-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

sabato 10 novembre 2018

Concorrenza tra valute per salvare l'euro


COMMENTARIO SU ECONOMIA E POLITICA 31/10/2018

Concorrenza tra valute per salvare l'euro

di THOMAS MAYER E NORBERT F. TOFALL (traduzione automatica)

Sommario

L'aspettativa che i membri dell'Unione monetaria europea si adeguino alle esigenze di una moneta unica europea nel tempo non è stata soddisfatta. Per evitare una disintegrazione dell'euro politicamente ed economicamente costosa, è quindi necessario riorganizzare la moneta europea. In questo documento, proponiamo un rinnovo dell'euro come "pieno denaro" in un regime di concorrenza con altri tipi di denaro.

Abstract 

The expectation that the member states of the European Monetary Union would adapt over time to the requirements of a single European currency has not been fulfilled. In order to ward off a politically and economically costly collapse of the euro, it is therefore necessary to restructure the European currency. In this paper, we propose a renewal of the euro as "100% money" in a regime of competition With other types of money.

"Alcune cose che erano ancora utopiche al mattino sono già fantascientifiche a mezzogiorno e sono già realtà la sera. "
- Jerry Lewis


L'euro non dovrebbe essere abolito, ma riformato e integrato.

L'inizio dell'integrazione europea fu la liberalizzazione degli scambi tra i paesi membri della Comunità economica europea. In retrospettiva, il mercato interno europeo creato in questa tradizione è una storia di successo senza precedenti e il motore più forte dell'integrazione europea. Con la costruzione di un'area di competizione, i singoli Stati membri, con i loro diversi punti di forza e debolezze, hanno potuto gradualmente crescere insieme attraverso la competizione per un'Europa comune. Al contrario, l'introduzione dell'euro come moneta "unica comune e" è stato un errore, che, anche se è rilevante per crisi esistenziale di oggi di integrazione europea e l'Unione europea non sono gli unici responsabili. Come dimostrano le crisi greche del 2010 e 2015 e l'attuale crisi in Italia, questo errore deve essere risolto se l'integrazione europea e l'UE non devono essere ulteriormente depressi. Per questo, l'euro non deve essere abolito, ma riformato e integrato.

Sfortunatamente, dopo due decenni di esperienza nell'UEM, alcuni paesi non sono riusciti ad apportare gli adeguamenti necessari.

Un'area valutaria comune richiede che gli Stati partecipanti trasferiscano la propria sovranità sulla creazione di moneta e il tasso di cambio ad altre valute verso un'autorità sovraordinata. Ciò elimina l'opportunità di finanziare i disavanzi del bilancio statale da parte della banca centrale di proprietà statale e compensare l'aumento eccessivo dei costi mediante il deprezzamento del tasso di cambio al fine di mantenere la competitività internazionale dell'economia. In altre parole, un'unione monetaria pone crescenti richieste sulla gestione disciplinata della finanza pubblica e sul controllo dei costi privati delle imprese. Sfortunatamente, dopo vent'anni di esperienza nell'Unione economica e monetaria europea (UEM), è chiaro che alcuni paesi - e in particolare l'Italia - non possono applicare questa disciplina.


Il grafico 1 mostra che i costi unitari del lavoro in Italia sono aumentati molto più rapidamente nei due decenni dell'unione monetaria che in Germania. Il grafico 2 mostra che il maggiore aumento dei costi ha comportato un corrispondente aumento dei prezzi. Il conseguente apprezzamento del tasso di cambio reale implicito ha portato alla contrazione del settore che produce beni commerciabili. Oggi la produzione industriale in Italia è inferiore del 13% rispetto al livello del 1998, l'anno prima dell'inizio dell'Unione monetaria europea (UEM). Al contrario, è il 34 percento più alta in Germania (grafico 3). L'erosione del settore per la produzione di beni commerciabili può essere compensata dall'espansione della produzione di beni non commerciabili. Tuttavia, se ciò riduce la produttività aggregata, l'economia si ridurrà. Dalla crisi finanziaria del 2007-08, il prodotto interno lordo reale in Italia è diminuito di circa il 3% (grafico 4). Il PIL reale in Germania è aumentato del 14 percento durante questo periodo.
Grafico 1. Germania e Italia:
Costi unitari del lavoro (economia totale)

Fonte: Macrobond
Grafico 2. Germania e Italia: indice dei prezzi al consumo armonizzato

- Italia - Germania
Fonte: Macrobond
Grafico 3. Germania e Italia: produzione industriale

- Italia (produzione industriale esclusa la costruzione)
- Germania (produzione industriale)
Fonte: Macrobond
Grafico 4. Area dell'euro: PIL reale

- Germania - Area euro - Italia
Fonte: Macrobond

Un'economia in declino da lungo tempo pone sfide enormi per lo stato e la società. In tali circostanze, non sorprende che il governo italiano non sia stato in grado di ridurre il proprio deficit di bilancio abbastanza da ridurre il debito pubblico. Nel corso degli ultimi due decenni, il deficit di bilancio dello Stato italiano raramente sceso sotto il 2,5 per cento del PIL e il debito pubblico è aumentato dal 111 per cento del PIL nel 1998 a oltre 130 per cento nel 2018 (Tabella 5 e 6). La Germania, d'altro canto, è riuscita a generare eccedenze di bilancio nella ripresa dopo la crisi finanziaria del 2007-08 e, dopo un temporaneo aumento, ha ridotto il suo debito sovrano a poco più del 60% del PIL nel 2018.

Se l'economia non cresce, sarà sempre più difficile rimborsare i prestiti che sono stati aumentati facendo affidamento sui ricavi in crescita.

- Germania -Italia
Fonte: OCSE, Economic Outlook, Macrobond
Quando l'economia non cresce, diventa sempre più difficile rimborsare i prestiti che sono stati aumentati facendo affidamento sui ricavi in crescita. Certo, anche la qualità del credito in Italia è stata influenzata dall'influenza politica e dal clientelismo. Ma il più grande contributo al deterioramento della qualità sarà stata la mancanza di crescita economica nel corso di un decennio. Nel primo trimestre del 2018, i prestiti in sofferenza rappresentavano il 18,6% del totale dei prestiti, molto più del capitale proprio delle banche. Nell'area dell'euro nel suo insieme e in Germania, le azioni corrispondenti erano rispettivamente dell'8,4% e del 3,8%.

Da un punto di vista economico, la conseguenza della miseria italiana sarebbe l'uscita dall'unione monetaria.

L'Italia dovrebbe ritirarsi dall'euro?


