-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

lunedì 4 novembre 2019

Revisore dei conti allontanato: aveva scoperto i conti segreti del Vaticano

Il revisore dei conti revocato afferma di essersi avvicinato troppo ai conti segreti del Vaticano

Libero Milone ritiene che la sua indagine su ingenti somme trattenute "fuori dai libri" abbia portato alla sua rimozione

FT, Miles Johnson e Donato Paolo Mancini a Roma
2 novembre 2019
Fonte: https://www.ft.com/content/da969ed2-fbef-11e9-a354-36acbbb0d9b6


L'ex capo revisore dei conti del Vaticano ritiene di essere stato estromesso dopo aver indagato sui conti bancari segreti, alcuni dei quali sono stati ora collegati a un accordo su proprietà immobiliari a Londra che ha indotto un'inchiesta interna della Santa Sede su possibili irregolarità finanziarie.

Libero Milone ha dichiarato al Financial Times di ritenere di essere stato costretto a dimettersi due anni fa a causa delle informazioni che ha richiesto su centinaia di milioni di dollari "esclusi dai libri" dalle entità vaticane in Svizzera.


"Alcune persone si sono preoccupate che stavo per scoprire qualcosa che non avrei dovuto vedere", ha dichiarato Milone, ex presidente di Deloitte in Italia, assunto da Papa Francesco nel 2015 come primo revisore dei conti del Vaticano.


"Ci stavamo avvicinando troppo alle informazioni che volevano tenere segrete e hanno inventato una situazione per farmi buttare fuori."


Il mese scorso la polizia vaticana ha fatto irruzione negli uffici del suo Segretariato di Stato, l'amministratore centrale della Santa Sede, per sequestrare documenti e computer collegati a un investimento di 200 milioni di dollari da parte dell'agenzia nel piano di costruzione di 49 appartamenti di lusso nel quartiere londinese di Chelsea.


Milone ha lasciato il Vaticano dopo essere stato accusato dalle guardie svizzere di spionaggio e appropriazione indebita. Le autorità vaticane hanno successivamente abbandonato tutte le accuse, che l'ex capo revisore aveva sempre negato. Milone ha dichiarato che il cardinale Giovanni Angelo Becciu, allora secondo in comando del Segretariato che ha autorizzato l'accordo sulla proprietà di Londra, gli ha detto che avrebbe dovuto lasciare il Vaticano.

Il Vaticano non ha risposto a una richiesta di commento sulle accuse di Milone.
Parlando nel 2017 dopo che Milone aveva lasciato il Vaticano, il cardinale Becciu ha respinto le affermazioni dell'ex revisore dei conti che era stato ingiustamente costretto a ritirarsi. "Ha infranto tutte le regole e stava spiando le vite private dei suoi superiori e del suo staff, incluso me", ha detto il cardinale in quel momento. "Se non avesse accettato di dimettersi, lo avremmo denunciato".


Questa settimana il cardinale Becciu ha negato qualsiasi illecito. "È prassi accettata per la Santa Sede investire in proprietà, lo ha sempre fatto: a Roma, a Parigi, in Svizzera e anche a Londra", ha affermato. "La mia coscienza è chiara e so di aver sempre agito nell'interesse della Santa Sede e mai in quello personale".


Il cardinale Pietro Parolin, il secondo funzionario più alto del Vaticano dopo il Papa, ha dichiarato questa settimana che era in corso un'indagine sull'accordo sulla proprietà di Londra. “Stiamo lavorando per chiarire tutto. Questo accordo era piuttosto opaco e ora stiamo cercando di chiarire ", ha detto ai giornalisti a Roma.


Milone ha affermato che, quando è diventato capo revisore contabile nel 2015, non esistevano documenti ufficiali sulle centinaia di milioni di dollari detenuti dal segretariato nei conti bancari svizzeri e che era venuto a conoscenza della loro esistenza solo quando fonti esterne alla Santa Sede hanno informato la sua squadra.


Quando Milone alla fine ottenne il permesso direttamente dal Papa di richiedere informazioni a queste banche svizzere, affermò che la sua richiesta fu successivamente bloccata da altri all'interno del Vaticano.

Nessun commento:

Posta un commento