-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

mercoledì 18 settembre 2019

Banchieri centrali alla ricerca ossessiva del potere

Banchieri centrali alla ricerca ossessiva del potere
di Ellen Brown, tratto da: https://www.truthdig.com/articles/bankers-will-stop-at-nothing-to-keep-their-grip-on-the-global-economy/

I banchieri centrali hanno esaurito le munizioni. Mark Carney, il capo della Banca d'Inghilterra in procinto di ritirarsi, lo ha ammesso in un discorso all'incontro annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole, Wyo, ad agosto. "A lungo termine", ha detto, "dobbiamo cambiare il gioco". Lo stesso argomento è stato sottolineato da Philipp Hildebrand, ex capo della Banca nazionale svizzera, in una recente intervista con Bloomberg. "Davvero, ci sono poche munizioni rimaste", ha detto. "È improbabile che più o meno la stessa cosa in termini di politica monetaria sia una risposta adeguata se entriamo in una recessione o in una forte recessione".

"Più o meno lo stesso" significa ridurre ulteriormente i tassi di interesse, lo strumento azionario delle banche centrali per mantenere il loro tasso di inflazione mirato in una fase di recessione. Si presume che i tassi di interesse basati sull'affare stimolino l'economia incoraggiando i mutuatari a prendere in prestito (poiché i tassi sono così bassi) e i risparmiatori a spendere (poiché non fanno alcun interesse sui loro depositi e potrebbero dover pagare per conservarli). Al momento, oltre 15 trilioni di dollari in obbligazioni sono negoziati a livello globale a tassi di interesse negativi, ma questa manovra radicale non ha dimostrato di migliorare in modo misurabile la performance economica. In effetti, una nuova ricerca mostra che i tassi di interesse negativi delle banche centrali, piuttosto che aumentare la spesa, arrestare la deflazione e stimolare l'economia come avrebbero dovuto fare, potrebbero avere effetti opposti. Sono accusati di spremere le banche, punire i risparmiatori, mantenere le aziende morenti sul supporto vitale e alimentare un aumento potenzialmente insostenibile dei prezzi delle attività.


 Quindi cosa deve fare un banchiere centrale? La soluzione proposta da Hildebrand è stata presentata in un documento che ha scritto con tre dei suoi colleghi di Black Rock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, di cui ora è vicepresidente. Rilasciato ad agosto in coincidenza con la riunione annuale di Jackson Hole, il documento è stato scritto da Stanley Fischer, ex governatore della Bank of Israel ed ex vice presidente della Federal Reserve degli Stati Uniti; Jean Boivin, ex vice governatore della Bank of Canada; e l'economista di BlackRock Elga Bartsch. La loro proposta chiede "un coordinamento più esplicito tra le banche centrali e i governi quando le economie sono in una recessione in modo che la politica monetaria e fiscale possa lavorare meglio in sinergia". L'obiettivo, secondo Hildebrand, è di andare "diretto con denaro ai consumatori e alle aziende al fine di ravvivare il consumo ", mettendo i soldi direttamente nelle tasche dei consumatori.

Sembra un po '"soldi dell'elicottero", ma in realtà non stava parlando di far piovere soldi sulle persone. La banca centrale manterrebbe una "struttura fiscale di emergenza permanente" che si attiverebbe quando la manipolazione dei tassi di interesse non funzionava più e la deflazione si era verificata. La banca centrale avrebbe determinato la dimensione della struttura sulla base delle sue stime di ciò che era necessario per ottenere il livello dei prezzi torna all'obiettivo. Suona bene fino a quando non arriverai alla parte su chi erogherà i fondi: "Esperti indipendenti deciderebbero come distribuire al meglio i fondi per massimizzare l'impatto e raggiungere gli obiettivi di investimento strategici stabiliti dal governo".


"Esperti indipendenti" è un altro termine per "tecnocrati": carbocrati scelti per la loro abilità tecnica piuttosto che per voto popolare. Potrebbero utilizzare dati sofisticati, algoritmi e formule economiche per determinare "il modo migliore per distribuire i fondi", ma la domanda è "migliore per chi?" Furono i tecnocrati delle banche centrali a far precipitare le economie della Grecia e dell'Italia nell'austerità dopo il 2011 e tecnocrati non eletti che hanno fatto fallire Detroit nel 2013.