Come abbiamo visto, l'aspettativa che la politica e le imprese italiane si adeguino alle esigenze di una moneta unica europea non è stata soddisfatta. Nella ripresa del ciclo del credito, i deficit di aggiustamento potrebbero essere mascherati da crediti economici. Nella fase discendente questo non era più possibile. Dopo la grande crisi finanziaria del 2007-2008 e la successiva crisi dell'euro del 2010-2012, l'Italia è stata gravemente colpita finanziariamente e politicamente. Dal 2008, la produzione industriale è diminuita del 13% e il prodotto interno lordo italiano reale del 3%. Dieci anni di crescita negativa sono difficili per qualsiasi società. Se si aggiunge l'immigrazione in aumento, il barile è finito. In Italia, lo sviluppo economico insoddisfacente e le preoccupazioni sull'immigrazione hanno contribuito all'aumento di due partiti populisti nel governo. Oggi, la capacità di riforme strutturali che potrebbero consentire una rinnovata crescita nell'area dell'euro dovrebbe essere ancora meno di venti anni fa, quando l'Italia entrò a far parte dell'Unione monetaria.
Da un punto di vista economico, la conseguenza della miseria italiana sarebbe l'uscita dall'unione monetaria. Se un paese si blocca sulla droga di denaro a buon mercato e programmi di stimolo del governo e non può sbarazzarsene, non può esistere in un club che rigetta rigorosamente l'uso di droghe. Ma l'idea di lasciare la EMIJ in Italia non è esattamente popolare. Anche se si allontana dagli adeguamenti necessari per l'adesione, ma non vuole rinunciare all'euro. E 'anche chiaro se un ritiro d'Italia dal EWIJ a causa della ormai avanzata integrazione d'Italia nel mercato finanziario europeo non porterebbe ad un difficile controllo della crisi finanziaria dal punto di vista finanziario. E da un punto di vista politico, molti politici europei pensano che una tale uscita potrebbe mettere a repentaglio l'esistenza dell'Unione europea. Pertanto, la maggior parte dei politici italiani e molti altri europei respingono l'uscita dell'Italia dall'euro, ma non riescono a sviluppare valide soluzioni alternative.

L'Italia potrebbe essere buttata fuori dall'euro da una "corsa bancaria"?

Ma l'Italia non potrebbe essere finalmente estromessa dalle forze del mercato dell'UEM? Stefan Homburg (1) dell'Università di Hannover afferma questa domanda in una recente analisi. Conclude che l'Italia potrebbe essere espulsa dall'unione monetaria con una "corsa" sui depositi bancari, supponendo che i clienti delle banche italiane perderebbero fiducia nella sicurezza dei loro depositi bancari e li trasferissero in Germania invece di concedere prestiti interbancari alle loro controparti italiane Le banche tedesche richiederebbero probabilmente di fornire crediti preziosi sotto forma di moneta della banca centrale per coprire le nuove obbligazioni, in modo che il deflusso di depositi bancari riduca le riserve delle banche centrali delle banche italiane.
Cosa succede quando le riserve delle banche italiane sono esaurite? Affinché i trasferimenti in Germania possano continuare, le banche italiane devono ottenere nuovi fondi di riserva. Possono farlo prestando prestiti prestati alla Banca centrale italiana con un accordo per riacquistarli successivamente in cambio di denaro della banca centrale. Finché questi prestiti cartolarizzati sono di qualità decente, possono utilizzare le solite agevolazioni di finanziamento della BCE.
E se hanno solo prestiti dubbi per lo scambio, possono ottenere la necessaria moneta da banca centrale dalla Banca d'Italia (Bdl) come parte del "Emergency Liquidity Assistance" (ELA). In teoria, dai bilanci delle banche italiane potrebbero tutti i prestiti e i depositi scompaiono. I prestiti sono ora con la Bdl e i depositi in Germania. Come contropartita, la Bdl nel sistema di pagamento interbancario Obbligazioni corrispondenti a Target2 e la Bundesbank avevano le rivendicazioni associate. Teoricamente, l'euro non può essere rotto da un fallimento.
In pratica, tuttavia, le banche italiane non saranno in grado di ottenere la moneta necessaria per finanziare il deflusso dei loro depositi a vista. Il Consiglio della Banca centrale della BCE può, a maggioranza semplice, risolvere l'intero appalto e, con la maggioranza dei due terzi dei suoi membri, l'emissione di moneta della banca centrale da parte della Bdl sotto ELA. Molti membri del Consiglio saranno nauseati, se una bancarotta porterebbe ad una sempre più grande fuga di denaro bancario dall'Italia verso altri paesi. Poteva il Bdl impedire una maggioranza di due terzi contro un ELA voluto da lei? Per questo avrebbe avuto bisogno di almeno 8 dei 21 voti in Consiglio.
Le cinque voci degli altri paesi dell'Europa meridionale, che, a causa della loro situazione, comprendono il dilemma italiano e probabilmente voteranno con l'Italia, non sarebbero sufficienti da sole. Per questo, l'attuale presidente italiano della BCE e il vicepresidente spagnolo dovrebbero votare sulla loro origine, o altri membri del consiglio dovrebbero essere convinti della necessità di ulteriori ELA per il Bdl. Questo sarebbe il caso se un'uscita dall'Italia minacciasse di far saltare in aria l'intera unione monetaria. Quindi, alla fine, l'Italia si siede sulla leva più lunga?

Non necessariamente. Sebbene il Consiglio possa decidere di non impedire che l'ELA venga concesso alle banche italiane, assocerebbe tale decisione, come nel caso della Grecia, all'importazione di controlli sui capitali.
Quindi un'esportazione di depositi a vista dall'Italia sarebbe molto limitata. Al fine di rendere più difficile il contrabbando di denaro dal paese, il problema della liquidità potrebbe essere limitato (come in Grecia) e i controlli alle frontiere introdotti. Teoricamente, l'euro non può essere incrinato. In pratica, un volo di massa di depositi a vista da un paese potrebbe porre fine all'unione monetaria. Perché se la moneta bancaria e la liquidità nell'area dell'euro non possono fluire liberamente, allora l'euro ha smesso di essere una moneta unica.

I "Mini-Bot" sono buoni del Tesoro senza interessi con scadenza infinita in piccole denominazioni, che devono servire come valuta parallela.

