-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

giovedì 11 luglio 2019

Varoufakis: Grecia, austerità fino al 2060

In che modo la capitolazione di Syriza ha permesso alla destra greca di sfuggire alla pattumiera della storia - The New Statesman
DiEM25 English Greek Crisis MeRA25 

YanisVaroufakis, 9 Luglio 2019
Fonte: https://www.yanisvaroufakis.eu/2019/07/09/how-syrizas-capitulations-allowed-the-greek-right-to-escape-the-dustbin-of-history-the-new-statesman/
 
L'abbraccio del partito di sinistra all'austerità ha creato le condizioni per il ritorno di un'oligarchia parassitaria e crudele


 La destra greca è tornata: più avida, più brutta e più concentrata che mai. Il nuovo governo della Nuova Democrazia è determinato a rivendicare il pieno controllo dello stato per conto del segmento più parassitario dell'oligarchia greca e, naturalmente, dei creditori spietati del nostro paese.

Kyriakos Mitsotakis, il nuovo primo ministro, è un rampollo di una delle dinastie responsabili della bancarotta perpetua, della corruzione e della sottomissione della Grecia all'oligarchia atlantica, senza frontiere. A dire il vero, si è circondato, da un lato, con apparatchik collegati a fondi avvoltoi e banche fallite e, dall'altro, con ex fascisti ultranazionalisti.

Insieme, i vari reazionari di Mitsotakis hanno in programma di scatenare una nuova guerra di classe contro un popolo che ha già perso quasi tutto, contro le minoranze, contro il nostro ambiente, contro la decenza comune.

Come è successo? Quattro anni fa, gli elettori greci diedero a Syriza, il partito della sinistra radicale, un mandato per spodestare gli oligarchi e confinare Nuova Democrazia al suo legittimo posto: la pattumiera della storia. Il 25 gennaio 2015, preso dall'entusiasmo del momento, ho citato Dylan Thomas per trasmettere un messaggio di speranza ai progressisti di tutto il mondo: "La democrazia greca", scrissi, "oggi ha scelto di smettere di andare dolcemente nella notte. La democrazia greca ha deciso di infuriarsi contro il morire della luce ".

Quindi, cosa è andato storto? Che cosa ha permesso la restaurazione di un regime autoritario e incompetente che ha distrutto la Grecia prima di trasformarla in una dura prigione del debitore da cui l'emigrazione era, e rimane, l'unica via di fuga? Quando mai i miei colleghi greci smisero di infuriarsi contro la lunga notte della nostra schiavitù del debito? La risposta è: la notte di domenica 5 luglio 2015.


La notte era iniziata in modo brillante. Il popolo greco si era accalcato nei seggi elettorali per consegnare un clamoroso "no" in un referendum indetto dal nostro governo con breve preavviso. Quel coraggioso No fu indirizzato alla troika dei creditori della Grecia (la Banca Centrale Europea, la Commissione Europea e il Fondo Monetario Internazionale) che, il 25 giugno 2015, aveva consegnato un insultante ultimatum alla nazione: soccombere a nuove, inumane misure di austerità in cambio di un'altra enorme carta di credito da cui attingere fondi, o rischiare di essere buttati fuori dall'euro e costretti a passare a una nuova valuta nazionale.

La stragrande maggioranza del 62 per cento che ha detto No all'ultimatum della troika sapeva esattamente quello che stavano dicendo e il rischio di dirlo. I commentatori disumani cercano di ritrarre il nostro popolo come delirante, citando ciò che considerano una "contraddizione": la maggior parte di coloro che hanno votato Il "No" non voleva che la Grecia lasciasse l'euro. Anche se questo è vero, preferire restare nell'euro e votare No a coloro che ci minacciano di Grexit è tanto una contraddizione quanto affermare che, nel 1939, il popolo britannico desiderava la pace ma allo stesso tempo sosteneva la determinazione di Winston Churchill a difendere la nazione contro l'aggressione dell'Asse.

