-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

giovedì 21 novembre 2019

C'era una volta un fiume ... una storia allegorica

C'era una volta un fiume ... una storia allegorica


Originale: https://beyondmoney.net/there-once-was-a-river-an-allegorical-tale/

C'era una volta un fiume che scorreva attraverso una terra arida, e sebbene le piogge fossero scarse e rare, il fiume forniva un'abbondanza di acqua fresca, dolce e fresca con la quale le persone che vivevano lungo le sue sponde erano in grado di irrigare i loro raccolti e dar da bere ai loro greggi. E il popolo prosperò e visse in pace e armonia; e così era stato per tutto il tempo che qualcuno poteva ricordare.




Ma arrivò un momento in cui il flusso dell'acqua iniziò a diminuire. All'inizio era appena percettibile, ma col passare del tempo il livello dell'acqua scese sempre più rapidamente fino a quando c'era a malapena abbastanza acqua per mantenere in vita i loro animali, tanto meno per irrigare i campi. Di giorno in giorno, le persone diventavano sempre più allarmate quando i loro raccolti iniziarono ad appassire. Quindi gli uomini e le donne della valle si riunirono per discutere della loro situazione e di cosa si potesse fare per affrontare questa calamità.

Ora, nessuno sapeva dove iniziava il fiume o dove finiva. Sapevano solo che nel corso delle loro generazioni, era sempre stato lì e aveva sempre fornito un approvvigionamento affidabile di acqua da cui tutti potevano attingere liberamente.

Quindi una delle donne anziane si alzò in piedi nell'assemblea e disse: “Oggi ci troviamo in gravi difficoltà. Abbiamo sempre dipeso dal fiume per la nostra stessa esistenza, ma ora il fiume ci sta mancando, eppure rimaniamo ignoranti delle sue vie; non sappiamo da dove provenga l'acqua o dove vada. Mandiamo gli esploratori a monte per vedere se potrebbero scoprire da dove proviene l'acqua e perché l'acqua non scorre come prima."

Quindi la gente mandò alcuni uomini e donne coraggiosi a seguire il fiume nella direzione da cui scorreva nella speranza che potessero scoprire la fonte dell'acqua e perché non scorreva più in abbondanza. Ma passò molto tempo e le condizioni peggiorarono ancora, ma gli esploratori non furono mai più rivisti o sentiti.

Poi un giorno apparvero degli estranei nella valle e chiamarono insieme le persone e dissero loro: “Non ci conoscete, ma vi dichiariamo che siamo saggi nelle vie del fiume e siamo in grado di ripristinare il flusso delle sue acque fino alla sua antica abbondanza. Possiamo servirvi in questo modo ma dovete accettare di pagarne il costo fornendoci un terzo di tutto ciò che producete: un terzo delle pecore e del bestiame, un terzo dei cereali provenienti dai campi e un terzo di tutti i prodotti da lavoro manuale. E non sarete obbligati a pagare fino a quando non vi avremo dimostrato che siamo in grado di fare come abbiamo detto. "

Ora le persone che sentivano queste parole erano al tempo stesso preoccupate e piene di speranza e litigavano tra loro, alcuni si lamentavano del fatto che il prezzo richiesto dagli estranei fosse troppo alto, altri sostenevano che l'alternativa era di appassire insieme ai loro raccolti e che non avevano davvero nessun'altra scelta. Fu quindi deciso che il popolo della valle sarebbe stato d'accordo con le richieste degli estranei se fossero stati in grado di provare le loro parole e ripristinare le acque del fiume.

