesta commerciale di credito, le banche furono costrette ad impiegare i loro fondi eccedenti per il finanziamento delle vaste opere pubbliche intraprese dal governo fascista.

Nel capitolo V abbiamo descritto l'ambizioso programma del governo fascista, che comprende la bonifica delle paludi, l'elettrificazione, la fertilizzazione della terra, ecc. Sono stati effettuati su una scala molto più ampia che in qualsiasi altro paese che si adopera per fornire assistenza ai disoccupati. La parte predominante di queste opere pubbliche, come la bonifica del terreno, ad esempio, è produttiva e auto-liquidante. Sono stati in gran parte finanziati dalla emissione di titoli governativi o garantiti dal governo, riscattabili per lo più tra dodici e venticinque anni. Poiché la domanda pubblica di questi titoli non era sufficiente, le risorse delle casse di risparmio e in parte delle banche commerciali sono state impiegate per realizzarle.

L'idea di compromettere le risorse delle banche e delle casse di risparmio in titoli di Stato a lungo termine potrebbe sembrare scioccante a prima vista. Va tenuto presente, tuttavia, che l'Italia non è affatto l'unico paese in cui le banche sono persuase dal governo a cedere in tal modo dai principi ortodossi. In quasi tutti i paesi le banche hanno dovuto prendere parte ai loro rivali più deboli e hanno inoltre dovuto finanziare i loro governi. Sebbene sia la Gran Bretagna che gli Stati Uniti siano paesi parlamentari e democratici in cui la libertà delle persone e delle banche di impiegare i loro fondi non subiscano interferenze con la dittatura, in entrambi i paesi le banche sono state persuase dal governo ad accrescere le loro disponibilità di titoli di Stato; in Inghilterra questo era per facilitare le operazioni di conversione, mentre negli Stati Uniti si doveva risolvere un deficit di bilancio. Per la seconda ragione, le banche francesi hanno dovuto investire le loro riserve inutilizzate in titoli di stato. È anche un fatto ufficiale che la Caisse de Depots et de Consignations, che gestisce i fondi delle casse di risparmio francesi, investa di gran lunga la maggior parte delle risorse in titoli di Stato. Date le circostanze, colui che è riuscito a mantenere intatti i principi classici della solida liquidità bancaria dovrebbe lanciare la prima pietra all’Italia.

Inoltre, poiché la crisi ha gettato nel crogiolo tanti principi e dottrine consacrate, è forse lecito sollevare la questione se, dopo tutto, le nostre regole pre-crisi sulla liquidità non fossero basate su nozioni fittizie. Se ci fosse una corsa agli sportelli, che fosse in Italia o in Inghilterra o negli Stati Uniti, potrebbe essere facilmente aiutata. Se mai dovesse esserci una corsa generale su tutte le banche, in qualsiasi paese, anche il più alto grado di liquidità non le salverebbe; potevano essere salvate dalle autorità solo con la dichiarazione di una moratoria o con l'inflazione. In questo senso non c'è differenza tra la situazione bancaria in Italia e in altri paesi.

Tutti sono ben consapevoli che le principali banche, le cui risorse sono state "requisite" per il finanziamento di opere pubbliche, riceverebbero tutto il supporto che si desidera in caso di emergenza. Stando così le cose, non c'è ansia nelle menti dei depositanti, e non c'è motivo per cui l'emergenza dovrebbe sorgere.

Infatti, a causa dell'esistenza della dittatura, le banche italiane sono meglio salvaguardate contro il panico delle banche dei paesi democratici, con la loro libera stampa, i comitati d'inchiesta del Senato e il diritto generale di chiunque di fare del male nei limiti della legge. In Italia qualsiasi politico o giornalista rumorista sarebbe stato sommariamente trattato. Il caso del signor Alberti mostra che anche chi occupa posizioni elevate deve pagare la pena di agire contro l'interesse pubblico, anche se non c'è una lettera nella legge contro di esso. Nei paesi democratici, le banche possono essere il banco di comando delle politiche di partito e gli attacchi demagogici alle banche durante le campagne elettorali possono facilmente suscitare un'ondata di sfiducia tra il pubblico. Tali cose non possono accadere nell’Italia fascista. Chi avesse tentato di minare la fiducia nelle banche, sia dalla tribuna che attraverso "campagne sussurrate", si sarebbe presto ritrovato sull'isola di Lipari o in un posto anche peggiore.

Dal momento che le risorse delle banche sono utilizzate allo scopo di finanziare opere pubbliche, i depositi presso le principali banche sono diventati, di fatto se non in legge, garantiti dal governo. Si può dire che questo stato di cose differisce poco dalla completa nazionalizzazione delle banche. In realtà, c'è una sostanziale differenza a favore del sistema fascista. Si deve presumere che, una volta che le banche fossero nazionalizzate in un paese, l'intero sistema sarebbe centralizzato e tutte le attività di sovrapposizione eliminate. Ciò potrebbe essere utile dal punto di vista della riduzione delle spese generali, anche se dopo un certo punto gli svantaggi causati dalle dimensioni dell'organizzazione supererebbero di gran lunga tali economie. Inoltre, il monopolio governativo del credito sarebbe altamente dannoso per l'iniziativa individuale nella vita economica. Nella maggior parte dei casi, l'opinione di un particolare funzionario di banca renderebbe impossibile per chiunque ottenere credito per finanziare il suo piano. Così com'è, nei paesi in cui il settore bancario è in mani private, il richiedente può provare un certo numero di banche rivali, e se tutti rifiutano il suo schema le possibilità sono che qualcosa deve essere sbagliato con esso. Se è un buon piano, è probabile che l'una o l'altra delle banche rivali lo apprezzino. Ciò vale anche nell'Italia fascista. Il sistema economico fascista non elimina la sana concorrenza tra le banche, che è tutta per il bene dello sviluppo economico.