Ciò che il popolo della Grecia ci aveva detto, al loro governo, in quel referendum del 2015, era perfettamente logico: "Non vogliamo lasciare l'euro o scontrarci con l'Unione europea. Ma se l'Unione europea chiede a te, al nostro governo, l'intensificarsi del ciclo di austerità-insolvenza del fallimento che costringe i nostri giovani a emigrare e l'espropriazione di ciò che resta dei nostri beni pubblici, non ti azzardare a cedere - anche se Grexit è il prezzo che dobbiamo pagare ".

Quella notte, mentre la nostra gente era fuori per le strade a celebrare la loro straordinaria vittoria, i rappresentanti politici dell'oligarchia greca erano a pezzi. Il leader della Nuova Democrazia si dimise, i quadri del partito crollavano nella profonda disperazione, l'oligarchia che rappresentavano era in preda al panico. Ahimè, si sono preoccupati inutilmente. Allo stesso tempo, un colpo di stato contro il popolo si stava schiudendo nell'ufficio del mio collega, il primo ministro.

Nel momento in cui entrai nell'ufficio di Alexis Tsipras, mi disse che aveva deciso di piegarsi, di ignorare il No della gente e di schierarsi con la Nuova Democrazia per passare attraverso il parlamento i conti con i quali la Grecia si sarebbe arresa di nuovo alla troika. Dopo aver omesso di dissuaderlo, mi sono dimesso da ministro delle finanze. Poche ore dopo, il signor Tsipras convocò un incontro con il leader in carica di Nuova Democrazia e i leader degli altri partiti della troika, dei cui voti aveva bisogno in parlamento per passare il terzo piano di salvataggio. Fu in quel momento che New Democracy fu recuperata dalla pattumiera della storia e posta su una pista che conduceva, con precisione matematica, alla vittoria elettorale.


Da quella notte il parlamento greco è stato teatro di una tragicommedia durata quattro anni: i parlamentari di Syriza hanno approvato l'austerità e le bollette per la vendita di armi con cui non erano d'accordo, mentre, dall'altra parte, i parlamentari neo-democratici li hanno votati - nonostante il consenso con loro. Come i miei ex colleghi si siano convinti che questo sarebbe finito in qualcosa di diverso da una sconfitta devastante per Syriza è al di là della mia comprensione.
La resa incondizionata di Syriza alla troika sarebbe bastata a far rivivere la Nuova Democrazia. Ahimè, il governo di Tsipras ha fatto di tutto per allontanare i progressisti che lo hanno eletto arrendendosi su ogni fronte immaginabile. La sua sottomissione non forzata allo status quo dimostrò una facilità per tradire casualmente tutti i principi più amati della sinistra.

Sostenendo l'imperdonabile accordo dei rifugiati di Angela Merkel con il presidente sempre più dittatoriale della Turchia (corrompendo efficacemente Recep Erdoğan per permettere all'Europa di violare i suoi obblighi legali nei confronti dei rifugiati), il sig. Tsipras ha distrutto l'anima dei seguaci di Syriza per i quali la difesa degli infelici della terra era essenziale.

Distribuendo licenze televisive lucrative tra oligarchi tradizionali e parenti ombrosi vicini alla cerchia di Tsipras, si è realizzato un altro principio della sinistra. L'ignominia finale è arrivata quando il sig. Tsipras è apparso in televisione con Binyamin Netanyahu, salutando una nuova alleanza tra Grecia, Israele, Cipro e multinazionali del petrolio, con il sostegno attivo del Presidente Trump, congiuntamente per sfruttare il Mediterraneo orientale, introducendo fracking nell'Epiro e arrendendosi alla Tracia e Macedonia orientale a più gasdotti e oleodotti. Per un partito che aveva cooptato i verdi greci, con la promessa di promuovere un'agenda ambientalista, fu una capitolazione più importante di quella del 5 luglio 2015.
 