Quindi gli estranei andarono via e presto le acque del fiume iniziarono a salire. Vedendo ciò, la gente era esultante, poiché erano in grado di irrigare i loro campi e innaffiare i loro greggi, e la gente prosperò ancora una volta. Ma al momento del raccolto gli estranei mandavano i loro agenti con carri e chiatte per raccogliere la terza parte di tutti i prodotti della valle che la gente aveva accettato di pagare. Ma la gente brontolava e litigava tra loro, alcuni dicendo: “Non furono gli estranei a ripristinare le acque del fiume, ma gli dei. Perché dovremmo pagare gli estranei quando sono gli dei che hanno fatto questo lavoro? ”Ma altri invece sostenevano: “Gli dei non ci hanno mai messo alla prova in questo modo, a memoria d'uomo; deve essere come hanno detto gli estranei, che sono saggi nelle vie del fiume e sono in grado di far fluire le acque. Temiamo che se ci rifiutiamo di pagare ciò che abbiamo promesso, il fiume si prosciugherà di nuovo ”. E così fu deciso che la gente della valle avrebbe pagato quello che avevano concordato.

Così è andato anno dopo anno per tre generazioni finché nessuno vivo ha ricordato la prosperità dei tempi precedenti. Tuttavia, la maggior parte delle persone è stata in grado di vivere comodamente la propria quota dei due terzi dei propri prodotti a causa della loro intelligenza nel trovare modi per aumentare le rese dei campi e le opere delle loro mani. Ma altri, a cui mancavano terre proprie, hanno lottato molto e sono stati in grado di sopravvivere solo vendendo il loro lavoro ad altri che erano in grado di impiegarli. Ma alcuni impieghi erano insoddisfacenti e alcune occupazioni erano in realtà distruttive per l'ambiente e il bene comune, eppure le persone lo facevano proprio per poter vivere. Altri che mancavano di abilità e immaginazione si sono dedicati a furti, rapine e altri crimini e la valle è diventata un luogo meno pacifico rispetto ai tempi precedenti.
 

Ora avvenne che il fiume cominciò di nuovo a mostrare segni di diminuzione e la gente cominciò a preoccuparsi che se fosse continuato non ci sarebbe stata abbastanza acqua per irrigare i loro campi e innaffiare i loro greggi E alcuni degli anziani tra loro ricordarono storie che ai nonni era stato raccontato "la grande siccità fluviale" che si era verificata in passato e si chiedevano se una tale calamità potesse essere capitata di nuovo su di loro.

Ma molti hanno sostenuto che gli estranei, che ormai erano diventati membri ricchi e rispettati della comunità, potevano essere invocati per assicurarsi che una tale calamità non si sarebbe più ripetuta. Altri erano più scettici dicendo: “Gli estranei sono diventati ricchi a nostre spese; non sappiamo cosa fanno o come lo fanno. Se sono effettivamente saggi nelle vie del fiume e sono in grado di far fluire l'acqua, devono anche essere in grado di impedire che scorra." Ma quelli che erano stati impiegati dagli sconosciuti per raccogliere le loro quote hanno risposto dicendo: "Questa è solo una stupida teoria della cospirazione. Stai diffondendo notizie false e dovresti essere censurato per disturbare la pace e sconvolgere la gente! ”

Col passare del tempo, il livello dell'acqua nel fiume continuò a scendere fino a quando, nonostante i continui aumenti della produttività, non c'era abbastanza per campare e molte persone erano in grado di sopravvivere solo prendendo in prestito dagli estranei. Presto il flusso del fiume si era ridotto al punto in cui molte persone erano a malapena in grado di tenere insieme corpo e anima. Poi c'è stata una grande protesta tra la gente e hanno supplicato gli estranei di fare qualcosa. E gli estranei hanno risposto: "Comprendiamo le vie del fiume e siamo in grado di far fluire di nuovo il fiume, ma richiederà misure drastiche e un grande sacrificio. Devi accettare di darci due terzi di tutto ciò che produci: due terzi dei tuoi cereali, due terzi dei tuoi greggi e due terzi di tutti i lavori delle tue mani. Se lo fai, possiamo far rifluire il fiume con l'abbondanza di acqua fresca, fresca e dolce come prima."