I mini-bot sono la soluzione per l'Italia?
Ma se l'euro non può più essere utilizzato dall'Italia senza restrizioni, diventerà necessario introdurre una valuta alternativa. A tal fine, il ministro italiano per l'Europa Paolo Savona, che è stato impedito dal presidente Matarella come ministro delle finanze nell'attuale governo, ha presentato una proposta. (2) Il nucleo di questa proposta è l'emissione di buoni del Tesoro senza interessi con scadenza infinita in piccole denominazioni. Come un titolo provvisorio queste carte portano il nome di "Mini-Bot", dal nome del ufficiali Tesoro italiani (Buoni Ordinari del Tesoro). Mini-bot devono essere rilasciato dallo Stato come moneta parallela verso l'euro per il finanziamento delle sue spese in parità con l'euro. Ad esempio, questo potrebbe pagare il nuovo reddito di base da creare. Allo stesso tempo, i mini-bot dovrebbero anche essere utilizzati in parità con l'euro per il regolamento dei debiti fiscali. Pertanto la domanda appropriata sarebbe creata da offrire. Allo stesso tempo i mini-bot dovrebbero essere utilizzati anche in parità con l'euro per il regolamento dei debiti fiscali.
Naturalmente, i contribuenti opterebbero solo da mini-bot per adempiere ai loro obblighi se potrebbero trarne vantaggio. Se l'euro continuasse ad essere pienamente utilizzato, comprerebbe mini-bot solo con uno sconto. Lo sconto sul tasso di cambio dell'euro risulterebbe dall'importo di mini-bot emessi. Questa detrazione, a sua volta, determinerebbe l'entità della riduzione fiscale associata all'adozione di mini-bot come mezzo di pagamento per gli obblighi fiscali. D'altra parte, se l'uso dell'euro fosse limitato da restrizioni sui movimenti di capitale e dalla limitazione dell'emissione di contanti, lo sconto scomparirebbe o potrebbe portare a un premio. In entrambi i casi, con il mini-bot lo Stato potrebbe non solo creare uno strumento di finanziamento a fondo perduto per le sue spese, ma anche per l'euro in parallelo contante in circolazione.

Con l'emissione di mini-bot come valuta parallela all'euro, il governo italiano potrebbe creare non solo uno strumento finanziario per ulteriori spese governative, ma anche uno strumento per svalutare il tasso di cambio reale.

Secondo la legge di Gresham, i mini-bot probabilmente si sarebbero rapidamente diffusi come mezzo di pagamento a scapito dell'euro. Potete immaginarlo in questo modo: se lo stato spende un sacco x di mini-bot, quella quantità x è accettata come mezzo di pagamento con uno sconto sull'euro e (direttamente o attraverso la vendita a uno scambio) allo stato da regolare Passività fiscali restituite. Ora lo stato può spendere di nuovo lo stesso importo x, mantenendo stabile lo sconto. Oppure può aumentare l'importo x e quindi lo sconto in cambio di euro. Poiché è sempre necessario prevedere un aumento dell'importo da riemettere, i destinatari dei mini-bot ridurranno al minimo il periodo di detenzione di tali strumenti. Con l'uso illimitato dell'euro, probabilmente lo preferirebbero come riserva di valore.

Nella misura in cui i mini bot si diffondono come mezzo di pagamento, dovrebbero anche influenzare il prezzo di beni e servizi. Il tasso di cambio reale dell'Italia nei confronti di altri paesi UEM risulterebbe quindi dalla media ponderata dei prezzi in mini-bot e in euro rispetto ai prezzi in euro di quei paesi. I pesi di Mini-Bot e Euro sarebbero determinati dalla proporzione di questi mezzi di pagamento per il totale delle transazioni in contanti (contanti e depositi a vista). Con l'emissione di mini-bot come moneta parallela all'euro, il governo italiano non solo ha uno strumento finanziario per la spesa pubblica aggiuntiva, ma ha anche uno strumento per il deprezzamento del tasso di cambio reale. Almeno in una certa misura, potrebbe ripristinare le vecchie condizioni in cui le spese statali sono state finanziate finanziariamente e la competitività esterna del paese è stata preservata attraverso la svalutazione della moneta.

In linea di principio, l'emissione della moneta e la definizione della politica fiscale sono soggette alle norme europee. Ad esempio, l'euro dovrebbe essere l'unica valuta legale nei paesi UEM e la politica fiscale dovrebbe essere subordinata alle regole del patto di stabilità e crescita. Tuttavia, per essere efficaci, i mini-bot non devono essere introdotti come moneta a corso legale. Possono mantenere lo status legale di una sicurezza governativa negoziabile che può essere trasferita da un accordo privato per estinguere una passività. I trattati dell'UE limitano il deficit di bilancio del governo e il debito pubblico. Tuttavia, il governo italiano potrebbe sostenere che i mini-bot non sono titoli di debito, in quanto lo stato non si impegna a rimborsare la sua emissione. Di conseguenza, non dovrebbero essere considerati come debito nazionale. Ma sono uno strumento di finanziamento (equità) per il deficit di bilancio dello stato.

Il governo italiano potrebbe utilizzare i mini-bot come strumento per ricattare gli altri membri dell'EMU per l'assistenza finanziaria.

Di conseguenza, l'introduzione dei mini-bot non elude la limitazione dei deficit del bilancio pubblico.
Nella migliore delle ipotesi, il governo italiano potrebbe sostenere che il mini-bot finanziamento del disavanzo è meno preoccupante delle obbligazioni, in quanto questi non aumentano il debito pubblico in essere.
L'accettazione di mini-bot per risolvere i debiti fiscali ridurrà le entrate fiscali del governo denominate in euro. Tuttavia, poiché lo stato deve pagare gli interessi su un debito pubblico di circa 2.300 miliardi di euro, sarà molto meno disponibile per altre spese. Tuttavia, attualmente la spesa per interessi rappresenta solo il 7% circa del totale delle entrate pubbliche, cosicché, anche con entrate governative inferiori in euro, sarebbero disponibili fondi sufficienti per i pagamenti di interessi. Un'altra domanda è se, anche dopo l'introduzione dei mini-bot, gli investitori sarebbero pronti a rifinanziare i titoli di stato in scadenza con i nuovi acquisti. Se questo non è solo o in proibitivamente alti tassi di interesse è il caso, l'euro il debito dello Stato italiano in mini-bot sarebbe ridenominato o ne sarebbe regolato il rimborso (3). Dei 2.300 miliardi di euro di debito in essere, circa il 95% è finanziato da obbligazioni. Circa il 60% di queste contiene "clausole di azione collettiva" che vincolano la riprogrammazione o la ridenominazione in base all'approvazione dell'investitore. Circa 330 miliardi di euro sono detenuti da banche nazionali, che potrebbero essere incoraggiate al rifinanziamento. Ma 360 miliardi di euro di obbligazioni detenute dalla banca centrale e 530 miliardi di euro di proprietà nazionale e 690 miliardi di euro detenuti da investitori stranieri che rischiano di rifiutare una riprogrammazione o di ridenominazione. Pertanto, con l'introduzione di mini-bot, lo stato italiano correrebbe il minimo rischio di non essere in grado di rimborsare il debito in essere denominato in euro. Una bancarotta nazionale avrebbe conseguenze di vasta portata e dolorose per lo stato e la popolazione. In questo contesto, il governo italiano dovrebbe prendere in considerazione l'introduzione di mini-bot come un ultimo aiuto d'emergenza. Tuttavia, questo non significa che non possa usare questa misura come strumento per ricattare altri membri dell'UEM per le sovvenzioni.