Hldebrand e i suoi coautori non stanno parlando delle banche centrali che rinunciano alla loro indipendenza dalla torre d'avorio per lavorare con i legislatori nel coordinamento della politica fiscale e monetaria. Piuttosto, i banchieri centrali avrebbero acquisito ancora più potere, dandosi una nuova pentola di denaro gratuito che avrebbero potuto distribuire nel modo che ritenevano opportuno al servizio di "obiettivi del governo".

Il nuovo gioco di Carney

La tendenza a scavalcare era evidente anche nel discorso di Jackson Hole di Carney quando disse: "Dobbiamo cambiare il gioco". Il cambio di gioco che ha proposto era di spezzare il potere del dollaro USA come valuta di riserva globale. Ciò avverrebbe attraverso l'emissione di una valuta digitale internazionale supportata da più valute nazionali, sul modello della "Libra" di Facebook.


Le valute di riserva multiple non sono una cattiva idea, ma se stiamo seguendo il modello della Libra, stiamo parlando di una nuova valuta di riserva unica che è semplicemente "supportata" da un paniere di altre valute. Le domande quindi sono: chi emetterebbe questa valuta globale e chi stabilirebbe le regole per ottenere le riserve.

Carney ha suggerito che la nuova valuta potrebbe essere "meglio fornita dal settore pubblico, forse attraverso una rete di valute digitali della banca centrale". Ciò solleva ulteriori domande. Le banche centrali sono davvero "pubbliche"? E chi sarebbe l'emittente, la Bank for International Settlement controllata dai banchieri, la banca delle banche centrali in Svizzera? O forse il Fondo monetario internazionale, che Carney sembra essere in linea per dirigere?

L'FMI ​​emette già diritti speciali di prelievo per integrare le riserve valutarie globali, ma sono semplicemente "unità di conto" che devono essere scambiate con valute nazionali. Consentire all'FMI di emettere la valuta di riserva globale avrebbe dato ai tecnocrati non eletti un potere senza precedenti sulle nazioni e sui loro soldi. L'effetto sarebbe simile alla rinuncia da parte dei governi dell'Unione europea al controllo sulle proprie valute, rendendo le loro banche centrali dipendenti dalla Banca centrale europea per la liquidità, con le sue conseguenze disastrose.


È tempo di porre fine alla Fed "indipendente"?

Un evento mediatico che ha provocato ancora più indignazione contro i banchieri centrali ad agosto è stato organizzato a Bloomberg da William Dudley, ex presidente della Federal Reserve di New York ed ex partner di Goldman Sachs. Intitolato "La Fed non dovrebbe abilitare Donald Trump", ha concluso:

    C'è persino una discussione sul fatto che le elezioni [presidenziali] stesse rientrino nella sfera di competenza della Fed. Dopotutto, la rielezione di Trump rappresenta probabilmente una minaccia per gli Stati Uniti e l'economia globale, per l'indipendenza della Fed e per la sua capacità di raggiungere i suoi obiettivi di occupazione e inflazione. Se l'obiettivo della politica monetaria è raggiungere il miglior risultato economico a lungo termine, i funzionari della Fed dovrebbero considerare come le loro decisioni influenzeranno l'esito politico nel 2020.

La Fed è così indipendente che, secondo l'ex presidente della Fed Alan Greenspan, non risponde a nessuno. Un argomento principale per mantenere l'indipendenza della Fed è che deve rimanere un arbitro neutrale, al di là della politica e dell'influenza politica; e l'opera di Dudley ha chiaramente violato questa regola. I critici lo definirono un tentativo di rovesciare un presidente in carica, un colpo di stato a tradimento che giustificherebbe la fine della Fed.

Forse è vero, ma le banche centrali svolgono effettivamente alcune funzioni utili. Meglio sarebbe nazionalizzare la Fed, trasformandola in una vera utilità pubblica, incaricata di servire gli interessi dell'economia e del pubblico votante. Avere la banca centrale e il governo federale a lavorare insieme per coordinare la politica fiscale e monetaria è in realtà una buona idea, purché il processo sia trasparente e i rappresentanti pubblici abbiano il controllo su dove viene distribuito il denaro. Sono i nostri soldi e dovremmo essere in grado di decidere dove vanno.
 

Nessun commento:

Posta un commento