A questo punto, la gente era adirata e si sono verificati grandi disordini poiché sono state avanzate molte proposte su ciò che si potrebbe fare. Alcuni dissero: “Dobbiamo fidarci che gli estranei facciano ciò che hanno detto. Sono saggi nelle vie del fiume e noi no. Crediamo che possano ripristinare l'acqua e noi tutti prospereremo di nuovo e tutto andrà bene.” Altri ancora sostenevano dicendo:“ Non ci si deve fidare degli estranei. Sono diventati ricchi a nostre spese; non sappiamo cosa fanno o come lo fanno. Se sono effettivamente saggi nelle vie del fiume e sono in grado di far fluire l'acqua, devono anche essere in grado di impedire che scorra." E ancora una volta coloro che erano stati impiegati dagli sconosciuti risposero loro dicendo: "Questo è giusto una stupida teoria della cospirazione. Stai diffondendo notizie false e dovresti essere censurato per disturbare la pace e sconvolgere la gente! Dipendiamo completamente dal fiume, gli estranei sono saggi nei suoi modi e non abbiamo altra scelta che fare ciò che chiedono."

Quindi un vecchio solitario che era debole di voce e di difficile comprensione, poiché il suo linguaggio era compromesso dalla nascita, si alzò in assemblea e disse: “Ricordo un periodo in cui da ragazzo accompagnavo mio padre in un viaggio verso un terra lontana, terra arida, proprio come la nostra, ma non avevano fiume per dar loro acqua, né c'erano estranei a cui rendevano omaggio, eppure prosperavano perché scavavano buche nel terreno da cui erano in grado di attingere acqua in abbondanza per irrigare i loro campi e innaffiare i loro greggi.” Quindi gli agenti degli estranei lo interruppero dicendo:“ Il vecchio è delirante, è una follia immaginare che si possa avere acqua scavando buche nella terra asciutta. Facciamo come hanno chiesto gli estranei e diamo loro due terzi dei nostri prodotti in modo che possano riportare l'acqua nel fiume al suo stato precedente."

Quindi una delle donne più anziane della valle si alzò e disse: “Se facciamo come chiedono gli estranei, diventeremo tutti impoveriti e schiavi degli estranei. Molti di noi sono già profondamente indebitati con loro e come facciamo a sapere se questa sarà la fine? Potrebbe non passare molto tempo prima che ci chiedano tre quarti dei nostri prodotti, o anche di più. Se c'è una possibilità per noi di essere liberi dalle loro richieste, che danno c'è nel provare? Facciamo quindi almeno un test. Cerchiamo di scavare un buco nel terreno, e poi vedremo se potremo trovare dell'acqua in esso."
Quindi, anche se c'era molto da dire ridicolizzando il vecchio e la sua idea, un certo numero di forti giovani uomini e donne della valle si offrirono volontari per iniziare a scavare. E scavarono, e scavarono, e presto il buco aveva raggiunto una profondità che era tre volte l'altezza del più alto tra loro, ma la terra che avevano preso dal buco era ancora polverosa e asciutta. E molti di loro hanno iniziato a brontolare dicendo: "Questa è una commissione da pazzi! Non troveremo acqua sulla terra asciutta. Liberiamoci dalla stupidità” e si allontanarono. Ma altri sono rimasti, dicendo: "Scaviamo un po 'più in profondità prima di arrenderci, perché le nostre stesse vite dipendono dal fatto che abbiamo acqua e non abbiamo migliori prospettive".

Quindi quelli che rimasero scavarono nel buco ancora più in profondità fino a quando raggiunsero una profondità quattro volte l'altezza del più alto tra loro, ma ancora non c'era acqua. E ancora, molti si arresero e se ne andarono finché non restarono che tre che perseverarono nel compito. Fino a quel momento c'erano stati molti curiosi che osservavano i progressi del progetto con grande aspettativa, ma anche loro se ne erano andati tutti.

Stancamente, i tre continuarono a scavare, e presto la terra cominciò a sentirsi umida, e fortemente incoraggiati da ciò iniziarono a scavare con maggiore energia ed eccitazione, e presto il buco iniziò a riempirsi d'acqua. A questo, uno di loro corse a dirlo alla gente, e la gente venne in gran numero per vedere se era vero che era stata trovata l'acqua scavando un buco nel terreno. E la gente guardava il buco che era pieno d'acqua e ne era meravigliata. Ma c'erano anche gli agenti degli estranei, e si beffarono e dissero: "Questa è una truffa ! Questi scavatori hanno preso l'acqua dal fiume e l'hanno messa nella buca per ingannare la gente. Non ci può essere acqua a parte il fiume, a meno che non sia pioggia."