In un'intervista con il settimanale Die Zeit nel 1997, il primo ministro Romano Prodi ha dichiarato: "Anni fa, una volta mi sono pentito del povero cane che un giorno avrebbe dovuto liquidare il debito pubblico italiano. Ora sono il povero cane. Senza riduzione del debito, l'Italia non ha possibilità di diventare una società moderna. "(4) Prodi non era il cane e non c'è nessun altro politico italiano in vista che potrebbe assumere questo ruolo. D'altra parte, Prodi aveva ragione che l'Italia non può fare progressi senza ridurre i debiti. Pertanto, il governo italiano probabilmente imporrà all'Unione Europea il ruolo del cane. La minaccia di introdurre mini-bot e quindi di distruggere l'euro non dovrebbe mancare l'effetto desiderato.
La Germania potrebbe sollecitare la creazione di condizioni quadro per le valute parallele private nell'area dell'euro.

Concorrenza valutaria per impedire la lira-izzazione dell'euro

La Germania (o altri "nordisti") non sarà in grado di impedire all'euro di "liberare" politicamente. La pressione di istituire la Banca centrale europea come prestatore di ultima istanza per gli stati, tuttavia, è troppo grande per altri paesi, in particolare la Francia. Anche la Francia ha bisogno della BCE come fonte di finanziamento, con un rapporto debito / PIL vicino al 100% del PIL, e si oppone alla partenza di qualsiasi membro dell'UEM, anche se ovviamente non possono adattarsi ai requisiti di una moneta unica. Al massimo, la Germania potrebbe opporsi al completo indebolimento della moneta unica creando la propria moneta parallela all'euro. Per ragioni politiche e legali, tuttavia, la Bundesbank non potrebbe emettere una moneta parallela tedesca. Ma la Germania potrebbe spingere affinché le condizioni quadro per le monete parallele private vengano create nell'area dell'euro.

Già a metà degli anni '70, Friedrich August von Hayek proponeva "che i paesi del mercato comune (inclusi, se possibile, i paesi neutrali dell'Europa e, eventualmente, i paesi nordamericani) si leghino l'un l'altro per mezzo di un trattato formale, né il commercio nelle loro valute reciproche ( comprese le monete d'oro) senza alcun ostacolo al libero esercizio dell'attività bancaria da parte di qualsiasi banca legalmente stabilita in uno qualsiasi dei suoi territori. " (5)

Uno stato sarebbe costretto a perseguire una politica fiscale più sostenibile, consentendo la concorrenza di valute private e una concorrenza monetaria completa.

Garantendo la piena libertà del produttore e del consumatore nel settore finanziario, ogni cittadino sarebbe in grado di scegliere tra denaro statale e privato. Tutto ciò che sarebbe necessario è che le procedure di scoperta decentralizzate siano in grado di sviluppare valute alternative, cioè valute private in concorrenza, parallelamente al mezzo di pagamento dello Stato.
“Dal momento che nessuno mantiene volontariamente i soldi cattivi, la competizione emergente in valuta incoraggerà i produttori di moneta pubblica e privata a produrre denaro migliore. La produzione di moneta cattiva e il deterioramento dei buoni soldi sarebbero stati puniti dal popolo a causa della loro libera scelta tra le valute private e pubbliche distinguibili, così a causa della loro libertà dei consumatori, attraverso la migrazione al denaro competitivo. (6)
Se il potere d'acquisto della sua moneta cade, lo stato dovrebbe aumentare le tasse, risparmiare denaro o aumentare i nuovi debiti per coprire le sue spese. Se queste obbligazioni sono assorbite nella moneta del proprio governo e consistono in pura creazione di moneta, la domanda privata per la valuta nazionale e quindi il suo valore dovrebbe ridursi di nuovo. Questo sviluppo potrebbe essere neutralizzato solo da tassi d'interesse più elevati sul denaro statale. I più alti tassi di interesse, tuttavia, rendono più costoso il rimborso del debito pubblico. Uno stato sarebbe quindi costretto a perseguire politiche fiscali più sostenibili, consentendo la concorrenza di valute private e la concorrenza valutaria globale. (7)”

Con Bitcoin è stato creato al culmine della recente crisi finanziaria, un'alternativa privata alla stabilita in un funzionario partenariato pubblico-privato KreditgeIdwährungen. (8) Bitcoin soffre di due difetti che impediscono la sua diffusione: in primo luogo, la revisione delle decisioni prese in operazioni a catena di blocco è così computazionalmente intensive tale velocità di transazione è inadeguata e i costi di transazione aumentano a livelli proibitivi in quanto vengono utilizzati in modo più pesante. D'altra parte, Bitcoin, come valuta scoperta, ha bisogno di un grado particolarmente elevato di fiducia da parte dell'utente nella sua generale accettazione come mezzo di pagamento. Finora, questa accettazione è solo speculativa. Nel frattempo, tuttavia, sta emergendo una nuova generazione di criptovalute senza questi inconvenienti.

La nuova generazione utilizza altre tecnologie proprietarie di diritti e tecnologie di crittografia distribuita (DLD) per ottenere velocità di transazione più elevate a costi di transazione inferiori. Inoltre, altri media digitali, token, oltre al puro di cassa sono chiamati, è venuto a definire le richieste di beni e servizi, i flussi di cassa o di beni e può essere trasmesso con il DLT noto.
Nel frattempo, tuttavia, sta emergendo una nuova generazione di criptovalute senza questi inconvenienti.

La nuova generazione utilizza altre tecnologie proprietarie di diritti e tecnologie di crittografia distribuita (DLD) per ottenere velocità di transazione più elevate a costi di transazione inferiori. Inoltre, altri media digitali, token, oltre al puro di cassa sono chiamati, è venuto a definire le richieste di beni e servizi, i flussi di cassa o di beni e può essere trasmesso con il DLT noto.