Una delle intuizioni del male che devo a mio padre era il suo raccapricciante resoconto di come, mentre si trovavano in un campo di concentramento per la sinistra alla fine degli anni '40, i loro torturatori fascisti cercavano attivamente di corromperli per farli torturare i loro compagni in cambio di vantaggi. Nel 2015, il signor Tsipras è stato sottoposto a una tattica simile.

Prima del 2015, il ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, e la leadership della troika in generale, erano desiderosi di arruolare un partito di sinistra per almeno tre importanti ragioni.

Il primo era che avevano bisogno di un pretesto per gravare sullo stato greco con un altro enorme prestito. Data la sua insolvenza permanente e la scadenza del prestito del 2012, il governo aveva bisogno di un nuovo prestito o di una riduzione del debito. Tuttavia, Schäuble e la troika si erano impegnati a non dare nessuna delle due alla Grecia. La determinazione dichiarata del nostro governo a lottare per la riduzione del debito, invece di un terzo prestito, avrebbe costretto Schäuble a sostenere che, mentre un terzo prestito non era necessario, si era reso necessario a causa della cattiva gestione economica di Syriza. La resa di Tsipras liberò così Schäuble da un enigma di sua stessa creazione.

La seconda ragione fu che Schäuble voleva usare un terzo prestito per espropriare, a nome dei creditori, tutti i beni lucrosi ancora in possesso dello stato greco. Avere un governo di sinistra, precedentemente anti-troika, che implementa questa straordinaria incursione è stata la legittimazione perfetta.

La Spagna è stata la terza motivazione per la troika a piegare il signor Tsipras alla loro volontà. Il giorno in cui il governo greco firmò l'arresa a Bruxelles, il premier conservatore spagnolo Mariano Rajoy sventolò un foglio con la firma di Tsipras e, rivolgendosi al suo pubblico domestico, disse: "Questo è ciò che si ottiene se si vota per la Syriza spagnola. " Da quel momento iniziò il costante declino di Podemos fino al punto di irrilevanza politica.
 


Il signor Mitsotakis è il primo ministro greco in arrivo più fortunato degli ultimi tempi e deve ringraziare il governo uscente di Syriza.

Lo scorso agosto, l'amministrazione del sig. Tsipras ha concluso il terzo prestito di salvataggio e, con il pretesto di porre fine al programma di salvataggio, ha concluso il quarto e più lungo accordo con la troika. L'unica vera differenza con i precedenti accordi di prestito era che il quarto prestito prevedeva relativamente poco denaro in anticipo. La maggior parte dell'assistenza finanziaria è arrivata sotto forma di differimenti poiché oltre € 100 miliardi di rimborsi che lo Stato greco doveva effettuare tra il 2021 e il 2030 sono stati spostati oltre il 2032 (con interessi inclusi, ovviamente). In cambio, il sig. Tsipras accettò l'austerità permanente fino al 2060.
E qui sta il paradosso: mentre l'insolvenza dello Stato si è approfondita, il governo Mitsotakis sarà il primo dopo la crisi che non ha bisogno di preoccuparsi di incontrare grossi rimborsi ai creditori. Quindi, i Tories della Grecia ora sono, per gentile concessione di Syriza, in libertà per costruire il loro regime a loro piacimento.

Un'ispezione del cast e del programma del nuovo governo mostra che mirano a una soluzione lettone alla nostra grande depressione permanente: affrontare la sottoccupazione attraverso l'emigrazione di un numero ancora maggiore di giovani; sottoponendo i rimanenti lavoratori a termini e condizioni medievali; devastare le piccole imprese la cui quota di mercato sarà assorbita da oligopoli multinazionali sostenuti dalla troika; usare il sistema bancario per riciclare denaro oscuro; cedere i beni pubblici e le proprietà di famiglie indebitate ai vari avvoltoi e lasciare lo stato troppo impoverito per prendersi cura dei deboli ma mai così generosi con i forti.