Ma alcuni non sono stati scoraggiati da queste parole. Continuarono a prendere l'acqua dalla buca e rimasero stupiti nel vedere che l'acqua nella buca continuava a riempirsi. Ora che la notizia si diffuse tra la gente, iniziarono a scavare buche su e giù per la valle su entrambi i lati del fiume. E presto le persone furono in grado di annaffiare i loro greggi e irrigare i loro campi con l'acqua che attingevano dai buchi, quindi non dipendevano più dal fiume, né rendevano più omaggio agli estranei, dicendo loro: “Non sappiamo le vie del fiume, né capiamo se, o come hai il potere di controllarne il flusso, ma non importa, per ora abbiamo le nostre riserve d'acqua dai buchi che abbiamo scavato e siamo liberi di prosperare e vivere in pace e armonia come hanno fatto i nostri antenati nei giorni passati ”.

Così le persone prosperarono e crebbero in forza, e poiché i loro bisogni materiali erano ora facilmente soddisfatti, avevano un sacco di tempo libero per proseguire lo studio e il godimento della natura, sviluppare le loro arti e scienze e edificarsi in modi che erano entrambi piacevole e benefico per il bene comune.

Ora alcune persone, per soddisfare la loro curiosità, alla fine si sono prese la briga di cercare di capire le vie del fiume, per determinare se gli estranei avessero o meno potere su di esso e, in tal caso, come sono riusciti a controllarlo. Un saggio tra loro disse: “Partiamo per esplorare la sorgente del fiume, ma questa volta andremo in una grande truppa, ben attrezzata per soddisfare qualsiasi condizione potremmo incontrare, e lasciaci andare in numero sufficiente per essere in grado per resistere a qualsiasi danno che potrebbe venire sulla nostra strada mentre viaggiamo.” Quindi una grande truppa ben equipaggiata partì con abbondanza di cibo e acqua, portando tutte le migliori attrezzature necessarie per soddisfare qualsiasi condizione, e tutti gli ultimi strumenti e dispositivi di scienza, e si spostarono costantemente a monte.


Dopo molti giorni di viaggio su un terreno in leggera pendenza, la truppa si voltò lungo una curva del fiume e lì davanti a loro c'era una catena di montagne innevate. Mentre procedevano verso le montagne, il terreno divenne sempre più ripido e il fiume divenne disseminato di rocce e il suo flusso più turbolento. Dopo aver viaggiato qualche giorno in più ai piedi delle montagne, hanno svoltato un'altra curva e si sono ritrovati in un ampio canyon dove sono stati sorpresi di vedere davanti a loro grandi opere in terra che trattenevano le acque del fiume creando grandi pozze, e accanto alle piscine, numerosi canali che canalizzavano l'acqua in molte direzioni diverse.

"Ahimè" disse il saggio, "Ora abbiamo la risposta alla nostra ricerca. L'acqua emerge dalle montagne mentre la neve si scioglie e alimenta il fiume, ma gli estranei hanno deviato l'acqua verso altre terre ed è per questo che il nostro fiume non fornisce più abbastanza per i nostri bisogni e perché gli estranei sono in grado di chiedere omaggio dalla gente in basso. È chiaro che gli estranei hanno preso il controllo di questo elemento essenziale, che dovrebbe appartenere a tutti, e lo hanno usato per dominare e sfruttare le persone. È chiaro che devono fare lo stesso con le persone che vivono a valle degli altri canali come hanno fatto con noi. Andiamo ora a dire a quelle persone come possono liberarsi, quindi insieme saremo abbastanza forti da riprendere il controllo delle acque delle montagne e delle acque che attingiamo dai buchi che abbiamo scavato nella terra. Quindi, vivremo tutti vite di abbondanza, in pace e armonia l'uno con l'altro per sempre. "
E così è stato.

Nessun commento:

Posta un commento