Nel mondo dei token, attualmente è possibile distinguere quattro tipi:

- I token di pagamento (cash token) sono mezzi di scambio scoperti senza funzionalità aggiuntive. Questo include Bitcoin, la criptovaluta originale.

- I token di utilizzo (utility) sono media che forniscono all'utente l'accesso a beni o servizi. Ad esempio, il gettone Nounou della Cina può essere utilizzato per acquistare servizi sanitari e altri beni (9).

- I token di titoli (security) includono i crediti per i redditi da investimenti. Ora ci sono diversi "token di dividendi" che definiscono i diritti ai profitti delle imprese.

- Infine, i token di investimento (investment) specificano i diritti su attività quali metalli preziosi, materie prime, azioni o immobili. Swiss Real Unit SA intende trasferire le azioni in un portafoglio di azioni svizzere e altre attività reali in questo modo. (10)

La fiducia nei token di pagamento puro nasce dalla limitazione rigorosa e formalizzata dell'offerta. (11) L'offerta degli altri token, d'altra parte, può anche essere determinata dall'evoluzione dei diritti a cui si riferiscono. Ad esempio, il numero di token di investimento che hanno diritto a un grammo di oro potrebbe crescere con l'estrazione dell'oro. (12)

Poiché la nuova generazione di token offre ora più di un semplice mezzo di pagamento senza altre funzioni, il requisito dell'accettazione decade. Come il denaro, dei beni classici possono anche essere usati per altri scopi dai quali è possibile dedurre la loro accettazione come mezzo di pagamento.


Il più grande ostacolo allo sviluppo del mondo dei token è attualmente il quadro legale per questi media, in particolare, vi è una mancanza di precondizioni legali per il trasferimento della proprietà registrata dalla DLT per essere legalmente valido. Inoltre, lo sviluppo di token come mezzo di pagamento è contrario al monopolio statale nella creazione di denaro. Infine, i regolamenti finanziari esistenti rendono difficile lo sviluppo di scambi di token. I paesi i cui cittadini sono insoddisfatti dell'euro come moneta unica potrebbero quindi promuovere i token come alternativa all'euro creando opportuni quadri legali, regolamenti e infrastrutture. I token di uso pubblico potrebbero essere utilizzati per rivendicare servizi pubblici pagati, mentre i token di sicurezza del settore pubblico che definiscono diritti alle entrate potrebbero finanziare investimenti in infrastrutture. Lo sviluppo di token privati e pubblici potrebbe non solo soddisfare le richieste dei cittadini di denaro stabile, ma anche stimolare la BCE a emettere l'euro a beneficio degli utenti di denaro, piuttosto che uno strumento di politica per i governi (più su questo di seguito).

La competizione di gettoni (token) potrebbe esercitare pressioni sulla Banca centrale europea affinché l'uso dell'euro non sia più uno strumento per perseguire obiettivi politici europei, ma come mezzo di pagamento e mantenimento del valore per i cittadini. (13) Per questo, la connessione della creazione di denaro con il finanziamento della spesa pubblica dovrebbe essere tagliata. L'esperienza ha dimostrato che ciò non è possibile attraverso obblighi contrattuali nell'ambito del sistema di moneta di credito esistente. Il cambiamento del sistema sarebbe meno radicale di quanto sembrerebbe a prima vista, poiché le condizioni per questo sono già state parzialmente create dalla BCE nella sua gestione della crisi dell'euro.

Il deposito bancario sicuro

Pochi politici e non molti economisti sanno che l'Unione economica e monetaria europea non è ancora diventata un'unione monetaria. Siamo ancora in un'unione monetaria, perché solo le banconote emesse dalla BCE (e le monete emesse dagli stati) sono equivalenti in tutti i paesi membri dell'euro. Per contro, i denari dei depositi differiscono in base alla qualità dei prestiti con cui sono stati creati e, in particolare, in base alla capacità finanziaria degli Stati di ricevere tali depositi bancari in caso di guasti bancari.

Per garantire la qualità uniforme del denaro scritturale - e quindi il completamento dell'unione monetaria - è necessario creare un'assicurazione dei depositi uniforme. Tuttavia, la Germania e alcuni altri paesi vogliono introdurli solo se le banche che effettuano questi depositi attraverso il prestito come moneta del debito privato, sono al sicuro in tutta l'area dell'euro. Per motivi di sicurezza prevedono (i) un sufficiente buffer di capitale delle banche, (ii) l'adeguatezza dei titoli di Stato sul bilancio con equità, e (iii) un grande limite di esposizione per le obbligazioni di uno Stato sulla situazione patrimoniale delle banche (attualmente il 25 per cento del capitale). Il problema, tuttavia, è che questi standard di sicurezza non possono essere creati senza aumentare in modo proibitivo l'attuale finanziamento del debito a basso costo delle banche da parte degli stati. Ecco un esempio: Supponiamo come Anat Admati e Martin Hellwig, che una sana adeguatezza patrimoniale delle banche sarà il 25 per cento del patrimonio complessivo. (14) Supponiamo inoltre che i costi di capitale di una banca sono 6 per cento (che corrisponde ad un rapporto costi-utili di circa 17) e gli oneri finanziari sono 2 per cento (che corrisponde ad un tasso di interesse reale atteso di zero). E diciamo che la banca ha bisogno di un margine del 2% per coprire gli altri costi e il rischio di credito. Quindi dovrebbe richiedere ad uno stato almeno il 5% per il rendimento delle sue obbligazioni (con pieno sostegno del capitale del prestito). Ma sarebbe troppo per alcuni paesi dell'area dell'euro.

Per lo Stato italiano, è essenziale che le banche siano esentate dal dovere di inserire i titoli di Stato con l'equità e di limitare la loro esposizione ai titoli di Stato italiani a un massimo del 25 per cento del patrimonio netto.

Con un debito sovrano di oltre il 130 per cento del prodotto interno lordo, lo Stato italiano spenderebbe il 6,5 per cento del PIL sui costi degli interessi con un tasso di interesse medio del 5 per cento. Allo stato attuale, tuttavia, lo Stato italiano spende solo il 4 per cento del PIL per le spese di interesse, ma non è in grado di adattare il proprio deficit di bilancio con i requisiti della Commissione europea. È quindi essenziale che lo Stato italiano esenti le banche dall'obbligo di sottostare ai titoli di Stato e di limitare la loro esposizione ai titoli di stato italiani ad un massimo del 25 per cento del patrimonio netto. Solo se le banche possono acquistare titoli di stato senza alcuna restrizione, senza l'uso di costose equità e indebitamenti molto bassi (per i quali la BCE deve preoccuparsi), il governo italiano può rimanere solvibile. Ciò significa che nella zona euro nelle attuali circostanze e nel sistema monetario attuale senza responsabilità solidale del contribuente nessun deposito sicuro è possibile.