Infine, il sistema italiano può essere criticato sulla base del fatto che, poiché il governo è praticamente responsabile per le passività delle banche, quest'ultimo può essere incoraggiato a intraprendere iniziative speculative, poiché se queste iniziative riusciranno sarà il profitto delle banche, mentre se esse falliscono le banche possono sempre rivalersi sul governo. Questa argomentazione può avere qualche forza convincente in altri paesi in cui il governo assiste ampiamente le banche, ma non si applica in Italia.

Sotto il regime fascista gli errori commessi da leader di banche e capitani d'industria sono considerati imperdonabili. Nella maggior parte dei paesi i capi di banche e società possono perdere impunemente il denaro altrui finché rispettano la legge. Avendo rovinato le loro banche, potrebbero ritirarsi nella vita privata come milionari. Non così in Italia. Il signor Mussolini raramente perdona i fallimenti, anche se si verificano senza la colpa degli amministratori interessati.

In un caso, racconta la storia, i capi di una nota banca, che hanno subito pesanti perdite e hanno immobilizzato le sue risorse, sono stati convocati a Palazzo Venezia. Venendo ammessi al signor Mussolini, disse loro: "Signori, accetto le vostre dimissioni". Questo era tutto. In molti casi il Duce non ritiene nemmeno necessario comunicare la sua decisione agli amministratori interessati; ne vengono a conoscenza il giorno successivo dai giornali, dove verrà riferito che le loro dimissioni sono state offerte e accettate.

Se la negligenza grave o la malafede hanno contribuito a provocare il fallimento, i responsabili sono trattati in modo molto più grave, anche se sono innocenti agli occhi della legge. "Il crimine contro il regime fascista" è una nozione vaga ed elastica. Ha qualche somiglianza con il "Sabotaggio del piano dei cinque anni" nella Russia sovietica.

La differenza è che in Italia la pena non è la pena capitale, ma nel peggiore dei casi confinata sull'isola di Lipari. Anche così, la responsabilità dei direttori non è certamente una frase priva di significato in Italia. Le possibilità sono, quindi, che, nonostante la loro conoscenza che, se necessario, possano contare su un supporto ufficiale illimitato, i banchieri italiani saranno almeno altrettanto attenti quanto i loro colleghi in paesi stranieri dove sono gli azionisti e i depositanti che devono pagare penalità per i loro errori.

Il progresso della penetrazione dello spirito imprenditoriale nel settore bancario - come in ogni altra sfera di attività economica - consente al governo italiano di allentare gradualmente la sua salda presa. Mentre alcuni anni fa le banche ricevevano semplicemente l'ordine di finanziare questa o quella particolare impresa, oggi le autorità sono aperte alle discussioni e in molti casi si lasciano convincere dalle banche che queste ultime hanno ragione nel sostenere che non possono intraprendere la transazione in questione senza svantaggi per se stessi e per gli interessi pubblici.

Il fatto stesso che le banche siano più orientate verso il pubblico di quanto non lo fossero prima, è in grado di dare alle loro argomentazioni ulteriore forza agli occhi delle autorità fasciste. Come in altre sfere dell'attività economica, non è più il caso di comandare e obbedire, ma di iniziare una comprensione in accordo con gli interessi generali.

L'esperienza bancaria sotto il regime fascista in Italia dimostra che è possibile rompere la rigida ortodossia delle banche e influenzare la loro attività senza dover ricorrere all'estrema soluzione di nazionalizzarle. In questo caso, come nel caso della politica monetaria, la pianificazione scientifica non dovrebbe essere un atto isolato, ma dovrebbe far parte di uno schema generale di intervento per regolare la produzione e la distribuzione.

Suggerire che le banche in un paese con un sistema economico basato sul laissez-faire debbano essere sottoposte a un controllo più rigoroso e costrette a intraprendere nuovi estesi finanziamenti è assurdo fintanto che la produzione e la distribuzione sono autorizzate a proseguire nel loro attuale modo a casaccio. Se e quando la pianificazione scientifica viene introdotta nella sfera della produzione e della distribuzione, allora, e solo allora, è giustificabile aspettarsi che le banche facciano la loro parte nel nuovo sistema. Ma per individuarli tra tutti i rami dell'attività economica e costringerli a finanziare un'espansione della produzione senza sapere se l'espansione in quella particolare direzione è giustificata è scientificamente incoerente ed è una politica irresponsabile.

Nessun commento:

Posta un commento