Poiché questa nuda guerra di classe provocherà una resistenza considerevole, mi aspetto che il nuovo governo diventi ferocemente autoritario. Già, i quadri della Nuova Democrazia mettono in guardia contro nuove leggi draconiane contro il dissenso. L'alleanza tra neoliberisti e post-fascisti che entrano nei ministeri greci lavorerà insieme per violare le libertà civili di base in nome del ... liberalismo economico.
L'unico raggio di speranza in questo squallido paesaggio è l'ingresso di MeRA25, l'ala elettorale di DiEM25 in Grecia, al parlamento. Nove di noi sono stati eletti, nonostante i finanziamenti nulli e una campagna sostenuta di assassinio del personaggio contro di noi da parte della Nuova Democrazia e del governo di Tsipras.

A differenza dei parlamentari di Syriza, a cui mancheranno tutte le credibilità in opposizione, i nostri parlamentari e attivisti guideranno la resistenza, dentro e fuori il parlamento, contro l'oligarchia parassitaria e crudele che Nuova Democrazia si sforzerà di erigere sulla base del quarto accordo di salvataggio di Mr Tsipras. Insieme ai nostri compagni in tutta Europa, nel Regno Unito e nel mondo, lavoreremo per un New Deal verde per prevenire i cambiamenti climatici apocalittici. (NdT: ? ma non era per salvare i poveri ?)
La percentuale di voti di MeRA25 è stata bassa (3,4%). Ma, insieme alla favolosa notizia che i nazisti della Golden Dawn sono stati sfrattati dal parlamento, quel piccolo numero è abbastanza grande da fare una differenza cruciale - proprio come una piccola candela la cui luce è in grado di penetrare nell'oscurità.
 


NdT: Per correttezza, riportiamo il programma della "temibile" Alba Dorata in modo che il lettore giudichi da sé cosa sta combattendo davvero Varoufakis.

Piano nazionale

Nel 2015, Golden Dawn ha delineato il loro "Piano nazionale" per la ripresa della Grecia dalla crisi finanziaria come segue: [http://www.xryshaygh.com/assets/files/xa_ethniko_sxedio.pdf]

    Aumentare la produzione agricola e la produzione.
    Premiare il duro lavoro e attuare una meritocrazia.
    Sfruttare le riserve di petrolio, gas e metalli preziosi della Grecia.
    Controllare e cancellare parte del debito nazionale che ritenuto illegale secondo il diritto internazionale.
    Chiedete al governo tedesco di rimborsare un prestito che è stato imposto alla Grecia durante l'occupazione dell'Asse nazifascista (510 miliardi di euro).
    Formare accordi di libero scambio con Russia, Iran e Cina; e rimuovere il commercio di blocco della burocrazia.
    Proclamare la zona economica esclusiva della Grecia.
    Aggiornare le acque territoriali della Grecia a 12 miglia nautiche come concordato dall'UNCLOS.
    Abrogare l'immunità parlamentare nei confronti dei membri soggetti a procedimenti penali, arresto e detenzione mentre sono in carica.
    Rimuovere i finanziamenti dei partiti ottenuti dalle tasse e affidarsi invece alle donazioni.
    Ridurre le dimensioni del Parlamento ellenico a 180 membri.
    Sciogliere qualsiasi plutocrazia esistente.
    Fornire sgravi fiscali a investitori, uomini d'affari e armatori che impiegano solo lavoratori greci e trasferiscono il loro capitale in banche nazionali.
    Respingere quelli reclutati illegalmente nel settore pubblico a causa del clientelismo.
    Espulsione di tutti gli immigrati clandestini che sono entrati in Grecia.
    Sovvenzionare la maternità e offrire agevolazioni fiscali ai giovani genitori e alle famiglie numerose.
    Nazionalizzazione delle banche che hanno ricevuto prestiti statali.
   Nazionalizzazione delle risorse naturali.

Nessun commento:

Posta un commento