Nelle attuali circostanze, un deposito sicuro è possibile solo nell'area dell'euro attraverso un cambio di sistema dal denaro del credito ai depositi bancari coperti interamente dalle riserve delle banche centrali. come spiegato nel "Piano di Chicago" del 1933, la copertura completa di depositi a vista consente alle banche con moneta di banca centrale non solo la tutela dei depositi, ma si apre anche lo Stato e la possibilità di un unico debito. (15) Sulla via del cambiamento del sistema, un primo passo, per nulla rivoluzionario, sarebbe quello di creare un deposito sicuro in euro come alternativa al solito deposito bancario (creato con il prestito). La sicurezza sarebbe raggiunta coprendo interamente il deposito con i fondi di riserva della BCE. Anche se la banca che detiene il deposito fosse fallita, il deposito sarebbe rimasto. Il cliente dovrebbe solo fornire all'autorità di risoluzione il nome di un'altra banca di sua scelta a cui trasferire questo deposito.

La BCE ha già aperto la porta alla creazione di un deposito bancario sicuro attraverso il suo programma di acquisto di obbligazioni. La BCE dovrebbe solo procedere con questi acquisti fino a quando le riserve delle banche centrali delle banche non corrisponderanno alla massa monetaria MI meno il denaro in circolazione (ossia i depositi a vista delle banche). Entro la fine di settembre 2018, i depositi bancari presso la BCE sono aumentati a circa 2,3 trilioni di euro tramite acquisti obbligazionari, che rappresentano circa un terzo dei depositi a vista delle banche. Inoltre, vi saranno ulteriori 1,7 trilioni di EUR di depositi da parte delle banche nel sistema di deposito e il deposito a vista per coprire la riserva minima. Al fine di coprire interamente gli attuali depositi a vista delle banche di 7 trilioni di euro con depositi di riserva presso le banche, la BCE dovrebbe comunque acquistare obbligazioni per un valore di circa 3 trilioni di euro (2,3 + 1,7 + 3 = 7).

Al fine di non distorcere i prezzi di mercato delle obbligazioni, la BCE potrebbe subentrare al rimborso di obbligazioni pubbliche e di debito in scadenza invece di ulteriori acquisti nel mercato secondario delle obbligazioni. Per fare ciò, avrebbe pagato l'importo dovuto di una banca commerciale al suo conto di riserva per saldare il debito. La banca commerciale, d'altra parte, creerebbe un deposito bancario da trasferire al detentore dell'obbligazione in scadenza. La BCE riceverà una richiesta di questo importo allo stato. A circa 10.000 miliardi di euro di debito pubblico e una scadenza media di circa otto anni, ci vorrebbe una stima di due anni e mezzo, fino a quando i depositi di riserva delle banche sono aumentati di 3 trilioni di euro a 7 trilioni di euro.

Un cambiamento nel sistema monetario potrebbe quindi essere collegato a una notevole riduzione del debito per gli stati.

Oggi, i paesi della zona euro sono così fortemente indebitati che hanno bisogno della BCE come prestatore di ultima istanza. Da questo punto di vista, sarebbe molto utile se il passaggio dal denaro del credito al denaro coperto potesse essere collegato a una riduzione del debito pubblico in essere. A tal fine, la BCE potrebbe sospendere gli interessi e il capitale sui crediti acquistati nella liquidazione del debito sovrano in essere. Infine, sarebbe l'intero soldi di riserva per coprire 7 trilioni di depositi in euro attraverso l'acquisizione di titoli di Stato hanno creato e questi smantellate nel bilancio della BCE, allora sarebbe il restante debito dei paesi della zona euro sul mercato di circa 7.000 miliardi di euro di prodotto interno lordo a circa 3000 miliardi o 25 Caduta percentuale del PIL. Un cambiamento nel sistema monetario potrebbe quindi essere collegato a una notevole riduzione del debito per gli stati. Affinché ciò avvenga, tuttavia, il cambiamento dovrebbe essere tale che in futuro possa essere completamente escluso un nuovo salvataggio di stati sovra indebitati dalla banca centrale.

Al fine di evitare una "politica monetaria" attivista, il tasso di crescita dell'MI dovrebbe essere modificato solo da una maggioranza di due terzi dei membri del Consiglio della BCE.

Dopo che i depositi bancari coperti hanno raggiunto il loro obiettivo iniziale, essi sarebbero estesi dalla BCE ad un tasso costante che potrebbe corrispondere al tasso di crescita previsto a lungo termine del prodotto interno lordo reale (crescita potenziale). Di conseguenza, il tasso di crescita è ora coperto massa monetaria MI sarebbe il tasso di riferimento della BCE per l'aggregato monetario M3 con una fondamentale differenza simile: invece della banca prestito l'offerta di moneta MI sarebbe stato prorogato di nuove assegnazioni di denaro di riserva per le banche che come "dividendo i soldi" Per evitare una "politica monetaria" attivista, il tasso di crescita dell'MI dovrebbe essere modificato solo da una maggioranza di due terzi dei membri del Consiglio direttivo della BCE.
Contro la creazione di denaro coperto si sostiene spesso che la domanda per esso in tempi tranquilli sarebbe bassa e aumenterebbe improvvisamente in tempi di crisi. Invece di disinnescare le crisi, sarebbero stati rafforzati.



Non deve essere così. Inizialmente, i clienti delle banche potevano scambiare i loro depositi basati sul prestito per la parità in depositi sicuri.
Le banche dovrebbero solo vendere il credito concesso al deposito alla BCE contro i fondi di riserva al fine di creare il deposito sicuro. Una volta raggiunto l'obiettivo per l'MI coperto, la BCE cesserà l'acquisto di credito ed estenderà l'IM come descritto allocando le riserve monetarie alle banche. La richiesta di deposito sicuro può quindi superare l'offerta. In questo caso, i depositi bancari tradizionali non sarebbero più scambiati alla parità in cassette di sicurezza, ma sarebbero stati scambiati contro questa e altre obbligazioni emesse dalle banche a tasso variabile per garantire i soldi. Una domanda in eccesso di moneta sicura sarebbe quindi compensata da un calo del prezzo dei depositi bancari tradizionali. Le banche potrebbero contrastare questo aumentando i tassi di interesse sui depositi bancari tradizionali. Presumibilmente, la prospettiva di prezzi variabili di compensazione del mercato incoraggerebbe un rapido scambio di depositi tradizionali rispetto a quelli sicuri, evitando una tempesta su depositi sicuri durante una crisi finanziaria.

