-

-
Come evitare il riciclaggio del denaro-fantasma invisibile ai bilanci bancari

venerdì 16 settembre 2011

Segreti di Stati - indice

(Addendum 2011: Questo libro, completato nel 2003, si è rivelato profetico. Ogni capitolo -  o quasi - trova conferma nella cronaca dei seguenti anni. Peccato che all'epoca, e fino ad oggi, nessun editore sia stato abbastanza lungimirante da volerlo pubblicare....)

Segreti di Stati

Dedico questo libro a tutte le vittime della guerra fredda, da quelle della filiera nucleare - centrali nucleari, test nucleari, incidenti e traffici nucleari vari, satelliti che rientrano in atmosfera disperdendo materiale radioattivo, cancro, AIDS, sindrome del Golfo, etc. - e a quelle delle varie guerre, più o meno cinquanta, più o meno umanitarie, dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Lo dedico inoltre ai miei figli, Michele e Lucia, ad Antonella ed alle future generazioni.

A proposito dell'autore: Marco Saba è un ricercatore dell'Osservatorio sulla Criminalità Organizzata di Ginevra (O.C.O. - www.ocdbgroup.net) e si occupa di segreti dal 1999, quando fondò il Comitato "STOP U-238!". Nel 2000 entra nell'Advisory Board di IDUST (International Depleted Uranium Study Team). Lo stesso anno, ispira la creazione dell'Osservatorio Etico Ambientale. Ha collaborato con l'ANA-VAFAF (una organizzazione che cura gli interessi dei familiari delle vittime delle Forze Armate) per l'informazione a proposito dell'uso militare e civile dell'Uranio Impoverito. Il 18 gennaio 2000 relazionò alla Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera, sul problema delle armi all'Uranio Impoverito. In quell'occasione denunciò gli accordi riservati, tra la AIEA e l'OMS, sulla conduzione degli studi sugli effetti delle radiazioni sulla salute umana. Dal 2001 svolge una ricerca sulle connessioni tra industria nucleare, servizi segreti, banchieri e governanti.
Marco Saba può essere contattato via: http://marcosaba.be

Indice

Premessa

22. Lo strano caso della Deutsche Bank

Conclusione e suggerimenti
Indice analitico

Nessun commento:

Posta un commento