Dal punto di vista dei risparmiatori, la differenza tra un fondo comune con obbligazioni e una banca sarebbe che la banca fornirebbe un'assicurazione per le perdite iniziali pari al suo capitale netto.

Quando le banche a fermare i prestiti per generare depositi, diventano intermediari tra risparmiatori e investitori, in quanto è ancora descritto in modo non corretto nei libri di testo per le loro imprese presenti. Dal punto di vista dei risparmiatori, la differenza tra un fondo comune con obbligazioni e una banca sarebbe che la banca fornirebbe un'assicurazione per le perdite iniziali pari al suo capitale netto. Questa assicurazione avrebbe un prezzo. Perché i tassi di risparmio offerti dalle banche dipenderebbero dalla qualità del loro portafoglio di prestiti e dall'ammontare del loro cuscinetto di capitale. Le agenzie di rating indipendenti potrebbero fornire ai clienti delle banche le informazioni necessarie. In questo ambiente, invece della burocrazia governativa, il mercato potrebbe dettare il comportamento commerciale delle banche.

La creazione di un deposito sicuro sarebbe solo l'inizio del ritorno del denaro al cittadino. La manipolazione di creazione di moneta nel perseguimento di obiettivi politici e l'espropriazione dei cittadini attraverso il deterioramento mirato del potere di acquisto della moneta sarebbe quindi molto meno probabile. Ma i migliori prodotti vengono creati quando i produttori competono tra loro. Quindi anche con i soldi. Pertanto, in una seconda fase, la porta dovrebbe essere aperta per la competizione di emittenti di denaro. (16) Come accennato in precedenza, l'emergere del denaro digitale offre un'opportunità storicamente unica di introdurre la concorrenza monetaria.

L'euro come un token

La creazione della cauzione sopra descritta crea il presupposto per un riallineamento dell'euro come token di investimento. Invece di trasferimento organizzato centralmente di denaro nella cassaforte o la consegna personale delle bollette di carta moneta potrebbe anche essere trasmessa attraverso DLT nella cassaforte. Soldi nella cassaforte sarebbe quindi l'equivalente virtuale di una carta moneta cartone. Mediante crediti della BCE nei paesi della zona euro, sotto forma di acquisti le loro richieste per gli Stati sarebbe questo denaro. Queste richieste potrebbero crescere con l'economia in modo che l'offerta di moneta potrebbe essere aumentato di conseguenza come descritto sopra.

La riorganizzazione dell'euro come segno avrebbe tre vantaggi. In primo luogo, l'euro potrebbe salvato dal lungo termine, probabilmente nella sua forma attuale la decomposizione incontrollata e gli alti costi politici e finanziari coinvolti può essere evitato. In secondo luogo, a gettoni in euro potrebbe dare come mezzo facoltativa di scambio e unità di conto facoltativa mercato per guida privata token. In terzo luogo, il miglior denaro potrebbe essere trovato in competizione per gli utenti della concorrenza del denaro pubblico e privato crypto come proposto da Friedrich von Hayek. Il denaro sarebbe stato creato per i cittadini e non ai fini di politici e le élite che hanno dirottato lo Stato.
A suo tempo è stato contestato il suggerimento di Hayek che dalla diversità delle monete si avrebbe un aumento dei costi di transazione e la trasparenza dei prezzi sarebbe caduta. L'utente deve eseguire diversi borse con loro, convertire i prezzi costantemente e mantenuto diversi conti bancari. Con la tecnologia di oggi e l'acquisti su Internet queste barriere sono eliminate. Con lo smartphone leggermente diversi portafogli ( "Wallet") gestisce e la trasparenza dei prezzi dei beni eccellenti possono essere creati per diverse valute. I siti web possono avere prezzi delle materie prime nella valuta preferita da visualizzare.

L'atto condizionale della politica

Nella "società paura" del nostro tempo, la politica è la conservazione dello "status quo a qualsiasi prezzo" (17). Modifiche previsionali per allontanare l'arrivo di crisi sono quindi da aspettarsi (nonostante l'avvertimento dal capo del FMI Christine Lagarde di "riparare il tetto, mentre il sole splende"). Di conseguenza, sotto la pressione di una crisi probabile introdotta né una moneta parallela italiana o di euro può essere fatta ricostruendo durante le intemperie. La politica sarà rasa al suolo con la prossima crisi, e poi guardando tanto più il panico per le soluzioni, allora si apprezzerà che le soluzioni siano state ideate e discusse in tempi un po' più tranquilli. Se si vuole risparmiare l'integrazione europea, l'Unione europea e l'euro, dobbiamo ancora avere il coraggio di adottare queste soluzioni contro l'opposizione e l'ostilità offensiva verso il pubblico. Solo quando queste soluzioni sono presenti in numero sufficiente di menti intelligenti e meno intelligenti, c'è una possibilità che potrebbero essere utilizzate nella prossima crisi. Una cosa è certa: la prossima crisi è sicuro che verrà.



Note:

1 STEFAN HOMBURG: Speculative Attacks and Departure Strategies, Hannover Economics Paper No. 640, 25 October 2018.


3 Vedi NORBERT F. TOFALL: l'Italia ha un nuovo governo. Il sol / punto di rottura degli aumenti di euro, il commento su economia e politica del FLOSS Bach di STORK ISTITUTO DI RICERCA, dell'8 giugno 2018 pagina 5: "Supponiamo che dopo l'introduzione di una moneta parallela italiana nei mercati finanziari, i premi di rischio per ritardo italiana euro-debito sovrano, girando così in altezza in modo che i ricavi in euro dello Stato italiano non sono sufficienti a continuare a pagare gli interessi sul debito in euro e saldare il debito di euro per effetto o rifinanziare per, poi una moneta parallela potrebbe non aumentare il viaggio di bilancio fiscale, ma ridurre progressivamente le opportunità fiscali, in linea con la struttura di scadenza del debito in euro ".
(https://www.flossbachvonstorch-researchinstitute.com/de/studien/italien-hat-nun-doch-eine-neue-regierung/).

4 Vedi 
https://www.zeit.de/1997/10/Jetzt_bin_ich_der_arme_Hun /komplettansicht

5 FRIEDRICH A. VON HAYEK: Denazionalizzazione del denaro. Un'analisi della teoria e pratica dei mezzi monetari in competizione, Tubinga (Mohr) 1977, p.1.
6 Al contrario, è spesso citata "Legge di Gresham", in cui si afferma che la moneta cattiva scaccia la moneta buona. Tuttavia, questo vale solo quando la moneta cattiva è dotata di accettazione obbligatoria dello stato. Senza questa costrizione di accettazione, il destinatario di denaro sporco dovrebbe aspettarsi che non si libererebbe di esso contro un oggetto prezioso. Di conseguenza, si rifiuterebbe di accettarla.

7 Già nel 2010, FRANK SCHÄFFLER e NORBERT F. TOFALL: "La concorrenza valutaria come processo evolutivo. Il passaggio da stato di monopolio carta moneta a un sistema monetario basato sul mercato è un mezzo evolutive della concorrenza” in: PETER ALTMIKS (Hg.): “All'ombra della crisi finanziaria. Il sistema bancario centrale nazionale deve essere abolito?” Monaco di Baviera (Olzog) 2010, pp 135-155

8 Vedi anche NORBERT F. TOFALL: le questioni di costituzione monetaria sono questioni di libertà. Con le valute di crittografia si ha un sistema monetario basato sul mercato?, Commentare l'economia e la politica di FLOSSBACH VON STORCH RESEARCH INSTITUTE del 15 gennaio 2018.
(https://www.flossbachvonstorch-
researchinstitute.com/de/studien/waehrungsverfassungsfragen-sind-freiheitsfragen/)



11 Vedi il concetto di "denaro attivo" in THOMAS MAYER: Die neue Ordnung des Geldes, München (Finanzbuchverlag) 2014.

12 Vedi THOMAS MAYER, THORSTEN POLLEIT, ULRICH VAN SUNTUM: "Il 'GoId Euro' - assicurazione contro il crac Euro", Handelsblatt, 14 settembre 2016.
(http://www.handelsblatt.com/finanzen/geldpolitik/gastbeitrag-der-gold-euro-eine-versicherung-gegen-den-euro-crash/14532798.html)

13 Vedi FRANK SCHÄFFLER e NORBERT F. TOFALL: "Euro-stabilità attraverso le valute private in competizione", in: DIRK MEYER (a cura di): Il futuro dell'unione monetaria: opportunità e rischi dell'euro, con contributi di Helmut Schmidt, Våclav Klaus, Arnulf Baring, Roland Vaubel, Wolf Schaefer, Hans-OIaf Henkel, Charles B. Blankart e altri, Berlino (LIT) 2012, pp. 275 - 288.

14 ANAT ADMATI e MARTIN HELLWIG: The Bankers' New Clothes: What's Wrong With Banking and What to Do About it. University Press Group 2013.

15 IRVING FISHER: 100% Money and the Pub/ic Debt, Economic Forum April-June 1936, pp. 406-420. Ai sostenitori di un obbligo di riserva del 100% per le banche commerciali appartenevano anche Irving Fisher e Milton Friedman, vedi MILTON FRIEDMAN: A Program for Monetary Stability, Band 3: The Millar Lectures, New York (Fordham University Press)
1961.

16 Sia la fine del sistema di Bretton Woods nel 1971 e gli sviluppi monetari degli anni 1920 e '30 ha portato Friedrich August von Hayek alla domanda nel settembre 1975 nel suo articolo "Choice in valuta" l'abolizione del monopolio soldi del governo, che Hayek poi In The Denazionalization of Money (1976), vedi l'edizione tedesca di FRIEDRICH A. VON HAYEK: Denazionalizzazione del denaro. L'analisi della teoria e pratica di competere medio circolante, Tübingen (Mohr) 1977 e sulla pagina 94: "L'instabilità precedente dell'economia di mercato è il risultato del fatto che il regolatore più importante del meccanismo di mercato, il denaro è a sua volta escluso dal regolamento dal processo di mercato ".

17 Il sociologo Heinz Bude parla di una società della paura, lo storico dell'economia Werner Plumpe dello "status quo" da panico dell'elite di questa società.



AVVISO LEGALE
Le informazioni contenute in questo documento e le opinioni espresse esprimono il punto di vista dell'autore al momento della pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le dichiarazioni sulle dichiarazioni lungimiranti riflettono le viste e le aspettative dell'autore. Opinioni e aspettative possono differire dalle stime presentate in altri documenti di Flossbach von Storch AG. I contributi sono forniti a solo scopo informativo e senza alcun obbligo contrattuale o di altro tipo. (Questo documento non costituisce un'offerta di vendita, acquisto o sottoscrizione di titoli o altri titoli). Le informazioni e le opinioni contenute non costituiscono un consiglio di investimento o raccomandazione di altro. Una responsabilità per la completezza, la tempestività e l'accuratezza delle informazioni fornite e le valutazioni sono esclusi. Lo sviluppo storico non è un indicatore affidabile dello sviluppo futuro. Tutti i diritti d'autore e di altri diritti, titoli e interessi (compresi i diritti d'autore, marchi, brevetti e altri diritti di proprietà intellettuale ed altri diritti), da e per tutte le informazioni contenute in questa pubblicazione sono soggetti alle normative appropriate e dei diritti di proprietà del titolare del copyright. Non ottieni alcun diritto sul contenuto. Il copyright per i contenuti pubblicati creati da Flossbach von Storch AG rimane esclusivamente con Flossbach von Storch AG. Qualsiasi riproduzione o l'utilizzo di tali contenuti, in tutto o in parte non è consentita senza il consenso scritto della Flossbach von Storch AG.

Ristampe di questa pubblicazione e di accessibilità al pubblico - in particolare attraverso siti web esterni - e la copia di supporti dati di ogni genere richiedono la previa autorizzazione scritta della Flossbach von Storch AG

0 2018 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

CONTATTI

Editore Flossbach von Storch AG, Istituto di ricerca, Ottoplatz I, 50679 Colonia, tel. +49. 221. 33 88-291, research@fvsag.com; Consiglio di amministrazione Bert Flossbach, Kurt von Storch, Dirk von Velsen; Partita IVA DE 200 075 205; Registro delle imprese HRB 30 768 (Amtsgericht Köln); . Competente autorità di vigilanza BaFin, Marie-Curie-Strasse 24-28, 60439 Frankfurt / Graurheindorfer Str 108, 53117 Bonn, www.bafin.de; Autori Prof. Dr. med. Thomas Mayer e Norbert F. Tofall; Termine editoriale 31 ottobre 2018

Nessun commento:

Posta un commento